14°

Provincia-Emilia

2008 - I soldi della camorra a Medesano

0

Gazzetta di Parma 7-6-2008

MEDESANO - Ora come ora erano rimasti solo gli spiccioli. Ma quel che è certo è che i soldi «sporchi» della camorra sono stati custoditi per anni anche a Medesano. «Sporchi» di estorsioni, usura, traffico di droga, e usciti dalle tasche di un clan - i Cava di Quindici, nell'Avellinese - protagonista di una lunga e sanguinosa faida con i rivali della famiglia Graziano. Creatore di un impero criminale difeso da una efficiente organizzazione militare, poteva contare su una struttura impermeabile a defezioni e collaborazioni con lo Stato e capace di imporre l'omertà ai cittadini.

Operazione «Tempesta» - Lo hanno scoperto i poliziotti delle Squadre mobili di Avellino e Napoli coordinati dalla pm della Dda partenopea Maria Antonietta Troncone. E la loro «Operazione tempesta» ha confermato i legami fra la criminalità organizzata del Meridione e le ricche regioni del Nord, utilizzate come «cassaforte» - anche tramite prestanome -per il riciclaggio dei proventi del traffico di droga e delle estorsioni. Il risultato della «Tempesta»? Una pioggia di ordinanze di custodia cautelare in carcere - in tutto 47 - eseguite nella notte tra giovedì e venerdì, due latitanti da rintracciare e - parallelamente - il sequestro di beni per un valore di circa 180 milioni di euro: aziende, società, immobili, conti correnti postali e bancari. Ed eccoli, i legami con il Parmense e il Piacentino.Poliziotti a Medesano e AlsenoIn una banca di Medesano è stato sequestrato un conto corrente che sarebbe intestato a Biagio Cava, il boss del clan in carcere da due anni, arrestato durante la guerra di camorra contro i Graziano. E un conto corrente è stato sequestrato anche alle Poste di Alseno. Entrambi ormai quasi all'asciutto, e forse tenuti aperti per avere una possibilità in più alla bisogna. Nella cittadina piacentina ieri mattina gli uomini della Squadra mobile hanno inoltre messo i sigilli ad un intero villaggio sulla collina di Colle San Giuseppe: sei palazzine, ciascuna con sei unità abitative, costruite negli anni Settanta e poi intestate a persone considerate vicine al clan. Disabitate da anni, avevano fatto da casa ad alcuni parenti stretti dei boss dei Cava. Ed evidentemente non è un caso se tra gli arrestati figura anche Salvatore Cava, fratello di Biagio e di Antonio, detto «Ndò Ndò». Salvatore negli anni Novanta era stato il primo ad arrivare a Piacenza, in soggiorno obbligato.

Lì aveva aperto una carrozzeria, chiusa alla fine degli anni Novanta, e poi si era spostato ad Alseno. Ma il sequestro delle villet-te non è una novità: erano già sottoposte a questa misura per ordine del tribunale. Il motivo? I costruttori non erano stati pagati. Ma il clan non sembra-va molto preoccupato dalla vicenda. Inferto un duro colpo al clan Le indagini erano iniziate nel 2003, e nel blitz della scorsa notte sono stati impiegati circa 300 agenti: l'Operazione «Tempesta» ha quasi azzerato i vertici e i gregari del clan, delegati dai capi storici Biagio e Antonio Cava (in carcere per singoli episodi di estorsione) alla gestione dell'organizzazione malavitosa. Ne sono convinti il pm napoletano Antonietta Troncone ed il questore di Avellino Antonio De Jesu. Protagonista negli anni scorsi di una lunga faida con i rivali del clan Graziano, già decimata dalle forze dell’ordine, l'organizzazione dei Cava aveva mantenuto quasi intatte le proprie strutture. Le indagini hanno consentito di far emergere finalmente un quadro unitario dell’associazione, che dal Vallo di Lauro, suo originario luogo di insediamento, è riuscita progressivamente ad espandersi ad Avellino e nel resto della provincia ed anche in ampie zone del nolano, con roccaforti a Palma Campania, San Paolo Belsito, Liveri, San Gennaro Vesuviano. E questo grazie soprattutto alle alleanze con il clan Fabbrocino, nella cui orbita il clan Cava si è sviluppato, e con il clan Genovese, operante nell’Avellinese, progressivamente assorbito dai Cava.

Oltre che in Emilia, ramificazioni sono emerse anche nel Lazio. Una struttura criminale capace di accumulare un rilevante patrimonio attraverso estorsioni, usura, appalti e traffico di droga. E questo, grazie a parenti e affiliati che in virtù di antichi vincoli fiduciari, all’interno dell’organizzazione svolgevano le più diverse mansioni, da quelle strettamente legate ai rapporti con i capi del clan a quelle prettamente esecutive. Delle 47 ordinanze di custodia cautelare eseguite, una decina sono state notificate a soggetti già detenuti. Due indagati sono riusciti a sfuggire alla cattura, e vengono attivamente ricercati. C.C

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO

Il rugby irrompe in scena. E arriva il "bello" Sergio Muniz

Angelina Jolie mangia insetti con i figli

curiosità

Angelina Jolie ai fornelli: mangia insetti coi figli Video

1commento

arsenal

inghilterra

Mangia il panino in panchina. E il Sutton lo licenzia Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavagna, la droga e il troppo amore

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

13commenti

Lealtrenotizie

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto

Parma

Investe una donna in via Venezia e si dilegua: caccia all'auto pirata

Il conducente si è fermato dopo l'incidente ma poi è ripartito: ora la polizia municipale lo cerca

Trasporto pubblico

Con Busitalia tornerà Mauro Piazza: "I timori per il personale? Solo terrorismo"

13commenti

Parma

"Spazio verde": quinto furto in tre anni Foto

Convegno

Come cambiano il territorio e la sua economia: la presentazione di "Top 500" Foto

parmense

Commercialista dalla vita agiata ed evasore totale: incastrato dalla Finanza

2commenti

processo aemilia

Traffico di yacht e gruppi russi: quegli incontri a Parma della 'ndrangheta Tg Parma

Scuola

Iscrizioni: scientifico e tecnici, il «sorpasso»

vigili

Sicurezza e giovani, Noè: "Nessun allarme" Video

Nel 2016 400 interventi del Nucleo antiviolenza per tutelare donne e minori

7commenti

amministrative

Provincia Nuova attacca Fritelli e denuncia inciucio fra ex 5 Stelle e Pd

FIDENZA

Crac Di Vittorio, primi rimborsi

il caso

Legionella, domani nuovo incontro pubblico alla Don Milani

1commento

Langhirano

Bimbo di due anni cade dalla finestra

1commento

langhirano

Camion ribaltato a Cascinapiano: Massese chiusa per due ore Foto

Caritas

Parma, un «esercito» di poveri

2commenti

Lega Pro

Parma, che attacco sarà senza Baraye

COSMETICA

Davines, crescita in doppia cifra

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

7commenti

EDITORIALE

L'ottusa burocrazia che blocca l'Italia

di Gian Luca Zurlini

ITALIA/MONDO

efsa

I batteri resistenti agli antibiotici fanno 25mila morti all'anno in Europa 

MAFIA

Ucciso e dato in pasto ai maiali: 4 arresti nell'Ennese

SOCIETA'

modena

Travestito da water, era alla guida completamente ubriaco

3commenti

Palermo

Blitz dei carabinieri, i rom rispondono cantando Bello Figo

5commenti

SPORT

RUGBY

Palazzani: "Sei Nazioni, un'emozione unica. Zebre: domenica c'è l'Ulster" Video

LEGA PRO

Parma-Samb 4-2:
il film del match Video

MOTORI

LA RIO in pillole

Nuova Kia Rio, lancio sabato 25: da 10.900 euro

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv