10°

20°

PGN primo piano

"Nonno, raccontami la guerra e il sacrificio di El Alamein"

"Nonno, raccontami la guerra e il sacrificio di El Alamein"
1

Enrico Gotti

Aristide e Martina Bonatti, nonno e nipote, settanta anni di differenza e stessi occhi. Lui, bersagliere reduce della battaglia di El Alamein, ha visto il deserto, prima sul fronte e poi prigioniero nel campo degli alleati.
Lei, studentessa, ha visitato il campo di sterminio di Auschwitz Birkenau, durante il viaggio della memoria organizzato dall’Istituto storico della Resistenza e dell’età contemporanea. Proprio dopo quell’esperienza, Martina ha voluto ricostruire le vicende della Seconda guerra mondiale vissute da suo nonno.
«Sapere è l’unico modo per ricordare davvero. Serve andare a vedere con i propri occhi, sentire sulla propria pelle quello che è successo», spiega Martina, che ricorda l’immensità, il freddo, il fango e le testimonianze strazianti del campo di sterminio. Suo nonno quando aveva la sua età partì per l’Africa. Combatteva insieme alle truppe tedesche, contro gli alleati. «Il deserto di El Alamein non si dimentica, lo ricordo quando eravamo in pericolo, mi viene in mente adesso, mi basta vederne il nome sul giornale», spiega Aristide Bonatti, che ha compiuto 91 anni ieri, l’11 ottobre.
Nel 2008 è stato nominato cavaliere della Repubblica ed è una colonna dell’associazione bersaglieri di Parma. «La guerra non è servita a nulla, “i superiori” hanno mandato a morire tanta gente inutilmente, soprattutto paracadutisti, li mandavano contro i carri armati, tutto questo solo per guadagnare onore e medaglie in più», racconta il nonno Aristide alla nipote Martina.
Combatteva in una postazione sotto il «passo del cammello» (in quanto la forma ricordava la gobba di questo animale), finché non arrivarono i paracadutisti a dare il cambio ai bersaglieri.
Un giorno, dopo una battaglia, arrivò a far visita al loro gruppo il generale tedesco Rommel. Dalla sua auto blindata diede una pacca sul cappello al giovane bersagliere. Il cibo era scarso, come le armi. Dovevano fronteggiare un esercito più equipaggiato e molto più numeroso. Aristide Bonatti fu fatto prigioniero a Tobruch, una notte, dopo uno scontro a fuoco con una colonna di mezzi inglesi. Fu portato nel campo di prigionia numero 310 di Suez. «Non eravamo trattati male – spiega il nonno alla nipote - l’acqua non mancava, anche se non sempre era pulita, il pane per colpa del caldo purtroppo era sempre secco e duro».
Aristide si ricorda di un suo compagno di armi, che barattò con un soldato australiano il suo cappello da bersagliere, in cambio di un tozzo di pane.
Dopo l’armistizio nel campo di prigionia le condizioni dei reclusi migliorarono, non c’erano più sentinelle e potevano fare dei giri fuori, andavano anche in riva al mare. Di lì a poco rientrò in Italia. Da porto Said, Aristide Bonatti si imbarcò su una nave che lo portò a Napoli. Una volta rientrato in Italia rimase al sud, sotto il controllo degli Alleati, la guerra non era ancora finita. Alla sera andava a caricare gli aerei con casse piene di viveri e armi da mandare ai partigiani al nord. Solo dopo la liberazione raggiunse Parma. Dopo tanti anni, tornò in Egitto, per vedere quei luoghi dove il sangue si mischiò al deserto. Rese omaggio ai caduti, davanti al monumento su cui è scritto «Mancò la fortuna, non il valore».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • marco

    15 Ottobre @ 16.44

    E nel 2012... mancano soldi per scuole, pensioni, sanità... ma SI SPENDONO 15 miliardi x comprare 92 aerei da GUERRA F35... alla faccia della LEZIONE della Storia...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Bocconi killer, un nuovo caso

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera. Bilancio comunale: avanzo di 54 milioni

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

lettere al direttore

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Parma

Coppini, sì del Consiglio all'iter per l'ampliamento della sede di strada Vallazza

La minoranza si divide fra astenuti e favorevoli

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

Primarie Pd

Renzi, Emiliano e Orlando: divisi su tutto nel dibattito tv

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport