11°

Provincia-Emilia

Cerri, nessun ripensamento. Per ora

Ricevi gratis le news
0

di Gianluigi Negri

Dopo cinque mesi di «guerra aperta» nei confronti di Cerri, ieri si è provato ad aprire l’ultimo tavolo di pace. L’esito, però, è stato infruttuoso. E la proposta del segretario del Pd fidentino Gabriella Bussandri di riprendere in considerazione, per l’ennesima volta, il famoso «terzo nome» non sarebbe neanche stata discussa. 
Oltre alla Bussandri, attorno al «tavolo» riunitosi a Felino, c'erano il sindaco dimissionario Giuseppe Cerri, il presidente della Provincia Vincenzo Bernazzoli, il segretario provinciale del Pd Barbara Lori: un summit convocato d’urgenza, all’indomani del clamoroso ritiro della candidatura del vicesindaco Paolo Antonini, imposto come candidato del Pd dal direttivo del circolo fidentino il 23 febbraio.
 Che cosa farà Cerri?
 Costretto dagli eventi ad annullare la presentazione ufficiale della sua candidatura, già fissata ieri pomeriggio, Cerri con ogni probabilità andrà avanti per la propria strada. Dovrebbe cioè candidarsi senza il simbolo del Pd, con una propria lista di centrosinistra, nella quale confluiranno diversi esponenti del Pd (anche di area ex Ds) di spicco. E dovrebbe non ritirare le sue dimissioni da sindaco.
Se facesse passi indietro proprio ora, manderebbe in fumo il suo progetto nuovo e alternativo: un progetto che pare essere uno dei motivi che hanno portato Antonini a ritirarsi, essendo dato come sconfitto in partenza.
 Cinque decisioni forti
Se l’entusiasmo intorno a Cerri sembra crescere, anche stando ai sondaggi, i motivi sono diversi. Sono almeno cinque le decisioni che hanno rafforzato la sua credibilità: il non assegnare il Psc nella primavera scorsa, la disponibilità alla ricandidatura per il Pd espressa alla metà di ottobre, il non aver voluto accettare in dicembre la sfida delle primarie «inutili e dannose» (lanciatagli dal vicesindaco Antonini), l’aver rassegnato le dimissioni una ventina di giorni fa, la sua quasi certa ricandidatura (libera, questa volta, dai vincoli e dalle imposizioni dei partiti).
Pd, dal sogno all'incubo
Dall’altra parte, il vicesindaco Antonini che si era presentato come uomo della «nuova speranza» ha involontariamente ottenuto l’effetto opposto: quello, cioè, di demolire il sogno del Partito democratico fidentino.
 La responsabilità non è chiaramente solo sua, ma anche del segretario Bussandri e di tutta la parte del direttivo che lo ha imposto, nonostante gli interventi regionali e provinciali.
La sfida lanciata a Cerri, per come è nata e per come è stata gestita, non poteva sortire effetti diversi dalla spaccatura del partito. Il ritiro della candidatura di Antonini, dopo che da tre giorni erano stati affissi i suoi manifesti elettorali, è l’ennesimo colpo alla credibilità di un Pd che ora si ritrova in ginocchio.
Arrivava da un consenso fortissimo (il 44 per cento del 2004, la somma dei voti di Ds e Margherita) e oggi, secondo un sondaggio commissionato dallo stesso Pd, Antonini avrebbe ottenuto solo il 15 per cento.
Un nuovo candidato nel Pd?
Se Cerri confermerà la sua lista, ciò che resta del Partito democratico fidentino avrà l’arduo compito di trovare un nuovo candidato. Chi accetterà l’impegno in simili condizioni?
 Il morale tra gli antoniniani è inevitabilmente a terra, e probabilmente toccherà a uno dei suoi sostenitori «ereditare» il titolo di candidato.
L'elemento di novità
Il vero elemento di novità della campagna elettorale 2009 è proprio il progetto politico del primo cittadino uscente.
 Cinque anni fa, con il suo partito (la Margherita), Cerri aveva solo l’8 per cento dei voti sul 60: gli ex Ds, Rifondazione e Città aperta avevano infatti il restante 52 per cento (dunque la maggioranza assoluta) e lo hanno fatto pesare durante tutto il mandato.
Con una sua lista, Cerri (che secondo lo stesso sondaggio sarebbe oggi al 28 per cento) punterebbe sull'esperienza per rinnovare e cambiare il modello dell’amministrazione, rimanendo comunque nell’ambito del centrosinistra.
Dall’altra parte, l’ingombrante presenza di Tedeschi, le situazioni «poco chiare» del Psc, le invasioni di campo di alcuni dirigenti denunciate dallo stesso sindaco avrebbero creato serie difficoltà ad Antonini nel far passare il suo progetto come un modello nuovo di governo.
Dimissioni: conferma o ritiro?
Nonostante le sempre più insistenti pressioni, Cerri difficilmente le ritirerà.
In ogni caso avrebbe tempo fino a domani sera. Dopodichè, nella giornata di martedì, dovrebbe arrivare il commissario prefettizio.
L'attacco di Gandolfi
L'assessore alla Pubblica istruzione Gandolfi nei giorni scorsi avrebbe mandato una lettera ai dirigenti scolastici, attaccando pesantemente il «suo» sindaco in merito alle dimissioni. Anche qui non mancheranno le polemiche, con il rischio che la missiva diventi un boomerang per lo stesso assessore.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

C'è tanto ritmo al Jamaica

FESTE PGN

C'è tanto ritmo al Jamaica Foto

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

TELEVISIONE

I ragazzi di "Amici" puliscono le strade di Roma per punizione: le foto

Foto con Romina, Lecciso lascia Al Bano, lo rivela 'Oggi'

gossip

La Lecciso lascia Al Bano. Colpa di Romina

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto Rosso

VELLUTO ROSSO

Da Luca Zingaretti ad Anna Mazzamauro: settimana ricca a teatro Video

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Futuro “Luigine”, inizio prossima settimana firma accordo

il caso

Futuro “Luigine”, nuovo summit con la Proges: firma nei prossimi giorni? Video

i nuovi arrivati

Faggiano: "Mercato per fare il salto: ora solo uscite" Il videocommento di Piovani - Ciciretti, i gol (video)

mercato

Parma, ultimo colpo: preso il centrocampista Anastasio

sabato

In treno (e pullman) a Cremona: quando la trasferta (e la rivalità) è vintage Tutte le info

Allo Zini riaprono i distinti, incasso in beneficenza

anteprima gazzetta

Smartphone alla guida: incivile e...pericoloso Video

politica

Elezioni, domenica sera la lista dei partiti in lizza per il Parlamento Video

CARABINIERI

In casa con l'arsenale: arrestato

In manette un tunisino 48enne

1commento

SORBOLO

Auto fuori strada a Enzano: un ferito

gazzareporter

Via Doberdò, dove la segnaletica stradale viene ignorata: pericolo e poca disciplina Gallery

4commenti

lutto

Addio Bruno, spirito guerriero e animo gentile: aveva 49 anni

L'INCHIESTA

Alluvione, il pm: «Pizzarotti non lanciò mai l'allarme, nemmeno dopo il crollo del ponte della Navetta»

2commenti

MEDICINA

Uno spray imita lo smog e porta i farmaci al cuore: scoperta (anche) parmigiana

5 STELLE

Parlamentarie: la rabbia degli esclusi di Parma Video

3commenti

PARMA

Tabaccaio prende una mazza e mette in fuga il rapinatore 

TECNOLOGIA

Custom, fatturato oltre 130 milioni

Acquisito il 52% di power2Retail

UNIVERSITÀ

Andrei: «Nuovo corso di laurea dedicato al food»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

I richiami dell'Europa e le condizioni italiane

di Domenico Cacopardo

CHICHIBIO

«Timocenko», soprattutto pizza per tutti i gusti

di Chichibio

1commento

ITALIA/MONDO

FUORIPROGRAMMA

Il Papa sposa in volo una hostess e uno steward cileni

Maltempo

L'uragano Friederike flagella il Nord Europa: 5 morti

SPORT

SERIE B

Anticipi e posticipi: "ritocchi" anche al calendario del Parma in febbraio

FORMULA 1

La Ferrari e... il fattore ex. Perché ha vinto Hamilton

SOCIETA'

L'ESPERTO

Imu, quante complicazioni con i figli

1commento

GAZZAFUN

Occhio al trabocchetto, è un quiz per secchioni

MOTORI

ANTEPRIMA

Nuova Subaru XV, il Suv delle Pleiadi svelato in 5 mosse

moto

Yamaha MT-09 SP: la prova