12°

23°

mostra

L'Assoluto cercato e vissuto

I luoghi e i protagonisti della devozione religiosa: una struggente carrellata dal Tibet alle Ande

L'Assoluto cercato e vissuto
Ricevi gratis le news
0

 

Dio è ovunque. E le strade per cercarlo sono infinite. La prima è dentro di noi in un raccolto silenzio che permette di udire la voce dell’anima. Cercare Dio – ha scritto Enzo Bianchi, priore della Comunità di Bose - «è uno slancio del desiderio d’assoluto che ci è stato posto nel cuore dal Signore stesso». E questo desiderio si carica di un’energia che si configura nel sentimento religioso e che ci spinge a cercare Dio anche fuori di noi facendo della nostra vita un pellegrinaggio d’amore verso Dio e verso il prossimo, un cammino spirituale, che ci spinge anche a visitare i luoghi sacri, quelli che hanno segnato gli eventi più significativi di una religione o in cui si venerano i santi personaggi. Luoghi che incantano ed emozionano, a qualsiasi religione appartengano, e che coinvolgono intensamente per la loro seducente atmosfera spirituale.
Luoghi che troviamo in tutte le parti del mondo visitati da milioni di persone, disposte a sopportare fatiche e disagi. Infatti, se in Europa e in altri paesi economicamente avanzati il pellegrinaggio ha preso la forma di turismo religioso, in Arabia, in Etiopia, in India, nel Tibet, nelle Ande i pellegrinaggi si svolgono in condizioni di estrema indigenza, con mezzi di trasporto precari e lunghi tratti a piedi. Dal 1972 il fotoreporter giapponese Kazuyoshi Nomachi ha seguito questi pellegrini tra le montagne, nel deserto, lungo i fiumi, nei raduni sterminati cogliendo immagini di straordinaria bellezza umana e paesaggistica, che vengono presentate a Roma (fino al 4 maggio) al Centro di Produzione Culturale La Pelanda nella mostra intitolata «Nomachi. Le vie del sacro», accompagnata da un catalogo estremamente suggestivo, edito dal National Geographic Italia con testi in italiano e in inglese. Il Sahara, il Nilo, l’Etiopia, l’Islam, il Gange, il Tibet e le Ande sono le tappe di un cammino che tocca luoghi remoti dove – come sottolinea Marco Cattaneo - «il quotidiano confronto dell’uomo con la natura non si è stravolto nei secoli, come è avvenuto in Occidente». E il contatto con la natura nella sua magica forma originaria porta l’uomo verso il soprannaturale, simboleggiato nelle grandi religioni (Cristianesimo, Islam, Induismo, Ebraismo, Buddismo) dalla vetta: quella geografica dove avvengono gli episodi più significativi; quella spirituale dove l’uomo raggiunge la pace interiore dopo un arduo percorso d’ascesi. Il Sahara è il regno del deserto, di uno spazio infinito segnato dai morbidi profili delle dune disegnate dal vento e colorate dal sole che le indora e al tramonto le tinge di un rosso fiammeggiante striato di scure ombreggiature. C’è anche il deserto di rocce erose dai secoli che nel Tassili algerino diventa una inquietante foresta pietrificata; e sulle pareti si possono ritrovare antichissime incisioni rupestri come i felini selvatici nel Fezzan Libico. Sulla sabbia restano le impronte degli animali, degli uomini come i tuareg che vivono in tende di pelli conciate e si avvolgono in mantelli e turbanti per ripararsi dal caldo e dal freddo e dalle nuvole di polvere che incipriano con violenza le oasi. Lungo il Nilo Nomachi ha incontrato nel Sudan meridionale una tribù che vive in simbiosi con gli animali come nella preistoria: immagini che sconcertano quella di un ragazzo Nuer che succhia il latte direttamente dalla mammella di una mucca o quella di un altro ragazzo che soffia nell’utero di una mucca per farle produrre più latte; animali dalle lunga corna e dai dorsi scheletrici che si accampano casualmente nella notte interrompendo la quotidiana faticosa ricerca d’un povero cibo. Alla fine della stagione secca la notte s’accende dei fuochi dei pascoli bruciati per favorire la crescita dell’erba nuova. Negli accampamenti di capanne di papiro si innalzano i fumi grigiastri dei roghi di sterco bovino che allontanano gli insetti. Tra i monti dell’Etiopia settentrionale, caratterizzati da chiese rupestri scavate nella roccia, la popolazione vive un cristianesimo con modalità che si perpetuano da secoli e folle di pellegrini ascoltano i sermoni nei cortili delle chiese. Folle che nell’Islam si fanno oceaniche alla Mecca intorno alla Kaba, quando nella Notte del destino si celebra la rivelazione del Corano al Profeta. E alla Mecca si conserva pure la Pietra Nera, la roccia che, secondo la tradizione, portò con sé Adamo quando venne cacciato dal Paradiso Terrestre. Sacro al culto induista è il fiume Gange che scende dai ghiacciai dell’Himalaya. Nelle sue acque a Varanasi si immergono i pellegrini per il bagno sacro tra le nebbie del primo mattino e le sue acque vengono raccolte in una mistica pratica devozionale. A sera per la festa dedicata a Siva le sue rive scintillano di migliaia di lumi votivi. E quando una persona muore, il suo corpo cosparso di fiori bianchi viene immerso per essere purificato prima della cremazione.
I tibetani invece sono devoti a Budda e i pellegrinaggi si svolgono verso monasteri situati in altopiani aridi sovrastati dalle montagne himalaiane: una ragazza dai grandi occhi si sparge il viso di una sostanza protettiva; un bimbo viene trasportato legato al dorso di uno yak; a Lasha, la città santa, pellegrini compiono tratti di strada strisciando per terra. Sulle Ande in Perù in una valle a 4.700 metri d’altitudine la celebrazione del «El Senor de Qoyllur Rit’i», Gesù Cristo, richiama oltre centomila devoti che si accampano in piccole tende, si mascherano, accendono ceri alla statua di Gesù davanti alla quale giovani donne pregano commosse: espressione di una fede sincera, di un amore che non ha confini.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Andrea Spigaroli

Andrea Spigaroli

MUSICA

X Factor, il parmigiano Andrea Spigaroli va avanti (Con polemica)

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

AUTOVELOX

Multe impugnabili se la strada è senza banchina

Lealtrenotizie

Profondo cordoglio per la morte del podista 49enne alla Parma Marathon

Dramma

Tragica maratona, muore 49enne di Polignano Video

L'esperto: "Non sottovalutare i campanelli di allarme" (Video)

serie B

Sondaggio: momento "opaco" del Parma, dove migliorare?

5commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Solomon incapace di intendere e di volere

1commento

Tg Parma

Via Langhirano: 16enne a piedi travolta da un'auto, è al Maggiore Video

Parco Bizzozero

Donna presa a pugni dai tifosi pescaresi

5commenti

sicurezza idrica

Ecco come funziona la "diga" sulla Parma

A "lezione" dai tecnici dell'Aipo

Regione

Chiusura centri vaccini di Colorno, Salso, Fidenza e Busseto, protesta FdI-An

carabinieri

Non resiste al richiamo della droga ed evade dai domiciliari: arrestato un 35enne

1commento

tg parma

E-Distrubuzione: Enel investe oltre 1,5 milioni di euro per la Bassa Est

Inaugurata a Colorno la stazione di media tensione

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: Chicco e Felice i finalisti di oggi

anagrafe

Dal 2 novembre si farà solo la carta d'identità elettronica

LA MORTE DI MORONI

«Addio Luca, con te se ne va una parte di noi»

SOLIDARIETA'

Mamme alla ricerca di una nuova vita

PERICOLO

Il Palacasalini di notte diventa inaccessibile

3commenti

Piazzale Matteotti

Le telecamere smascherano il pusher

1commento

Dramma a Enzano

Trattore si ribalta, muore Giampaolo Cugini

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

NOSTRE INIZIATIVE

Con la Gazzetta lo speciale Salute e benessere

EDITORIALE

La stretta di mano che va oltre la retorica

di Patrizia Ginepri

1commento

ITALIA/MONDO

Catalogna

Due leader indipendentisti arrestati per sedizione

BUSTO ARSIZIO

La ventenne scomparsa si chiama Dafne Di Scipio. Aperto un fascicolo

SPORT

Indonesia

Portiere muore dopo scontro in campo Video choc

SERIE B

Parma, bisogna cambiare rotta

SOCIETA'

meteo

Ophelia (polveri del Sahara) colora di rosso Londra e l'Inghilterra

tg parma

Gattile: ecco il corso per volontari

MOTORI

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»

EMISSIONI

Slovenia, dal 2030 stop ad auto benzina o diesel