10°

22°

politica

Dall'Olio: "Non ha mantenuto le promesse: ecco perché Grillo scomunica Pizzarotti"

Il capogruppo Pd: "Dall'inceneritore al trasporto pubblico: doveva essere un rivoluzionario ma ha prevalso l'opportunismo"

Dall'Olio: "Non ha mantenuto le promesse: ecco perché Grillo scomunica Pizzarotti"
Ricevi gratis le news
10

 

"L'amministrazione Pizzarotti si è dimostrata tutto tranne che rivoluzionaria. Ha prevalso l'opportunismo, l’istinto di sopravvivenza, l'accomodamento con i poteri della città, la difesa non tanto della rivoluzione quanto della propria carica. E nel tempo è cresciuta in Pizzarotti la presunzione di autonomia dai capi indiscussi del movimento".

Il capogruppo Pd Nicola Dall'olio la legge così la scomunica di Grillo al sindaco Pizzarotti. "I consiglieri comunali 5 stelle ci hanno sempre raccontato che Grillo è solo il megafono del movimento e non interferisce sulle scelte dell’amministrazione Pizzarotti. Con le scomuniche via web degli ultimi giorni, la maschera è ormai calata anche per loro. Beppe Grillo, insieme all’entità oscura Casaleggio, non è il megafono del movimento, ma il capo dispotico e assoluto e l’unico detentore del marchio 5 stelle. Chi non sta con lui viene cacciato fuori dal firmamento penta stellato - scrive in una lunga nota -.Bisogna proprio non avere studiato la storia per rimanere sorpresi da quanto sta accadendo al M5S. Il M5S è un movimento rivoluzionario, non violento, ma rivoluzionario". 

"Come tutti i movimenti rivoluzionari - continua Dall'Olio -non può ammettere contaminazioni o intelligenze con il sistema che intende abbattere. Deve difendere costantemente e in modo intransigente la propria purezza e dottrina a pena di perdere coesione, slancio rivoluzionario, identità. La rivoluzione è il bene supremo che va difeso dalle derive dei singoli adepti che possono, in ogni momento, essere sostituiti. In altri contesti storici chi deviava, o non era all'altezza degli ideali della rivoluzione, veniva ghigliottinato o fucilato. Ora viene messo alla gogna del popolo della rete, una ristretta minoranza di zeloti che si lascia condizionare dalle indicazioni del capo supremo e funge da boia web.
La principale colpa di Pizzarotti agli occhi di Grillo è di non essere più, e probabilmente non essere mai stato, rivoluzionario. Dopo avere promesso in campagna elettorale lo stop all'inceneritore, Pizzarotti, una volta eletto, non ha avuto il coraggio e la forza di immolarsi per fermarlo ad ogni costo, come aveva invece garantito Beppe Grillo al Dies Iren (“dovranno passare sul cadavere di Pizzarotti” - i rivoluzionari si sa vanno sempre alla guerra per interposta persona). Sulla gestione dei servizi, Pizzarotti ha fatto nuovamente il contrario di quanto da anni va proclamando Grillo. Mentre il megafono del movimento era in piazza a Genova a urlare contro la privatizzazione del servizio di trasporto pubblico locale, Pizzarotti dava il via libera alla vendita ai privati del 49% di Tep, la società di trasporto di Parma. E lo stesso è stato fatto sui servizi per l'infanzia nonostante nel programma ci si fosse impegnati a reinternalizzare il servizio. Così come non si è visto alcun reale contrasto al consumo di suolo e ai centri commerciali. La lista è lunga e potrebbe continuare.
A parte i primi maldestri mesi di apparente contrapposizione al pre-esistente sistema di potere, l'amministrazione Pizzarotti si è dimostrata tutto tranne che rivoluzionaria. Ha prevalso l'opportunismo, l’istinto di sopravvivenza, l'accomodamento con i poteri della città, la difesa non tanto della rivoluzione quanto della propria carica. E nel tempo è cresciuta in Pizzarotti la presunzione di autonomia dai capi indiscussi del movimento.
Il problema per Grillo è che mentre i parlamentari si possono decimare i Sindaci no. Ce ne è uno solo. Espellere Pizzarotti significa perdere l'unica città capoluogo in cui la presunta rivoluzione è al potere. Al momento non se lo può permettere. E in ogni caso deve prima creare le condizioni mediatiche affinché Pizzarotti sia visto come un eretico pericoloso e fuori controllo agli occhi del tribunale del popolo della rete. La questione vera è ora all'interno della maggioranza 5 stelle in Consiglio comunale. Cosa faranno i 21 consiglieri? Prenderanno le parti di Pizzarotti, rinnegando il movimento per salvare l’amministrazione e dare vita a un nuovo civismo di palazzo, oppure sacrificheranno il sindaco e sé stessi sull’altare della rivoluzione grillina?"

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Greg

    04 Marzo @ 16.00

    E' molto tempo che vado dicendo che l'inciucio Pizzarotti- PD locale è avvenuto da due anni. Gli unici a non accorgersene sono i grillini infatuati dall'ipnotizzatore miliardario. Queste sono solo manfrine da dare in pasto agli abboccatori. L'inizio del mandato di Pizzarotti avviene con un regalo al PD parmense e regionale:il Teatro Regio. Basta vedere come il PD ha fatto e sta facendo opposizione per capire che l'accordo è andato in porto. Anche la battaglia di facciata contro l'inceneritore è stata una resa ad interessi superiori. Il fenomeno grillino è nato prevalentemente in Emilia-Romagna e avviluppato nell'abbraccio paterno di un PD che governa dal dopoguerra è già stato addomesticato. A Parma si è votato per un cambiamento ma si è solo spostato l'asse del potere sulla sinistra che solo con l'avvento di uno pseudogrillismo edulacorato ha la speranza di riconquistare il feudo ducale. I giochi sono già stati fatti e i debiti saldati. Ora dovremo sorbirci questi strepiti studiati a tavolino per marcare dei ruoli già stabiliti. Una pellicola da parrocchia anni 50. Qui le stelle sono già divenute da addobbo carnevalesco.

    Rispondi

  • Valerio

    04 Marzo @ 14.53

    raq.cantiere.hera@gmail.com

    Sempre comodo parlare al di la' del muro vero? come ogni bravo italiano che al lunedi mattina parla di calcio e commenta la partita mettendosi al posto dell'allenatore... e bravi!

    Rispondi

  • gibi

    04 Marzo @ 14.53

    Bel discorso! E poi vi alleate con la destra! Ma vi siete accorti almeno che continuate perdere voti. Almeno il M5S è coerente, niente alleanze, chi non è s' accordo può andare con il PD. TANTO VOI ACCOGLIETE TUTTI PER AVERE UNA SEDIA!

    Rispondi

  • MrBarnaby

    04 Marzo @ 12.48

    Complimenti per l'analisi storico-politica effettuata dal consigliere Dall'Olio. A questo punto il suo prossimo passo non può essere che chiedere l'ingresso nel gotha dei 5 stelle per poi candidarsi alle prossime amministrative.

    Rispondi

  • Enzo

    04 Marzo @ 12.35

    dall'olio, è inutile che ti scaldi: tanto anche se cade il sindaco, il pd candida bernazzoli o la soliani o peri e faranno la campagna elettorale contro berlusconi

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Jovanotti annuncia nuovo tour, album esce 1 dicembre

MUSICA

Jovanotti nuovo album e nuovo tour

Oscar: è A ciambra il candidato italiano

cinema

E' "A ciambra" il candidato italiano agli Oscar

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter dalla pornostar

storie di ex

Tino attore hard? L'ennesima proposta arriva via Twitter da una pornostar

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Via S. Leonardo: "La casa delle associazioni" nel mirino dei ladri

PARMA

San Leonardo, la Casa delle associazioni nel mirino dei ladri Video

E' intervenuta la polizia

il parma

Carra: "4 squadre più attrezzate di noi per la A. Puntiamo ai play-off"

bassa

Colorno-Casalmaggiore: l'esercito esclude l'ipotesi di un ponte di barche Video

Curiosità: un ponte di barche in una foto del 1920 dal libro Ricordo di Colorno di Franco Piccoli

2commenti

BARILLA

Il futuro della pasta secondo 19 giovani chef. Video: "The Pasta Opera"

Al via il "Pasta world championship" fra Milano e Parma. Il "campionato" ha una giuria internazionale

PARMA

Moletolo e Botteghino: due investiti in poche ore

Scontro auto-bici a Botteghino: un ferito. Davanti alla Overmach, dirigente dell'azienda investito da un'auto

Allarme

Tetti in eternit nell'ex fornace di Felegara: la paura dei cittadini

2commenti

salsomaggiore

Da mercoledì, una stagione da vivere con il Teatro Nuovo. Tutto il programma

CROCETTA

Scontro in via Emilia Ovest

PARMA

La Comunità nigeriana organizza una marcia contro razzismo, illegalità e violenza

Appuntamento domenica 1° ottobre

FIDENZA

Uova contro le vetrine dei negozi

Volontariato

Assistenza pubblica, numeri da record

boretto

La sorella di Bebe Brown: «Ancora troppi misteri sulla sua morte»

Sabato 7 ottobre il funerale

PARMA

Foto in vendita a Mercanteinfiera per aiutare Giocamico Video

Francesca Bocchia spiega i dettagli dell'iniziativa al padiglione 4 della fiera

FACCIA A FACCIA

Ateneo al voto, candidati a confronto

CANTIERI

Tangenziale Sud di Fidenza: iniziati i lavori

COLLECCHIO

Gli agenti fermano un camionista ubriaco e scoprono una storia di sfruttamento 

Un 48enne romeno è stato multato e gli è stata ritirata la patente. Lavora in condizioni molto dure e per pochi soldi per un'agenzia intestata a un italiano

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La piccola vittoria di una grande Merkel

di Paolo Ferrandi

1commento

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

Social network

Mosca contro Facebook: "Sposti i server in Russia o sarà fermato come Linkedin"

CARABINIERI

'Ndrangheta, maxi-operazione in Lombardia: anche un sindaco fra i 27 arrestati

SPORT

Formula 1

Kvyat silurato dalla Toro Rosso

MOTOCROSS

Kiara Fontanesi si mette «in piega»

SOCIETA'

germania

Il tedesco arrabbiato: "Ora vi dico io come si dice Bmw, Porsche..." Video

Fisco

Spesometro: una settimana di proroga

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery