politica

Alfieri: "Cittadini spremuti per fare scintille nell'anno delle elezioni?"

Alfieri: i cittadini spremuti dal comune per fare scintille nell'anno delle elezioni?
Ricevi gratis le news
1

Bilancio, interviene il candidato alla poltrona di sindaco Luigi Alfieri

Alla fine ha tolto la maschera. Per 5 anni Pizzarotti ha detto che Parma, a causa di 800 milioni di euro di debiti, doveva subire tutte le tasse e le tariffe al top, che si doveva risparmiare su tutto. Che gli appalti andavano fatti al massimo ribasso. Ha lasciato seccare le fontane, ha lasciato che i parchi fossero in preda al degrado, che le erbacce crescessero sui monumenti, che le multe si moltiplicassero, che la qualità dei servizi scemasse. Non ha investito sulla sicurezza e nella lotta al degrado. Poi, pochi giorni, fa la scoperta: i soldi ci sono. L’assessore al bilancio Ferretti in un’intervista ha dichiarato: “faremo investimenti per 138 milioni di euro nei prossimi tre anni”. Ieri il sindaco sulla Gazzetta gli ha dato manforte. “Nel 2017 investiremo 48 milioni”.
In questi cinque anni di cinghia tirata, il comune ha ammucchiato un bel tesoretto da spendere nell’anno delle elezioni. Come succedeva ai tempi di Cirino Pomicino e Rino Formica. Si vota? E noi tagliamo nastri. Fantastico, questo significa riportare l’orologio ai bei tempi di una Parma gloriosa. Il commento di Ferretti? “Un rilancio che parla di servizi e non di tasse”. Appunto, nelle comparsate mediatiche di questi giorni gli amministratori non parlano mai di tasse. E nel caso non affiancano mai la parola riduzione alla parola “tributi” o alla parola “tariffe”. Magari ci faranno una bella sorpresa durante la presentazione in consiglio comunale e ci stupiranno con effetti speciali.
Quello che sorprende più di tutto in questa continua serie di glorificazioni del bilancio 2017, è una dichiarazione del professor Ferretti: “questo è il primo bilancio senza rischi di default”. Ma davvero? Abbiamo provato a verificare. La frase è quanto meno azzardata. Forse è il caso di fare un po’ di storia del debito del Comune, del debito delle partecipate e del debito consolidato, che sono tre cose diverse. In pratica le tre carte. E’ opportuno perché questa amministrazione ha tenuto puntata sui cittadini la pistola degli 800 milioni di debito, che, si badi bene, non è il debito del Comune, ma il debito del comune (basso) più il debito delle partecipate (molto alto).
Frugando tra antichi documenti, abbiamo trovato una nota a commento della relazione commissariale stesa dal dottor Gino Capelli, già assessore al bilancio degli allora 5 stelle, stesa il 9 ottobre 2012. Vi si legge: “Chi parla di dissesto del comune di Parma parla a sproposito in modo irresponsabile”. Poi aggiunge: “L’attuale equilibrio di bilancio è di fatto conseguente all’attività del Commissario”, ossia il prefetto Ciclosi. Quindi, per l’ex assessore di Pizzarotti il Comune non rischiava il default neppure nel più nero degli anni grillini: il 2012. Figuriamoci negli anni successivi.
Ma non finisce qui. Capelli aggiunge: “E’ un dato di comune esperienza che il debito di un qualsiasi soggetto debba essere valutato alla luce del suo patrimonio e della sostenibilità del debito rispetto alla propria condizione patrimoniale e finanziaria”. Quindi spiega l’ex assessore, se vuoi conoscere il patrimonio netto del gruppo comune devi sottrarre il passivo all’attivo. Ebbene, come si legge nella relazione, sottraendo al patrimonio delle partecipate i loro debiti (607 milioni dice) resta un patrimonio netto di 112 milioni. “Se siamo una famiglia e abbiamo contratto un mutuo per acquistare un’abitazione, a fronte del debito contratto con il mutuo ho il valore dell’immobile… Pertanto, se vogliamo vedere l’effettiva situazione patrimoniale della famiglia, dobbiamo fare riferimento non solo al debito, ma anche all’attivo costituito dall’abitazione”. Aveva ragione Capelli a dire questo, se è vero che il Comune oggi naviga in buone acque; come dice Pizzarotti. Ma non perché sia stato fatto un miracolo. Ma perché su quegli 800 milioni totali e quei seicento delle partecipate si poteva lavorare e andare in fretta a una riduzione. Per non parlare del debito del Comune che non è mai stato grave. Se per lungo tempo l’amministrazione non ha potuto saldare i suoi debiti verso i fornitori ciò non era dovuto alla mancanza di soldi ma ai meccanismi del patto di stabilità. Appena il governo ha varato lo “sblocca debiti”, i creditori sono stati soddisfatti senza problemi.
Il Comune di Parma non era a rischio default. Il vero problema era il debito delle partecipate. E qui qui la partita è stata vinta in tre mosse: il Comune ha venduto una delle società più indebitate, Stu Pasubio, con tutti i suoi passivi (il sindaco è indagato per questa operazione), che son scomparsi dal debito. Poi ha fatto fallire Spip, e qui se ne è andata un’altra fetta immensa di debito, con buona pace dei poveri creditori della società. Poi ha “venduto” (in realtà si tratta di operazione ben più complessa di una vendita) azioni Iren di sua proprietà per pagare i debiti di STT. E così oggi si può dire che il debito delle partecipate è passato da 573 milioni di euro a 343. Ma non parliamo di miracolo.
Allora viene spontanea la domanda finale: perché in parallelo non sono diminuite le tasse o aumentati barra migliorati i servizi? Il sospetto è questo: bisognava essere pronti ad affrontare le elezioni 2017, tagliando nastri a volontà e rilasciando interviste.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salamandra

    09 Dicembre @ 19.02

    Alfieri evidentemente è distratto. Non è da ieri che Pizzarotti ha detto prima riduciamo il debito e poi torniamo a investire.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Moreno Morello

Moreno Morello

TELEVISIONE

Aggredito Moreno Morello di Striscia la Notizia in un hotel di Roma

Ascolti: fiction Canale 5 a 2,2 mln, Sarà Sanremo 11.36%

televisione

Ascolti tv: la fiction Sacrificio d'amore vince di misura su Sarà Sanremo

Guerre stellari tra solennità e disco music

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

STADIO TARDINI

Il Parma col Cesena punta alla cinquina Diretta dalle 15

I crociati hanno vinto le ultime quattro gare in casa ma i romagnoli sono in gran forma con un attacco prolifico. Fuori Munari, gioca Dezi

CORCAGNANO

L'addio a Giulia, folla commossa al rosario

Il funerale alle 14,30

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

ALLUVIONE

Tra ruspe e "angeli del fango": a Lentigione si lavora senza sosta Foto

Messa domenicale sul sagrato della chiesa

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

L'assessore Guerra: "Spenderemo 100mila euro in meno"

8commenti

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

SALSO

«L'alveo dello Stirone è abbandonato a se stesso»

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

Regione

Alluvione, la prima stima dei danni: 105 milioni fra Parma, Reggio e Modena

Il presidente della Regione ha firmato la richiesta di stato di emergenza, subito girata al governo

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I bitcoin spiegati a tutti. Ecco perché sono da maneggiare con cura

di Aldo Tagliaferro

1commento

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

KILLER

Catturato Igor: niente estradizione in Italia. E' arrivato in Spagna in auto? Foto

1commento

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

CUNEO

La salma di Vittorio Emanuele III tornerà in Italia

FESTE PGN

Karma: la notte di J.L. David Foto

MOTORI

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande

DUE RUOTE

La prova: Ducati Multistrada 1260