-5°

PGN primo piano

Baby squillo? Parliamone Ma senza ipocrisie

VistodaParma di Pino Agnetti: "Parlarne è la prima cosa da fare se vogliamo bene ai nostri figli"

Baby squillo? Parliamone Ma senza ipocrisie
3

Pino Agnetti
So bene di stare per addentrarmi in un campo minato. Di quelli dove, ad ogni passo, si rischia di mettere un piede sopra le trappole esplosive dell’ipocrisia e del conformismo dominanti. Ma lo faccio volentieri. Perché non si può restare in silenzio e semplici spettatori passivi di fronte al dilagare della tragedia – io la chiamo così, «tragedia», e non «fenomeno» – delle baby squillo. 

Avete presente? Tutto sembrava confinato a un pur sconvolgente, ma isolato, fatto di cronaca affiorato la settimana scorsa. Protagoniste due minorenni romane (rispettivamente di 15 e di 14 anni) che si prostituivano nello scantinato di un palazzo dei Parioli, il quartiere «vip» della capitale. Lo stesso dove si trova anche il liceo frequentato dalle due ragazzine entrambe di famiglia benestante, come per altro la maggior parte dei loro compagni. Ebbene, sono bastati pochi giorni perché le denunce di altri orrori dello stesso genere si moltiplicassero da un capo all’altro del Paese. All’Aquila, il vescovo ausiliare Giovanni D’Ercole ha reso pubblica la confidenza fattagli da un medico: «Monsignore, conosco diverse ragazzine anche sotto i 14 anni che si vendono per una ricarica telefonica». Ieri, il direttore del reparto pediatria dell’ospedale «Fatebenefratelli» di Milano ha denunciato che in alcuni istituti del capoluogo lombardo ci sono delle adolescenti che si prostituiscono nei bagni della scuola in cambio di qualche «regalino». Gli stessi investigatori romani dell’operazione «Ninfa» - il nome in codice dell’inchiesta che ha già portato in carcere per sfruttamento della prostituzione minorile cinque persone compresa la madre di una delle due baby squillo dei Parioli – hanno esteso le indagini anche a Bologna e a Firenze. E se prendiamo in mano gli ultimi rapporti sulla prostituzione in Italia, scopriamo che, sì, la maggior parte delle 2.600 minorenni che si prostituiscono in Italia provengono dall’Est (in particolare Romania e Albania). Ma anche che sui social network sta crescendo a vista d’occhio il numero delle richieste e delle offerte di natura sessuale aventi a un capo del filo, appunto, dei minori italiani. Infatti, è proprio collegandosi con uno dei tanti siti online per incontri che ha avuto inizio la discesa all’inferno delle due ragazzine romane che, da allora, hanno cominciato a ricevere dai 2 ai 300 euro a prestazione sessuale. «Siamo ragazze esigenti. Vogliamo macchine, vestiti, cose griffate», ha raccontato una di loro ai magistrati. E se non fosse stato per l’altra madre delle due, che stanca di vedersi arrivare a casa la figlia agghindata con borse e scarpe di lusso un bel giorno ha deciso di rivolgersi ai carabinieri, lei e l’amica sarebbero ancora lì a ricevere le visite del «Cliente Marco, ore 5.30» o del «Cliente Augusto, ore 6» (dai messaggi registrati sui telefonini delle squillo bambine). Tutta gente di successo – avvocati, ingegneri, manager in trasferta per motivi di lavoro nella capitale – che spesso andava a prenderle direttamente all’uscita da scuola. Mentre i «protettori», anch’essi della «Roma bene», erano a loro volta prodighi di smancerie e di messaggini tipo «Il mio amico ha apprezzato molto la tua amichetta» e «Mi piaci, ti porto in barca». 
Inutile dire che erano in molti a sapere. A cominciare dai compagni di scuola. Ed è proprio questo considerare tutto sommato «lecito» e «normale» prostituirsi a 13 o a 14 anni, questo vedere nella mercificazione del proprio corpo una «opportunità» da cogliere e sfruttare l’aspetto più sconvolgente e devastante di una tragedia fatta anche di droga, di video porno, di alcol e di discoteche che offrono l’ingresso gratis alle ragazzine minorenni purchè si mostrino «carine» con i clienti. Cominciamo a parlarne apertamente anche qui a Parma. Senza infingimenti e ipocrisie di sorta. Ovunque: in casa, a scuola, sui giornali, dove vi pare. Ma parliamone. E’ la prima, ma fondamentale, cosa che possiamo fare se davvero vogliamo bene ai nostri figli.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    18 Novembre @ 16.37

    Agnetti, Lei ha ragione, la Sua analisi è condivisibile, così come iol'invito a parlarne. Purché tutto non si riduca a emettere suoni, in chiave retorica, moralistica e, soprattutto, ipocrita. Il fenomeno delle baby-squillo, è, probabilmente, circoscritto a certi censi e ceti; le ragazzine che si vendono o si donano ad adulti mi pare poco diffuso. Molto più alto è invece il numero delle pre- ed adolescenti che fanno sesso, di vario tipo, con i coetanei. Sarebbe ora che, lasciando da parte prudèries, rossori di gote, espressioni scandalizzate, le agezie educative, formative e informative, Chiesa, scuola, psicologi, genitori, si decidessero a parlare di educazione sessuale, intesa non come quella genitale di modello scandinavo, ma tale da insegnare stima, rispetto, amore reciproci tra ragazzi e ragazze. Smettiamola con il passaparola malizioso, da caserma, che si riduce a miserande informazioni errate e tali da indurre, poi, in errore, con conseguenze nefaste, tanti giovanissimi.

    Rispondi

  • maxbonny

    18 Novembre @ 16.21

    Ipocrisia ? Ieri pomeriggio, quindi in fascia più che protetta, stavo guardando un film abbastanza comico con un noto attore brillante che a un certo punto si "rapporta" con espressioni inequivocabili con un'anziana vicina che per giunta togliendosi la dentiera, per aggiungere se vogliamo un tocco in più di cattivo gusto, "salda a modo suo" le prestazioni tecniche del ragazzo. Ora, anche non volendo demonizzare come al solito internet, dove tutti possono accedere a tutto e di più sull'argomento, diventa veramente difficile pensare di poter tenere i ragazzi lontani dal sesso anche in età adolescenziale, quando il bombardamento di scene esplicite e/o di doppi sensi e/o di utilizzo allusorio del sesso anche per pubblicizzare degli yogurt è ai livelli odierni. Se poi aggiungiamo che crisi, edonismo o bisogno di apparire, rende necessario disporre di sempre maggiori somme di denaro e la domanda non manca mai, il passo è breve.....triste.....ma breve.

    Rispondi

  • 17 Novembre @ 23.55

    Troppa la voglia di urlare contro qualcuno, di dare la colpa a chi ha fatto dell'apparire un metodo di vita, di trovare scusanti per non sentirsi responsabili di questo sfacelo. Vendere il proprio corpo dando valore alle apparenze porta solo a insicurezze e disagio.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

1commento

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Falsi vigili svuotano una cassaforte

A Marore

Falsi vigili svuotano una cassaforte

1commento

L'odissea di un giardiniere

«Con il mio Euro2 non posso lavorare»

3commenti

Fidenza

Meningite, la 14enne è fuori pericolo

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

Intervista

Muti: «Con Verdi e Toscanini ho la coscienza in pace»

EMERGENZA

Parma si mobilita

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

15commenti

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

1commento

Il racconto

«Quando Roosevelt si insedio al Campidoglio»

Lutto

Addio a Ines Salsi, una vita piena di fede

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

rigopiano

Quello spazzaneve che non è mai arrivato

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta