politica

Consiglio: Gianferrari si dimette.E lascia il M5s

Comune: la Gianferrari si dimette

Chiara Gianferrari lascia il consiglio comunale (foto sito M5s)

Ricevi gratis le news
41

Chiara Gianferrari si dimette da consigliere comunale del movimento 5 stelle a Parma.
"Fare il consigliere è un ruolo importante, delicatissimo, è l'anello che unisce i cittadini con il Comune, e sentendo di non riuscire più a dedicare ad esso il tempo e la dedizione che richiederebbe, scelgo di ritirarmi" scrive nella lettera di dimissioni, protocollata il 31 dicembre 2015. "Questo atto segna anche la mia uscita dal Movimento 5 Stelle nazionale" continua Chiara Gianferrari.

Al suo posto dovrebbe subentrare Andrea D'Alessandro, primo dei non eletti, già candidato alla Camera nel 2013 e alle ultime elezioni Europee.
Ecco il testo integrale della lettera di dimissioni

"Questa lettera è per comunicare che, dopo una lunga riflessione,
ho deciso di dimettermi dalla carica di Consigliere Comunale.
Sono passati più di 3 anni dalla nostra elezione. In 3 anni cambiano molte cose nella vita di una persona, e nella disponibilità di tempo e attenzione da poter dedicare a questo impegno.
Fare il consigliere è un ruolo importante, delicatissimo, è l'anello che unisce i cittadini con il Comune, e sentendo di non riuscire più a dedicare ad esso il tempo e la dedizione che richiederebbe, scelgo di ritirarmi.
Non sentirei giusto e morale ricevere soldi pubblici dai cittadini senza potermi impegnare realmente per loro.
Preferisco quindi offrire la possibilità, a chi entrerà al mio posto, di fare del bene alla nostra città.
Questo atto segna anche la mia uscita dal Movimento 5 Stelle nazionale.
Sono entrata per impegno e passione quando ancora in Italia non lo si conosceva.
Eravamo pochi, non avevamo comuni, né parlamentari, ma gli ideali su cui il M5S si fondava erano chiarissimi e intoccabili.
Sia come attivista prima, che come consigliera poi, ho sempre espresso con limpidezza ed onestà il mio pensiero, rispetto ad una gestione nazionale i cui modi, sistemi e toni sono noti a tutti, così come la loro rispondenza ai valori per i quali avevamo così tanto lottato.
Ogni impegno politico però, ha sempre due volti, uno nazionale e uno locale.
Per ciò, ho scelto in questi anni di proseguire, restando al fianco del Sindaco e di tutto il Gruppo di Maggioranza,
perché stimo e conosco l'onestà e l'impegno instancabile che spendono ogni giorno, senza secondi fini nè benefici personali, sacrificandosi al massimo delle loro possibilità, nonostante una pioggia costante e spropositata di attacchi che abbatterebbe chiunque.
Un lavoro psicologicamente molto pesante, ma portato avanti anche con la gioia dei risultati ottenuti, pensando unicamente al bene della nostra città, senza cedere a scelte che porterebbero meno contestazioni oggi e facili voti un domani, ma che sarebbero poi insostenibili per il nostro Comune, che ci è stato consegnato a pezzi, e che abbiamo dovuto faticosamente ricostruire.
Al mio gruppo va quindi tutto il mio sostegno,
insieme ai nostri Assessori, che ringrazio infinitamente per l'onestà e integrità, non facile né scontata in un ruolo del genere, soprattutto in Italia. Una posizione sottoposta a enormi carichi di responsabilità e di pressione sociale e mediatica, soprattutto ora che lo Stato sta strangolando gli enti locali con una irresponsabilità mai vista, e di cui arriva ai cittadini una percezione distorta, poichè vedono gli effetti senza poter comprendere chi è in realtà che sta togliendo loro servizi e diritti fondamentali.
Mi congedo anche dai colleghi dell'opposizione, ciascuno con le sue capacità e il suo percorso politico, spesso molto più lungo del nostro. Ho apprezzato vari di voi e ho stima dell'impegno che mettete in questo ruolo.
Vorrei anche ringraziare e citare i tantissimi dipendenti comunali, che svolgono un lavoro nell'ombra, invisibile per i cittadini, ma senza il quale i mille servizi che il Comune offre loro non potrebbero esistere. Ho conosciuto persone di una professionalità e una dedizione profonda, che si spendono con tutte le loro capacità per offrire il servizio che è a loro affidato.
Saluto i giornalisti, ricordando quanto è importante la loro funzione, che è quella di tradurre ai cittadini, in modo semplice e comprensibile, le notizie della macchina comunale, così tecniche e difficili.
A voi il compito di offrire i fatti, di dare una visione completa, perché siano poi i cittadini stessi a formarsi una libera opinione, senza leggerla già suggerita tra le righe.
Ringrazio tutti i cittadini che, pur non avendo cariche o ruoli come noi, si danno da fare in mille modi nella nostra città per il bene comune, in tantissimi ambiti e senza compenso alcuno se non nella propria coscienza. La loro attività rende Parma una città migliore.
Chiedo scusa, per queste dimissioni, ai 39 cittadini che mi avevano votato, spero possano apprezzare l'onestà di ritirami, constatando di non poter più adempiere pienamente al mandato che avevano scelto per me.
La politica ha bisogno anche di predisposizione caratteriale, e forse non è il luogo per chi preferisce lavorare dietro le quinte, piuttosto che mostrarsi con discorsi nei consigli.
Ad ogni consiglio, il discorso che avrei davvero voluto fare, davanti ai dialoghi sordi tra maggioranza e opposizione, tra consiglieri e sindaco, sarebbe stato uno solo.
Semplice, essenziale, pacato:
"Cessate di farvi questa assurda guerra,
perchè la Città
ha bisogno solo della vostra collaborazione"
Chiara Gianferrari
Consigliere comunale

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Luigi

    03 Gennaio @ 17.10

    sembra una finta lettera degli omicidi-suicidi. Quali sono le vere motivazioni che la spingono a lasciare la carica ED IL PARTITO non ci sarà mai dato saperlo. Fa specie comunque che si possa diventare consigliere di una città come parla con soli 39 voti

    Rispondi

  • Ivo

    03 Gennaio @ 10.11

    @michele forse la tua battaglia personale contro i 5 stelle e Pizzarotti , ti fa pensare e scrivere anche quello che uno non dice . Pizzarotti e company non producono debiti , sbaglieranno .., forse , ma in buona fede ed umanamente. Gente che tu voti al contrario, non si dimette nemmeno per reati gravi anzi ci - ti deridono !

    Rispondi

  • Enzo

    03 Gennaio @ 01.29

    Ci sono più commenti à questo articolo che elettori. Fa ti

    Rispondi

  • Ivo

    03 Gennaio @ 01.16

    @Bertozzi , che non ha fatto niente lo dici tu , non saprei dirti , sicuramente non è né indagata , né attaccata alla poltrona , ne vuol far carriera da super privilegiata politica , e magari non è figlia di nessuno , non avrà fatto disastri a livello locale ( visto le nostre o meglio vostre rappresentanze nazionali , e bada non specifico il partito .., sono tutte uguali ) e scusandosi ne è uscita pulita onesta senza pretese anche " scusandosi " pensa un po' !!

    Rispondi

    • Filippo

      03 Gennaio @ 07.59

      No, non lo dico io, ma una persona che ha avuto a che fare con lei in relazione ad una delle sue deleghe. Non dico di più, perché non voglio che rischi qualcosa, ma tutte le qualità che per te sono fondamentali, non sono nient'altro che la base necessaria da cui partire: poi ci vogliono competenze e capacità. Ma tu, ripeto, ti accontenti di poco.

      Rispondi

  • hal

    02 Gennaio @ 21.06

    Lasciate il posto alla lega nord che e' l unico movimento che difende gli italiani i 5 stelle non hsnno nessuns esperienza politica e solo un voto di protesta che non serve ne alla nazione ne tantomeno alla citta'

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La fotogallery del concerto della Mannoia

TEATRO REGIO

La fotogallery del concerto della Mannoia

Leonessa Kira abbraccia il suo salvatore

animali

La leonessa rivede l'uomo che l'ha salvata

1commento

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

L'INTERVISTA

I «Balli proibiti» di Federica Capra al Teatro degli Arcimboldi

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

ASTRI

Scopri il tuo oroscopo 2018 con Gazzafun

Lealtrenotizie

Piene record, perché e come è succeso

ALLUVIONE

Piene record, perché e come è succeso

Piena Enza

Immergas, danni ingenti. Amadei: «Ripartiremo con più forza»

MORI' 31 ANNI FA

Mora: perchè Parma non capì il suo talento?

CONCERTO

Fiorella Mannoia grandiosa al Teatro Regio

CAPODANNO

Fedez verso la Piazza

SERIE B

Parma in crescita: lo dicono i numeri

NOCETO

Addio a nonna «Centina»

Corcagnano

Veglia di preghiera per la 15enne in Rianimazione

Danni e disagi

Piene, la situazione migliora. Riaperto il ponte di Sorbolo. Le immagini di Colorno "allagata"

Bonaccini: "Chiederemo al governo lo stato d'emergenza". Coldiretti: "Danni per milioni di euro"

maltempo

Strade provinciali, "emergenza finita in montagna". Ancora 5.000 senza corrente elettrica

I danni del vento al campeggio di Rigoso Video

1commento

emergenza

Colorno, una decina di evacuati e danni alla Reggia. Piazza e garage allagati Video 1-2 - Le foto

Sommerso anche il cortile della Reggia

2commenti

meteo

La pioggia si "sposta" al Sud. E da venerdì nuova ondata di freddo

piena

Ecco com'è ridotta Lentigione: il video dall'elicottero

STORIA

Parma, le alluvioni e le piene del Novecento

L'evento più drammatico e disastroso resta lo straripamento del Po nel 1951

tg parma

Colorno sott'acqua, i cittadini: "Non si poteva evitare?" Video

1commento

piena

Viarolo, auto in balia delle acque. Escluse persone all'interno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

LA BACHECA

Venti nuove offerte di lavoro

ITALIA/MONDO

lutto

Addio a Everardo Dalla Noce: da "Tutto il calcio minuto per minuto" alla Borsa

luzzara/suzzara

Ha ucciso i due figli e tentato il suicidio: le condizioni migliorano

SPORT

COPPA ITALIA

L'Inter spezza le reni al Pordenone (ai rigori)

parma 1913

Giorgino e Coly, risoluzione consensuale del contratto Video: il gol nel derby

5commenti

SOCIETA'

ospedale

A casa dopo 57 giorni il 15enne in arresto cardiaco salvato al Maggiore

4commenti

Aveva 104 anni

Erminio Sani, l'ultimo maggiordomo

MOTORI

VOLKSWAGEN

La Polo? Con 200 Cv diventa GTI Fotogallery

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS