14°

26°

MOSTRE

Kandinsky, il vortice del colore

La ricerca stilistica e il mondo poetico di uno dei massimi pittori del '900

Opera di Vassily Kandinsky

Opera di Vassily Kandinsky

0

Stefania Provinciali

Folgorato dalla visione di «I covoni» di Claude Monet nella mostra degli Impressionisti a Mosca, del 1896, Vassily Kandinsky lascia la carriera universitaria per diventare pittore. Ha trent’anni e decide di intraprendere gli studi artistici a Monaco abbandonando quelli fino ad allora intrapresi di diritto ed economia. Già in questa decisione si delinea la personalità ed un insolito inizio di un grande del Novecento, dagli interessi artistici che abbracciano pittura, musica, teatro, nei quali cerca e difende lo spirituale nell’arte, titolo di un suo saggio fondamentale. Prende forma allora la complessità di una attività creativa che va intesa non solo con riferimenti visivi e formali ma interpretata seguendo un percorso ideale, lirico, universale, oltre i confini della pittura per un uomo che vive la cultura di tre Paesi, della sua terra di Russia, della Germania, della Francia senza sentirsi pienamente cittadino di uno di essi ma trovando, in quei territori diversi dalle diverse radici, nuovi stimoli per la sua produzione artistica. Una grande retrospettiva che porta a Milano le opere del Centre Pompidou, è aperta fino al 27 aprile, a Palazzo Reale: una vera e propria full immersion nel viaggio artistico e spirituale di uno dei pionieri dell’arte astratta. Promossa e prodotta dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Milano, con il Centre Pompidou di Parigi, 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE e Arthemisia Group, l’esposizione, è a cura di Angela Lampe, in collaborazione per l’Italia con Ada Masoero. Il percorso, composto di oltre ottanta significative opere, inizia «immergendo» il visitatore in un ambiente che si propone «...di trasportarlo fuori dallo spazio e dal tempo»: una sala con pitture parietali. Ricreata nel 1977 dal pittore restauratore Jean Vidal, presenta pitture concepite rispettando fedelmente i cinque guazzi originali, eseguiti da Kandinsky per decorare un salone ottagonale della Juryfreie Kunstausstellung. Segue un percorso cronologico, suddiviso in quattro sezioni, che attraversano i periodi principali della vita e dell’evoluzione artistica ad essa commisurata, passando dalle prime esperienze russe, alla progressiva stilizzazione delle forme; dal Bauhaus di Weimar, fino agli anni 30. La vicenda riporta alle profonde radici russe dell’autore e testimonia quali stretti legami egli abbia mantenuto, per tutta la vita, con la sua patria. È Kandinsky stesso ad attribuire all’«immagine complessiva, interiore ed esteriore, di Mosca» un’importanza fondamentale: la città è il suo «diapason pittorico», scrive nel 1913. Al tempo stesso, egli si sente anche «non-russo» e si ritiene russo solo a metà, essendo stato allevato da una nonna baltica con canzoni e libri infantili tedeschi. Kandinsky visse per trent’anni in Germania, ove pubblicò i suoi scritti teorici più importanti nella lingua di Goethe; tuttavia, sul finire della sua vita, in occasione di una grande mostra a Berna, venne presentato come «un maestro francese del presente», e la sua vedova, alla fine, decise di donare l’intero lascito al Centre Pompidou. E’ il 1896 quando Kandinsky si trasferisce dalla Russia a Monaco, dove resterà fino al 1914, per studiare pittura. La città tedesca in quel momento sta abbandonando la moda simbolista per diventare la capitale europea del Jugendstil, corrente artistica che cerca la via dell’arte attraverso i progetti decorativi. Kandinsky esordisce con piccoli paesaggi ancora tardo-impressionisti come in Schwabing, sole invernale, del 1901 e con tempere simboliste dai colori lucenti, ispirate alle antiche leggende germaniche e alla vita della vecchia Russia. Il paesaggio diventa così pretesto per esercizi sulla forma e per indagini sulla forza del colore, con cui avvia il primo processo di astrazione dal reale (Improvvisazione III, 1909).
 E’ a Monaco che Kandinsky scrive «Dello spirituale nell’arte», in cui affronta lucidamente sul piano teorico ciò che andava sperimentando nella sua pittura, dal rapporto tra forma e colore a quello per lui fondamentale tra colore e suono, alla base dell’astrazione. Con l’amico Franz Marc, sviluppa il progetto del Cavaliere Azzurro che produrrà due mostre tra il 1911 e il 1912 e, nel maggio 1912, il celebre Almanacco del Cavaliere azzurro, dove musica e arti visive si intrecciano strettamente e si valorizza il ruolo delle arti popolari e «primitive» in funzione di un rinnovamento radicale della pittura. In questi anni Kandinsky crea le sue prime opere totalmente svincolate dal reale (Quadro con macchia rossa, (1914), che traducono in immagini astratte il suo mondo interiore.
Dopo un ritorno in Russia (1914-1921 ) riprenderà la via della Germania proseguendo la propria ricerca. In questo contesto si concretizza la visione della lettura di un’opera e di un pensiero che pur con variazioni procederà in parallelo, fra idea e forma astratta, fra i celebri scritti e l’esercizio concreto, dove il rapporto colore - forma resterà fondamentale. E’ il 1930 quando si affacciano le prime forme organiche. La chiusura del Bauhaus, imposta dai nazisti nel 1933, lo costringe a emigrare di nuovo, questa volta verso Parigi. La Parigi in cui Kandinsky arriva nel 1933 è la capitale del mercato dell’arte, ma è anche una città devota ai suoi soli artisti, Picasso e i Surrealisti soprattutto, poco interessata all’astrazione pura di un pittore russo di nazionalità tedesca. Intanto nei suoi dipinti e nei lavori su carta, anche per l’influsso degli amici surrealisti Jean Arp e Joan Miró, si moltiplicano le forme biomorfe: amebe, creature degli abissi, embrioni, insetti come Ammasso regolato, del 1938, un microcosmo in cui l’artista si immerge, anche per fuggire l’angoscia della guerra. Muore il 13 dicembre 1944, senza vedere la fine del conflitto ma lasciando al mondo un corpus di opere che ancor oggi sono espressione di un cammino di assoluta modernità, d’arte e di pensiero.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cannes, tris di bionde per la Coppola

cinefilo

Cannes, tris di bionde per la Coppola Video

Esauriti ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

MUSICA

Esauriti gli ultimi 20mila biglietti per Vasco a Modena

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester

MUSICA

I Simple Minds salgono sul palco di Manchester Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

A Parigi, per dodici mesi tra paesaggi e ritratti

VIAGGI

Parigi val bene un weekend. Ecco i nostri consigli

di Luca Pelagatti

Lealtrenotizie

Amministrative, sondaggi nazionali sul «caso Parma»

VERSO IL VOTO

Amministrative, sondaggi nazionali sul «caso Parma»

Criminalità

Successo per le «ronde elettroniche»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

play-off

Parma qualificato

Viabilità

Cominciati i lavori sulla provinciale Monchio-Corniglio

IN BICI

Nuova ciclabile: pedaleremo in sicurezza tra Gaiano e Ozzano

TRAVERSETOLO

Ragazzini danneggiano un tendone. Il sindaco li «denuncia» sui social

Salsomaggiore

Lo struggente addio a Monia Lusignani

Lutto

San Polo piange Eva Meldi, storica cuoca dell'asilo

PLAY-OFF

Nocciolini e Baraye stendono il Piacenza: 2-0. Un Parma concreto vola ai quarti

Nocciolini: "Nel mio gol, cross da Serie A di Scaglia" (Video)Grossi: "Finalmente il Parma" Videocommento - Baraye: "L'importante è non mollare mai" - Oggi alle 15.30 il sorteggio, mercoledì l'andata. Passano Alessandria, Lucchese, Livorno, Lecce, Pordenone, Cosenza e Reggiana

play-off

Sondaggio: chi vorreste incontrare ai quarti? (Guarda la griglia)

via trento

Alcol a chi era già ubriaco: negozio "punito" fino a fine ottobre

8commenti

LA STORIA

Radio Deejay: love story autista bus - passeggera, impazza il gossip parmigiano

2commenti

gazzareporter

Scherzi a parte? No, via Montebello, strada dei parcheggi assurdi Foto

SPECIALE ELEZIONI 2017

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

2commenti

allarme

Sorbolo, "quei ragazzini che fingono di finire sotto le auto"

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

1commento

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

terrorismo

Manchester, la famiglia di Abedi avvertì della sua pericolosità. Identificate le 22 vittime

2commenti

visita

Trump dal Papa. Per Melania e Ivanka non solo Dolce Vita Gallery

SOCIETA'

PARMA

"Nasi Rossi" sabato in piazza Garibaldi fra gag e solidarietà Video

cinema

A Cannes il ritorno di Irina (splendida e sexy) a due mesi dal parto

SPORT

CALCIO

Due a zero all'Ajax: il Manchester United vince l'Europa League

formula 1

Gp di Monaco, è già sfida Vettel-Hamilton. E torna Jenson Button

MOTORI

MOTORI

Nuova Volvo XC60, ancora più qualità e sicurezza

CAMBIO

L'automatico manda in pensione il manuale? I 5 miti da sfatare