16°

Provincia-Emilia

Le detenute si raccontano agli studenti del D'Arzo

Le detenute si raccontano agli studenti del D'Arzo
0

 

di Andrea Violi

«In carcere le donne partecipano ad attività di laboratorio e in alcuni casi possono tenere i figli piccoli. Il rapporto con i figli è uno degli aspetti più duri della vita di carcerate, come loro stesse raccontano. Ma ciò che colpisce è lo scetticismo con cui affrontano il futuro, la diffidenza su ciò che potranno fare una volta tornate libere».

Lo spiega Lucia Musi, che con un gruppo di studenti ha incontrato una ventina di detenute della sezione femminile del carcere di Bologna. La stessa dove sono rinchiuse Anna Maria Franzoni e Antonella Conserva.

Lucia Musi è insegnante all'istituto superiore «Silvio D'Arzo» di Montecchio Emilia, frequentato da alcune centinaia di studenti della Val d'Enza reggiana e parmense. Nei giorni scorsi, assieme alla collega Simona Salsi, ha accompagnato una quarantina di studenti di Quinta Iti e Quinta Igea a parlare con le detenute. L'uscita didattica fa parte di un ciclo di incontri sulla legalità che in passato ha portato gli studenti del «D'Arzo» anche a Reggio e Parma.
Una ventina su 42 hanno accettato di rispondere alle domande dei ragazzi, di parlare delle loro esperienze di vita e in carcere. Non c'erano detenute «famose», nel gruppo, ma tante donne che hanno raccontato a ruota libera esperienze, speranze e paure.

IL CRUCCIO DEI FIGLI. «Ciò che più fa soffrire le detenute è il rapporto con i figli - spiega la Musi -. Quando hanno da 1 a 3 anni a volte possono tenerli con sé. Ma c'era una detenuta che non può vedere suo figlio perché la famiglia glielo tiene lontano. Queste donne hanno visto nei miei alunni un possibile futuro per i propri figli».
Dietro le sbarre le detenute pensano ai loro bimbi, prima che a se stesse. «Le carcerate ci hanno raccontato la fatica di affrontare la società dopo questa esperienza - continua la Musi -. Sono pessimiste sulla possibilità di trovare un lavoro e una sistemazione dopo il carcere. Una detenuta, soprannominata “Viavai” perché torna spesso in carcere, è più pessimista delle altre: “Io non cambierò mai” ha detto agli studenti».
In carcere le donne (ma anche gli uomini) possono partecipare a laboratori di informatica, di inglese, di decorazione. Imparano un mestiere che, anche nel Parmense, può dare qualche opportunità di inserimento.
I ragazzi, dialogando con le detenute, hanno sottolineato che libertà significa anche agire con responsabilità. Ma le donne fanno notare che non di rado loro hanno alle spalle vite difficili. Problemi che, a volte loro malgrado, le hanno portate in brutte situazioni o su cattive strade. Una donna che si trova in carcere per una vicenda di documenti falsificati, cercando di evitare il fallimento del suo ristorante, si è raccontata con franchezza: «Mi sono trovata in difficoltà ma se avessi trovato aiuto in qualcuno, non sarei qui. E ora pago per i miei errori».

ESPERIENZA FORMATIVA. «Gli studenti hanno incontrato anche il personale del carcere - continua la Musi -. C'erano la direttrice della sezione femminile, Palma Mercurio e un educatore, Massimo Viccone. I ragazzi sono rimasti colpiti, hanno riflettuto molto e hanno visto da vicino come il carcere sia una realtà molto difficile. Parlando con le detenute è emerso che, all'arrivo della Franzoni, non ci sono state proteste, come scritto da qualche giornale. Le detenute sono già abbastanza prese dai propri problemi». All'uscita dal carcere, aggiunge l'insegnante, si sono mescolati al gruppo degli studenti reggiani alcuni parenti di Anna Maria Franzoni, che hanno cercato così di sfuggire alle telecamere dei cronisti che si trovavano fuori dal carcere.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto: "La paura? Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

nas

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

2commenti

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

12commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

9commenti

polizia municipale

Passante aggredito da un pitbull in zona stazione

5commenti

Corniglio

Lupo morto avvelenato

13commenti

TORRILE

San Polo, rubano un'auto e la «riportano» distrutta

Degrado

Gli spacciatori ora assediano Piazzale Dalla Chiesa

26commenti

Carabinieri

Fidenza: donna trovata morta in piazza Gioberti

LEGA PRO

Il Parma riparte dal poker di Gubbio

Parma

Il nuovo volto della diocesi: 56 maxi parrocchie per unire i fedeli 

Bologna

Prostituta uccisa a colpi di pistola: confessa un 55enne di Parma

Francesco Serra si era invaghito della 30enne romena Ana Maria Stativa, trovata senza vita a casa sua

Intervista esclusiva

Raffaele Sollecito: «Ho scelto Parma per lavoro»

Il delitto di Meredith, il processo, l'assoluzione, il rapporto con Amanda. Ecco l'intervista completa

24commenti

Parma

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno fino a venerdì

tg parma

Giuseppe Buttarelli ce l'ha fatta: da Colorno a Fontanellato contro la Sla Video

foto dei lettori

Materassi, mobili, elettrodomestici abbandonati in via Nello Brambilla Foto

Noceto

«Al Pioppo», quel luogo dell'anima

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

L'esempio di Londra contro il terrorismo

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

La polemica

Due ragazze indossano i leggings: United nega l'imbarco

SOCIETA'

Domenica LIVE

Rocco Siffredi: «Sono tornato al porno» Video

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017