10°

20°

REGIONE

Villani torna in consiglio dopo la sospensione. Ed è subito polemica

Favia "Per mesi la Regione ha pagato tre stipendi inutilmente. Cambiare la legge: chi viene sospeso non deve essere sostituito". Bazzoni: "Favia smemorato"

Giuseppe Villani torna in consiglio regionale

Giuseppe Villani torna in consiglio regionale

3

Il ritorno di Villani 

 

BOLOGNA – L'ex capogruppo del Pdl della Regione Emilia-Romagna Luigi Giuseppe Villani, indagato nell’inchiesta Public Money di Parma, può tornare nelle sue complete funzioni di consigliere regionale.

Il Tribunale di Parma gli ha infatti revocato il divieto di dimora a Bologna, misura cautelare che ancora gli impediva (dopo la revoca degli arresti domiciliari) di continuare a sedere in Assemblea legislativa, in base al 'decreto anti-corruzionè.

La Prefettura di Bologna ha comunicato la revoca del divieto all’Ufficio di Presidenza dell’Assemblea regionale che oggi ha verbalizzato la comunicazione prefettizia.

 

Il reintegro di Villani nelle sue piene funzioni di consigliere regionale verrà comunicato in Aula domani.
La seduta, già convocata in precedenza, si aprirà con la comunicazione della presidente dell’Assemblea, Palma Costi, "sul reintegro del consigliere Luigi Giuseppe Villani – informa una nota ufficiale – ai sensi del decreto legislativo 31 dicembre 2012 n.35 e della legge regionale 11/2013, in seguito alla revoca del divieto di dimora nel comune di Bologna a carico di Villani decisa dal Tribunale di Parma e comunicata alla Presidenza dell’Assemblea dal Prefetto di Bologna lo scorso 10 gennaio".

 

 

La polemica di Favia

"Con il ritorno di Giuseppe Villani ormai siamo alle comiche. Il Consiglio regionale non è una squadra di basket dove i consiglieri possono entrare ed uscire scambiandosi una pacca sulla spalla. Bisogna al più presto cambiare la legge Severino che ci ha portati a questa situazione a dir poco surreale". E' questo il commento di Giovanni Favia, consigliere regionale indipendente, riguardo alla notizia della riammissione in Consiglio regionale dell'ex capogruppo del Pdl, Giuseppe Villani, dopo la revoca della misura cautelare che gli era valsa la sospensione dall'assemblea legislativa.

"Per mesi abbiamo pagato tre stipendi per un solo seggio di consigliere - ricorda Favia - quello di Villani, quello di Giampaolo Lavagetto che gli era subentrato per tre mesi prima di esser sospeso a sua volta, e infine quello di Cinzia Camorali. Adesso oltre al danno si aggiunge la beffa con il ritorno di Villani. Sembra davvero di essere i protagonisti di una barzelletta".

Per Favia serve cambiare la legge Severino che ha prodotto questa situazione a dir poco surreale. "Bisogna cambiarla e farla meglio - conclude il consigliere indipendente - Se un consigliere è sospeso a causa di un provvedimento giudiziario la legge non deve prevedere la sua sostituzione e il suo stipendio deve essere sospeso, senza che gli sia riconosciuta nessuna indennità, così come prevedeva la mia risoluzione approvata dall'Assemblea pochi mesi fa. Tutte questa storia non ha fatto altro che creare dei turisti del consiglio regionale che si sono alternati per pochi mesi su una sedia, proprio come succede in una squadra di basket".

La replica di Bazzoni

 

 “Il Consigliere Favia che si è dimenticato di dimettersi dopo avere sbandierato ai quattro venti che finita la campagna elettorale delle politiche (era candidato con Ingroia) sarebbe uscito dal Consiglio regionale, non perde occasione per dimostrare il suo livore e l’ipocrisia della sua azione politica”. Con queste parole il Presidente del Gruppo Forza Italia in Regione Emilia-Romagna, Gianguido Bazzoni, ha replicato alle dichiarazioni polemiche del Consigliere regionale Giovanni Favia sul ritorno di Luigi Giuseppe Villani nella stessa Assemblea legislativa regionale. “Lo smemorato di Borgo Panigale non dice, infatti – ha proseguito Bazzoni – che Villani ha rinunciato alla indennità ridotta spettantegli per legge con una lettera ufficiale letta dal sottoscritto in aula ed è tornato al suo lavoro di chirurgo cosa che Favia sarebbe impossibilitato a fare perché il suo unico lavoro è la politica”.

“In merito alla necessità di modificare, non solo per questi aspetti, la Legge Severino - Monti – ha quindi concluso il capogruppo berlusconiano – siamo invece pienamente d’accordo. Infatti il furore giustizialista moraleggiante ha solo prodotto dei danni in un ordinamento giuridico in cui è pur sempre in vigore la regola costituzionale della presunzione di innocenza”.

 

 

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Carlo

    13 Gennaio @ 19.06

    Ma la magistratura di Parma lavora per Scherzi a Parte? Mesi fa hanno arrestato, applicato misure restrittive, fatto cadere la giunta di un comune e ora, senza nemmeno arrivare ad un giusto processo che stabilisca se sono stati commessi effettivamente dei reati, ognuno (solo i più potenti, a dire il vero) ritorna al proprio vecchi mestiere o incarico? Se ritenevano che una persona meritasse misure restrittive in quanto poteva esserci pericolo di fuga, di reiterazione del reato o di inquinamento delle prove, perché adesso, come per magia, questo pericolo non dovrebbe più esserci? Tantopiù che, come si diceva, il processo non è ancora nemmeno iniziato? Siamo proprio sempre più una repubblica delle banane!

    Rispondi

  • Andreaparma

    13 Gennaio @ 17.58

    Incredibile! Non riesco a trovare le parole adatte per esprimere la rabbia e lo sdegno che provo.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Blu Trieste

Gazzareporter

Blu Trieste: le foto di Ruggero Maggi

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedì nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo con Emmanuel

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Fare, vedere, mangiare: ecco l'App Pgn

GIOVANI

L'App Pgn è più ricca: scaricala e scopri le novità

Lealtrenotizie

Addio a Valenti, lo sportivo

LUTTO

Addio a Valenti, lo sportivo

ALLARME

Bocconi killer, un nuovo caso

Parma

Maltempo: allerta della protezione civile fino alle 18

Stazione

Quei tombini instabili che tolgono il sonno

Calcio

Parma, la parola ai tifosi

lutto

Fidenza piange il pittore Mario Alfieri

SACERDOTE

Don Ubaldo, da Tabiano alla Siberia

Parma

«La Marina? Un'opportunità per i giovani»

AL REGIO

De Andrè, Cristiano canta Fabrizio

Parma

Auto ribaltata a San Ruffino: 4 feriti

Comune

Ultimo Consiglio: scintille sulla questione Fiera

Dall'Olio: "Multe per 13 milioni, il massimo di sempre". Scontro Bosi-Nuzzo. Parcheggi sotterranei mai costruiti: il Comune pagherà 661mila euro anziché 192mila

6commenti

droga

Spacciava cocaina a Colorno: arrestato

3commenti

INCHIESTA

Nessun soccorso per gli animali selvatici. I cittadini: "Telefonate a vuoto mentre muoiono"

L'assessore regionale Caselli spiega che nessuna associazione del Parmense ha risposto al bando 

6commenti

CREMONA

Grande commozione all'addio a Alberto Quaini

lettere 

"Quei ragazzini che lanciano sassi a Traversetolo"

6commenti

Anteprima Gazzetta

Bocconi killer: avvelenato un cane al Parco Ducale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

REPORTAGE

La guerra delle cipolle nella sfida per l'Eliseo

di Luca Pelagatti

ITALIA/MONDO

maltempo

Torna la neve in Lombardia Video

BOLOGNA

Killer ricercato: rubato nella zona un kit di pronto soccorso

SOCIETA'

medicina

Tre tazzine di caffè al giorno diminuiscono il rischio di cancro alla prostata

IL VINO

La Freisa compie cinquecento anni. Festa con Kyè di Vajra

SPORT

BASEBALL

Gilberto Gerali general manager della Nazionale

Moto

Tragedia nel motociclismo, morto Dario Cecconi

MOTORI

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling

OPEL

La Insignia tutta nuova è Grand Sport