Nostalgia & divertimento

Dieci posti cult di Parma che non ci sono più e che rivorremmo indietro

Dieci posti cult di Parma che non ci sono più e che rivorremmo indietro

L'American Bar chiuso

Ricevi gratis le news
27

1 . L’ultimo ad andarsene: l’American Bar. L’unico porto dove attraccare all’alba, quando nemmeno più tua mamma ti avrebbe aperto la porta di casa, per una carbonara o un piatto di anolini.
2 . La pizzeria in cui sentirti a casa, o, meglio, in garage: La Cuccagna. Passarci accanto e commuoversi ancora davanti alla vecchia insegna, poco oltre il ponte Dattaro, è inevitabile. Pizza buona e locale decisamente senza pretese.
3 . La crisi non esisteva ancora, ma all’osteria La Cambusa, nel cuore oltretorrentino della città, mangiavi e stavi in compagnia con pochi euro. Pasta al ragù e poco altro, ma il menù era un dettaglio inutile.
4. Il cinema Lux. Come tutti gli altri cinema che in centro hanno accompagnato i primi baci e ospitato le prime uscite in compagnia. “Armageddon” all’Orfeo, “Tutti pazzi per Mary” al Piccolo Teatro, “Blow” al Verdi.
5. Lo Spizzico. Una sorta di Italian Fast Food che ha resistito pochi anni in via Cavour, ma che ha fatto comunque in tempo ad andare a fuoco, ritagliandosi così un posto d’onore nei luoghi di culto della città.
6. Le prime vasche in centro finivano sempre lì: a contare le monete per pagare le caramelle a “Peccati di gola”, in via Mameli. Poi sacchettino in mano e via a biascicare come cammelli in via Cavour.
7. Il Meta. Quanti fogoni a giocare a stecca tra quelle quattro mura trash. La sala giochi per eccellenza.
8. Poldi: la sua pizza calda e profumata era il benvenuto unico di borgo Basini. Insuperabile.
9. Per andare all’Imperatore dovevi scendere agli inferi. La pizzeria di via Mazzini sotto terra era un gioiellino kitsch d’altri tempi.
10. Anche se non era un luogo vero e proprio, nella nostra testa di bambini la locomotiva di piazzale Lubiana era un mondo di favole e giochi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giorgiop

    03 Dicembre @ 08.06

    giorgiop

    Si sono tutti dimenticati della Raquette dove si ballava con musica dal vivo dei Five Gentlemen ed il mitico King in via Emilia Est andato a fuoco anche lui, dove vennero a suonare l'Equipe 84, i Corvi, I Dik Dik, i Camaleonti, gli Snakes di Don Pini, i Giganti, Gaber, Pino Donaggio ed un semi sconosciuto Nicola di Bari che ai tempi era un rokkettaro non male.

    Rispondi

  • Margherita

    27 Novembre @ 16.20

    Qui siamo già agli anni '70 e la maggior parte delle citazioni riguarda luoghi in cui si mangia o comunque bisognava consumare. Un po' prima, nei miei mitici anni '60, le lirette in tasca ai ragazzi erano veramente poche e ci si dovevano inventare divertimenti a costo zero....o poco più. Quindi: i portici del municipio sotto cui si riunivano i ragazzi della Parma bene; le panchine e il laghetto del parco ducale dove portare la prima ragazzina per una passeggiata romantica; i prati attorno alla città( ...specie verso l'altea...) dove portare la ragazza dopo che le cose si erano fatte un po' più serie; cantine e garage dislocati in vari punti della città dove intraprendenti ragazzi organizzavano le mitiche "festine" della domenica pomeriggio; il "lattemiele" della gelateria all'inizio di via Cavour verso borgo del Parmigianino e poi, lì accanto, la pizzeria "al corsaro"con il bancone fatto da una mezza nave....e chi l'aveva mai vista una cosa del genere a Parma? il mulino bianco ancora non era stato inventato e la merenda per le dieci a scuola si comprava dai fornai prima di entrare: buonissimi "ciprini al latte" ( mai più trovati!) e profumatissime "veneziane" dalla cupola coperta di zucchero ....altro che le madeleines di Proust....Ah, dimenticavo, i chioschi della torta fritta in ghiaia....

    Rispondi

  • Francesca

    27 Novembre @ 06.51

    Anche il locale in cui ci si telefonava fra tavoli...Quante risate....

    Rispondi

  • PaoloUno

    27 Novembre @ 00.42

    Senza andare indietro ai tempi del King, del Whisky a Go Go, dell'Astrolabio, dell'Hush Club.... ricordiamo almeno la Centrale del Latte con la gestione di Alcide, Enrico ed Umberto, o il Barino di Jack Greci: che tempi e che storie, a raccontarle adesso stenterebbero a crederci.

    Rispondi

  • Anna

    26 Novembre @ 17.07

    La Corriera Stravagante

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

Nadia Toffa

LE IENE

L'annuncio di Ilary Blasi: "Nadia Toffa è tornata a casa"

"Video troppo osè": pop star egiziana condannata a 5 anni di carcere

MUSICA

"Video troppo osé": popstar egiziana condannata a 2 anni di carcere

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Gossip Sportivo

Seredova su Buffon: "Sto meglio da cornuta"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

E-commerce: quando il cliente si sente solo

"SILICON ALLEY"

E-commerce, da Apple a Amazon: quando il cliente si sente solo

di Paolo Ferrandi

Lealtrenotizie

E' morta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I rilievi dopo l'incidente

PARMA

Non ce l'ha fatta Giulia, la 15enne investita da un'auto a Corcagnano

I genitori hanno autorizzato la donazione degli organi

3commenti

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

BASSA

Colorno, diverse famiglie evacuate. Due ponti restano chiusi Video

Aperto un ufficio per le pratiche sulla stima dei danni. L'intervista del TgParma al sindaco Michela Canova

FATTO DEL GIORNO

Acqua e fango a Colorno e Lentigione: milioni di euro di danni

Udienza preliminare per il fallimento della Spip: 4 patteggiano, altri scelgono il rito abbreviato

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

2commenti

MALTEMPO

Superati i massimi storici dei fiumi emiliani

dopo l'alluvione

Lentigione, 100 carabinieri per evitare sciacallaggi. Risveglio nel fango: il video

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

BASSA

Fracasso (Fai): "La grande bellezza di Colorno va tutelata"

polizia

Via Pelizzi, i ladri narcotizzano il cane e minacciano con le mazze il padrone di casa

Tre furti compiuti, uno tentato e due cassaforti sparite in un solo pomeriggio

1commento

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

3commenti

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

polizia municipale

Irregolarità e cibi avariati: 11 sospensioni di attività e 100 persone identificate in tre mesi Video

Due esercizi sono stati chiusi definitivamente, per altri 9 è scattata la chiusura temporanea

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perché Parma non capì il suo talento?

parma calcio

Verso Parma-Cesena, D'Aversa si affida a difesa e Insigne Video

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

MALTEMPO

Allerta per vento forte in Emilia-Romagna

SVIZZERA

Scontro auto-camion: due morti nel tunnel del San Gottardo

SPORT

COPPA ITALIA

Milan, tutto facile: ai quarti derby con l'Inter. Contestato Donnarumma

VIDEO

La Cittadella del Rugby ospita Reggio. Parla il coach Manghi

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

MOTORI

SICUREZZA

Crash test EuroNCAP, alla cara vecchia Fiat Punto zero stelle

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS