-1°

Provincia-Emilia

Le Comunità montane perdono pezzi: fuori Calestano e Medesano

Le Comunità montane perdono pezzi: fuori Calestano e Medesano
0

Manca ancora un documento ufficiale, ma di fatto Calestano dice addio alla Comunità montana Appennino Parma Est.
Il consiglio comunale ha infatti  approvato con il  voto  di tutti i presenti  una risposta sfavorevole al parere richiesto dalla Regione Emilia Romagna sulla proposta di ridelimitazione delle comunità montane. Aggiungendo la richiesta   di non esservi più inserita e di fatto uscendo dall'ente che  raggruppava fino a oggi otto comuni: Calestano, Corniglio, Langhirano, Lesignano, Monchio, Neviano, Palanzano e Tizzano. Alla seduta del consiglio comunale erano presenti i soli consiglieri di maggioranza.
 Le obiezioni sollevate dal consiglio comunale riguardano soprattutto il fatto che il centro gravitazionale della Comunità Montana Est sia posizionato sulla Val Parma e che il tentativo di «razionalizzazione degli enti pubblici» sotteso al riordino, abbia il fine di trasformare le Comunità Montane in Unioni dei Comuni alle quali i comuni stessi debbano delegare servizi e funzioni. E questo -  secondo il «parlamentino»  - porterebbe solo svantaggi ad un comune piccolo come Calestano, che per una questione viabilistica e morfologica del territorio continua ad avere rapporti più favorevoli con la bassa e alta Val Baganza e con i comuni di Terenzo e Fornovo, in Valtaro, distanti poche decine di chilometri. e di certo più vicini rispetto a paesi come Langhirano, Lesignano, Monchio e Palanzano.
Intanto il presidente della Comunità montana est Stefano Bovis si dice sorpreso e amareggiato, "anche se sapevo dei malumori".

Sulla Gazzetta di Parma in edicola oggi trovate l'articolo completo su Calestano fuori dalla Comunità montana est, l'intervista al presidente Bovis e l'intervista a Carlo Berni (presidente della Comunità montana ovest) che parla dei rapporti con Medesano.

LA CRONACA DI IERI: MEDESANO ESCE DALLA COMUNITA' MONTANA OVEST - di Roberto Cerocchi
MEDESANO - Il Consiglio comunale di Medesano ha deciso di uscire dalla Comunità montana Valli del Taro e del Ceno. Una scelta votata e approvata durante il Consiglio comunale solo dai consiglieri della maggioranza, in quanto quelli della minoranza di «Medesano Domani», Gianpaolo Cantoni, Angelo Zanardi, Aldo Curziotti e Renato Bussolati, hanno abbandonato l’aula dopo la bocciatura della loro proposta di delibera, presentata il 15 gennaio, in cui la decisione, se restare ancora nella Comunità montana, spettava ai cittadini, con un referendum. La seduta è stata caratterizzata anche da momenti con toni accesi. Il capogruppo di «Medesano Domani», Cantoni, all'inizio ha chiesto al sindaco di discutere per prima la loro proposta di indire un referendum e poi di passare alla proposta della maggioranza di «Revisione degli ambiti territoriali». Proposta accettata dal sindaco e a cui lo stesso Cantoni rispondeva dichiarandosi «sconcertato che la maggioranza avesse già deciso l’uscita del Comune di Medesano dalla Comunità montana.

Decisione presa senza dar voce alla cittadinanza, cosa che era possibile con il referendum da noi proposto». «Un intervento che - ha puntualizzato - faccio “spoglio” dalla carica di assessore della Comunità montana e in nome della democrazia partecipata». Secondo Cantoni e Zanardi con la decisione della maggioranza « viene meno la possibilità dei cittadini di dare un parere e un’indicazione in merito» e rivendicavano «la mancata costituzione, da settembre, di una commissione Territorio, dove l’argomento poteva essere trattato e approfondito». Il sindaco Roberto Bianchi ha risposto che la proposta di uscire dalla Comunità montana «non è dettata da ragioni politiche, ma da riflessioni e argomentazioni affrontate con la serenità e la pacatezza che ci hanno sempre contraddistinti. Noi siamo stati sempre molto critici nei confronti della Comunità montana e l’avevamo scritto anche in una delibera del 2006. La legge - ha puntualizzato Bianchi - ci ha dato l’opportunità di uscire in modo da poter sfruttare le migliori opportunità per il nostro territorio e la nostra gente, lavorando per costruire nei tempi previsti dalla legge nuovi equilibri e nuove collaborazioni con altri comuni». I consiglieri Cantoni, Zanardi e Curziotti hanno contestato alla maggioranza «di aver ufficializzato la volontà di uscire dalla Comunità montana solo sette giorni prima, quando dal 31 ottobre erano a conoscenza della richiesta della Regione di dare un parere entro il 30 gennaio».

A loro dire c'erano i tempi per indire il referendum. Roberto Corradi prima e Stefano Paglia hanno ribattuto che più volte in passato la maggioranza aveva espresso il loro punto di vista in merito. La proposta della minoranza veniva messa ai voti e respinta. A quel punto i quattro consiglieri di «Medesano Domani» abbandonavano la seduta per protesta. Il sindaco Roberto Bianchi illustrava poi nei dettagli il percorso e l’analisi della situazione che ha portato la sua maggioranza alla decisione di uscire dalla Comunità montana Ovest. Entro il 28 febbraio il presidente della giunta Regionale adotterà il decreto della nuova ridelimitazione territoriale dell'ente.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

All’asta su Catawiki la Seat 1430 di Julio Iglesias

AUTO

All’asta su internet la Seat 1430 di Julio Iglesias

1commento

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Pasticcio di patate formaggi e verdure

LA PEPPA 

La ricetta - Pasticcio di patate formaggi e verdure

Lealtrenotizie

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

DELITTO DI NATALE

Gli investigatori tornano nella casa dell'assassino

Campagna elettorale

Pizzarotti candidato. E i Cinque stelle?

TERREMOTO

Le offerte dei lettori per il centro Italia

IL 29 AL REGIO

Niccolò Fabi: «Il disco della solitudine»

CALCIO

D'Aversa ha scelto Frattali

ACCIAIO

S.Polo Lamiere acquisisce la Tecnopali

Progetto

Cento studenti mandano una sonda nello spazio

Blackout

Zibello senza luce, scoppia il caso

NOCETO

Tecnico cade da una scala e batte la testa: è grave Video

ricandidatura

Pizzarotti: "Saremo civici veri" Video - Critiche dall'opposizione Video

Alleanze? "Tutti sono ben accetti ma il tema dei partiti non ci ha mai appassionato"

2commenti

parma

Ladro "seriale" dei supermercati colto sul fatto e denunciato

Rimini

I gelati migliori d'Italia: Parma e Salso al top nella guida del Gambero Rosso

Gli ispettori della guida hanno assegnato i "tre coni" a 36 gelaterie in tutto il Paese

5commenti

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

Prende corpo l'ipotesi di una lite per motivi personali

26commenti

anteprima

Come saranno utilizzati i vostri aiuti per i terremotati Video

Parma

Palazzo Pallavicino sarà donato alla Fondazione Cariparma

4commenti

Piovani

"Cura D'Aversa efficace. E da confermare a Venezia" Video

Questa sera Bar Sport (Tv Parma 20.30): mercato, big match, Evacuo e tanto altro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

industria

Trump alza il primo muro: Usa fuori dal TPP

Gran Sasso

Ecco i cuccioli sopravvissuti fra le macerie dell'albergo di Rigopiano Foto

1commento

SOCIETA'

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

3commenti

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

13commenti

SPORT

lega pro

Reggiana: Colucci esonerato. Arriva Menichini 

uefa

25 anni di Champions: il Parma è 85°. 7° in Italia

MOTORI

Prova su strada

Renault Scenic, adatta a tutto (e tutti)

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto