17°

32°

polemica

Festival Verdi - Ghiretti: «Cambiare rotta subito»

Roberto Ghiretti

Roberto Ghiretti

Ricevi gratis le news
2

"Il Teatro Regio ha ricevuto in questi giorni una sonora bocciatura"

«Il Teatro Regio ha ricevuto in questi giorni una sonora bocciatura dal ministero che ha negato i fondi per il Festival Verdi 2014 - scrive in una nota il consigliere comunale Roberto Ghiretti, di Parma Unita -. Al netto della sterile discussione sulla mobilitazione di parlamentari che dovrebbero intercedere per la nostra città, mi pare che una considerazione si imponga in seguito a quanto avvenuto: il Festival Verdi, così com'è, non è oggettivamente finanziabile. Una manifestazione in nome di Verdi che mette in campo un'opera al Regio e una a Busseto non può legittimamente aspirare a contributi nazionali di rilievo. Sia chiaro che questo mio intervento non vuole certo essere una difesa d'ufficio del Ministero, ma piuttosto uno necessario spunto autocritico che consenta, magari, di uscire dalle secche nelle quali ci siamo incagliati in questo paio d'anni.

I soldi, le risorse; sull'ipotetica loro mancanza abbiamo assistito in questi mesi a politiche di una miopia eccezionale. Progetti culturali la cui unica chiave di lettura è stata spendere poco per avere molto meno, l'ultimo dei quali è proprio questo Festival Verdi 2014.

Eppure a guardare bene di soldi al Regio ne sono arrivati tanti in questi anni e i risparmi non sono sempre andati in una direzione ragionevole. Come giustificare diversamente il fatto che, prendendo come riferimento i contributi del Fus per il 2013, lo stipendio del sovrintendente a Milano incide per l'1,7%, a Torino per l'1,4%, a Verona per l'1,3%, a Venezia per l'1,2%, mentre a Parma il compenso dell'amministratore esecutivo incide per il 10,7% sul contributo statale? Com'è possibile poi che il Direttore artistico del Teatro Regio di Parma sia al quarto posto tra i più pagati, superato solo dai colleghi della Fenice di Venezia, della Scala di Milano e dell'Accademia di Santa Cecilia di Roma? I soldi saranno anche pochi, ma per qualcuno ci sono eccome!

Questo mancato finanziamento deve per noi diventare il punto dal quale ripartire per rilanciare non solo il Teatro Regio, ma l'intera politica culturale musicale cittadina. Ecco alcune proposte che meriterebbero una riflessione corale:

1) Se non ci sono le energie per mettere a punto una stagione lirica e un festival degni di questo nome si proceda a realizzarne una sola di livello accettabile. Ragioniamo con il comparto turistico per individuare il periodo più utile di programmazione sotto il profilo dell'incoming e torniamo a lavorare sulla qualità dell'offerta musicale.

2) Guardiamo alle professionalità cittadine, che sono ampie e meritevoli, per dare una nuova governance al Teatro i cui costi siano accettabili

3) Mettiamo in rete le diverse emergenze del settore dando vita ad un ideale “Parco della Musica” che abbracci Teatro Farnese, Monumento a Verdi, Teatro Regio, Casa della Musica, Casa natale di Toscanini e Palazzo del Governatore. Un festival non ha alcun senso se non vive all'interno di una rete forte di eccellenze musicali di cui, per altro, siamo ampiamente dotati.

4) Rafforziamo il rapporto con la Fondazione Toscanini ma su basi completamente diverse da quelle che vediamo in atto oggi. I due enti si possono aiutare vicendevolmente, ma non possiamo più consentire che il Regio ceda importanti asset senza nulla o quasi in cambio. Occorrono progettualità, idee e gestioni condivise, non nuovi soggetti gestionali che producono altre poltrone da finanziare.

Su queste proposte chiederò che si avvii un dibattito serio in Consiglio comunale affinché si possa rapidamente cambiare rotta, ma è la città tutta che oggi come non mai deve stringersi attorno al suo teatro e chiedere politiche più efficaci per il futuro del Regio».

Roberto Ghiretti

Parma Unita

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Greg

    05 Luglio @ 11.53

    Comprato anche Ghiretti? La longa manus del potere regionale targato Errani è arrivata a far dire a Ghiretti che bisogna allacciare un rapporto più stretto con la Toscanini. E' proprio la sua presenza che ostacola il respiro internazionale del Festival. L'orchestra è regionale e teoricamente dovrebbe rappresentare le città della regione(di fatto ne rappresenta solo poche). Immaginate che la sua vocazione si trasformasse in orchestra del Festival Verdi: cosa direbbero le altre città che la finanziano loro malgrado? Coglierebbero l'occasione per trarsi fuori da questa spesa inutile. E la regione potrebbe continuare a finanziarla non essendo più di fatto una ICO? Possono le casse del comune di Parma permettersi di pagare un'orchestra stabile a cui vanno pagati gli stipendi 13 mesi l'anno? Povero Ghiro, parla senza sapere cosa dice. Il festival era rispettabile e rispettato prima, quando lavorava in proprio e aveva la possibilità di vendersi anche all'estero in ogni momento e non dovendo rispettare gli impegni precedentemente presi con S.Giovanni in Persiceto. Il PD ha voluto questa conversione provincialistica per piazzare i suoi uomini e la sua orchestra e Pizzarotti ha detto si per puro calcolo politico. Ghiretti apri gli occhi e non rischiare di passare come l'utile idiota.

    Rispondi

  • Giovanna

    05 Luglio @ 09.56

    Attenzione il "Ghiro si è svegliato"! Tutti al riparo prima che ci tramortisca con la sua mitraglia verbale micidiale! Gio

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

INCHIESTA

Stu Pasubio, indagine chiusa. Ecco le accuse della Procura

12commenti

rapina

Piazza Garibaldi, ore 21: rapina con il coltello

3commenti

Tragedia

Cade in montagna, muore l'urologo Poletti

1commento

tg parma

Parma, Matri ad un passo: sì del giocatore, oggi nuovo incontro Video

calcio

Parma, oltre 7.200 abbonamenti. In attesa del colpaccio

corte godi

Furgone in fiamme: e l'incendio rischia di estendersi ai balloni

Furti

Due assalti in dieci giorni alla scuola Sanvitale

TRA FEDE E ARTE

Viaggio inedito nel Duomo «invisibile» Foto

tragedia

Barca prende fuoco e affonda nel Po, 65enne muore annegato Video

La vittima, Marco Padovani, era di Trecasali

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti