16°

Arte

Gaibazzi, l'avventura della ricerca

Ventesimo anniversario della morte. Dipinti, disegni e opere grafiche di forte tensione conoscitiva. Maestro eclettico in sintonia con i più interessanti fermenti culturali internazionali

Gaibazzi, l'avventura della ricerca

Un'opera di Remo Gaibazzi

0

Proprio oggi sono trascorsi vent’anni dalla morte di Remo Gaibazzi (Stagno di Roccabianca 1915 – Parma 1994), uno degli artisti più eclettici della nostra città, celebrato dalla critica e la cui memoria d’instancabile ricercatore e promulgatore di cultura prosegue con l’Associazione a lui intitolata che offre appuntamenti artistici a cadenza settimanale.Come i più grandi ha tentato varie strade e s’è lasciato sedurre da proposte creative sempre differenti, passando dalla caricatura degli inizi (ha collaborato con giornali umoristici locali e vent’anni con la Gazzetta di Parma) fino all’astrazione concettuale dell’ultimo periodo. Del resto, una vocazione sembra nascere a volte per scherzo, dall’impulso a rileggere la realtà circostante in termini talora ironici, sarcastici, per lui quasi amari. Nella sua prima produzione di vignettista già s’avverte quella riflessione esistenziale che poi si porterà dietro per tutta la vita, fino ad esorcizzarla con l’essenzialità estrema nel colore e nella linea, nel moto ripetitivo delle ultime sperimentazioni. Si parla di forme alla Bacon con dominanti d’ombra nei corpi del periodo figurativo, quindi queste diagonali oscure, queste geometrie inquietanti tornano nei paesaggi architettonici, spesso svuotati di presenze, ma sempre evocanti ossessioni ancora non ben definite. Verrebbe da coniare il termine di espressionismo geometrico, architettonico e poi pop. Questo mondo che lui osserva è sempre più vuoto, i colori s’appoggiano reciprocamente ma rendono un disagio, una solitudine più profonda rispetto alla folle consumistica ripetizione di Andy Warhol. Gaibazzi lascia solo le ombre dalle liquefazioni di Francis Bacon, solo scheletri depauperati di dignità, ritratti di misera umanitá ancor più consunta di quella di Grotz, Dix, Pechstein e infine solo spazi disabitati dalle desolanti periferie di Hopper. Ma sono gli edifici della nostra città, mutilati dall’ombra e quasi apparizioni di superfici private di qualsiasi vita quelle chine e acrilici esposte nella grande mostra del 1970 organizzata in Pilotta dall’Istituto di Storia dell’arte e da Arturo Carlo Quintavalle, che tra i primi riconobbe la forza e la qualità artistica di Gaibazzi, facendolo conoscere e apprezzare fuori dai confini della provincia. Dalla critica sociale, dal neorealismo, da atmosfere al limite del metafisico paragonabili alle città cinematografiche e fotografiche di Antonioni, quindi dall’uomo e dal luogo del suo abitare, la sua ricerca continuò per finire poi alla comunicazione estrema della scrittura, del segno grafico. Gaibazzi approfondì le teorie del gruppo di Tel Quel fondato da Philippe Sollers nel 1960, e del movimento artistico Supports/Surfaces, dei filosofi francesi Gilles Deleuze e Louis Althusser. Così sorsero opere che affrontano il rapporto tra il supporto e la superficie, la sua sostanza espressiva. Il discorso luce-ombra permane nel contrasto tra i materiali sovrapposti, nelle lacerazioni dei segni, quindi nel vortice ossessivo. Dopo aver dipinto la solitudine ne traccia i suoi incubi, i fantasmi della mente. Ci sono parallelismi con i meccanismi versatili di Munari, il segno moltiplicato e simbolico, ma manca l’aspetto ludico, gioioso, rutilante e possibilista, mentre in Gaibazzi il cerchio è vortice ossessivo, la parola che si ripete è infatti «lavoro» nelle opere dell’ultimo periodo sulle quali si è particolarmente concentrata la critica e che hanno costituito buona parte della mostra celebrativa organizzata dal CSAC nel 1996. La riflessione e l’operazione di Gaibazzi è infatti rivoluzionaria sul tema della temporalità, sul valore del cambiamento e dell’evoluzione a volte impercettibile, ma lenta e costante. Quello che conta del «lavoro», di qualsiasi lavoro – ha scritto - non è l’eclatante risultato, il successo, ma la ricerca indefessa, paziente, un’operazione umile e naturale, reiterazione solo apparentemente uguale, come le scritte e le parole che lui ha tracciato su carta o vari supporti, creando dei tessuti ipnotici. Ogni segno è un pensiero e una presenza che materializza l’esistenza. La verità – come per gli orientali – non è nella sostanza individuale e assoluta, ma nella relazione e nel moto costante. Come un mandala. Gaibazzi fa del concetto arte più che dell’arte un concetto. Forse è questo ribaltamento la novità finale della sua opera. Il prossimo anno ricorre anche il centenario della nascita e l’Associazione ha in serbo una mostra e una pubblicazione che riferisca non solo il vasto dibattito critico su di lui, ma anche i suoi scritti e le sue riflessioni sull’arte che l’hanno posto su un piano di confronto nazionale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

calestano

Domenica di carnevale a Calestano con la sfilata

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Top500": la classifica

IMPRESE

Top500 Parma, ecco la classifica completa

Lealtrenotizie

Parma, Frattali out: arriva Davide Bassi in porta

LEGA PRO

Parma, Frattali out: in porta arriva Davide Bassi. Il Pordenone travolge il Bassano

L'estremo difensore era svincolato dall'Atalanta, nel suo passato anche Empoli e Torino

svariati casi a Parma

Ed ecco servita la truffa degli estintori (per i negozi)

1commento

il fatto del giorno

Droga, i numeri dell'emergenza Video

L'anteprima sulla Gazzetta di domani

1commento

in mattinata

Scippa in bici l'iphone ad una ragazza in via Farini: caccia al ladro

6commenti

Parma

Altri due incidenti questa mattina: quattro schianti in poche ore

1commento

INCHIESTA

Strada del Traglione: un viaggio nel degrado

8commenti

ieri sera

Pauroso incidente in Tangenziale Ovest, auto si ribalta: una donna ferita Foto

3commenti

crisi

Copador, settimana decisiva

1commento

questa mattina

Tamponamento in via Mantova: furgone nel fosso

comune

Dopo gli allagamenti: Duc, servizi ripristinati

gdf

Raccolta truffa per bimbi abbandonati: 60enne arrestato davanti al Maggiore

1commento

fotografia

Il "Mercante" secondo il fotografo Fabrizio Ferrari Gallery

comune

Casa: "Positivo il 2016, ma ci mancano 40 agenti" Tutti i numeri

L'assessore ha presentato, con i vertici dei vigili urbani i numeri e il bilancio degli interventi dello scorso anno

1commento

GAZZAREPORTER

Ancora rifiuti selvaggi a San Leonardo Fotogallery

AUTOSTRADA

A1: chiuso il casello di Parma per cinque notti consecutive

SANITA'

Scabbia, l'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

3commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

13commenti

EDITORIALE

Quei politici allergici alla libertà di stampa

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

MILANO

L'Italia della moda si ferma per Franca Sozzani Video

AREZZO

18enne uccide il padre: "Era quello che dovevo fare"

SOCIETA'

IL CASO

Cappato (che rischia 12 anni di carcere): "Dj Fabo è morto"

6commenti

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

SPORT

Ciclismo

Grave caduta per la giovane promessa Marco Landi

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, la nostra pagella

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia