MOSTRE

Klimt genio e raffinatezza

Milano, opere a Palazzo Reale fino al 13 luglio

Gustav Klimt

Gustav Klimt

Ricevi gratis le news
0

 

Gustav Klimt, sommo protagonista della Secessione Viennese, è uno degli artisti più noti in assoluto e la sua fama è legata ad alcune opere che costituiscono delle autentiche icone storiche. Il seducente linguaggio che l’ha reso celebre, però, non è frutto di una improvvisa folgorazione ma è stato costruito lentamente, anno per anno, come viene raccontato con ampiezza di documentazione nella sorprendente mostra – accompagnata da uno splendido, raffinatissimo catalogo edito da 24 Ore Cultura - «Klimt. Alle origini di un mito» in corso a Milano a Palazzo Reale (fino al 13 luglio) a cura di Alfred Weidinger, con la collaborazione di Eva di Stefano, il quale è riuscito a raccogliere una ventina di dipinti del maestro, oltre a molti suoi disegni e a significativi lavori di artisti contemporanei e del fratello Ernst. E’ stato pure ricostruito in fac-simile, nelle stesse dimensioni dell’originale (sette pannelli alti m. 2,20 e lunghi complessivamente 24 metri), il celeberrimo «Fregio di Beethoven» realizzato da Klimt a Vienna nel 1902 per decorare una sala della Esposizione della Secessione.
Gustav (1862 – 1918) è nato in un sobborgo di Vienna, secondo di sette fratelli. Suo padre, orafo incisore, a 14 anni l’ha mandato alla scuola di arti e mestieri del Museo austriaco per l’arte e l’industria nel quale, l’anno seguente, entrava pure il fratello Ernst. Vienna stava vivendo un periodo particolarmente felice perché l’imperatore Francesco Giuseppe nel 1857 aveva deciso di abbattere le mura e trasformarla in una città moderna, come Parigi: nascevano così palazzi sontuosi con ricchissime decorazioni che richiedevano mano d’opera specializzata. Con uno spiccato senso imprenditoriale, nel 1881 Gustav insieme al fratello Ernst e al compagno di scuola Franz Matsch danno vita ad una società che si occupa di decorazioni pittoriche di interni ed esterni, la Kunstler Compagnie (Compagnia degli artisti) che dura un decennio. La rassegna prende avvio da questi primi anni con Gustav diciottenne che ritrae le sorelle Klara e Hermine, con foto dello stesso Gustav e di Ernst che poi dipingono due ritratti miniaturizzati di bimbi su avorio; della scuola d’arte sono rimasti esercizi di nudo, teste, ritratti. Sono anni contrassegnati dallo storicismo dove si mescolano stili del passato che hanno il massimo interprete in Hans Makart di cui vengono presentati bozzetti e dipinti: questa strada viene percorsa pure da Gustav, Ernest e da Franz Matsch nei progetti decorativi per teatri e musei improntati alla tradizione accademica, trionfante nei dipinti del Burgtheater di Vienna per i quali gli autori ricevono dall’imperatore la croce d’oro con corona. Nel 1892 muoiono il padre e il fratello Ernst.
Klimt entra in un periodo di crisi e inizia a riflettere sulla pittura, influenzato dal viaggio a Venezia con la scoperta dei dorati mosaici. Così nel 1897 aderisce alla Secessione che si propone di riformare la vita artistica: «Al tempo la sua arte, all’arte la sua libertà». Si reagisce contro lo storicismo carico, opulento teorizzando dalle pagine della rivista «Ver sacrum» un’arte totalizzante. La grande svolta avviene nel 1902 con la realizzazione del «Fregio di Beethoven», racconto simbolico dell’anelito alla felicità. I valori pittorico-atmosferici vengono abbandonati e la scena si svolge in uno spazio rigido e bidimensionale, solcato da linee sinuose e fluenti, dove elementi naturalistici si fondono con motivi ornamentali in un rifulgere di ori e di materiali preziosi che donano all’insieme una calamitante suggestione con echi dei preziosismi bizantini mischiati alla levità delle stampe giapponesi. Il percorso espositivo cambia: da cronologico diventa tematico evidenziando i mutamenti avvenuti negli anni nella rappresentazione dei paesaggi, dei ritratti, del nudo. Gustav Klimt fino all’inizio del Novecento dipinge i paesaggi all’aperto con pennellate brevi e fitte che creano ambienti soffusi di idilliaca quiete pastorale. Poi il segno diventa nitido, incisivo e nel 1907 realizza «Girasole», eccelso capolavoro che esce per la prima vola dal Belvedere di Vienna: su una base spumeggiante di vivacissimi fiori di campo si erge morbida e maestosa una piramide di larghe foglie carnose che sostengono l’aurea fulgente corolla del girasole festeggiato da una fitta cascata di foglioline verdi, azzurre, violacee punteggiate d’oro. Koloman Moser, Carl Moll, Rudolf Junker offrono confronti.
Nei ritratti prevale nettamente il genere femminile. Le ricche borghesi amavano farsi ritrarre da lui anche se venivano chiacchierate per la fama di seduttore dell’artista che non si è mai sposato ma ha avuto un lunghissimo intenso rapporto anche epistolare – sono esposte varie lettere – con l’affascinante Emilie Floge, sorella della vedova del fratello Ernst; e si pensa possa essere lei la elegante dama in nero ritratta nel 1894 con una incantevole perfezione formale, esaltata da una virginale luminosità. Da lei alla Salomè del 1909 corre una distanza abissale. Salomé è uno stupefacente capolavoro pervaso da una tensione frenetica di piccole forme geometriche che creano un tumulto cromatico e psicologico da cui esce una donna, torbida di pensieri in cui si intrecciano eros e thanatos, che affonda le dita rapaci fra i capelli della vittima sacrificale. Altro grande capolavoro, ma di contenuto opposto, è «La madre con i due bambini» (1909): un inno alla donna madre che avvolge i suoi piccoli figli in un grande manto e si addormenta con loro in un’atmosfera di amorevole tenerezza e serena tranquillità famigliare. Infine i nudi con disegni che esplorano i corpi femminili e maschili e l’enigmatica Eva con dietro un Adamo scultoreo e dolente, rimasto incompiuto.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

social

Belen (look sexy) e il battesimo delle polemiche

Un'onda che sembra arrivare dal film Point break

Portogallo

Onde gigantesche come nel film Point break

Ignazio Moser

Ignazio Moser

DADAUMPA

Moser, dal GF a Parma: «Qui sto bene, ho tanti amici»

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

Lealtrenotizie

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

Emergenza

Parma, quelle bande di ragazzini violenti

1commento

59 ANNI

San Secondo piange Paola, l'angelo dei disabili

PARMA

Addio a Giacomo Azzali, una vita per l'anatomia: aveva 89 anni

PEDONE SICURO

Nuove «Zone 30» in città nel 2018. La mappa

Salsomaggiore

«Serhiy è scomparso: chi l'ha visto?»: l'appello degli amici

FONTEVIVO

Ubriaco alla guida crea scompiglio a Case Rosi

DIPENDENZA

Una sera con i Narcotici Anonimi

Municipale

Gli autovelox dal 22 al 26 gennaio Dove saranno

INTERVISTA

La regista Emma Dante: così in scena la bruttezza diventa bellezza

emilia romagna

Elezioni, i candidati del M5S nella nostra circoscrizione: c'è un parmense

Due parmigiani, invece, tra i candidati supplenti

inchiesta

Borseggi sull'autobus, è emergenza: "Bisogna essere ossessionati"

6commenti

incidente

Schianto tra due auto nel pomeriggio a Fontevivo: due donne ferite

posticipo

L'Avellino espugna Brescia tra mille emozioni La classifica di serie B

carabinieri

Video pedopornografico sul cellulare: arrestato lui, denunciato l'amico che l'ha inoltrato

2commenti

BUROCRAZIA

Parma: strade pronte, ma chiuse da mesi (o anni)

Da via Pontasso a Ugozzolo: ci sono cavalcavia e strade asfaltate in città che inspiegabilmente resatano interdette al traffico

4commenti

3 febbraio

Il ministro a Parma: maestre e maestri diplomati contestano

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Perché Mattarella ha ragione sul voto

di Michele Brambilla

L'ESPERTO

Imu: cosa succede se il figlio lavora all'estero

di Daniele Rubini*

ITALIA/MONDO

praga

Rogo in hotel, l'attore Alessandro Bertolucci: "Salvo ma ho visto morire due persone"

violenze su minori

Abusi su due figlie: il "mostro" smascherato da un tema scolastico è il papà

SPORT

tennis

Seppi saluta Melbourne, Nadal e Cilic ai quarti

GAZZAFUN

Cremonese - Parma 1-0: fate le vostre pagelle

SOCIETA'

AUTO

Revisione, tempi, costi e controlli: cosa c’è da sapere. Arriva il certificato

gazzareporter

Dall'Appennino alle Alpi

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

LA MOTO

Yamaha MT-09 SP: la prova