18°

28°

PGN primo piano

"Nonno, raccontami la guerra e il sacrificio di El Alamein"

"Nonno, raccontami la guerra e il sacrificio di El Alamein"
1

Enrico Gotti

Aristide e Martina Bonatti, nonno e nipote, settanta anni di differenza e stessi occhi. Lui, bersagliere reduce della battaglia di El Alamein, ha visto il deserto, prima sul fronte e poi prigioniero nel campo degli alleati.
Lei, studentessa, ha visitato il campo di sterminio di Auschwitz Birkenau, durante il viaggio della memoria organizzato dall’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea. Proprio dopo quell’esperienza, Martina ha voluto ricostruire le vicende della Seconda guerra mondiale vissute da suo nonno.
«Sapere è l’unico modo per ricordare davvero. Serve andare a vedere con i propri occhi, sentire sulla propria pelle quello che è successo», spiega Martina, che ricorda l’immensità, il freddo, il fango e le testimonianze strazianti del campo di sterminio. Suo nonno quando aveva la sua età partì per l’Africa. Combatteva insieme alle truppe tedesche, contro gli alleati. «Il deserto di El Alamein non si dimentica, lo ricordo quando eravamo in pericolo, mi viene in mente adesso, mi basta vederne il nome sul giornale», spiega Aristide Bonatti, che ha compiuto 91 anni ieri, l’11 ottobre.
Nel 2008 è stato nominato cavaliere della Repubblica ed è una colonna dell’associazione bersaglieri di Parma. «La guerra non è servita a nulla, “i superiori” hanno mandato a morire tanta gente inutilmente, soprattutto paracadutisti, li mandavano contro i carri armati, tutto questo solo per guadagnare onore e medaglie in più», racconta il nonno Aristide alla nipote Martina.
Combatteva in una postazione sotto il «passo del cammello» (in quanto la forma ricordava la gobba di questo animale), finché non arrivarono i paracadutisti a dare il cambio ai bersaglieri.
Un giorno, dopo una battaglia, arrivò a far visita al loro gruppo il generale tedesco Rommel. Dalla sua auto blindata diede una pacca sul cappello al giovane bersagliere. Il cibo era scarso, come le armi. Dovevano fronteggiare un esercito più equipaggiato e molto più numeroso. Aristide Bonatti fu fatto prigioniero a Tobruch, una notte, dopo uno scontro a fuoco con una colonna di mezzi inglesi. Fu portato nel campo di prigionia numero 310 di Suez. «Non eravamo trattati male – spiega il nonno alla nipote - l’acqua non mancava, anche se non sempre era pulita, il pane per colpa del caldo purtroppo era sempre secco e duro».
Aristide si ricorda di un suo compagno di armi, che barattò con un soldato australiano il suo cappello da bersagliere, in cambio di un tozzo di pane.
Dopo l’armistizio nel campo di prigionia le condizioni dei reclusi migliorarono, non c’erano più sentinelle e potevano fare dei giri fuori, andavano anche in riva al mare. Di lì a poco rientrò in Italia. Da porto Said, Aristide Bonatti si imbarcò su una nave che lo portò a Napoli. Una volta rientrato in Italia rimase al sud, sotto il controllo degli Alleati, la guerra non era ancora finita. Alla sera andava a caricare gli aerei con casse piene di viveri e armi da mandare ai partigiani al nord. Solo dopo la liberazione raggiunse Parma. Dopo tanti anni, tornò in Egitto, per vedere quei luoghi dove il sangue si mischiò al deserto. Rese omaggio ai caduti, davanti al monumento su cui è scritto «Mancò la fortuna, non il valore».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    15 Ottobre @ 16.44

    E nel 2012... mancano soldi per scuole, pensioni, sanità... ma SI SPENDONO 15 miliardi x comprare 92 aerei da GUERRA F35... alla faccia della LEZIONE della Storia...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

A Rimini maxischermo per concerto di Vasco con sorpresa finale

sabato

A Rimini maxischermo per concerto di Vasco con sorpresa finale

Autista ferma bus per fare sesso con passeggera, denunciato

como

Autista ferma bus per fare sesso con passeggera, denunciato

1commento

Morto svedese Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Lutto nel cinema

E' morto l'attore Michael Nyqvist, Mikael Blomkvist in Millenium

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Trattoria da Leo», generosa cucina della tradizione

CHICHIBIO

«Trattoria da Leo», generosa cucina della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Vento forte a Salsomaggiore: piante cadute in strada

MALTEMPO

Vento forte a Salsomaggiore: piante cadute in strada

serie b

Parma, il mercato inizia a parlare cinese: oggi incontro Crespo-Faggiano

Calciomercato crociato: ecco tutte le ultime novità

polizia

Paura in Ghiaia: minaccia un negoziante con le forbici. Denunciato

2commenti

AEROPORTO

Salta il Parma-Cagliari: giornata di passione per i parmigiani. Ryanair: "Notte in hotel e partenza da Bologna"

La cancellazione del volo era dovuta al maltempo

Langhirano

Manca la corrente: disagi a Cozzano

In viale Vittoria

Ragazzo a terra, è gravissimo

8commenti

emilia romagna

Calano gli incidenti stradali con gli autocarri: a Parma il dato migliore in regione

gazzareporter

Acqua nella Parma (finalmente)

4commenti

incendio

Furgoncino in fiamme in tangenziale (via Traversetolo) 

il caso

Vetri rotti, vandali/ladri in azione: la mappa dell'emergenza

4commenti

Lutto

L'ultima lezione di Angela

gdf

Gara per i bus: si indaga per turbativa d'asta Video

curiosità

Spazzino 2.0: per la pilotta arriva il drone Video

1commento

Siccità

Più acqua per l'agricoltura nei bacini del Taro e del Trebbia

musica

Francesco Papageorgiou, un cantantautore collecchiese a Musicultura Video

FIDENZA

Tiro a segno, l'ex presidente condannato a versare 183.893 euro di risarcimento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Google, l'algoritmo diventa monopolista

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

paura

Ordigno alla scuola di polizia locale a Modena. Il sindaco: "Non rovinerà la festa di Vasco"

VERMICINO

E' morto Nando, il pompiere che parlò con Alfredino

SOCIETA'

Siria

La combattente curda sfiorata dal proiettile sorride

gazzareporter

Parcheggi creativi in via Borsari

SPORT

Moto

Biaggi ringrazia Bianca: "Ero in fin di vita e tu..."

MERCATO

La «decima» di Lucarelli

MOTORI

LA PROVA

Nissan, 10 anni di Qashqai. Ecco come va il nuovo Foto Dati tecnici

ANTEPRIMA

Arona, ecco il Suv compatto secondo Seat