19°

Provincia-Emilia

La stella delle Brigate Rosse? Nacque sulle colline di Reggio. Al ristorante

La stella delle Brigate Rosse? Nacque sulle colline di Reggio. Al ristorante
1

Le Brigate rosse sono «figlie» anche della buona tavola reggiana. O meglio, di una settimana che i fondatori passarono sulle colline di Reggio Emilia: fra una discussione e l'altra su tempi e modi per fare la «rivoluzione», si pranzava con la cucina nostrana della trattoria del paese. Correva l'anno 1970. Era estate.
In questo caso il paese è un borghetto sconosciuto ai più: Costaferrata, vicino a Paullo di Casina. Da lì si vedevano (e si vedono) il castello di Canossa e il paesaggio agricolo delle prime colline reggiane.
La genesi del nome «Brigata rossa» e del simbolo del gruppo terrorista è raccontata in un libro edito da Baldini Castoldi Dalai: è il saggio di Vincenzo Tessandori, «Qui Brigate Rosse - Il racconto, le voci». Tessandori da anni segue le vicende dei movimenti terroristici per il quotidiano «La Stampa».
Tessandori ricorda che il primo nucleo di quelle che sarebbero state le Br si riunì a Costaferrata. Nel libro parla Tonino Loris Paroli, che oggi ha 47 anni. Era l'estate del 1970. Alla riunione sulle colline c'erano esponenti dei futuri terroristi rossi di Reggio Emilia, tanti di «Sinistra proletaria», “compagni” da Milano, Genova, Torino, Trento. C'erano Renato Curcio e Mara Cagol, Prospero Gallinari e Alberto Franceschini. «Quello fu un vero congresso, durò dal lunedì al sabato», spiega Paroli nel libro. I compagni si sistemarono in casa di alcuni abitanti. Chiesero aiuto la canonica al parroco, don Emilio Manfredi (allora 49enne): il colmo per estremisti di sinistra di quei tempi. L'idea della canonica fu presto abbandonata, comunque. Le riunioni si all'aperto, fra i campi e i boschi della zona. A volte erano animate come risse, a volte con toni più pacati, specie quando parlava Curcio. Dopo ore di camminate e discussioni (la crisi della sinistra, Piazza Fontana, la rivoluzione) si andava a mangiare da Gianni Incerti e la moglie Anna. Dicevano di essere studenti ma la gente del paese aveva capito che non la raccontavano giusta. Comunque il menù della trattoria era corposo e gioioso: salumi, tortelli fatti in csa, lasagne, cannelloni, cappelletti... E lambrusco a volontà.
Il nome «Brigata Rossa» sarebbe venuto in mente dopo alla Cagol, a Milano, nel settembre 1970. Ma è attorno ai tavoli della trattoria «Da Gianni» di Costaferrata che nacque il simbolo. Dopo quei pranzi si continuava a discutere. Fu proposto di rifarsi ai Tupamaros dell'Uruguay. Qualcuno disegnò la stella era un po' sbilenca, qualcun altro fece il cerchio con la moneta da 100 lire... Un simbolo che sarebbe presto entrato nella cronaca e nelle pagine (più cupe) della Storia degli «anni di piombo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Cagol

    12 Marzo @ 18.42

    Dov'è la novità? La cosa è scritta su molti libri che parlano della Brigate Rosse e lo stesso Tessandori ne ha già scritto nei suoi reportage

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen in vestaglia in Qatar

Moto Gp

Belen in vestaglia in Qatar Foto

L'attore posta video dopo l'infarto: "Pericolo passato"

salvato

Lopez, il video dopo l'infarto: "La paura? Tutto passato"

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

MUSICA

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Foto tratta dal sito ufficiale del ristorante

CHICHIBIO

«Mastroianni's»: piatti moderni, curati e fantasiosi

Lealtrenotizie

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Londra

Gemellini borgotaresi salvano la vita alla mamma

Femminicidio

La madre di Alessia: «Oggi compirebbe 40 anni»

Incidente

Ubriaco travolge tre ciclisti

Lavoro

Agricoltori contro l'abolizione dei voucher

Intervista

Uto Ughi: «Un buon violino è come una Ferrari»

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Personaggi

Francesco Canali, messaggio di speranza ai malati di Sla

Lutto

Addio a Carlo Carli, pioniere del marketing

Fontanellato

L'ultimo saluto a Fernando Virgili, decano dei geometri

paura

Rogo in un garage a Salso, distrutte 4 auto: matrice dolosa? Video

Comune

Parma, sconto sull'Imu per chi affitta a canone concordato

1commento

carabinieri

Sushi senza "targa", sequestrati 55 chili di prodotti alimentari

Nas e Polizia municipale multano ristorante giapponese

5commenti

sicurezza

Via della Salute a Parma: sorvegliano i residenti

piazzale della pace

Fermato mentre scappa con una boutique (falsa) nello zaino: espulso dall'Italia

Parma

Ponte Romano: al via la riqualificazione. Previsto parcheggio da 40 posti sotto la Ghiaia

Lavori fino all'autunno: posata la prima pietra

13commenti

Parma

Spacciatore arrestato dai carabinieri dopo sei anni di "lavoro"

Accertate almeno 750 cessioni di eroina dal 2011: in cella 36enne tunisino

10commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

2commenti

EDITORIALE

Europa, la dura realtà dopo le celebrazioni

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

Economia

Stretta sui "compro oro". Ecco cosa cambia Video

Rimini

Cadavere nel trolley: non è la cinese scomparsa in crociera. La vittima è morta di stenti

SOCIETA'

western

Addio ad Alessandroni, il "fischio" più famoso del cinema Video

CONSIGLI

Incontri ravvicinati con i cinghiali? Usate la strategia del torero

SPORT

SPECIALE F1

Buona la prima: la Ferrari di Vettel è davanti a tutti

MOTOGP

Moto: mondiale si apre all'insegna di Viñales, suo gp Qatar

MOTORI

innovazione

La Fiat 500? Adesso si può noleggiare su Amazon

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017