Visto da Parma

Ragazzine su Facebook: Quel preside ha strappato il sipario

A cura di Pino Agnetti

Ragazzine su Facebook: Quel preside ha strappato il sipario

Facebook

Ricevi gratis le news
1

L'altro giorno, inaugurando il Salone del Libro a Torino, Susanna Tamaro ha lanciato un appello: «Salviamo la generazione del nulla». Cioè gli adolescenti di oggi ai quali, ha spiegato l’autrice di «Va’ dove ti porta il cuore», «occorre ricominciare a parlare della differenza che c’è fra il Bene e il Male». Scrivendo una lettera indirizzata ai genitori dei propri studenti ma che andrebbe girata a ogni padre e madre di famiglia di questo Paese, il preside della scuola media Fra Salimbene di Parma, Pier Paolo Eramo, ha compiuto un gesto altrettanto coraggioso e controcorrente. Ha strappato, cioè, il sipario ipocrita e conformista che anche da queste parti impedisce a noi adulti di prendere coscienza e soprattutto di farci carico della tragedia che si sta divorando, appunto, la «generazione del nulla». Come altro definire, infatti, delle ragazzine (e dei ragazzini) nemmeno tredicenni che trascorrono gran parte del tempo a pubblicare su Facebook valanghe di autoscatti in pose inequivocabilmente spinte? La moda - in inglese «sexting» - è talmente diffusa da essere praticata ormai da un adolescente italiano su quattro. Per i più organizzati è normale scambiarsi, oltre alle foto, anche dei filmati ancora più adatti a mettersi in tutti i sensi «a nudo». E’ anche grazie al «sexting» (praticato quasi sempre senza curarsi di mettere in rete nomi, numeri di telefono e perfino indirizzi di casa reali) che Internet si è trasformata in un immenso bordello nascosto, ma al tempo stesso alla portata di tutti. Territorio di caccia oggi prediletto dai pedofili, come da tanti bravi e insospettabili «paparini» pronti a sborsare qualsiasi cifra pur di portarsi a letto una bambina della stessa età della figlia. Naturalmente, gli studenti della Fra Salimbene (inutile rimarcare che il problema non riguarda certo solo quell’istituto) queste cose, il più delle volte, non le sanno. Oppure, ne hanno sentito parlare solo vagamente. Dunque, con la sua lettera quel coraggioso preside ha fatto centro pieno. Ed ora anche a Parma nessuno - genitori e insegnanti inclusi - potrà più affermare che «non è affar nostro». Se non che, prepariamoci alla solita reazione furibonda dei sacri custodi della rete (che nessuno sia chiaro intende criminalizzare). E di quanti sono sempre pronti a dare del conservatore e del fascista (la stessa Tamaro ne sa qualcosa) a chiunque si azzardi anche solo a nominare la separazione fra il Bene e il Male. Proprio in quanto totalmente incapaci di distinguere l’uno dall’altro, le prostitute minorenni dei Parioli hanno cominciato a vendersi via web. Servendosi delle stesse identiche tecniche adottate dalle loro coetanee della Fra Salimbene per mettersi in mostra, o magari per «giocare alla miss». Che poi il confine fra gioco e prostituzione possa rivelarsi ancora più sottile e rapido di un «clic» sono di nuovo le cronache quotidiane, piene zeppe di «baby-squillo» e pure di «mini gigolò», a dimostrarlo. Per non parlare del fenomeno anch’esso dilagante del cyber-bullismo, che non fa che mietere vittime anche in Italia. L’ultima in ordine di tempo è stata una 14enne di Padova suicidatasi lanciandosi dal tetto di un albergo nel febbraio scorso. Il suo errore? Avere messo una propria foto su Ask.fm. (un altro social network particolarmente in voga fra gli under 18). Spero che di lei e della sua fine tragica si parli presto sia nelle aule che nelle case degli studenti della Fra Salimbene. E non solo lì. Non sarà facile, considerato l’andazzo corrente. Ma se vogliamo salvare la generazione del nulla, qualcuno dovrà pure cominciare. Proprio come ha fatto quel preside. Sosteniamolo in ogni modo. Prendiamo esempio da lui. E qualcosa, stavolta di buono, nascerà.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gea

    11 Maggio @ 05.33

    Separazione tra bene e male e' una questione fascista?! Cactus ! Io sono fascista ? Gesù era , e' fascista ? A parte questo.... E ' difficilissimo riuscire ad inculcare o meglio ad educare riguardo alla differenza oggettiva tra bene e male non c'è solo la famiglia i ragazzi passano la maggior parte del tempo fuori casa spessissimo non si riesce a controllarli più di tanto. Per quanto riguarda FB et similia, un consiglio che immagino molti faranno già , ho aperto un profilo su FB per " vedere " cosa fa mio figlio e quali sono i suoi amici , da qualche " amicizia " femminile sono rimasta .... Colpita , diciamo. Ovvio mio figlio non saprebbe come bloccarmi..,.. ;) chiamiamolo escamotage .

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

9commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

VIABILITA'

Corsie «flessibili» per i bus: si può fare di più?

di David Vezzali

Lealtrenotizie

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

IL FIDANZATO

«Giulia, sei stata il mio cielo stellato»

Scomparso a 52 anni

Addio a Filippo Cavallina

WEEKEND

La domenica ha il sapore dei mercatini. Natalizi, ovviamente L'agenda

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

4commenti

Centro storico

Giardini di San Paolo tra chiusure e rifiuti

Gara

La grande sfida degli anolini

MAGGIORE

Ematologia, nuovi laboratori per la ricerca sulle staminali

calcio

Il Parma s'accontenta

Il dopo alluvione

Colorno, in via Roma sarà un Natale al freddo

FIDENZA

Città in lacrime per Andrea Amadè

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Baraye: "Abbiamo provato e fatto di tutto per vincere" (Video) - Scavone: "Dispiace non avere vinto ma in B è importante non perdere (Video) - Grossi: "Ha pesato l'assenza di un vero attaccante" Videocommento

4commenti

viabilità

Incidente in via Mantova sul cavalcavia: disagi al traffico Gallery

incidente

Frontale in via Montanara: due feriti

PARMA-cesena

D'Aversa: "Soddisfatto dell'interpretazione della gara. Peccato non aver fatto gol" Video

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

GAZZAFUN

Parma - Cesena 0 - 0: fate le vostre pagelle

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

fuori programma

Birre e suggestioni dal coro Maddalene di Revò al Mastiff Video

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande