20°

34°

Emilia-Romagna

Inceneritore di Parma- Idv contro la Regione: "Rifiuti da tutta Italia".
Folli: "Promesse di carta straccia"

L'accusa: "Piano approvato senza passare dall'Assemblea". L'assessore all'Ambiente: "Un solo impianto sarà spento in 6 anni". La giunta replica: "La discussione ci sarà"

Inceneritore

Inceneritore

Ricevi gratis le news
12

Polemica sulla gestione dei rifiuti in Emilia-Romagna. L'Italia dei valori accusa la Regione di aver adottato il Piano di Gestione dei rifiuti senza discussione in Assemblea, di fatto facendo cadere la gestione provinciale dei rifiuti. L'assessore all'Ambiente del Comune Gabriele Folli conferma le accuse, parlando di "metodo regionale di prevaricazione" e di "promesse di carta straccia" sulla gestione provinciale dei rifiuti. 
Attraverso una nota, il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale Alfredo Bertelli assicura che la discussione in Assemblea legislativa ci sarà. 

L'ITALIA DEI VALORI ACCUSA: "PIANO APPROVATO SENZA DISCUSSIONE, RIFIUTI DI TUTTA ITALIA NEGLI INCENERITORI DELL'EMILIA-ROMAGNA". «Colpo di mano della Giunta, il piano rifiuti è legge senza discussione in Assemblea legislativa»: l'accusa arriva da Sabrina Freda, ex assessore regionale all’Ambiente, ora segretaria dell’Idv dell’Emilia-Romagna.
«Con un vero e proprio colpo di mano - scrive in una nota - la Giunta regionale ha adottato il Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti senza la preventiva discussione in Assemblea Legislativa. Il Piano Rifiuti è legge e rende lettera morta i Piani provinciali che definivano l’autosufficienza territoriale: in base al comma 2 dell’articolo 24 delle norme tecniche del nuovo Piano, con l’adozione scatta infatti il periodo di "salvaguardia", cioè una fase (che può durare fino a cinque anni secondo quanto stabilisce l’articolo 12 della legge regionale 20/2000) in cui le previsioni dei Piani provinciali cessano di trovare applicazione».
Nonostante le tante rassicurazioni politiche, secondo Freda «già da domani gli inceneritori dell’Emilia-Romagna potranno dunque essere saturati con i rifiuti provenienti da tutta Italia, secondo quanto previsto dal comma 3 dell’articolo 18 delle norme tecniche del nuovo Piano rifiuti, che recita come negli inceneritori della nostra regione sia "consentito trattare anche quote di rifiuti speciali nei limiti della capacità autorizzata disponibile"».
Per l’esponente Idv «è chiaro una volta di più che gli interessi di Hera e Iren la fanno da padrone». Alla Regione, chiede «di rinunciare a questa imposizione» e di portare il Piano Rifiuti in Assemblea, «consentendo l’opportuno dibattito prima che scatti il periodo di salvaguardia».

L'ASSESSORE FOLLI: "METODO REGIONALE DI PREVARICAZIONE. DISATTESE LE PROMESSE DI UNA GESTIONE PROVINCIALE DEI RIFIUTI". Attraverso un comunicato, l'assessore comunale all'Ambiente Gabriele Folli avalla le accuse dell'Idv, parlando di «metodo regionale di prevaricazione». «Confermiamo il modus operandi della Giunta Regionale - scrive Folli - che sta adottando il nuovo Piano senza essere passata per una doverosa discussione in assemblea legislativa. Cosa assai grave se si pensa che un piano di questa portata coinvolgerà i cittadini emiliano-romagnoli per i prossimi 15 anni». 
Secondo Folli sono state disattese le promesse di una gestione esclusivamente provinciale dei rifiuti: «Fatto ancora più grave è che il piano già da oggi sembrerebbe superare le precedenti pianificazioni provinciali, di fatto rimuovendo i vincoli su cui sono state date ampie rassicurazioni circa la provenienza dei rifiuti dal solo ambito provinciale di Parma. Adesso possiamo dirlo: sono state promesse di carta straccia. Con gli altri Comuni e l’Anci regionale abbiamo sollecitato una discussione con Bologna, che si è impegnata a valutare le nostre proposte di modifica del Piano: l’obiettivo è di ridurre il ricorso a discariche ed inceneritori».
Folli conclude: «Il Piano Regionale così com’è stato presentato prevede un solo impianto in spegnimento tra sei anni, quando è stato ampiamente dimostrato che la riduzione degli inceneritori è possibile anche grazie all’aumento potenziale della raccolta differenziata. A Bologna chiediamo espressamente che senso ha mantenere accesi praticamente gli stessi impianti alla massima capacità, quando è chiaro ormai che già ora non ci sono abbastanza rifiuti in regione». 

LA REPLICA DELLA GIUNTA: "NESSUN BLITZ, IL PIANO RIFIUTI DELLA REGIONE STA PER ESSERE DISCUSSO IN ASSEMBLEA LEGISLATIVA". (comunicato stampa della Regione Emilia-Romagna) “Nessun blitz, il Piano rifiuti della Regione sta per essere discusso in Assemblea legislativa e le sue finalità sono quelle di garantire l’autosufficienza non consentendo l’uso degli impianti per rifiuti provenienti da altre regioni”.
Il sottosegretario alla Presidenza della Giunta regionale, Alfredo Bertelli, così replica alle dichiarazioni del consigliere Favia, che aveva parlato di “un colpo di mano che scavalca l’Assemblea”.
“Vorrei rassicurare Favia che non c’è nessun colpo di mano e nessun blitz - afferma Bertelli -, tutt’altro: il nuovo Piano rifiuti della Regione Emilia-Romagna sarà discusso in Assemblea legislativa e già a partire dal prossimo 27 febbraio è stata programmata la Commissione Territorio e Ambiente. Deve essere chiaro che questa da sempre è la scelta della Giunta, cioè un piano dibattuto dal Consiglio e che dispieghi i suoi effetti solo dopo l’approvazione finale da parte dello stesso”.
“Come è nelle norme regionali – conclude il sottosegretario -, tutti gli atti di programmazione prevedono nel passaggio dalla Giunta all’approvazione in Assemblea una salvaguardia, grazie alla quale non sarà possibile dare nessuna nuova autorizzazione in contrasto con le finalità del Piano, a garanzia delle prerogative dello stesso Consiglio”. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Maurizio

    24 Febbraio @ 19.32

    Si si lei ha ragione.... http://www.parmaunita.it/comunicati-stampa/195/biciclettata-di-parma-unita-sulle.aspx Tra l'altro la ringrazio perchè mi ha fatto ricordare tante contraddizioni della politica che avevo dmenticato, persone che criticano l'attuale amministrazione perchè fa cose che loro stessi avevano proposto come la rivitalizzazione dell'oltretorrente per apertura di attività tipiche..... Alcune iniziative poi fanno ricordare che la città era sporca anche prima dei 5 stelle, infatti in campagna elettorale alcuni politici hanno preso gli attrezzi e iniziato a pulire.... Perchè non lo fanno adesso?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    24 Febbraio @ 11.49

    SIGNOR MAURIZIO , di quel che dice Ghiretti non mi può importar di meno ! Ma, "se non potremo fermarlo , lo affameremo" lo hanno detto Folli e Pizzarotti , non Ghiretti !

    Rispondi

  • Maurizio

    23 Febbraio @ 21.19

    Ok signor vercingetorige, detto da pizzarotti e folli è sbagliato, detto da ghiretti è giusto vero?

    Rispondi

  • Vercingetorige

    23 Febbraio @ 11.20

    NO ! NEANCHE PER SOGNO ! COME PUO' ESSERE RISCONTRATO ANCHE CONSULTANDO L' ARCHIVIO DELLA "GAZZETTA" , la frase "se non riusciremo a distruggerlo lo affameremo" è stata detta e ripetuta da esponenti della "Gestione Corretta (sic ! ) dei Rifiuti" e da esponenti del "Movimento 5 Stelle" , in primo luogo dall' assessore Folli e fors' anche da Pizzarotti. Guardarsi allo specchio prima di parlare di "coerenza" !

    Rispondi

  • Maurizio

    23 Febbraio @ 10.01

    Non bisogna parlare di remunerazione solo in senso economico perchè non è il termine corretto, gli inceneritori di parma per come sono stati concepiti bruciando poco non farebbero il loro lavoro ma si limiterebbero appunto solo a smaltire senza produrre nulla in termini di energia e acqua calda per teleriscaldamento motivo per cui ad esempio dal nord europa accettano i rifiuti di napoli con un costo per il comune notevolmente inferiore rispetto allo smaltimento nell'inceneritore non solo di acerra ma di tutta italia, su questo bisognerebbe ragionare, perchè costa così tanto smaltire? chi ci guadagna? Comunuqe la famosa frase del commento delle 10:54 non fu pronunciata dai grillini o dai gestori corretti dei rifiuti ma da Ghiretti, solo che una frase del genere pronunciata da Ghiretti è cosa buona e giusta mentre pronunciata da altri è sbagliata.... Ah la coerenza!

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Conferenza stampa per l’uscita di “Gracias a la vida” il singolo di Gessica Notaro

MUSICA

Esce il 23 agosto "Gracias a la vida", il singolo di Gessica Notaro

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

calestano

Mai dire Baganzai, il video dei Trapiantati vince (anche) per acclamazione

Madonna festeggia il suo compleanno ballando la pizzica in Puglia

social network

Madonna balla la pizzica alla sua festa di compleanno in Puglia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e giocali subito

GIOCHI ESTIVI

Gazzafun, ecco i 7 quiz top: scoprili e gioca subito

Lealtrenotizie

Amici e centro d'accoglienza di Cianica sotto shock per la morte di Diawara

BORGOTARO

Annegato dopo un tuffo: amici e operatori sotto shock per Diawara Video

Si cerca di contattare i parenti in Costa D'Avorio

Lutto

Addio al medico Giovanni Mori

temperature

Torna l'allerta caldo: verso un giovedì e un venerdì a oltre 35°

chiesa

Parroci, si cambia. Dalla città alla montagna: le nomine del vescovo

Il saluto degli "storici" don Mora e don Fontana. Novità anche per Marano, Langhirano, Corniglio

1commento

Parlamento

OpenPolis, Pagliari guida la top ten della produttività

Il senatore il più presente, al voto il 97,41% delle volte

Tg Parma

Parma, Caputo vuole un club ambizioso. Evacuo e Giorgino ai saluti Video

Tg Parma

Ferragosto a Parma, qualche turista e città chiusa per ferie. San Paolo compreso Video

STAZIONE

Parcheggi «kiss and go»: dopo 15 minuti a Parma scatta il pedaggio Foto

Carabinieri

Parma malata di sballo, parla chi lotta contro la droga

3commenti

gazzareporter

Ferragosto: "picco" di materassi abbandonati vicino ai cassonetti Foto

Segnalazioni e foto su via Nello Brambilla (zona Montebello) ma anche viale Duca Alessandro e strada Sant'Eurosia

acqua

Guasti alle tubature: Fontevivo e Berceto senz'acqua

Lucchi: "Chi innaffia è un criminale. Farò piombare i contatori ai trasgressori"

2commenti

gazzareporter

"C'è chi ha dimenticato le valigie in città..." Foto

2commenti

incidente

Caduta in moto: paura per marito e moglie a Viazzano

2commenti

Stazione

Pusher in guerra per la gestione dello spaccio

8commenti

incendio

Sterpaglie a fuoco a Noceto vicino alle case

Incidente in montagna

Precipitata per 50 metri sul Cusna: resta in Rianimazione la 42enne ferita

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

1commento

GAZZETTA

Oggi il quotidiano non sarà in edicola. Tutte le notizie sul nostro sito

ITALIA/MONDO

roma

Donna fatta a pezzi: trovati busto e testa in cassonetto. Il fratello confessa

giallo

Modella rapita e messa all'asta: un arresto in Gran Bretagna

SPORT

Tg Parma

Parma, cercasi punta: Caputo in pole, idee Antenucci e Ceravolo Video

Gossip Sportivo

Diletta Leotta, anche il compleanno è social

SOCIETA'

ZURIGO

"Ebrei fatevi la doccia": proteste per l'avviso in una piscina svizzera

montanara

«D(io)», la web series dell'ottimismo: un inno alla passione

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti