14°

INCENERITORE

Sblocca Italia, via libera ai rifiuti da fuori. Ed è polemica

I parlamentari Pd: «Ci siamo battuti per modificare la norma»

Il termovalorizzatore di Parma

Il termovalorizzatore di Parma

66

Via libera ai rifiuti da fuori provincia e, nel caso, anche da fuori regione. Così è stabilito nel decreto Sblocca Italia approvato alla Camera, nonostante le resistenze dei parlamentari parmigiani, contrari all’articolo che permetteva la libera circolazione dei rifiuti sul territorio nazionale.
Prima di diventare legge il decreto dovrà passare all’esame del Senato – da ricordare però che se dovessero essere apportate delle modifiche si renderebbe necessario un nuovo passaggio alla Camera – ma già dopo il primo via libera c’è già chi punta il dito contro il governo e contro i deputati.

Ma intanto esplode la protesta, in particolare da parte dell'assessore Folli contro i parlamentari parmigiani. L'articolo sulla Gazzetta di Parma

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Gio

    05 Novembre @ 09.49

    Giorgio R.

    al sud a che percentuale sono nella raccolta differenziata ? PERCHE' CON TUTI I POLITICI DEL SUD CHE CI SONO STATI NESSUNO HA VOLUTO come sarebbe giusto UN TERMOVALORIZZATORE ? FA COMODO ALLA MALAVITA SPOSTARE I RIFIUTI DAL SUD IN GERMANIA OPPURE A PARMA E A QUALCUN ALTRO ALLA TERRA DEI FUOCHI CON LA COMPIACENZA SEMPRE ESISTITA DEGLI ABITANTI. Con il famoso detto fatti i c..i tuoi o vive e lascia vivere ? Mah

    Rispondi

    • Maurizio

      05 Novembre @ 19.43

      Beh i termovalorizzaori al sud ci sono e bruciano pure i rifiuti del nord, al sud la raccolta differenziata lo sappiamo che è bassa ma non generalizzare, i sono esempi virtuosi, ad esempio nella terra dei fuochi esiste una provincia che è tra le prime virtuose d'italia..... I rifiuti all'estero non è la mafia che li vuole portare e nemmeno i politici con poche eccezioni, domandiamoci perchè i politici e la mafia i rifiuti li vogliono spostare in italia purtroppo

      Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    03 Novembre @ 21.22

    Visto che non mi risultano studi scientifici seri che attestino la pericolosità di impianti di ultima generazione, non capisco dove stia il problema se a Parma verranno conferiti rifiuti di province non dotate di adeguate strutture di smaltimento. Quello che trovo scandaloso invece, è che non ci si faccia profumatamente pagare per questo servizio, o che si lascino tali introiti unicamente al gestore privato Iren e non si usino per abbassare invece drasticamente le tariffe ai cittadini di Parma, che sopportano i disagi della differenziata spinta!

    Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    03 Novembre @ 19.47

    Gli amministratori devono però essere aiutati dai cittadini che però, pare, non vogliano muovere un dito e parlano solo per imprecare contro chiunque vada a governare la città e imponga qualche piccolo sacrificio. Non saranno tutti così....ma una gran parte(in Italia)

    Rispondi

    • Vercingetorige

      04 Novembre @ 12.18

      DOTTOR MEZZATESTA , IL "PICCOLO SACRIFICIO" potremmo anche accettarlo , se portasse qualche vantaggio , ma , se si chiede il "sacrificio" per fare disastri, allora non ci siamo !

      Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    03 Novembre @ 10.00

    a proposito i rifiuti. Ieri mattina il parcheggio scambiatore della A1 era un campo i rifiuti a vista 'occhio. Evidentemente i milanesi dell'inter, che ce l'hanno tanto con gli extracomunitari, hanno pensato bene di lasciarci un loro puzzolente ricordo. Non prendetevela pertanto con l'Assessore Folli, cosa volete che possa fare con un popolo come il nostro, gente lamentosa, che non muove un dito neppure per riporre i rifiuti nei cassonetti. Altro che Africa, siamo in Italia!

    Rispondi

    • Vercingetorige

      03 Novembre @ 17.18

      DOTTOR MEZZATESTA , UN PUBBLICO AMMINISTRATORE DEVE LAVORARE CON QUELLO CHE HA , NON CON QUELLO CHE SOGNA ! Abbiamo già detto mille volte che gli incivili ci sono sempre stati , ci sono , e, per quanto è possibile prevedere , ci saranno sempre . Un Pubblico Amministratore deve tenerne conto e cercare di far in modo di lasciar loro il minor spazio possibile. Non otterrà certamente questo cercando di imporre i sacchettini infami ( già sperimentati a Parma trent' anni fa con risultati penosi ) , da esporre col cronometro, dopo aver messo in lavastoviglie le vaschette "usa e getta" della Gastronomia. Nè Parma , nè le altre Città , in Italia e fuori , sono Monasteri Zen . Per avere la severa disciplina di un Monastero Zen Folli deve andare ad amministrare un Monastero Zen, non il Comune di Parma.

      Rispondi

  • giorgio mezzatesta

    02 Novembre @ 20.06

    evidentemente a noi piace rischiare e ci convinciamo che ciò che dicono alcuni esperti sia la verità. Io non ne sono sicuro e, nel dubbio, gradirei che il forno non funzionasse. Chissà se a Taranto un qualche esperto si era espresso positivamente.........

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      03 Novembre @ 21.14

      quando leggo articoli sui lupi, tendo a dar più credito a lei che ai cacciatori od allevatori. Quando si parla di inceneritori invece, mi fido più di articoli su riviste scientifiche serie, che di quello che a lei aggrada maggiormente: d'altra parte se dice che Pizzarotti è un bravo sindaco...

      Rispondi

    • Vercingetorige

      03 Novembre @ 12.25

      DOTTOR MEZZATESTA , SE NON SI DA' CREDITO AGLI ESPERTI NON SI CAPISCE A CHI SI DEBBA DARLO . Ai "dépliants" della GCR ? Poi , il dubbio è sempre lecito , come sanno tutti i seguaci del metodo scientifico . In tal caso si conduce una sperimentazione seria e , se c'è qualcosa da confutare agli sperimentatori precedenti , si confuta . Qui a Parma abbiamo avuto in funzione per vent' anni , al Cornocchio , un inceneritore molto più antiquato ed inquinante di quello attuale di Ugozzolo. Le risultano dati epidemiologici anomali in quella zona ? Se , a Taranto , qualche sperimentatore indipendente , come quelli Canadesi , si è espresso positivamente sull' ILVA , ci dica chi era. A me risulta che l' Istituto Superiore di Sanità abbia detto esattamente il contrario. L' ILVA , comunque , non è un inceneritore di rifiuti. Su quello , poi , che ciascuno di noi "gradirebbe" , sa com' è , possiamo andar lontano..........

      Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Il lago Santo visto dal drone

Fotografia

Il lago Santo visto dal drone Foto

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora

Napoli

Serenate al balcone: i vicini protestano ma "Topolino" canta ancora Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

Anteprima Gazzetta

Auto di lusso rubate e rivendute all'estero: 88 richieste di rinvio a giudizio Video

TG PARMA

Corniglio: un tir resta bloccato fra le case Video

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Inchiesta

Tecnici Bonatti uccisi in Libia: rischio di processo per 6 persone

Convegno

Come cambiano il territorio e la sua economia: la presentazione di "Top 500" Foto

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

13commenti

parma calcio

Parma, manca l'insostituibile Baraye: Scaglia in attacco? Video

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

2commenti

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

7commenti

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

RICERCA

Batteri resistenti agli antibiotici: l'Efsa lancia l'allarme

L'Italia è fra i Paesi più a rischio

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

IL VINO

«Vini da scoprire», guida sentimentale che porta da Ancarani

di Andrea Grignaffini

ITALIA/MONDO

Lampedusa

La spiaggia dei Conigli è la più bella d'Italia secondo Tripadvisor

MAFIA

Ucciso e dato in pasto ai maiali: 4 arresti nell'Ennese

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Fotografia

Scatti al bar per impersonare... la quotidianità

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

motori

Ecco Stelvio, il primo suv Alfa Romeo Video

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv