15°

Provincia-Emilia

La stella delle Brigate Rosse? Nacque sulle colline di Reggio. Al ristorante

La stella delle Brigate Rosse? Nacque sulle colline di Reggio. Al ristorante
1

Le Brigate rosse sono «figlie» anche della buona tavola reggiana. O meglio, di una settimana che i fondatori passarono sulle colline di Reggio Emilia: fra una discussione e l'altra su tempi e modi per fare la «rivoluzione», si pranzava con la cucina nostrana della trattoria del paese. Correva l'anno 1970. Era estate.
In questo caso il paese è un borghetto sconosciuto ai più: Costaferrata, vicino a Paullo di Casina. Da lì si vedevano (e si vedono) il castello di Canossa e il paesaggio agricolo delle prime colline reggiane.
La genesi del nome «Brigata rossa» e del simbolo del gruppo terrorista è raccontata in un libro edito da Baldini Castoldi Dalai: è il saggio di Vincenzo Tessandori, «Qui Brigate Rosse - Il racconto, le voci». Tessandori da anni segue le vicende dei movimenti terroristici per il quotidiano «La Stampa».
Tessandori ricorda che il primo nucleo di quelle che sarebbero state le Br si riunì a Costaferrata. Nel libro parla Tonino Loris Paroli, che oggi ha 47 anni. Era l'estate del 1970. Alla riunione sulle colline c'erano esponenti dei futuri terroristi rossi di Reggio Emilia, tanti di «Sinistra proletaria», “compagni” da Milano, Genova, Torino, Trento. C'erano Renato Curcio e Mara Cagol, Prospero Gallinari e Alberto Franceschini. «Quello fu un vero congresso, durò dal lunedì al sabato», spiega Paroli nel libro. I compagni si sistemarono in casa di alcuni abitanti. Chiesero aiuto la canonica al parroco, don Emilio Manfredi (allora 49enne): il colmo per estremisti di sinistra di quei tempi. L'idea della canonica fu presto abbandonata, comunque. Le riunioni si all'aperto, fra i campi e i boschi della zona. A volte erano animate come risse, a volte con toni più pacati, specie quando parlava Curcio. Dopo ore di camminate e discussioni (la crisi della sinistra, Piazza Fontana, la rivoluzione) si andava a mangiare da Gianni Incerti e la moglie Anna. Dicevano di essere studenti ma la gente del paese aveva capito che non la raccontavano giusta. Comunque il menù della trattoria era corposo e gioioso: salumi, tortelli fatti in csa, lasagne, cannelloni, cappelletti... E lambrusco a volontà.
Il nome «Brigata Rossa» sarebbe venuto in mente dopo alla Cagol, a Milano, nel settembre 1970. Ma è attorno ai tavoli della trattoria «Da Gianni» di Costaferrata che nacque il simbolo. Dopo quei pranzi si continuava a discutere. Fu proposto di rifarsi ai Tupamaros dell'Uruguay. Qualcuno disegnò la stella era un po' sbilenca, qualcun altro fece il cerchio con la moneta da 100 lire... Un simbolo che sarebbe presto entrato nella cronaca e nelle pagine (più cupe) della Storia degli «anni di piombo».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Cagol

    12 Marzo @ 18.42

    Dov'è la novità? La cosa è scritta su molti libri che parlano della Brigate Rosse e lo stesso Tessandori ne ha già scritto nei suoi reportage

    Rispondi

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

enti

Allarme Provincia: "Rischiamo di non chiudere il bilancio" Video

autobus

Via Farini, modifica temporanea del percorso del 15

crocetta

Crocetta, il mistero dell'auto bruciata

1commento

tg parma

Il pugile Fragomeni dona 25mila euro all'Ospedale dei Bambini Video

Cocaina

Preso il pusher dei ragazzini

2commenti

La storia

Silvia, convertita all'ebraismo: mollo tutto e mi trasferisco in Israele

1commento

Polizia municipale

Autovelox e autodetector: la mappa dei controlli a Parma

Parma

Mattinata di incidenti: quattro feriti in poche ore Foto

BASSA

I truffatori arrestati risarciscono i negozianti raggirati

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti