PGN primo piano

Baby squillo? Parliamone Ma senza ipocrisie

VistodaParma di Pino Agnetti: "Parlarne è la prima cosa da fare se vogliamo bene ai nostri figli"

Baby squillo? Parliamone Ma senza ipocrisie
Ricevi gratis le news
3

Pino Agnetti
So bene di stare per addentrarmi in un campo minato. Di quelli dove, ad ogni passo, si rischia di mettere un piede sopra le trappole esplosive dell’ipocrisia e del conformismo dominanti. Ma lo faccio volentieri. Perché non si può restare in silenzio e semplici spettatori passivi di fronte al dilagare della tragedia – io la chiamo così, «tragedia», e non «fenomeno» – delle baby squillo. 

Avete presente? Tutto sembrava confinato a un pur sconvolgente, ma isolato, fatto di cronaca affiorato la settimana scorsa. Protagoniste due minorenni romane (rispettivamente di 15 e di 14 anni) che si prostituivano nello scantinato di un palazzo dei Parioli, il quartiere «vip» della capitale. Lo stesso dove si trova anche il liceo frequentato dalle due ragazzine entrambe di famiglia benestante, come per altro la maggior parte dei loro compagni. Ebbene, sono bastati pochi giorni perché le denunce di altri orrori dello stesso genere si moltiplicassero da un capo all’altro del Paese. All’Aquila, il vescovo ausiliare Giovanni D’Ercole ha reso pubblica la confidenza fattagli da un medico: «Monsignore, conosco diverse ragazzine anche sotto i 14 anni che si vendono per una ricarica telefonica». Ieri, il direttore del reparto pediatria dell’ospedale «Fatebenefratelli» di Milano ha denunciato che in alcuni istituti del capoluogo lombardo ci sono delle adolescenti che si prostituiscono nei bagni della scuola in cambio di qualche «regalino». Gli stessi investigatori romani dell’operazione «Ninfa» - il nome in codice dell’inchiesta che ha già portato in carcere per sfruttamento della prostituzione minorile cinque persone compresa la madre di una delle due baby squillo dei Parioli – hanno esteso le indagini anche a Bologna e a Firenze. E se prendiamo in mano gli ultimi rapporti sulla prostituzione in Italia, scopriamo che, sì, la maggior parte delle 2.600 minorenni che si prostituiscono in Italia provengono dall’Est (in particolare Romania e Albania). Ma anche che sui social network sta crescendo a vista d’occhio il numero delle richieste e delle offerte di natura sessuale aventi a un capo del filo, appunto, dei minori italiani. Infatti, è proprio collegandosi con uno dei tanti siti online per incontri che ha avuto inizio la discesa all’inferno delle due ragazzine romane che, da allora, hanno cominciato a ricevere dai 2 ai 300 euro a prestazione sessuale. «Siamo ragazze esigenti. Vogliamo macchine, vestiti, cose griffate», ha raccontato una di loro ai magistrati. E se non fosse stato per l’altra madre delle due, che stanca di vedersi arrivare a casa la figlia agghindata con borse e scarpe di lusso un bel giorno ha deciso di rivolgersi ai carabinieri, lei e l’amica sarebbero ancora lì a ricevere le visite del «Cliente Marco, ore 5.30» o del «Cliente Augusto, ore 6» (dai messaggi registrati sui telefonini delle squillo bambine). Tutta gente di successo – avvocati, ingegneri, manager in trasferta per motivi di lavoro nella capitale – che spesso andava a prenderle direttamente all’uscita da scuola. Mentre i «protettori», anch’essi della «Roma bene», erano a loro volta prodighi di smancerie e di messaggini tipo «Il mio amico ha apprezzato molto la tua amichetta» e «Mi piaci, ti porto in barca». 
Inutile dire che erano in molti a sapere. A cominciare dai compagni di scuola. Ed è proprio questo considerare tutto sommato «lecito» e «normale» prostituirsi a 13 o a 14 anni, questo vedere nella mercificazione del proprio corpo una «opportunità» da cogliere e sfruttare l’aspetto più sconvolgente e devastante di una tragedia fatta anche di droga, di video porno, di alcol e di discoteche che offrono l’ingresso gratis alle ragazzine minorenni purchè si mostrino «carine» con i clienti. Cominciamo a parlarne apertamente anche qui a Parma. Senza infingimenti e ipocrisie di sorta. Ovunque: in casa, a scuola, sui giornali, dove vi pare. Ma parliamone. E’ la prima, ma fondamentale, cosa che possiamo fare se davvero vogliamo bene ai nostri figli.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Biffo

    18 Novembre @ 16.37

    Agnetti, Lei ha ragione, la Sua analisi è condivisibile, così come iol'invito a parlarne. Purché tutto non si riduca a emettere suoni, in chiave retorica, moralistica e, soprattutto, ipocrita. Il fenomeno delle baby-squillo, è, probabilmente, circoscritto a certi censi e ceti; le ragazzine che si vendono o si donano ad adulti mi pare poco diffuso. Molto più alto è invece il numero delle pre- ed adolescenti che fanno sesso, di vario tipo, con i coetanei. Sarebbe ora che, lasciando da parte prudèries, rossori di gote, espressioni scandalizzate, le agezie educative, formative e informative, Chiesa, scuola, psicologi, genitori, si decidessero a parlare di educazione sessuale, intesa non come quella genitale di modello scandinavo, ma tale da insegnare stima, rispetto, amore reciproci tra ragazzi e ragazze. Smettiamola con il passaparola malizioso, da caserma, che si riduce a miserande informazioni errate e tali da indurre, poi, in errore, con conseguenze nefaste, tanti giovanissimi.

    Rispondi

  • maxbonny

    18 Novembre @ 16.21

    Ipocrisia ? Ieri pomeriggio, quindi in fascia più che protetta, stavo guardando un film abbastanza comico con un noto attore brillante che a un certo punto si "rapporta" con espressioni inequivocabili con un'anziana vicina che per giunta togliendosi la dentiera, per aggiungere se vogliamo un tocco in più di cattivo gusto, "salda a modo suo" le prestazioni tecniche del ragazzo. Ora, anche non volendo demonizzare come al solito internet, dove tutti possono accedere a tutto e di più sull'argomento, diventa veramente difficile pensare di poter tenere i ragazzi lontani dal sesso anche in età adolescenziale, quando il bombardamento di scene esplicite e/o di doppi sensi e/o di utilizzo allusorio del sesso anche per pubblicizzare degli yogurt è ai livelli odierni. Se poi aggiungiamo che crisi, edonismo o bisogno di apparire, rende necessario disporre di sempre maggiori somme di denaro e la domanda non manca mai, il passo è breve.....triste.....ma breve.

    Rispondi

  • 17 Novembre @ 23.55

    Troppa la voglia di urlare contro qualcuno, di dare la colpa a chi ha fatto dell'apparire un metodo di vita, di trovare scusanti per non sentirsi responsabili di questo sfacelo. Vendere il proprio corpo dando valore alle apparenze porta solo a insicurezze e disagio.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

"Indietro tutta 30 e lode!" sfiora i 4 milioni di spettatori

televisione

"Indietro tutta" sfiora i 4 milioni di spettatori Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia

Tg Parma

Striscioni al Marconi per ricordare Giulia Video - Foto

Colorno (e Lentigione), si lavora per tornare alla normalità. Il punto della situazione

A Lentigione un pensionato è morto mentre spalava il fango

ghiaccio

Montagna, dopo tre giorni ci sono ancora famiglie senza elettricità

anteprima gazzetta

Un'altra vittima innocente: "Possiamo migliorare le condizioni nelle strade"

1commento

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

lentigione

I lavori sull'argine dell'Enza visti dal drone Video

Ricerca

Centri storici: quello di Parma tra i più dinamici in Italia

coin e decathlon

Due furti in negozi sportivi, tre ragazzi denunciati

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

1commento

capodanno

Ecco le locandine: Fedez si fa. Ma dove? Domani la risposta

1commento

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

solidarietà

"Parma facciamo squadra" in campo per i bimbi poveri

Campagna fondi al via: Barilla, Chiesi, Fondazione Cariparma e Forum Solidarietà in prima linea

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

Monza

Trovato il cadavere dell'ex calciatore Andrea La Rosa: era nel bagagliaio di un’auto

Francia

Scontro treno-scuolabus, "21 alunni feriti gravi"

SPORT

Calciomercato

Parma, Faggiano rinnova: "Il progetto va avanti"

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

SOCIETA'

dopo la piena

Ecco com'è oggi Colorno: il video dall'alto

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS