17°

32°

espulsione nuzzo

E ora Pizzarotti passa la patata bollente a Grillo

Due M5s in Consiglio. "Dica con chiarezza chi appoggia"

Nuzzo pizzarotti
Ricevi gratis le news
8

E alla fine Federico Pizzarotti ha deciso di dettare i tempi. A Grillo e al suo personale percorso politico-amministrativo. Perché i tempi - si sa - cominciano ad essere anche quelli elettorali e l'ipotesi di una ricandidatura senza simbolo a 5 Stelle è già agli atti. E allora il sindaco ha dato una accelerazione concretizzando ciò che era stato latente per oltre un anno: l'espulsione di Mauro Nuzzo dal gruppo pentastellato.

E' accaduto ieri nel "parlamentino", con il consigliere portato quasi a forza dal lato opposto del gruppo misto, sotto la protesta sonora del gruppo Amici di Beppe Grillo.  E col calar della notte è arrivato il passo ulteriore di Pizzarotti: mettere la patata bollente nelle mani del direttorio e provare dunque a stanar Grillo e Casaleggio. "Serve chiarezza! Non possono esistere in uno stesso Consiglio Comunale 2 gruppi diversi del nostro Movimento, i cittadini giustamente non capirebbero. Chiedo quindi al direttorio e ai garanti una risposta in merito, come ho fatto anche privatamente. Non dobbiamo lasciare dubbi.", è la frase finale di un (ovviamente) post lunghissimo in cui bolla l'espulsione di Nuzzo come un "atto obbligato". 

Al momento (ore 16) sul blog di Beppe Grillo, che da sempre è la base da cui partono i "razzi" verso Pizzarotti e dove già nell'agosto 2014 era stata bollata la votazione ristretta per l'espulsione di Nuzzo, tutto tace. Ma la chiamata in causa di Pizzarotti non può restare senza effetti, vista la grande aspettativa creata sulla pagina Facebook del sindaco di Parma, frequentata (e commentata) da moltissimi grillini extraparmigiani.

A cui Pizzarotti ha raccontato così l'espulsione: "La nostra squadra di consiglieri ha deciso che un suo membro dovesse andare nel gruppo misto. E’ stato un atto obbligato. Basti pensare che questo consigliere nel 2015 ha votato assieme alla minoranza, per lo più Forza Italia e Pd, il 75% delle votazioni in cui minoranza e maggioranza si sono divise, e solo il 25% con il gruppo del M5s. Ha di fatto svolto un ruolo di opposizione senza mai uscire dal gruppo del M5S. E’ arrivato a non votare atti fondamentali come il piano di ristrutturazione del debito della holding STT (società a capo di molte aziende partecipate) che ha permesso di ridurre il debito a carico dei parmigiani e salvare le società sottostanti".

E poi la sfida al direttivo del M5s: "Quello che chiedo ai vertici, a partire dal direttorio, è una presa di posizione. A Livorno tre consiglieri sono stati espulsi per un solo voto contrario ai colleghi del gruppo. Questo consigliere, come detto, lo ha fatto per il 75% delle volte. Prendere provvedimenti ritengo sia un atto dovuto nei confronti di tutti i cittadini che hanno votato per il M5S e dei colleghi consiglieri di maggioranza. Uno dei principi alla base del M5S è che la maggioranza decide. Ecco, noi abbiamo sempre deciso insieme nella riunione di maggioranza, alla quale il consigliere non si presenta più da oltre 2 anni. Il consigliere espulso si è fatto sostenere da un "meetup", composto da pochi fuoriusciti dal gruppo storico di Parma e i cui obiettivi non sono mai stati chiari, che sta utilizzando il logo del Movimento senza averne titolo, creando un notevole danno di immagine. Serve chiarezza!".

E chiarezza sarà? E soprattutto: che destino si profila per un altro dissidente del gruppo di maggioranza, Fabrizio Savani? Quel Savani per cui ieri lo stesso Nuzzo diceva: "In base alle vostre motivazioni avrebbe dovuto essere espulso insieme a me. Ma sapevate che in due avremmo potuto formare un gruppo M5s e non lo avete fatto".  

Video: il servizio del TgParma

Le reazioni: Serpagli (Pd): "Manco nella Russia di Stalin"

– “Un trattamento di questo tipo non sarebbe stato riservato nemmeno ai contestatori nella Russia di Stalin”. Il segretario provinciale del Partito democratico, Gianpaolo Serpagli, usa queste parole per descrivere l’espulsione dal gruppo del Movimento Cinque Stelle del consigliere comunale Mauro Nuzzo avvenuta ieri. “Questo episodio – continua – dimostra ancora una volta l’arroganza con cui questa giunta sta gestendo la città: chiunque è contrario alle scelte di Pizzarotti e soci viene, nel migliori dei casi ignorato e, nel peggiore, viene espulso emarginato”.
La cacciata di Nuzzo è arrivata ieri per voce del capogruppo Marco Bosi, con il presidente Vagnozzi che ha costretto il ‘dissidente’ a spostarsi tra i banchi dell’opposizione. “Dopo più di tre anni di mandato – sottolinea Serpagli – abbiamo capito perfettamente il modus operandi del primo cittadino e della sua maggioranza: qualunque voce fuori dal coro deve essere fatta tacere per evitare di mettere in luce le problematiche dell’amministrazione”.
Un modo di procedere, secondo il segretario Pd, che cozza con la democrazia. “E’ chiaro – conclude – che anche questo fatto dimostra, ancora una volta, come il Sindaco non abbia chiaro cosa sia la partecipazione e la condivisione delle scelte, sia all’interno del consiglio comunale che verso le istanze dei cittadini”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paul

    21 Gennaio @ 00.48

    La partecipazione condiviss dai cittadini sbandierata dal sindaco in questi anni l'abbiamo potuto notare in questi anni ! Niente di vero, fallimento completo. Signori dei ginque stelle mi spiace x voi che abbiate avuto un sindaco come si deve!

    Rispondi

  • Filippo Bertozzi

    20 Gennaio @ 20.11

    Cominciano a volare gli stracci...ma se il movimento di Grillo ha una qualche coerenza, qui gli espulsi devono essere Pizzarotti e la sua banda di lacchè. Io sono in riva al fiume e aspetto i cadaveri...

    Rispondi

  • Fede

    20 Gennaio @ 20.10

    Sindaco e partito pericoli per la democrazia, il tempo passa inesorabile e ogni volta che butto la pattumiera penso a lei....

    Rispondi

  • Enzo

    20 Gennaio @ 18.59

    Contrario alle espulsioni degli altri ma a favore di quelle che chiede lui...

    Rispondi

  • Greg

    20 Gennaio @ 14.12

    Se Grillo fosse veramente chi vuol far credere di essere, non avrei dubbi che sfiducerebbe la giunta al gran completo e il suo sindachetto Pizzarotti. Chi ha disatteso interamente il programma elettorale, chi sta inciuciando col PD e chi non perde occasione per riciclarsi come riferimento dei poteri forti regionali, non dovrebbe rappresentare una forza che si oppone all'esistente. Grillo ha la possibilità di evidenziare veramente la sua linea. Se non lo fa ha ragione Becchi ; è funzionale ad un sistema che persegue il potere per se stesso. Tanto anche un cieco saprebbe che Parma non ricadrà nell'errore di quattro anni fa. La giunta è persa e non rimane altro che la coerenza.

    Rispondi

Mostra altri commenti

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Il caso

Telefono hackerato: on line la Vonn e Woods nudi

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Lecce

Paura per Minghi: ricoverato per un'intossicazione. Tour sospeso

Hydro jet

estate

Fa il "figo" con l'hydrojet, ma finisce male

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Osteria dl’Andrea

CHICHIBIO

«Osteria dl’Andrea», cucina casalinga della tradizione

di Chichibio

Lealtrenotizie

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

LA STORIA

Salva un uomo che sta annegando e lo rianima

tardini

Il Parma si presenta: sotto la Nord cori e festa per la squadra e le nuove maglie

Faggiano: "Matri, abbiamo il sì del giocatore ma il Sassuolo se lo vuole tenere"

Terremoto

I parmigiani ad Ischia: «Notte di paura»

stadio tardini

Una "passione" lunga 40 anni: i Boys e i ricordi in mostra Gallery

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma! x

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Due colpi in poche ore

Nuova rapina ad un bancomat

serie B

Sondaggio: vi piace il tris di maglie del Parma?

Fontevivo

Arrivano i nomadi: sgombero lampo

Fontevivo

Tre rottweiler liberi: paura in paese

Tendenze

Il tradimento al tempo dei social

COLORNO

50 anni fa Mazzoli divenne il re della motonautica

TRIBUNALE

Blitz notturno nel bar di via Bixio, condannato il ladro

terrorismo

Rischio attentati, la Prefettura: barriere e new jersey a feste e mercati

1commento

meteo

Da giovedì ancora caldo torrido: arriva Polifemo Video

1commento

furti

Ladri nel cortile della ditta: se ne vanno con un furgone "firmato"

Anteprima gazzetta

Traversetolese eroe salva la vita ad un uomo che stava annegando

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I terroristi di ieri e quelli di oggi

di Michele Brambilla

EDITORIALE

La nuova mafia che occupa Parma

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Monterosso

Ventenne muore cadendo da un muraglione alle Cinque Terre

istruzione

Fedeli: "Favorevole a portare la scuola dell'obbligo a 18 anni"

SPORT

Ciclismo

Vuelta, ancora un italiano: Trentin

motori

La Ferrari rinnova il contratto con Raikkonen

SOCIETA'

usa

Tumore ovaie: risarcimento, J&J pagherà altri 417 milioni per "talco killer"

il caso

Anziano accusato di pedofilia. E il paese si spacca

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti