14°

politica pd

Lavagetto: "Nomi e data delle primarie prima del referendum. Altrimenti..."

lorenzo lavagetto

Lorenzo Lavagetto

1

Primarie con regole chiare, e data e nomi dei candidati già prima del referendum. Dopo l'intervista della Gazzetta al segretario provinciale del Pd Giampaolo Serpagli, piuttosto "laconico" sul tema, è il segretario cittadino Lorenzo Lavagetto a gettare la sfida. E velatamente fa intuire che se le primarie Pd non acquisteranno dignità al di là del referendum, iniziando sin da ora a parlarne concretamente, è intenzionato a fare un passo indietro rispetto al suo incarico. 

Ecco il suo intervento.

Prima di tutto le buone notizie: ho letto l’intervista rilasciata dal segretario provinciale del Pd e noto con piacere che la parola “primarie” non è più un tabù. Mi fa piacere perché quando la scorsa estate sollevai con forza questa necessità diciamo che ai piani alti del mio partito non accesero i fuochi d’artificio.
Il mio ragionamento credo sia semplice: dopo 20 anni di sconfitte, ci sono tre cose tre che il Pd dovrebbe aver compreso, una delle quali è che un candidato o una candidata sindaco non si sceglie al riparo da sguardi indiscreti ma dando voce a questa nostra Città straordinaria. E le altre due vengono di conseguenza: non dobbiamo correre per piantare una bandierina sul tetto del Municipio ma per metterci a servizio dei sogni e delle speranze della città, alimentati dalle sue donne e dai suoi uomini. E soprattutto, dobbiamo usare ogni minuto e ogni ora per costruire proposte che siano a misura di quartiere, riconsegnando a tutti il diritto e il dovere di riprendersi il futuro.

Quindi, bene che si parli di primarie, meno bene – decisamente meno bene – le modalità che sono state tratteggiate dai vertici del mio partito, riassumibili con un laconico “ne parliamo dopo il referendum”.

Le primarie non devono essere una subordinata del referendum del 4 dicembre. Certo, questa data segnerà in un modo o nell’altro la storia della Repubblica e dei suoi assetti politici, ne siamo tutti consapevoli, ma credo che Parma e quello che desideriamo fare per dare voce alla nostra Città valga molto di più. All’alba del 5 dicembre sapremo cosa accadrà del Pd, sapremo se vivrà o meno il bicameralismo perfetto e se dovremo mantenere ancora 300 parlamentari ma non cambierà nulla per chi vive nelle periferie, per chi lotta contro la povertà, il degrado e l’insicurezza. Non cambierà nulla per le imprese e le famiglie che devono fare i conti con un sistema di tasse comunali e multe tra i più costosi d’Italia. Il referendum non ci darà il collegamento all’alta velocità ferroviaria e men che meno arriverà come manna dal cielo un welfare che sostenga chi insegue il desiderio di mettere in piedi una famiglia.

Alle elezioni del prossimo anno abbiamo il dovere di presentarci non solo per proporre una buona candidatura, ma soprattutto per lanciare un modello nuovo, capace di spiegare ai cittadini che lo schieramento di Parma sarà il megafono e lo strumento più efficace per il cambiamento, non più una somma di sigle litigiose, temporaneamente insieme solo per raggiungere un risultato. E’ bene essere chiari fin da subito: Parma ha innovazione e solidarietà nel suo dna, come ho detto più volte, e il PD deve sostenere questa vocazione, non le rendite di posizione o l’indifferenza per chi vota sempre il meno peggio turandosi il naso.

Aspettare che passi l’onda referendaria per attivare la macchina delle primarie significa dire ai cittadini che prima dei loro bisogni e dei loro sogni vengono le aspettative di un partito e i sogni della sua classe dirigente. Significa rischiare che le primarie vengano percepite come un teatrino nel quale molto è già deciso. Mi si dirà che non sono parole degne di un segretario di partito. Può essere. Ma sono le parole di un cittadino di Parma, che qui vive da sempre, che qui ha studiato, che qui lavora e ha la sua famiglia. Conosco la mia Città e so che oggi la gente da noi si aspetta molto. Cosa?

Parma si aspetta il coraggio di tentare un’impresa mai vista prima e la capacità di emozionarla.
Una responsabilità di cui dobbiamo farci carico, cambiando profondamente le vecchie liturgie, gettando a mare le tattiche e smettendola una volta per tutte di affrontare le elezioni sperando più nei demeriti e negli sbagli degli altri che nella bontà dei progetti.

Un tempo andava di moda dire che bisogna rimettere l’orecchio a terra e ascoltare la nostra Comunità. Quell’orecchio lo abbiamo posato e chiunque l’abbia fatto con noi sa che sarebbe un ottimo inizio spiegare tre semplici cose, che ho già detto e ribadisco:
1) chi verrà a correre per le primarie lo farà raccontando quello che vuole realizzare, senza dover esibire analisi del sangue per giustificare quello che è stato o che ha fatto prima.
2) chi le vincerà lo farà senza il paracadute di un posto cui tornare in caso di sconfitta al voto amministrativo. E lo farà garantendo il suo contributo per tutto il mandato senza tirarsi mai indietro.
3) oltre alla data delle primarie, i nomi dei candidati e delle candidate disponibili e che abbiano l’entusiasmo di mettersi a disposizione saranno noti prima del referendum, non dopo (e ricordo che Massimo Rutigliano è in corsa, a queste condizioni, dal dicembre 2015);

Per questo credo che le primarie siano molto più di una crocetta sul nome di un candidato sindaco ma una nuova officina di impegno collettivo, le prove generali di una Città che rifiuta di fare ancora la meteora d’Emilia e che non dimentica di essere stata la Stalingrado usata e poi gettata alle ortiche da Grillo.
Questa sarà la sfida per cui chiederò all’Assemblea cittadina del Pd di condividere e di costruire, decidendo col suo voto libero cosa sarà meglio fare.
E se dovessi trovarmi in minoranza poco importerà. Non vivo di politica e sarò lieto di servire la mia città in altri modi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Filippo Bertozzi

    18 Ottobre @ 13.47

    Molto apprezzabile.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Addio al gigante di «Trono di Spade»

MORTO FINGLETON

Addio al gigante di «Trono di Spade»

Amici, la Celentano dà della grassa alla ballerina che si mette a piangere

Video

"Sei grassa" e la ballerina piange: polemica ad Amici

1commento

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Striscia la notizia

Morto il fratello dell'inviato Valerio Staffelli

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Collezionismo e antiquariato di nuovo protagonisti a Parma

L'EVENTO

Mercanteinfiera protagonista
a Parma

Lealtrenotizie

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Degrado

«Strada del Traglione? Uno schifo»

Scabbia

L'esperto: «In aumento altre malattie infettive»

CALCIO

Il Parma non si spreca

Borgotaro

No alla chiusura del Punto nascite

CARNEVALE

I costumi di Favalesi illuminano Venezia

PONTETARO

Nuovo blitz alla Valtaro Formaggi, ma il colpo fallisce

Protesta

Strade pericolose e degrado: Gaione alza la voce

CHIRURGO

Lasagni, in oltre 20 anni mai un'assenza dal lavoro

lega pro

Basta un gol: il Parma espugna Salò (1-0) e risponde al Venezia Gallery Video: il gol

Mazzocchi e Corapi: "Partita rognosa, ma aabiamo portato a casa i tre punti" (Video) - Pacciani: "Poco brillanti, ma conta la vittoria" (Video)La squadra saluta gli oltre ottocento tifosi (Video)Il Venezia schiaccia la Samb 3-1. Anche il Padova vince (Risultati e classifica)

2commenti

parma-feralpi

D'Aversa. "Risultato importante, ma vorrei più personalità" Video

evento

Volti, colori e...oggetti da Mercanteinfiera Gallery

pallavolo

Finisce l'era Magri: Cattaneo nuovo presidente Fipav

Bassa

Successo per la Verdi Marathon: 2.200 partecipanti, sole e... Verdi sul palco Foto

Malattie

Tre ragazzi con la scabbia alle superiori

11commenti

gazzareporter

Il soffitto della palestra "Del Chicca" perde i pezzi

1commento

Carabinieri

Legna e pellet non pagati: commerciante di Parma raggirato nel Reggiano

Bagnolo in Piano: denunciato un 52enne di Crotone, la nipote e il suo compagno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Auguri Giorgio Torelli, un parmigiano speciale

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

Le multe facili e quelle difficili

10commenti

ITALIA/MONDO

brescello

Ristoratore respinge due rapinatori armati di scacciacani

ROVIGO

Errore in un documento: niente funerale, la defunta risulta viva

SOCIETA'

Cinema

E' morto l'attore Bill Paxton

il libro

Vita, morte e miracoli: i Pearl Jam "scritti" da due fan

SPORT

rugby

L'amarezza di Villagra: "Potevamo vincere" Video

SEI NAZIONI

L'Italia perde lottando a Twickenham

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, il Suv del Biscione. Da 50.800 euro Video

NOVITA'

Bmw, la nuova Serie 5 ragiona da ammiraglia