-1°

Benessere

Depilazione e sole, un'accoppiata a rischio

Depilazione e sole, un'accoppiata a rischio
0
 

Il caldo ci spinge ad esibire il corpo. Femmine e (sempre più) maschi mostrano gambe, braccia e petto, spesso diligentemente depilati, perché nella nostra epoca il pelo fa rima con sciattezza più che con virtù o virilità. Ma la moda che vuole corpi glabri deve fare i conti in estate con i rischi di una depilazione poco delicata che potrebbe scatenare infiammazioni alla pelle. Per orientarci nella giungla dei metodi di depilazione più adatti al clima vacanziero abbiamo chiesto aiuto a Maria Beatrice de Felici, specialista della Dermatologia dell’ospedale Maggiore.

Qual è il tipo di depilazione più consigliabile in estate?

«Prima di esporsi al sole, meglio evitare metodi di depilazione particolarmente traumatici. Chi è abituato alla lametta dovrebbe prediligere quelle usa e getta, sempre pulite, da utilizzare nel senso della crescita del pelo, senza stirare la pelle e preparando la cute con schiume e gel di interfaccia. E non dimenticarsi di idratare la pelle dopo la rasatura, per ridurre al minimo i rischi di abrasioni, traumi e pseudofollicoliti, cioè infiammazioni del follicolo del pelo, sua zona di origine e ancoraggio. Per ridurre il rischio di incappare in effetti avversi più seri, quali erosioni o abrasioni, più frequenti per esempio con la ceretta, bisogna procedere prima con un’accurata pulizia e asciugatura della pelle. È sempre meglio comunque non improvvisare con il “fai da te”, ma rivolgersi a figure professionali competenti, come estetiste qualificate. Un discorso a parte deve essere fatto per le persone con elevata reattività cutanea, come gli atopici, che tendono a sviluppare più frequentemente reazioni allergiche. Essendo inoltre più soggette a incorrere in follicoliti, potrebbe essere indicato, solo su consiglio dello specialista dermatologo, l’uso di creme antibiotiche prima e dopo la rasatura».

Quale metodo di depilazione è invece controindicato con il caldo?

«Sicuramente l’epilazione definitiva mediante laser, una metodica che viene eseguita nel periodo autunno-invernale per non incappare maggiormente negli esiti iperpigmentari secondari, simili a quelli dell’acne, legati all’esposizione solare. La chiamiamo “epilazione” e non “depilazione” perché viene asportato anche il bulbo pilifero e non solo la porzione visibile del pelo».

Come contrastare i puntini rossi che rimangono dopo l’epilazione?

«Questi piccoli segni dopo la ceretta non sono altro che l’evidenza della microinfiammazione dei vari follicoli piliferi da cui è stato rimosso il pelo. Vi sono metodi di depilazione che riducono al minimo l’inestetismo: sono i metodi depilatori anziché epilatori, come ad esempio il rasoio o le creme depilatorie».

Quali metodi di depilazione sono più indicati per le zone delicate?

«Una metodica poco traumatizzante per zone come la cosiddetta “area bikini” o le ascelle può essere la crema depilatoria a base di sostanze cheratolitiche, come il tioglicolato di calcio, che distruggono la cheratina, componente fondamentale dei peli. Prima di usare queste creme occorre sempre però fare un’applicazione di prova su una piccola zona di cute e valutare la reazione personale a 48 ore di distanza. Il rischio individuale è di sviluppare fenomeni irritativi, fino a vere e proprie dermatiti allergiche da contatto».

Depilandosi prima dell’esposizione al sole c’è il pericolo di macchie?

«Certo. La depilazione crea un’infiammazione temporanea dell’area trattata che può determinare, soprattutto nei soggetti con fototipo più alto, cioè la pelle più scura, una iperpigmentazione postinfiammatoria. È quindi sempre meglio evitare di esporsi al sole subito dopo una depilazione con metodo traumatico, come per esempio la ceretta, tanto praticata nelle zone più delicate del viso. È bene invece applicare sempre dopo la depilazione creme con fattore di protezione solare molto alto: 50+.

Per favorire la ricrescita sana del pelo, si può utilizzare lo scrub in estate?

«Sicuramente i metodi di esfoliazione epidermica quali lo scrub o il gommage migliorano la texture cutanea rimuovendo lo strato superficiale di cellule morte, ma è possibile che queste pratiche provochino microabrasioni invisibili a occhio nudo. Pertanto è sempre meglio non applicarli poco prima di esporsi al sole, per il rischio di sviluppare reazioni infiammatorie, come eritemi e dermatiti irritative, oppure dare origine a zone iper o ipopigmentate, cioè più scure o più chiare rispetto al colore normale della cute».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Le evoluzioni al palo di Maria Aguiar

Pole dance

Evoluzioni al palo: Maria Aguiar è campionessa sudamericana Video

Poligoni

Polygons

Il cucchiaio del futuro da 1milione di $. Non ancora in vendita

4commenti

Malore alle prove del concerto: operato Al Bano

Roma

Al Bano operato dopo un malore: "Paura passata, il cuore sta ballando"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

GASTRONOMIA

La sfida degli anolini: ecco chi ha vinto

OMICIDIO

Elisa accoltellata alle spalle

lega pro

Parma: missione punti e continuità

Crociati in campo al Tardini, oggi, alle 14.30 contro il Teramo

CRIMINALITA'

Via Torelli: scippata, cade e si rompe un femore

3commenti

WEEKEND

Una domenica già immersa nel... Natale

Via D'Azeglio

Il nuovo supermercato? No del Comune a causa dei camion

6commenti

Fidenza

Incendio nel negozio: proprietari salvati dai carabinieri

Parma

Elvis e Raffaele hanno celebrato l'unione civile: "Ora siamo una famiglia"

Cerimonia nella Palazzina dei matrimoni con il vicesindaco

2commenti

Traversetolo

Falso incaricato del Comune cerca di carpire dati ai residenti

Fuori Orario

Serata "I love Rock": ecco chi c'era Foto

A SALSO

Quella «Bisbetica» di Nancy Brilli

Salsomaggiore

Greta, promessa del karate

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma

Cachi in città: raccolte 180 cassette in un giorno Foto

2commenti

Poviglio

Fanno esplodere il bancomat: filiale semidistrutta, caccia all'uomo fra Parma e Reggio  Video

2commenti

LETTERE

Bello FiGo e i luoghi comuni

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Quando le notizie false diventano un'epidemia

di Paolo Ferrandi

IL DIRETTORE RISPONDE

A volte fa più male la gentilezza

ITALIA/MONDO

Crisi di governo

Mattarella convoca Gentiloni al Quirinale. Renzi: "Torno a casa davvero"

turchia

Autobomba nel centro di Istanbul: 13 morti e decine di feriti

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

Parma Calcio

D'Aversa: "Vinta una partita, non risolto i problemi". I convocati

sci cdm

Goggia 2ª in gigante Sestriere, vince Worley

MOTORI

AL VOLANTE

I consigli utili per guidare nella nebbia

5commenti

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti