-2°

Provincia-Emilia

Vendevano viaggi fantasma alle Maldive: denunciati due fidanzati

0

Comunicato stampa
 

I carabinieri della Stazione di Bagnolo in Piano hanno denunciato alla Procura reggiana una 22enne ed il fidanzato 30enne entrambi residenti a Bolzano per il reato di truffa. Secondo le indagini dei Carabinieri di Bagnolo in Piano i due dopo aver contatto nel reggiano almeno tre persone, ma probabilmente molte di più, hanno proposto viaggi di 15 giorni in all inclusive alle Maldive nel periodo di Natale a prezzi decisamente concorrenziali.
Le vittime, allettate dal prezzo conveniente, hanno accettato e pagato il corrispettivo per 350 €uro a viaggio consegnando quindi 1.050 €uro senza ottenere alcuna ricevuta. l’origine dei fatti di quest’incredibile vicenda nel mese di aprile del 2008 quando una donna di reggio Emilia, vittima a sua volta dei due fidanzati, proponeva ad un amica di Bagnolo in Piano un viaggio alle Maldive nel periodo di Natale 2008, ad un prezzo scontatissimo: alcuni conoscenti del figlio infatti vendevano pacchetti di 15 giorni in all inclusive al prezzo vantaggioso 350,00 €uro a persona. Visto la convenienza del prezzo la bagnolese ne parlava con la sorella, anche lei interessata al viaggio, e dopo qualche giorno, richiamava la sua amica che prenotava il viaggio per tre persone consegnando la somma di 1.050 euro in contanti, senza avere in cambio alcuna ricevuta. Successivamente a seguito della rinuncia di una delle due sorelle subentrava altro reggiano che ovviamente saldava la rinunciataria consegnandole 350 euro. Trascorsi alcuni mesi e visto che del viaggio non si aveva alcuna notizia le parti chiedevano spiegazioni ricevendo un fax con l'indicazione dei voli del pacchetto viaggio: fax successivamente risultato essere totalmente falso. Nel mese di dicembre 2008 a pochi giorni dalla partenza, le parti apprendevano che non vi era nessun viaggio e capivano di essere state raggirate.
Nella speranza che fossero risarcite le vittime hanno atteso prima di rivolgersi ai Carabinieri presentandosi lo scorso mese di febbraio, quando veniva formalizzata  la denuncia di truffa. I carabinieri di Bagnolo in Piano grazie anche ad alcune “coordinate” ottenute in sede di denuncia risalivano ai due  fidanzati nei confronti dei quali venivano acquisiti incontrovertibili elementi di responsabilità in ordine al reato di truffa in concorso per cui  venivano deferiti alla Procura reggiana.
Caso chiuso? Assolutamente no in quanto il sospetto è che nel reggiano le tre denunce potrebbero essere la punta di un iceberg di una più ampia compagine di reggiani raggirati che nella speranza di essere risarciti stanno tergiversando nel presentarsi ai Carabinieri ignorando forse la truffa e’ un reato perseguibile a querela che non può essere presentata qualora trascorso il periodo di tempo previsto dalla legge per presentarla. La conferma ai sospetti che dietro la condotta dei due fidanzatini possano esservi altre vittime viene da Bolzano dove la donna lo scorso hanno e’ stata arrestata per analoghe truffe compiute ai danni di almeno una ventina di persone.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La solignanese Giulia De Napoli vince 85mila euro all'«eredità»

RAI UNO

Giulia De Napoli di Solignano vince 85mila euro all'«Eredità»

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

Picchiata e scaraventata giù da un'auto

San Leonardo

Picchiata e scaraventata giù da un'auto in via Doberdò

11commenti

tribunale

Rappresentante, si prende le porte blindate dello stand: condannato

L'accusa era anche di pagamenti con assegni oggetti di furto e protestati

Intervista

Pizzarotti: «Noi liberi di pensare solo al bene di Parma»

15commenti

reggio emilia

I tifosi della Reggiana ci ricascano: assalto al bus dei veneziani

Dopo il derby contro il Parma nuovo agguato degli ultras granata con pietre e fumogeni

Lutto

Addio ad Angela, la fisioterapista che aiutava tutti

TERREMOTO

In elicottero salva 41 persone: "Ma non chiamatemi eroe"

Parla Gabriele Graiani, vigile del fuoco di Parma: merito di una squadra formidabile

1commento

Porporano

Incendio di canna fumaria: sono intervenuti i vigili del fuoco

FIDENZA

Memorial Concari: trionfano i padroni di casa La classifica

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

1commento

LUTTO

Germano Storci, il «signor Procomac» che fece diventare grande il Collecchio baseball

La storia

Nila e Giovanni, quando l'arte trova casa sui monti

Lega Pro

Parma, con Evacuo si vola

INTERVISTA

Silvia Olari «londinese»

Intervista

Dossena: «Non ho mai creduto al suicidio di Tenco»

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

16commenti

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

Rigopiano

"E' stato come una bomba. Ci siamo salvati mangiando la neve"

PADOVA

Orge in canonica, don Cavazzana ai fedeli: "Pregate per me"

SOCIETA'

Samsung

Incendi al Galaxy Note 7: erano il design e la manifattura delle batterie

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

12commenti

SPORT

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

MOTORI

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017