-4°

Provincia-Emilia

"Ecco perché ho avuto il coraggio di denunciare"

0

di Chiara Cacciani

«Lo considero un dovere per ogni educatore, quello di non tacere le cose che si vedono. Per correttezza verso i ragazzi e verso le famiglie che te li affidano. Ma se non avessi avuto intorno a me persone che mi hanno sostenuto, forse non mi sarei esposto in  modo così evidente. Ricordo bene cosa si prova in quei momenti». A raccontarlo  è Lorenzo Vecchi, l'educatore che con il suo esposto datato maggio 2008 ha fatto partire le indagini dei Nas sulla  residenza terapeutica «Cavanà». Le stesse che hanno portato all'arresto ai domiciliari del direttore sanitario Ron Shmueli e che ha coinvolto altri sette operatori, oggi indagati a piede libero.    
   Se n'era andato dalla struttura di Pellegrino nel novembre del 2007, dopo tre ore di «chiacchierata» dai toni alti con il coordinatore Matteo Ferradini. Tre ore in cui aveva vuotato il sacco e snocciolato tutto ciò che gli sembrava inaccettabile. E non ci sono le «fialature» a mo' di punizione e minaccia su cui si sofferma a lungo l'ordinanza del gip di Parma. «Non si faceva mai quello che noi chiamiamo “équipe”, il momento di confronto tra gli operatori: c'era  solo una sequela giornaliera di ordini da eseguire senza poter esprimere un'opinione diversa. Il lavoro dell'educatore veniva  sminuito, così come il dialogo che ci deve essere con i ragazzi. Non potevi parlare con loro di certi argomenti, non potevi avvicinarti a loro in certi momenti».

L'immagine che a Lorenzo è rimasta impressa è quella delle cene: «Noi in piedi dietro, con il compito di servire, e loro seduti a tavola in silenzio. In più dovevamo controllarli sempre, ad esempio quando fumavano. Si abbatteva in ogni modo  la loro autostima. Alla fine era ovvio che i ragazzi reagissero non volendo  parlare: ci vedevano solo come rompiscatole e controllori».
Allora aveva alle spalle 8 anni di esperienza da educatore, Lorenzo, «ma lì era diventato un lavoro snervante, castrante. Alla fine, all'ennesima fiala o all'ennesimo arrivo al mattino trovando i ragazzi “spenti”, si decideva di andarsene. L'ho fatto io, ma l'hanno fatto in tanti: la media di resistenza era di uno-due mesi, il record è stato, credo, di sei ore».        
Quando si è allontanato ha comunicato («in un “eccesso di correttezza”») la sua intenzione: rivolgersi al giudice tutelare. Un non tirarsi indietro, certo, ma rimanendo dietro le quinte. Poi qualcosa è cambiato. «Ci ho messo cinque mesi a maturare una decisione diversa. Mi sono confrontato con  amici, ho conosciuto Lella Fulgoni, del Comitato difesa malati psichici, e c'era anche chi mi diceva: “chi te lo fa fare di ficcarti in una situazione del genere?”». «So cosa si prova - continua l'educatore -:  sembra di intraprendere una lotta impari, a denunciare certe cose. Io ho trovato il coraggio necessario per andare in Procura grazie alla mia coscienza e quando ho capito di non essere solo. Da allora ho alternato sconforto a ottimismo, ma non mi sono mai pentito. Ero già contento che il regime a “Cavanà” fosse cambiato: i ragazzi mi raccontavano che dopo i controlli dei Nas non facevano più le fialature. E ora c'è il risultato di un'indagine che non fa passare più per matto un educatore, come sembrava un anno fa».

Nel frattempo anche un'altra ex educatrice della struttura si è fatta avanti con i carabinieri. «Ma ora che abbiamo fatto questi primi passi e ci siamo esposti, altri potrebbero dire qualcosa - afferma Lorenzo -. Perfino il mio bottegaio mi ha raccontato di un suo cliente educatore che alla notizia dell'arresto di Shmueli gli ha confermato cosa accadeva lassù». «Assolve», in un certo senso, alcuni degli operatori passati da «Cavanà», Lorenzo: «Alcuni erano accondiscendenti per ingenuità o per ignoranza in senso professionale: qualcuno non aveva mai svolto quel lavoro, altri uscivano dalla scuola di psicologia. Ti trovavi di fronte ai titoli professionali di un medico psichiatra  e ti facevi poche domande: certe cose le metti insieme solo con l'esperienza. Ma poi alla fine anche loro non resistevano e se ne andavano». Non si è mai pentito, lo conferma, Lorenzo: «Era un dovere verso i ragazzi e le loro famiglie».      
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Hub Café: il party messicano

Pgn feste

Hub Café: il party messicano Foto

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Casa Bianca

Festa d'addio di Obama, a sorpresa esibizione di Springsteen

Addio a Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

brasile

Morta carbonizzata Loalwa Braz Vieira, regina della "lambada"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Incidente Cascinapiano

Incidente Cascinapiano

Filippo sarà vestito da calciatore: sabato il funerale a Langhirano Video

IL FATTO DEL GIORNO

Massese pericolosa, Brambilla: "Il rimpallo di responsabilità è inaccettabile" Video

Parma

Legionella: la causa del contagio resta sconosciuta

Esclusi l’acquedotto pubblico, la rete delle derivazioni dall’acquedotto stesso, l'irrigazione del campo sportivo e gli impianti della "Città di Parma"

SISMA E GELO

Il Soccorso Alpino di Parma salva famiglie intrappolate sotto due metri di neve Video

I tecnici di Parma operano sull'Appennino di Ascoli Piceno per raggiungere le frazioni isolate

polizia

Rapina in villa a Porporano: arrestata tutta la banda Video

polizia

Raffica di furti in viale Fratti e viale Mentana: arrestato 26enne

2commenti

tg parma

Via Marmolada: si fingono avvocato e maresciallo per truffare anziani Video

Dati Bankitalia

Le rimesse degli immigrati: 24,5 milioni inviati all'estero in 6 mesi  Video

Gli indiani superano i romeni 

14commenti

Tragedia

Morto in via Pintor: parenti rintracciati grazie a facebook

carabinieri

Borseggia anziano sul bus: arrestato un senegalese

5commenti

Mercato

Guazzo, niente Modena

sabato

Per tenere viva la Curva Nord torna la riffa dei Boys

1commento

Gazzareporter

Massimo Mari: "Parma, inverno"

1commento

Wopa

I genitori omosessuali fra difficoltà e pregiudizi

Presentato libro a Parma in un dibattito moderato da Chiara Cacciani

VALMOZZOLA

Entra in casa, raggira e deruba due anziani

1commento

Salsomaggiore

«Lasciavamo le porte aperte, ora siamo terrorizzati»

8commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

2commenti

EDITORIALE

L’America di mio padre cinquant'anni dopo

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

Rigopiano (Pescara)

Hotel sommerso da una slavina: due vittime accertate, decine di dispersi Foto

2commenti

PADOVA

Orge in canonica, con il prete c'era anche un trans

2commenti

SOCIETA'

AGENDA DELL'AUTO

Bollo auto, ecco cosa bisogna sapere

Pescara

Cantante del "Volo": "Dovevo essere all'hotel Rigopiano"

SPORT

Moto

La nuova Yamaha di Rossi: le foto

RUGBY

Grande festa per la città di Parma: Zebre contro London Wasps Video

MOTORI

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery

PROVA SU STRADA

Peugeot 2008, per chi non si accontenta