14°

28°

politica

Nuove bordate tra maggioranza e il dissidente Nuzzo

Nuove bordate tra maggioranza e il dissidente Nuzzo
Ricevi gratis le news
2

Il finale è particolarmente duro: "Dispiace, ma riconosciamo la libertà individuale - scrive in una nota il gruppo di maggioranza 5 Stelle -. Anche di prendere gettoni di presenza per poi fermarsi alle commissioni giusto per il proprio monologo e di sedere nei banchi di una maggioranza che disconosce senza cedere la poltrona. Molto vecchia politica.
Dica consigliere: con i suoi 151 voti, presentandosi con qualunque altro schieramento dove si collocherebbe?
Ricordi che sotto i portici del Grano vige il divieto di bivacco". Ovviamente il bersaglio è Mauro Nuzzo, il dissidente che - continuando a riconoscersi nel Movimento 5 Stelle ma non nell'operato della Giunta Pizzarotti - oggi siede nel gruppo misto.

Nuzzo che in queste ore ha polemizzato nuovamente contro l'assessore alla Cultura Laura Ferraris e la vicenda del Centro Cinema Lino Ventura. E che ha poi subito replicato alla nota del suo gruppo.

"La volontà di disinformazione non dovrebbe mai essere perseguita da chi ha ruolo di rappresentanza in ambito pubblico. Non dovrebbe poi nemmeno mancare il rispetto. - inizia la nota del gruppo consigliare 5 Stelle - Al consigliere Nuzzo sembrano sempre più mancare tali presupposti, racconta fatti senza esserne a conoscenza.
Il progetto di riorganizzazione del sistema bibliotecario e cinematografico affronta la situazione di dieci anni di grande trascuratezza.
Ci dispiace se non lo condivide, ma non ne siamo stupiti, in quanto per il consigliere Nuzzo quello che vale è solo il suo pensiero, quello della maggioranza non importa".
"Da oltre un anno - continua la nota -  il consigliere Nuzzo ha smesso di considerare importante il partecipare al confronto su tematiche concrete, scegliendo la visibilità personale e mediatica in forte contrasto con i principi dello stesso Movimento 5 stelle. Diversamente avrebbe molto più chiaro lo stato di carenza manutentiva che la nostra amministrazione sceglie di affrontare con un impegno di spesa concreto. Forse dal suo punto di vista rifare impianti, procedere ad interventi strutturali e di copertura e di messa in sicurezza non è importante. In altro modo rinnovare gli strumenti informatici, attivare spazi dedicati ai cittadini più giovani in collaborazione con diversi settori, ripensare la biblioteca come luogo di relazione e di bellezza, rinnovando arredi e disposizione degli ambienti, non è rilevante. Probabilmente è disturbato dal fatto che il sistema bibliotecario trovi un coordinamento tra le diversi sedi da un punto di vista funzionale e progettuale. Sicuramente non vuole che Parma si configuri come un distretto cinematografico riconosciuto con un Centro Cinema Lino Ventura davvero degno del suo nome, in una sede rinnovata con spazi adeguati e competenze in grado di farsi davvero riferimento per un settore di grande rilievo produttivo.
Certo disprezza la collaborazione con l’Università degli studi di Parma, disconoscendo il ruolo di riferimento a livello di ricerca e formazione".
E incalza ancora: "Rifiuta il consigliere Nuzzo, che il patrimonio della videoteca comunale sia messo a disposizione dei cittadini in orario prolungato a pochi passi dalla sede attuale e che dvd, libri e riviste siano a disposizione diretta e non rinchiusi in spazi non accessibili. Non riconosce l’importanza che all’interno dell’Ospedale Vecchio, oltre al rientro dell’Archivio di Stato, trovi luogo uno spazio per famiglie e bambini, soddisfatto di una biblioteca centrale che non ha una sezione 0-14.
È sconvolto dalla volontà di questa amministrazione di volere una biblioteca per il quartiere Pablo, partita non facile, ma alla quale non intendiamo rinunciare.
Non apprezza la serietà e la competenza del personale nel lavorare assiduamente per il perseguimento di questi obiettivi, ma pretende con veemenza quanto non gli è dovuto".

La replica di Nuzzo

"Gentili componenti Gruppo consiliare di maggioranza, Movimento 5 Stelle (?) Parma - è la replica di Mauro Nuzzo -Mi ascrivete parole e pensieri da me non detti né espressi. Non dite nulla invece sulle critiche alla assenza di percorsi realmente condivisi con la cittadinanza sul merito del Centro cinema Lino Ventura. Ogni miglioramento sarà da me sostenuto e apprezzato diversamente mi pongo invece verso ogni decisione calata dall’alto, da qualsiasi parte questa provenga. Ad integrare il vostro scritto vi ricordo che la mia ultima partecipazione a riunioni di maggioranza dove risultavo in posizione di forte minoranza rispetto a molte vostre posizioni (vedasi Ikea, palazzo del Governatore, Cultura..) risale ad aprile e a conti fatti un anno non è ancora passato".

E poi c'è un passaggio indirizzato al presidente della Commissione Cultura Andrea De Lorenzi: "Quando si riportano mail intercorse tra le parti per correttezza (anche minima) si riportano anche quelle scritte dagli altri partecipanti, comprese quelle dei consiglieri di opposizione, non solo le proprie. Certo che avremo occasioni e luoghi istituzionali per sostenere le reciproche posizioni in modo maggiormente esaustivo.".

Già in mattinata Nuzzo aveva replicato alle parole di De Lorenzi, accusandolo di non voler convocare su certi temi la commissione e di farlo unicamente se costretto per regolamento. Ecco la nota integrale.

"Gentile presidente Andrea De Lorenzi,
non ho coinvolto lei nel mio comunicato non perché non abbia responsabilità perlomeno oggettive in quanto presidente della commissione Cultura, ma per l'affetto che le porto e perché sono consapevole che non dipendono da lei né scelte né metodi. Ricopre il ruolo di presidente perché glielo ha chiesto il sindaco (dopo le mie dimissioni) e ricorderà che le sconsigliavo di farlo visto il suo noviziato nella materia per la quale è chiamato a dirigere la commissione.
Le abbiamo chiesto (Nuzzo, Bizzi, Ghiretti) attraverso mail la convocazione di tre commissioni.
Una per l’audizione di Fontana e Arcà (Teatro Regio), una sul sistema bibliotecario e Centro cinema Lino Ventura ed una sui rapporti tra AterConsorzio e Teatro Regio e la formazione di un nuovo consorzio tra Teatro Regio e Fondazione Toscanini.
Ha concesso attraverso la semplice richiesta via mail solo quella relativa alla audizione di Arcà e Fontana, per quella sul sistema bibliotecario e Centro Cinema sono dovuto invece ricorrere al protocollo (Nuzzo, Bizzi, Vescovi) e alla formalità del regolamento, si è trovato così nella necessità di convocarla entro dieci giorni come regolamento, in caso contrario il suo ruolo di presidente sarebbe venuto meno.
Per la richiesta della terza commissione (AterConsorzio, Teatro Regio e Fondazione Toscanini) non ha ancora deciso di convocarla. Anche in questo caso, vista la sua/vostra disponibilità, ricorrerò al protocollo e dovrà indire la commissione entro dieci giorni.
Come può facilmente notare tra il concedere ed essere obbligati a farlo la differenza sembra essere consistente. Per il resto del suo dire preferisco non commentare ritenendo il suo scritto in grado di commentarsi da se".

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Nicola

    21 Settembre @ 11.36

    Caro Gruppo Consigliare di Maggioranza MoVimento 5 Stelle, il vizio di fondo del vostro ragionamento sta proprio nella premessa: “Il progetto di riorganizzazione del sistema bibliotecario e cinematografico affronta la situazione di dieci anni di grande trascuratezza.” Com’è possibile che il progetto di riorganizzazione venga steso in tutta segretezza e senza coinvolgere la comunità ? Com’è possibile che il progetto di riorganizzazione venga steso dalle stesse persone responsabili dello stato delle cose ? Nel vostro programma c’erano indipendenza dai poteri forti, trasparenza e reale potere ai cittadini. Vi consiglio caldamente di meditare su quanto dice Andrea Mora di “Leggere tra le ruspe” qui sotto e sui commenti dei 1500 (millecinquecento) cittadini che vi dicono in coro che l’idea di chiudere (chiudere) il ‘luogo dell’anima’ Centro Cinema “Lino Ventura” è un errore madornale. Li avete letti ? Quanto a Mauro Nuzzo, sta facendo il proprio dovere, coerente con il programma elettorale con cui avevate guadagnato la fiducia dell’elettorato: mi auguro che abbia la forza di carattere di resistere alle vili randellate di un “cerchio magico” spaventato ed arroccato su se stesso. “You can fool all the people some of the time, and some of the people all the time, but you cannot fool all the people all the time”. E ve lo dice Lincoln, oltre che Nuzzo.

    Rispondi

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti