11°

Politica

Il Pd chiede un nuovo cda per il Teatro Regio

Teatro Regio

Teatro Regio

Ricevi gratis le news
0

Il Partito Democratico chiede nuovi soci e un nuovo consiglio d'amministrazione per il Regio, dopo le notizie sull'indagine aperta dalla magistratura, che vede coinvolto anche il sindaco Federico Pizzarotti. 

"Pizzarotti si è rifiutato di confrontarsi in Consiglio comunale sulla vicenda degli avvisi di garanzia per la nomina del direttore del Teatro Regio pensando di fare un dispetto ai consiglieri di minoranza: in realtà ha dato uno schiaffo alla città, dimostrandosi sempre più isolato e inadeguato a rivestire il ruolo di primo cittadino - scrivono in una nota il capogruppo Pd Nicola Dall'Olio e il consigliere Maurizio Vescovi -. Ciò non toglie che vi sia una questione Regio da affrontare. Gli avvisi di garanzia al Consiglio di Amministrazione e il conflitto politico tutto interno al movimento 5 stelle che ha tenuto la ribalta per giorni sui media nazionali hanno certamente nuociuto all’immagine della principale istituzione culturale della città.
Ma hanno anche evidenziato una oggettiva anomalia e debolezza della struttura di governance e di controllo della Fondazione Teatro Regio che ha di fatto reso possibile il pasticcio amministrativo sul quale sta indagando la magistratura.
La Fondazione che amministra il Teatro è stata costituita nel 2002 per aggregare più soci, sia pubblici e privati, oltre che per rincorrere l’ambizione fuori scala, tipica di quella stagione amministrativa, di diventare ente lirico, con tutti i problemi di indebitamento e dissesto finanziario che ne sono conseguiti".

Continua il Pd:
"Da quando Pizzarotti si è insediato alla presidenza, il Comune di Parma si è trovato ad essere l’unico socio della Fondazione a causa della progressiva fuoriuscita, tra il 2010 e il 2012, degli altri soci pubblici e privati originariamente presenti.
Il fatto che il Comune sia rimasto socio unico contrasta sia con lo spirito costitutivo della Fondazione che con lo statuto il quale prevede che il consiglio di amministrazione sia composto di 5 membri di cui uno, il presidente, è il Sindaco, due sono di nomina del Comune e due di nomina dell'assemblea dei soci, senza la partecipazione al voto dell’amministrazione comunale. Essendo l’unico socio, il Comune ha dovuto per forza di cose nominare anche i due componenti che competono all’assemblea.
Di fatto dentro la Fondazione del Teatro Regio il Comune se la canta e se la suona da solo e questo non aiuta a garantire un controllo incrociato sugli atti deliberativi e una più larga condivisione delle scelte e degli indirizzi di sviluppo.
Bisogna però dire che questa situazione non è tutta responsabilità dell’attuale amministrazione e che in questi anni, grazie alla gestione Fontana – Arcà e alle ingenti risorse trasferite dal Comune, si è posto rimedio alla pesantissima situazione debitoria e allo sbilancio gestionale lasciato in eredità dalle precedenti amministrazioni.
Occorre però adesso, a maggiore ragione dopo la vicenda giudiziaria per la nomina del direttore del Teatro, superare l’isolamento del Comune nella gestione della Fondazione e recuperarne lo spirito costitutivo. Da questo punto di vista riteniamo sia indispensabile un impegno da parte di tutti quelli che hanno a cuore le sorti del Teatro Regio, dalle istituzioni alle principali realtà imprenditoriali, per rafforzare ed ampliare la compagine societaria della Fondazione e per rinnovare, su queste basi, il consiglio di amministrazione.
In analogia con quanto avvenuto per il Parma Calcio 1913, auspichiamo che anche per il Teatro Regio si inneschi un processo di compartecipazione e presa in carico che porti all’adesione di un nucleo ristretto di soci “istituzionali” con diritto di voto e di una ampia platea di piccoli sostenitori a comporre una sorta di “azionariato” diffuso. Il Comune dovrebbe promuovere e guidare questo processo.
Questo consentirebbe una più larga condivisione delle scelte gestionali e di indirizzo, oltre che dell’impegno finanziario, a vantaggio dell’istituzione teatrale e dello stesso Comune. E rinsalderebbe i legami tra la città e il suo Teatro, che rimane uno dei riferimenti identitari che rendono Parma conosciuta nel mondo.
Di questo intendevamo parlare in Consiglio comunale martedì scorso con la mozione che il Sindaco e la maggioranza non hanno voluto discutere". 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Karma: la notte di J.L. David

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

Sei un esperto di... tutto! Rispondi ai nostri 10 quiz

GAZZAFUN

Pronto ad un nuovo ripasso di cultura generale? Provaci subito

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus

parma

Star Wars: i personaggi della saga... al Campus Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Imu e Tasi, lunedì si chiudono i conti

L'ESPERTO

Imu e Tasi, entro lunedì il saldo. Tutto quello che c'è da sapere

di Daniele Rubini*

Lealtrenotizie

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi: foto

PARMA

Striscioni per ricordare Giulia davanti al liceo Marconi Foto

LUTTO

Giulia, 15 anni e tanta voglia di vivere

3commenti

VIA GORIZIA

Apre la portiera dell'auto e un uomo lo minaccia con un coltello: un arresto per rapina

Il giovane minacciato è fuggito e ha chiamato i carabinieri. In manette un tossicodipendente

tg parma

Fango, acqua, lavoro e tanta amarezza: parlano gli sfollati di Colorno Video

REPORTAGE

A Lentigione, dove si lotta con il fango

ENZA

Si lavora per il ripristino delle sponde di Enza e Parma Video

Colorno

Il libraio Panciroli: «Mai vista tanta acqua in Reggia»

1commento

GAZZAREPORTER

Problemi alle luminarie: vigili del fuoco in via D'Azeglio Foto

BANCAROTTA

Crac Spip: in 4 pronti a patteggiare, per altri 3 rito abbreviato

INFOMOBILITY

Sosta e transito nelle Ztl: ecco come rinnovare il permesso per il 2018 

AVEVA 52 ANNI

Langhirano piange Tarasconi, per anni gestore del bar Aurora

Colorno

Il maresciallo si getta nel torrente e salva un 35enne

La storia a lieto fine nella frazione di Copermio

6commenti

SALSOMAGGIORE

Il rottweiler abbaia e scaccia i ladri

violenza sessuale

Arrestato insegnante di musica parmigiano: i due anni da incubo di un'allieva

2commenti

MALTEMPO

Corniglio, staffetta solidale nelle stalle

PARMA

I torrini del Battistero danneggiati: arrivano le impalcature Foto

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

ITALIA/MONDO

ECONOMIA

La Commissione Ue contro Ryanair: "Lo sciopero è un diritto fondamentale"

BOLOGNA

Peculato: condannato l'ex capogruppo Pd in Regione Marco Monari

SPORT

tg parma

Ospedale dei bambini: i giocatori del Parma diventano... Babbo Natale Video

RUGBY

Carlo Orlandi (Zebre): "Cerchiamo di migliorare il possesso palla" Video

SOCIETA'

social network

Il selfie della ragazza con cancro alla pelle: la campagna di prevenzione è virale

CONSIGLI

Nozze rovinate: la sposa è allergica alla torta

MOTORI

NOVITA'

Nuova Audi RS4 2017, il ritorno del V6 biturbo

MOTO

La prova: Kawasaki Z900RS