12°

22°

Provincia-Emilia

Trecasali - I bulli? Soltanto ragazzi in cerca di protagonismo

0

 di Marco Severo

TRECASALI - C'è il «chi-dove-quando» e anche il «perché». Solo che a scrivere l’inchiesta «Bulli di casa nostra» non è stato un giornalista ma i ragazzi della classe Terza A della scuola media di Trecasali. L'indagine è stata dettagliatamente realizzata in 19 pagine, graffate a mano dai ragazzi dell’Istituto comprensivo della Bassa. Nell’opuscolo che ne è scaturito, la precisione e l’acutezza d’analisi volano ben più alto rispetto alla «generalizzazione tipica dei mass media in tema di bullismo» come dice Aida Zenato, professoressa di Lettere e coordinatrice dell’indagine.

Sfogliando il volumetto, si trovano persino dei grafici elaborati al computer, colorati e con le percentuali segnate al centro.

Così, esempio, è più facile apprendere che il bullo «di solito agisce in gruppo, a scuola e preferibilmente nei bagni». Che di norma il teppistello prepotente prende di mira i più deboli «picchiandoli o emarginandoli, poiché esiste anche il bullismo psicologico, fatto di calunnie messe in circolo con l’aiuto di internet e degli sms».

Quasi un anno è durato il lavoro di classe a Trecasali. Sono 18 gli studenti della 3ª A che si sono messi attorno a un tavolo a parlare di «violenze perpetrate sempre più di frequente dagli adolescenti». Hanno preso in mano i quotidiani e navigato su «You Tube», ascoltato telegiornali e riportato in aula umori, pensieri, proposte.

«Alla fine - racconta la professoressa Zenato - ho proposto loro di improvvisarci tutti giornalisti e di condurre una piccola inchiesta nel nostro paese e nei dintorni, sentendo amici e coetanei».

L’entusiasmo degli studenti è una miccia facile da infiammare: «Il bullismo è un fenomeno che li riguarda direttamente - conferma l’insegnante di lettere -. Ciascuno di essi ha infatti assistito almeno una volta a episodi di prepotenza esercitata su persone non in grado di difendersi, anche se va chiarito subito che nel nostro territorio mai si sono verificati episodi gravi».

Il trucco per coinvolgere gli alunni, semmai, è stato quello di «non trasformare il tema della nostra inchiesta in una materia scolastica, evitando cioè di farne un argomento da svolgere col solito metodo della lezione frontale».

Ecco allora l’idea di andare in strada, a rincorrere e inchiodare sul tavolo anatomico il fenomeno «bullismo». Dopo mesi trascorsi a dibattere e a leggere la cronaca, il bello è arrivato con i questionari da stilare e distribuire in giro: «L'idea era infatti quella di preparare dei moduli con precise domande sull'argomento - ha detto la professoressa - per poi invitare gli intervistati a esprimersi».

Sette le schede elaborate dagli studenti, 100 i ragazzini interpellati fra Trecasali, Sissa, Coltaro, Ronco, San Quirico e Viarolo: 47 femmine e 53 maschi, tutti in età adolescenziale. Fra le domande c'era quella sulla differenza tra bullismo e microcriminalità, oltre all’identikit del bullo e dei suoi atti più ricorrenti. In ultimo, il quesito principe: perché in tanti fanno i bulli? La risposta, sintetizzata nell’opuscolo, va ricercata secondo gli autori «nella voglia di sentirsi qualcuno e nella carenza di dialogo con i genitori».

Per finirla con i soliti prepotenti da corridoio, allora, servirebbe «non tanto punire i bulli - scrive Federica, una dei ragazzi di Terza A - quanto farli lavorare per gli altri, con servizi socialmente utili: solo un impiego ti fa diventare grande, affidandoti delle responsabilità e facendoti sentire di valere davvero qualcosa».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi

gossip

Giovedi' nozze per Alessia, prima trans a sposarsi Gallery

Atterraggio

olanda

Che atterraggio! Il cargo rimbalza sulla pista Video

Ligabue, necessario ricordare. Su Fb e Twitter, video della canzone 'I Campi in Aprile'

Liberazione

25 Aprile: Ligabue dal tour fa gli auguri cantando "I Campi in Aprile" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

CHICHIBIO

«La Forchetta»: pesce, carne e un po' di tradizione

Lealtrenotizie

Corteo in centro: Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti: "Avanzano le paure ma dall'antifascismo sono nati gli anticorpi della civiltà"

25 Aprile

Parma celebra la Liberazione. Pizzarotti ricorda il partigiano Annibale Foto Video 

Il 25 aprile festeggiato a Fidenza (Guarda le foto)

1commento

parma in crisi

Ko (anche) con il Sudtirol: squadra in ritiro a Collecchio Video

anteprima gazzetta

Anziana rapinata e aggredita all'uscita del cinema Astra Video

1commento

gaffe e polemiche

La "Pilotta dei lettori": da parcheggio (involontario) a campo da calcio

5commenti

pilotta

Planet Funk e Fast Animals and Slow Kids Chi c'era

FOTOGRAFIA

Bonassera e il "Brozzi" a Fotografia Europea 

GIALLO

Trovato un cadavere in Po: si pensa che sia Bebe Brown, scomparsa a Pasqua a Boretto

La testimonianza: "Sua sorella l'aveva chiamata qui per darle un futuro migliore..."

BRESCELLO

Trasporta cavalli senza patente né permessi: maxi-multa per 25enne

Salso

Bruciata l'auto di un salsese

Aveva 81 anni

Se n'è andato Franco Ferretti, re del packaging

Bassa

Castle Street Food: una giornata ricca di eventi a Fontanellato Foto

Autostrade

A1: code a tratti tra Parma e Fidenza per traffico intenso

EVENTI

Concerti, bancarelle e street food: l'agenda del 25 aprile

tV parma

'Il cuoco perfetto": stasera iniziano le sfide dirette Video

Calcio

Figuraccia Parma, ko con il Sudtirol: pioggia di fischi Foto D'Aversa: "Così la B è difficile" Video

Davanti al Tardini, il ds Faggiano incontra i tifosi La foto -   Il commento di Pacciani: "Partita sconcertante" Video - Il Pordenone raggiunge il Parma. La squadra esce senza "salutare" la curva, poi torna indietro

11commenti

LA BACHECA

20 annunci per chi cerca lavoro

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La storia ci insegna. Purtroppo

1commento

EDITORIALE

Eliseo: sarà una sfida tra due outsider

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

STATI UNITI

E' morta la quercia più vecchia: aveva 600 anni

LIVORNO

Sale sul tetto di un treno: 18enne muore folgorato

SOCIETA'

3 mesi fa l'aggressione

Il primo selfie di Gessica Notaro (la miss sfregiata con l’acido dall’ex)

macron

Brigitte, la prof che sposò l'allievo e ora sogna l’Eliseo Foto

SPORT

crisi del parma

Ferrari: "Chi non ci crede si faccia da parte. Tifosi sosteneteci" Video

calcio e veleni

Lite Spalletti-Panucci sulla sostituzione di Dzeko Video

MOTORI

TOP10

Auto: il lusso delle limited edition

ANTEPRIMA

Audi e-tron Sportback Concept, nel 2019 il Suv-coupé "digitale"