-2°

10°

Provincia-Emilia

Piano energetico, un passo avanti

Piano energetico, un passo avanti
Ricevi gratis le news
0

Un altro passo avanti verso il risparmio energetico. Entra nella fase più operativa il cammino verso il “Piano provinciale per il risparmio energetico e la promozione delle fonti rinnovabili”, avviato dalla Provincia da oltre un anno. Un cammino che ha come obiettivo ultimo l’adozione e la successiva approvazione di un piano innovativo, volto in ultima analisi alla riduzione drastica delle emissioni di Co2 in atmosfera e al raggiungimento di una maggiore autosufficienza del nostro territorio in termini energetici, con l’auspicata diffusione dell’impiego delle fonti rinnovabili.

Oggi in Provincia si è segnata una tappa importante di quel cammino: si è chiusa infatti la Conferenza di pianificazione, convocata per discutere e concertare il Piano energetico. Della Conferenza fanno parte i Comuni, le Comunità montane, i Parchi, l’Arpa, l’Ausl, la Regione e le Province contermini, che hanno partecipato a un percorso in più incontri (avviato lo scorso 18 dicembre confrontandosi soprattutto sulla “variante” al Ptcp (Piano Territoriale di Coordinamento Provinciale) resa necessaria dalla strutturazione del piano energetico: una variante volta a permettere una localizzazione e regolamentazione delle installazioni di impianti di produzione di energia rinnovabile in completa armonia con tutte le emergenze e le valenze ambientali del territorio provinciale. La “variante” al Ptcp, in particolare, andrà a regolamentare la localizzazione sul territorio degli impianti eolici, a biomasse, fotovoltaici, idroelettrici e geotermici.

“Con il piano energetico concludiamo un percorso di pianificazione molto importante condotto in questi anni: dopo i piani relativi ai rifiuti, alla qualità dell’aria, alle attività estrattive e alla tutela delle acque ecco dunque ora quello sull’energia, per il quale abbiamo adottato ancora una volta il metodo della concertazione e della partecipazione, in cui crediamo da sempre”, ha detto oggi al termine della riunione l’assessore provinciale all’Ambiente Giancarlo Castellani, che ha illustrato il prossimo iter del piano: “Dopo la tappa di oggi, estremamente importante, il piano dovrà andare in Consiglio provinciale, il 21 aprile, per l’adozione. Poi ci sarà un periodo di tempo in cui potranno essere presentate osservazioni, e infine si passerà all’approvazione, che però sarà compito della prossima legislatura. Noi possiamo dire che a chi arriverà dopo di noi lasciamo un’eredità di rilievo: questo è il primo piano energetico provinciale, un’azione innovativa che ci auguriamo possa essere colta da tutti. Mettiamo a disposizione dei cittadini della nostra provincia uno strumento di sviluppo molto importante. Nel percorso di concertazione condotto fin qui abbiamo trovato molta disponibilità e attenzione: c’è una consapevolezza diffusa che questo piano rappresenti un’opportunità significativa per il nostro territorio, non solo in termini ambientali ma anche in termini occupazionali. Quello delle fonti rinnovabili è infatti un settore di attività nuovo che può creare lavoro”.   In parallelo con la variante al Ptcp, parte più propriamente “normativa” e di regolamentazione, la Provincia sta lavorando a quella che sarà invece la parte più programmatica del Piano energetico provinciale, nella quale entreranno azioni di diretta ricaduta sui cittadini e sulle imprese del territorio. Si sta lavorando a diversi tipi di azioni: semplificazioni procedurali e amministrative; agevolazioni e finanziamenti; formazione e informazione.

