16°

31°

politica

Livorno, il M5s, i dissidenti. E il caso Parma

Bosi: "Evidente disparità di trattamento". Nuzzo: "Sono io a violare i principi fondamentali?"

M5s sospende i consiglieri dissidenti: Livorno sì, Parma no?
Ricevi gratis le news
17

Livorno, Parma, i dissidenti e i vertici del Movimento 5 Stelle. Un incrocio di destini e di decisioni che è subito un caso. Ed ecco quel accade.

A  Livorno i tre consiglieri del M5s che lunedì in consiglio comunale hanno votato contro un atto di indirizzo della giunta guidata da Filippo Nogarin, hanno ricevuto la comunicazione di sospensione dal partito. Il provvedimento è arrivato via mail ed i consiglieri - Sandra Pecoretti, Giuseppe Grillotti e Alessandro Mazzacca - hanno dieci giorni di tempo per fornire 'controdeduzionì prima di essere espulsi. Il voto riguardava la vicenda Aamps.
La lettera di sospensione è stata pubblicata dalla consigliera Pecoretti sul proprio profilo facebook: «Lei ha violato in modo grave, ripetuto e sostanziale gli obblighi assunti all’atto di accettazione della candidatura ed i principi fondamentali di comportamento degli eletti del Movimento 5 Stelle, tentando di boicottare l’attività politico istituzionale del Sindaco e della Giunta, in contrasto con la maggioranza del gruppo consiliare del M5S».
L’accusa è anche quella di aver reso «pubblicamente e reiteratamente, in disaccordo rispetto alla maggioranza dei consiglieri, dichiarazioni di voto contro il Sindaco e la Giunta, manifestando pubblicamente sfiducia assoluta rispetto al loro operato e, addirittura, richiedendo la cancellazione della Giunta».

Questa è Livorno.

Ma qualcosa di simile (e dall'esito diverso) era successo anche a Parma. Da tempo sono due le posizioni dissidenti all'interno della maggioranza a 5 Stelle in Consiglio comunale. Più sfumato Fabrizio Savani, che ha spesso utilizzato lo strumento dell'astensione. Più deciso Mauro Nuzzo, che ha votato contro a diverse delibere. In occasione della scelta, quest'anno, di dare in gestione a un privato l'asilo Tartaruga aveva stracciato in consiglio il programma elettorale dei «5 Stelle», accompagnando il suo dissenso con una frase emblematica: «Sindaco, eravamo gli esponenti della rivoluzione gentile, siamo, anzi siete diventati gli esponenti della conservazione maleducata». 

Non solo: nell'agosto 2014, Nuzzo aveva votato no alla presentazione del bilancio ed era stato oggetto di una votazione online, decisa dal gruppo di maggioranza, per chiederne l'allontanamento. Ma dal blog di Beppe Grillo era arrivato lo stop: "In merito ad alcune notizie riguardanti procedure di espulsione dal MoVimento, si ricorda che le votazioni possono essere effettuate solo con il sistema operativo attraverso il blog e che ogni altra forma non ha validità". 

Ed ora viene spontaneo paragonare ed interrogarsi sui due casi. "Due pesi e due misure? Condivido il concetto - commenta il capogruppo a Parma Marco Bosi -. Io sostengo che è corretto mandare fuori chi non rispetta le decisioni della maggioranza. Un gruppo non può funzionare se qualcuno viola ripetutamente le regole del gruppo stesso. Ovviamente ci vuole un minimo di elasticità: sui temi etici, ad esempio, noi non abbiamo mai vincolato nessuno, ma su partite politiche importanti, come è stato Aamps a Livorno o il bilancio a Parma, non si può transigere. Perché Livorno sì e Parma no non va chiesto a noi, ma la differenza di trattamento è sotto gli occhi di tutti".

E pronta arriva la replica del "tirato in ballo", Mauro Nuzzo. "Non sento di aver “violato in modo grave, ripetuto e sostanziale gli obblighi assunti all’atto di accettazione della candidatura ed i principi fondamentali di comportamento degli eletti del Movimento 5 Stelle” - spiega -. Ho più volte sostenuto tesi diverse da quelle di questa amministrazione e votato di conseguenza. Possono due letture così diverse dei principi fondamentali del Movimento 5 Stelle coesistere? E’ una domanda sulla quale rifletto da tempo".

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    07 Dicembre @ 00.33

    In genere chi da fastidio al potere e alle vigenti logiche di spartizione della cosa pubblica viene criticato aspramente e attaccato in modo vile... proprio quello che accade a questa amministrazione in molti commenti. Cosa che invece non accade con Nuzzo e Savani che guarda il caso mettono d'accordo tutti... a pensar male si fa peccato ma...

    Rispondi

    • Filippo Bertozzi

      07 Dicembre @ 07.34

      ... Quello che dici tu succede proprio internamente alla giunta, ai due che citi. Se non ti rendi conto di quanto questa amministrazione si sia allontanata dai suoi principi, oltre che dai suoi programmi, sei irrecuperabile.

      Rispondi

  • hal

    06 Dicembre @ 17.45

    I 5 STELLE SONO SINISTROIDI E INCOMPETENTI BASTA GUARDARE LA SITUAZIONE DI PARMA E CE' ANCORA DELLA GENTE CHE LE VOTA SE VOLETE DARE UN VOTO DI PROTESTA NON DATELI AI 5 STELLE SONO UGUALI A RENZI IL NULLA

    Rispondi

  • Patrizia Adorni

    06 Dicembre @ 13.44

    Esattamente. Qui a Parma stiamo aspettando quello che gli amministratori "5 stelle" si sono andati a cercare: l'espulsione definitiva del M5S. Solo Nuzzo e Savani hanno portato avanti i valori del Movimento.

    Rispondi

    • Maurizio

      07 Dicembre @ 17.36

      Comunque Parma dimostra quanto sia assurdo il movimento 5 stelle perchè ha ottime idee ma si applicano due pesi e due misure come in tutti i partiti, la cosa peggiore comunque è che proponete idee senza preoccuparvi delle conseguenze, da anni ho fatto esempi quà senza ottenere risposta, partiamo dall'inceneritore, chi avrebbe pagato i danni ad iren per la mancata accensione? E perchè io cittadino del parmense che conferisce i rifiuti a parma avrei dovuto pagare eventualmente questi risarcimenti per una decisione del comune di parma? Questione centri commerciali, quelli aperti con la giunta pizzarotti e che dovranno aprire in caso di stop da parte di pizzarotti chi è che paga i danni alle imprese che hanno già le autorizzazioni? La chicca poi la verifica del mandato, se i cittadini dicono no chi è che paga i costi per nuove elezioni? e perchè si deve decidere solo on line?

      Rispondi

  • danila

    06 Dicembre @ 12.54

    direi tutto molto democratico alla ADOLF

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    06 Dicembre @ 11.38

    L'ultima domanda è male impostata: a Parma la lettera d'espulsione il M5S dovrebbe mandarla a tutti TRANNE Nuzzo e Savani. Però così facendo scompare la Leningrado di noialtri e il movimento tutto sarebbe sputtanato per la sua dichiarata incapacità amministrativa.

    Rispondi

    • Alpino Italiano 66

      06 Dicembre @ 18.01

      Esatto!

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro

sicurezza

Terrorismo, posizionate le fioriere antintrusione in centro Video

COLORNO

"E' morto assiderato", il pranha del canale Galasso diventa un caso giudiziario

LA STORIA

Traversetolese salva un uomo che sta annegando e lo rianima

2commenti

mercato

Matri, è il giorno della firma? Ma il Parma non molla per Ceravolo Video

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

2commenti

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

via Spezia

Scoppia la gomma del bus: paura e...ritardo

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

6commenti

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

1commento

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

2commenti

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

7commenti

ITALIA/MONDO

danimarca

Trovato decapitato il corpo di Kim, la giornalista scomparsa sul sottomarino

taranto

Gioca 2 euro al 10eLotto e vince 1 milione

SPORT

basket nba

Clamoroso scambio: Irving a Boston, Isaiah Thomas a Cleveland

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

SOCIETA'

hi-tech

Twitter: l'hashtag ha 10 anni, se ne usano 125 mln al giorno

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti