11°

17°

politica

Opposizioni: "Deriva autoritaria di un sindaco inadeguato"

Mozione di sfiducia alla Rossi: durissimo attacco dopo l'uscita dall'aula

I banchi del sindaco e della giunta vuoti, nella foto del capogruppo Pd Dall'Olio
Ricevi gratis le news
6

Non è finita con le polemiche in aula la vicenda della mozione di sfiducia verso l'assessore Rossi, durante la quale il sindaco e la giunta sono usciti dall'aula consiliare. Ecco il testo diffuso oggi dai gruppi di opposizone:

MOZIONE DI SFIDUCIA ALL'ASSESSORE ROSSI
La deriva autoritaria di un Sindaco inadeguato al suo ruolo
La maggioranza 5 stelle sempre più scollegata dalla città

Due anni e mezzo di mandato non sono stati sufficienti per instillare, in un Sindaco arrivato alla carica privo di qualsiasi rudimento di pubblica amministrazione, un minimo di cultura democratica e di rispetto istituzionale.

Nella ultima seduta del Consiglio, dove si discuteva la mozione di sfiducia all'assessore Rossi presentata dai gruppi di minoranza, il Sindaco, rivolgendosi ai consiglieri con la solita gratuita arroganza, ha annunciato che nessuno della Giunta, lui compreso, sarebbe rimasto ad ascoltare il dibattito perché qualsiasi cosa fosse stata detta, discussa o decisa in Aula, lui aveva già deciso e non ne avrebbe pertanto tenuto conto.

Siamo così passati dal "uno vale uno" di Beppe Grillo al "io sono io e voi non contate nulla" del Marchese del Grillo. Questa l'idea di democrazia di Federico Pizzarotti.

Con le sue parole e lasciando i banchi della Giunta deliberatamente vuoti, il Sindaco ha offeso, prima ancora che i consiglieri presenti in Aula, tutti i cittadini che gli stessi consiglieri, democraticamente eletti, sono lì a rappresentare.

Ma soprattutto ha fatto capire che nelle scelte dell'amministrazione i consiglieri di maggioranza non contano niente, assolutamente niente. Loro non sono lì a indirizzare e controllare l'operato del Sindaco e della Giunta, come vorrebbe il loro ruolo e mandato istituzionale. Sono in realtà mere pedine, pigiatori acritici di tasti, votatori chiamati a ratificare decisioni già prese, senza se e senza ma. Di quello che possono pensare o dire in Consiglio, per di più su una cosa cruciale come la gestione dei servizi sociali, al Sindaco non gliene importa niente.

E i consiglieri 5 stelle, senza nemmeno rendersi conto dell'offesa di cui sono stati oggetto, acriticamente (salvo un'eccezione) hanno pigiato il tasto per votare contro alla sfiducia all'Assessore Rossi. D'altronde, avessero anche votato a favore delle sue dimissioni, Pizzarotti aveva già messo in chiaro che non ne avrebbe tenuto conto. Nemmeno si sono accorti che l'Assessore Rossi, con la marcia indietro sul servizio scolastico per i disabili, è già stata screditata dallo stesso Sindaco. Ma ciò che più conta, è stata sfiduciata dall'intera città.

Questo scollegamento dal sentire della città da parte dei consiglieri 5 stelle si è reso palese in più di un intervento in cui si è arrivati addirittura ad affermare che la fiaccolata del 31 gennaio era stata una manifestazione promossa strumentalmente dai partiti!

Come gruppi di opposizione non possiamo che prendere atto della distanza sempre più grande che va aprendosi tra la città e i consiglieri di maggioranza, impermeabili a qualsiasi sollecitazione perché impegnati a difendere ad oltranza qualsiasi cosa faccia o non faccia il Sindaco e la sua Giunta.

Prendiamo altresì atto della deriva autoritaria e del delirio di onnipotenza di cui è sempre più preda il Sindaco, probabilmente inebriato dalla ribalta nazionale. Ogni giorno che passa, invece di crescere ed imparare, di assumere un contegno consono al suo ruolo, si dimostra sempre meno adeguato a ricoprire la carica di primo cittadino, di garante e rappresentante della città tutta.

Su una cosa però Pizzarotti aveva ragione. Era una perdita di tempo chiedere le dimissioni della Rossi. È a lui che andavano direttamente rivolte.

Per i gruppi di minoranza in Consiglio Comunale
Nicola Dall'Olio
Maria Teresa Guarnieri
Roberto Ghiretti
Giuseppe Pellacini
Ettore Manno
Paolo Buzzi
Franco Cattabiani

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Goldwords

    13 Febbraio @ 09.00

    Non ci si inventa politici solo sbraitando dentro un microfono o in una piazza, un comico non può fare il politico. Come gli alpini, pieni di grappa, saltavano fuori dalle trincee davanti le pallottole, questi, pieni di slogan da prima televisione, hanno pensato di poter fare i politici. Bravi ragazzi, indubbiamente, ma tra l'amministrare la cosa pubblica a slogan e farlo veramente, servono capacità e abilità, cosa che non è nel DNA di queste persone. Quante volte abbiamo chiesto ci venissero indicate le cose giuste fatte? Invece erano sempre rodette arroganti, come quello che ha il pallone e quando va a casa se lo porta via. Incompetenti insomma, liberiamocene prima possibile o perderemo solo tempo. In questi 2 anni e oltre, solo disastri, l'elenco sarebbe lunghissimo, basta girare per Parma e vedere in che stato di abbandono è finita, la sola cosa che ripetono, a stile cocco bello è: non ci sono soldi!! Ma provare a cercarli no è?!

    Rispondi

  • Davide

    12 Febbraio @ 19.58

    Quest'opposizione vorrebbe (dal primo giorno) sfiduciare questa amministrazione andando contro il volere dei cittadini. Questa è la democrazia che tanto difendono perché prima erano sempre loro al governo della città ma adesso questa democrazia non va più bene. Criticano il comportamento dei consiglieri ma sono ridicoli è da sempre che i politici nazionali e locali sono burattini dei partiti. Fra due anni ci saranno le elezioni è li sarà il momento da far valere le proprie ragioni in modo democratico appunto.

    Rispondi

    • Andreaparma

      12 Febbraio @ 20.30

      Non è vero: alcuni desideravano sinceramente collaborare con la nuova amministrazione, rendendosi conto della loro inesperienza: con la maggioranza bulgara che avevano tanto valeva operare per il bene della Città. Invece non è mai stato possibile avere un minimo di dialogo. Non tutti sono sporchi e corrotti: ci sono anche persone per bene che vedono nella politica una responsabilità e usano il potere per poter agire, ma questi non se ne rendono conto.

      Rispondi

  • SILENZIOSO

    12 Febbraio @ 17.12

    I consiglieri di minoranza mi pare stiano sopravvalutando il sindaco Pizzarotti, che pure è certamente inadeguato, ritenendolo capace di ordire, con propria autonoma capacità di pensiero, una deriva autoritaria.

    Rispondi

    • step

      12 Febbraio @ 22.27

      ma cosa pensavano i cittadini quando hanno scelto questo sindaco? ......speravano di non eleggerne nessuno solo che purtroppo uno vince sempre.......

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa

FELINO

"Open bar al Castello": ecco chi c'era alla festa Foto

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna

VIABILITA'

Vigili in bici e disco orario per 5 minuti: "cose strane" a Ravenna Foto

Best: tutti i compleanni

FESTE PGN

Best: tutti i compleanni Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Criptovalute, il problemaè la mancanza di un governo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

Lealtrenotizie

Arrestato cittadino dominicano residente nella città termale per violenza e resistenza a pubblico ufficiale

SALSOMAGGIORE

Ubriaco alla guida, si schianta e aggredisce i carabinieri: arrestato dominicano

L'uomo, pregiudicato, aveva un tasso alcolemico di 1,90 g/l

PARMA

Addio a Elisabetta Magnani, donna dolce e coraggiosa: aveva 48 anni

weekend

Una domenica da vivere nel Parmense L'agenda

PARMA CALCIO

Insigne e un gol con dedica speciale Video

L'autore del terzo gol dei crociati nella partita con l'Entella dedica la sua rete alla figlia

PARMA

"Solo italiani referenziati" per l'appartamento in affitto: l'annuncio che fa discutere

Polemica sui social network: "E' razzista"

9commenti

Busseto

Danneggia un'auto e fugge: preso

PARMENSE

Fornovo, rustico a fuoco. Fiamme anche a Basilicanova

Notte di lavoro per i vigili del fuoco

LANGHIRANO

Cascinapiano, auto fuori strada: un ferito

Ferite di media gravità per il conducente

Lubiana

Polo sociosanitario, 12 anni di attesa

3commenti

Contributo

Scuole squattrinate? Pagano mamma e papà

ambiente

Aumentano le polveri: restano i divieti. In attesa della pioggia Video

Ma Epson avverte: "Sarà l'ottobre più secco in sessant'anni"

LIRICA

Festival Verdi: incassi oltre il milione, stranieri 7 spettatori su 10

Appello

Pertusi: «Muti senatore a vita? Giusto e doveroso»

1commento

CULTURA

«A scuola nei musei»: il viaggio sta per ricominciare

PARMA

Minacciato nel suo palazzo da un uomo armato di coltello: serata di paura in centro

Il parmigiano ha chiamato la polizia ma lo sconosciuto è fuggito

GAZZAFUN

Il gatto più bello di Parma: sospesa la votazione finale

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il caso Asia Argento: le vittime e i colpevoli

di Filiberto Molossi

CHICHIBIO

«Trattoria Ferrari da Cecchino», la tradizione continua

di Chichibio

ITALIA/MONDO

VENEZIA

Stuprava la figlia minorenne e la "prestava": niente carcere, reato prescritto

3commenti

Rubiera

Rubava le bici agli anziani: denunciato pensionato 80enne

SPORT

SERIE A

Bonucci espulso con lo "zampino" della Var: è il primo cartellino rosso con la videoassistenza

Calcio

Parma, tre punti d'oro

SOCIETA'

IL DISCO

1st, il capolavoro dei Bee Gees

Narrativa

Roma, autopsia della borghesia

MOTORI

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro

IL TEST

Debutta la nuova Polo: ecco come va