19°

34°

Provincia-Emilia

«Mio figlio Lorenzo, rinato dopo il coma»

«Mio figlio Lorenzo, rinato dopo il coma»
Ricevi gratis le news
0

Ilaria Moretti

Non c'è musica più bella per Angelo che la voce del figlio. Mentre il giovane Lorenzo «dormiva», imprigionato negli abissi del coma, lui e la moglie Claudia vegliavano accanto al ragazzo, sperando che dalle sue labbra mute potesse uscire d'improvviso un suono, una parola. E quando quella parola è arrivata, dice Angelo - gli occhi che non trattengono le lacrime - «è stato come se mio figlio fosse rinato». Lorenzo, 21 anni il 10 marzo, è il giovane livornese di Antignano che da giovedì (come già raccontato dal nostro giornale) è ricoverato al Centro Cardinal Ferrari di Fontanellato, grazie anche all'intervento di due giornali - «La Nazione» e la «Gazzetta di Parma» - che si sono mobilitati per aiutare questa famiglia in difficoltà. Ora è sveglio, parla e ha tanta voglia di rimettersi in piedi. Lo racconta il papà, lo sguardo intenso di chi ha vissuto sospeso tra terrore e speranza. Di chi d'improvviso ha visto infrangersi quei giorni meravigliosi che la gente fortunata - senza riflettere - liquida come «banale normalità». «Lorenzo - spiega papà Angelo - è un ragazzo attivo: lavora e studia Scienze della comunicazione all'Università, ama il surf e lo snowboard». Ed è proprio durante una giornata sulla neve all'Abetone, i primi di dicembre, che Lorenzo, mai avuto problemi di salute, ha la prima avvisaglia di quella malattia misteriosa che lo avrebbe tormentato nei mesi successivi. «In fondo alla pista si è sentito male - ripercorre il padre -, gli amici che erano con lui lo hanno subito soccorso e hanno parlato di un attacco di epilessia». Un primo controllo non rivela niente di strano, ma qualche giorno dopo Lorenzo torna a stare male e viene ricoverato in ospedale a Livorno: «Aveva degli svenimenti improvvisi - racconta Angelo -, ha fatto la Tac e la risonanza magnetica per ben sei volte ma non risultava niente che potesse giustificare quello che gli stava accadendo».

Al ragazzo vengono somministrati farmaci anti epilettici ma la situazione non migliora: «Ha cominciato a perdere l'uso della parola e del braccio destro». Si inizia a parlare di un virus misterioso. «Lorenzo era impaurito, nei momenti di lucidità ci chiedeva cosa gli stava succedendo, non capiva». Dopo Natale la situazione precipita e Lorenzo dalla Neurologia finisce in Rianimazione: ci rimarrà 45 giorni, molti dei quali in coma farmacologico. «Gli facevano due elettroencefalogrammi al giorno, sono stati momenti durissimi. Abbiamo anche pensato che potesse rimanere in uno stato vegetativo». Per un attimo la voce del papà si interrompe. Poi riprende: «Non abbiamo mai perso la speranza e dopo l'Epifania, finalmente, c'è stato un miglioramento, anche se quando i medici hanno smesso di sedarlo, Lorenzo non si è svegliato subito». Ma mamma e papà non hanno perso la speranza: «Gli facevo ascoltare le voci registrate degli amici e gli portavo le vecchie fotografie e lui per un poco sollevava le palpebre». Poi la ripresa: «Ha cominciato a tenere gli occhi socchiusi, a dire sì e no con un cenno del capo». E poi il «miracolo», la sua prima parola, dopo quel lungo silenzio: «Ha detto “marmellata” - spiega il padre - e gliela hanno dato subito, nonostante fosse intubato». Dalla Rianimazione Lorenzo torna in Neurologia, poi i medici consigliano ai genitori il trasferimento al «Cardinal Ferrari», eccellenza italiana nel campo della riabilitazione neurologica.

Grazie anche a «La Nazione» e alla «Gazzetta di Parma» si supera l'ostacolo della mancanza di posti letto disponibili. «Ci troviamo bene, ma sono solo i primi giorni e di fatto dobbiamo ancora cominciare la riabilitazione. Lorenzo è un ragazzo forte: subito dopo il risveglio ha voluto mangiare e bere da solo. Dice che la cosa importante ora è guarire. Il peggio è passato e non dovrebbero esserci conseguenze». Il caso è completamente diverso, ma ogni volta che si parla di coma in questi giorni è impossibile non pensare a Eluana: «Non si può dare un giudizio - riflette Angelo - in certe situazioni ti ci devi trovare per poterle capire. Pensi sempre che a te non possa capitare nulla ma non è così e allora scopri quanto contino le cose “normali”».

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

Torino

Truffa allo chef Bruno Barbieri: arrestata 33enne

2commenti

Sgarbi operato, sta bene

A CATTOLICA

Sgarbi operato, sta bene

1commento

Notte d'estate a Parma: Elena, modella sullo Stradone

Gazzareporter

Notte d'estate a Parma: Elena, modella sullo Stradone

4commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ecco la Summer Promo: la Gazzatta a soli 45cent al giorno!

ABBONAMENTO DIGITALE

Ecco la Summer Promo: la Gazzetta a soli 45 cent al giorno!

Lealtrenotizie

Delitto di via San Leonardo: Solomon in Procura a Parma incontra il padre

Tg Parma

Delitto di via San Leonardo: Solomon a Parma incontra il padre Video

Delitto

Papà Fred si racconta: tra il dolore infinito e la forza dell'amore

5commenti

Guardia di Finanza

Fa sparire 135mila euro destinati ai creditori: nei guai imprenditore parmense

Alimentare

Sciopero e presidio alla Froneri (ex Nestlé)

1commento

Tg Parma

In arrivo il caldo record, fiume Po sempre più in basso Video

via fleming

Urta un veicolo in sosta e finisce con l'auto a ruote all'aria Foto

carabinieri

Rapina in banca con sequestro a Busseto: arrestati in tre

panocchia

Auto fuori strada: liberato il conducente incastrato tra le lamiere

2commenti

PARMA CALCIO

Luca Siligardi, nuovo bomber: "Bel gruppo. La serie B? Imprevedibile" Video

Tribunale

Stalker violento condannato a tre anni

Inchiesta

Le casalinghe a Parma, pareri a confronto

5commenti

CONFCONSUMATORI

Energia e gas: boom di reclami contro le maxi bollette

Dagli errori di fatturazione alle attivazioni mai richieste: scoppia la protesta

2commenti

SORAGNA E BUSSETO

I sindaci dicono no ai profughi: "Non ci sono strutture adatte"

5commenti

PARMA

"Insieme", bando della Fondazione Pizzarotti a sostegno delle famiglie fragili

SPETTACOLI

La carica dei 5mila all'Arena Shakespeare

Storie

Ieri e oggi: i maestri gelatai della Valtaro e Valceno

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

La lezione di papà Fred Video-editoriale

EDITORIALE

Borsellino e la giustizia che dobbiamo ai giovani

di Filiberto Molossi

ITALIA/MONDO

FRANCIA

La cantante Barbara Weldens muore folgorata durante un concerto

l'emendamento

Cellulare alla guida: ritiro immediato della patente fino a 6 mesi

9commenti

SPORT

Tg Parma

Ritiro di Pinzolo, prime due sedute di allenamento per il Parma

TOUR

Sull'Izoard vince Barguil, Aru in difficoltà: scivola al quinto posto

SOCIETA'

natura

Mamme d'Appennino: la volpe allatta i suoi cuccioli Video

telefono azzurro

Telefono e social, i bambini "inchiodano" gli adulti Video

MOTORI

TOYOTA

Yaris GRMN, dal Nurburgring la Yaris più potente di sempre

DAIMLER

Mercedes, "richiamo" volontario per 3 milioni di motori diesel