Per le semplificazioni procedurali e amministrative, ad esempio, si sta lavorando alla redazione di un testo unico delle procedure autorizzative per gli impianti da fonti rinnovabili. Per le agevolazioni e finanziamenti le iniziative in cantiere spaziano dall’istituzione di un “Programma provinciale di finanziamento per interventi di risparmio ed efficientamento energetico e installazione di impianti solari termici e fotovoltaici” alla stipula di accordi con istituti di credito per l’erogazione di finanziamenti a tasso agevolato e costruzione di pacchetti ad hoc, fino all’istituzione del programma di adeguamento delle strutture di proprietà della Provincia di Parma, con particolare riferimento alle scuole superiori. Per la formazione e informazione si va dalla stipula di accordi con le associazioni di categoria e gli ordini professionali per la realizzazione di piani formativi annuali alla creazione delle rete provinciale dei Poli informativi, fino alla creazione di poli tecnologici dimostrativi che concentrino in un unico sito più soluzioni impiantistiche di fonti energetiche rinnovabili e di risparmio energetico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La principessa Eugenie si sposerà in autunno

gran bretagna

La principessa Eugenie si sposerà in autunno

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé

STATI UNITI

Pornostar ebbe relazione con Trump: lancia un tour osé Foto

La Royal Mail ha preparato i francobolli dedicati al Trono di spade

filatelia

Royal Mail, francobolli dedicati al Trono di spade

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Scopriamo le 9 donne dell'isola: Eva Henger

L'INDISCRETO

Scopriamo le 9 donne dell'isola

di Vanni Buttasi

Lealtrenotizie

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

INCHIESTA

Nomine al Maggiore, chiesto il rinvio a giudizio per l'ex rettore Borghi

1commento

chiozzola

Sorprendono il ladro in cortile. Il sindaco: "Cittadini, ingrassate le navette"

Allarme

Ore 7: attimi di paura in via Emilia Est

modena

'Ndrangheta: fermato il presunto nuovo reggente della cosca emiliana

Carmine Sarcone, provvedimento della Dda e dei Carabinieri

polemica

Eramo: "Sulla sicurezza la giunta non si auto-assolva: mancano scelte coraggiose"

"Perché non avete chiesto ai vigili di fermare i consumatori di droga?"

Lutto

Millo Caffagnini, una vita intensa con Bardi nel cuore

TECNOLOGIA

Telefoni e tablet in classe: a Parma non sono una novità

DILETTANTI

Clamoroso a Felino: si dimette Pioli

salso

Addio alla maestra Angela Bonassera, in cattedra per 35 anni

COLLECCHIO

In vent'anni, in Comune, 20 dipendenti in meno

ALLARME

Bocconi avvelenati al parco Martini: area transennata

BOLOGNA

Grano duro, firmato l'accordo fra Barilla e i produttori: 120mila tonnellate in Emilia-Romagna

1commento

Emergenza

Maleducazione, inciviltà e bullismo: quei ragazzini che invadono il centro

11commenti

nel pomeriggio

Momenti di paura e tensione in via Duca Alessandro Video

ragazzola

Più controlli sul ponte Verdi, ma c'è chi chiede l'intervento della magistratura Video

GUIDA

Gambero Rosso dà i voti alle gelaterie: vince l'Emilia-Romagna, anche grazie a Parma

"Tre coni" anche a Ciacco e Sanelli di Salsomaggiore. A Treviso il cioccolato migliore

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Un anno di Trump, il presidente che divide

di Marco Magnani

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

CASERTA

Bellona, uccide la moglie e spara dal balcone: 5 feriti. Poi il suicidio

Abusivo caricava ragazze davanti alle disco e le violentava Il video che lo incastra

SPORT

Norvegia

Stella della pallamano: “Colleghi hanno diffuso mie foto intime”

lutto

Addio a Franco Costa, volto mitico di 90° minuto. Celebri le interviste all'avvocato Agnelli

SOCIETA'

hi tech

L'iPhone X vende poco, Apple potrebbe "pensionarlo"

hi tech

Amazon apre supermercato 4.0: è senza casse

MOTORI

la pagella

Nissan Qashqai DCI 130 CV: i nostri voti

RESTYLING

La Mini rifà il trucco a 3porte, 5porte e cabrio Video