13°

provincia

Valli Taro e Ceno, nasce l'Unione dei Comuni

A Borgotaro polemiche per la scelta di Varano come sede istituzionale: la minoranza ha abbandonato la seduta del consiglio. Il sindaco Rossi: «Con questa adesione rimaniamo la sede dei servizi della Regione». Otto i paesi coinvolti

I municipi di Borgotaro e di Varano

Municipio di Borgotaro e di Varano

Ricevi gratis le news
0

 

Franco Brugnoli
Il consiglio comunale di Borgotaro ha approvato la delibera di costituzione dell’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, con sede istituzionale a Varano Melegari. Hanno aderito Borgotaro, Tornolo, Compiano, Terenzo, Varano, Pellegrino, Varsi e Bore. 
Non tutta l'assemblea borgotarese ha approvato: la minoranza, al momento del voto, è uscita dall’aula.
Il sindaco Diego Rossi ha difeso e spiegato la scelta, «obbligatoria e necessaria. Occorre anche tenere conto del fatto che, dal 1° gennaio prossimo, in ogni caso, la Comunità montana ovest verrà chiusa. Borgotaro ha ritenuto quindi prioritario partecipare alla costituzione di una prima Unione, aperta, che garantisca la tenuta dei servizi, in primis la salvaguardia del Distretto socio-sanitario, dell’ospedale e delle politiche sanitarie territoriali. E’ un'Unione, oggi, che parte incompleta, in particolare per l’indisponibilità di diversi Comuni di parteciparvi, almeno sino al momento del voto amministrativo di primavera (che coinvolge più di trenta Comuni in provincia di Parma)». 
«Con questa adesione, Borgotaro rimane - ha ribadito il sindaco - sede di tutti i servizi delegati dalla Regione (Agricoltura, Forestazione, Svincolo idrogeologico), del Distretto sanitario, con ruolo di Comune capo distretto, dell’Ufficio di piano per la programmazione delle Politiche sociali ed, in prospettiva, delle funzioni che arriveranno dalla chiusura delle Province (per ora prevista dallo stato con la primavera del 2014)». 
Rossi ha fatto poi considerazioni politiche «di vallata»: «Esisteva ed esiste una visione di alcuni Comuni (sia della parte basse della Valle che di quella Alta), i quali avrebbero voluto “isolare” Borgotaro: con la partenza di questa prima ipotesi di Unione, questa volontà viene bruscamente stoppata. Occorre anche considerare come, in realtà, l’Unione sia soprattutto uno strumento amministrativo, molto diverso dalle vecchie Comunità Montane, finalizzato all’organizzazione e all’erogazione di servizi. Ne è un ulteriore segno il fatto che sia prevista la possibilità di convocare i consigli dell’Unione, in ciascuno dei Comuni membri». 
Di idea decisamente contraria è la minoranza. «La scelta di Varano come sede istituzionale dell’Unione - hanno dichiarato i consiglieri del gruppo “Gente del Borgo”, Alessandro Bocci, Roberto Marchini e Roberto Stefanini - rappresenta, per l’amministrazione borgotarese, un’autentica disfatta, una pesante sconfitta, una vera e propria Caporetto. La scelta di Varano non potrà non avere pesanti ripercussioni, anche sul piano economico. E’ un addio al riequilibrio territoriale: speriamo almeno che in futuro non si organizzino più inutili convegni al riguardo. Vogliamo ricordare quanto aveva fatto la Democrazia cristiana per Borgotaro e per la montagna: pensiamo a figure come Francesco Marchini Camia, Gino Cacchioli, Benigno Zaccagnini. A Borgotaro, al posto della Dc, oggi governa il Partito democratico: se ne vedono i risultati. Ci chiediamo cosa serva a Borgotaro esprimere il vicepresidente della Provincia, quando poi le amministrazioni di Compiano e Tornolo, vicine a quella figura politica, sono d’accordo nell’ubicazione della sede dell’Unione a Varano. E’ un’Unione - concludono - priva di ogni logica, dove il ruolo dei Comuni dell’Alta Valtaro è del tutto insignificante».
Franco Brugnoli

 

Il consiglio comunale di Borgotaro ha approvato la delibera di costituzione dell’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, con sede istituzionale a Varano Melegari. Hanno aderito Borgotaro, Tornolo, Compiano, Terenzo, Varano, Pellegrino, Varsi e Bore. Non tutta l'assemblea borgotarese ha approvato: la minoranza, al momento del voto, è uscita dall’aula.Il sindaco Diego Rossi ha difeso e spiegato la scelta, «obbligatoria e necessaria. Occorre anche tenere conto del fatto che, dal 1° gennaio prossimo, in ogni caso, la Comunità montana ovest verrà chiusa. Borgotaro ha ritenuto quindi prioritario partecipare alla costituzione di una prima Unione, aperta, che garantisca la tenuta dei servizi, in primis la salvaguardia del Distretto socio-sanitario, dell’ospedale e delle politiche sanitarie territoriali. E’ un'Unione, oggi, che parte incompleta, in particolare per l’indisponibilità di diversi Comuni di parteciparvi, almeno sino al momento del voto amministrativo di primavera (che coinvolge più di trenta Comuni in provincia di Parma)». «Con questa adesione, Borgotaro rimane - ha ribadito il sindaco - sede di tutti i servizi delegati dalla Regione (Agricoltura, Forestazione, Svincolo idrogeologico), del Distretto sanitario, con ruolo di Comune capo distretto, dell’Ufficio di piano per la programmazione delle Politiche sociali ed, in prospettiva, delle funzioni che arriveranno dalla chiusura delle Province (per ora prevista dallo stato con la primavera del 2014)». Rossi ha fatto poi considerazioni politiche «di vallata»: «Esisteva ed esiste una visione di alcuni Comuni (sia della parte basse della Valle che di quella Alta), i quali avrebbero voluto “isolare” Borgotaro: con la partenza di questa prima ipotesi di Unione, questa volontà viene bruscamente stoppata. Occorre anche considerare come, in realtà, l’Unione sia soprattutto uno strumento amministrativo, molto diverso dalle vecchie Comunità Montane, finalizzato all’organizzazione e all’erogazione di servizi. Ne è un ulteriore segno il fatto che sia prevista la possibilità di convocare i consigli dell’Unione, in ciascuno dei Comuni membri». Di idea decisamente contraria è la minoranza. «La scelta di Varano come sede istituzionale dell’Unione - hanno dichiarato i consiglieri del gruppo “Gente del Borgo”, Alessandro Bocci, Roberto Marchini e Roberto Stefanini - rappresenta, per l’amministrazione borgotarese, un’autentica disfatta, una pesante sconfitta, una vera e propria Caporetto. La scelta di Varano non potrà non avere pesanti ripercussioni, anche sul piano economico. E’ un addio al riequilibrio territoriale: speriamo almeno che in futuro non si organizzino più inutili convegni al riguardo. Vogliamo ricordare quanto aveva fatto la Democrazia cristiana per Borgotaro e per la montagna: pensiamo a figure come Francesco Marchini Camia, Gino Cacchioli, Benigno Zaccagnini. A Borgotaro, al posto della Dc, oggi governa il Partito democratico: se ne vedono i risultati. Ci chiediamo cosa serva a Borgotaro esprimere il vicepresidente della Provincia, quando poi le amministrazioni di Compiano e Tornolo, vicine a quella figura politica, sono d’accordo nell’ubicazione della sede dell’Unione a Varano. E’ un’Unione - concludono - priva di ogni logica, dove il ruolo dei Comuni dell’Alta Valtaro è del tutto insignificante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Gf vip, eliminata Cecilia, la piccola Belen. Grave lutto per Ignazio Moser

televisione

Gf vip, eliminata Cecilia, la piccola Belen. Grave lutto per Ignazio Moser

Tutta mia la città! Tieni sempre aggiornata la tua parmigianità

GAZZAFUN

Tutta mia la città! Tieni sempre aggiornata la tua parmigianità

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

FESTE

Musica e balli anni '50 a Sorbolo Levante: ecco chi c'era Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La casa in classe energetica A o B? Va acquistata subito

L'ESPERTO

La casa in classe energetica A o B? Meglio acquistarla subito

di Arturo Dalla Tana*

1commento

Lealtrenotizie

I ladri entrano dal balcone, raffica di furti in città: otto in tre ore. Ecco l'elenco

polizia

I ladri entrano dal balcone, raffica di furti in città: otto in tre ore. Ecco l'elenco

6commenti

Tg Parma

Furto in una carpenteria, bottino 40 mila euro Video

La storia

Ragazza mette in fuga a schiaffi i suoi aggressori

27commenti

mafia

La salma di Riina ha lasciato Parma: destinazione Sicilia. E c'è chi gli rende omaggio

Polfer

Ruba il cellulare ad una giovane in stazione (non è il primo reato): arrestato, è libero

13commenti

soccorso alpino

Scivola sul ghiaccio e l'amico resta intrappolato: soccorsi sul Monte Bragalata

Tg Parma

Pm10, è ancora allarme smog Video

Tg Parma

Piano neve, il comune stanzia un milione e 200 mila euro Video

Tg Parma

Borgotaro, ancora polemiche sulla Laminam Video

Tg Parma

Terremoto, danneggiati due torrini del Battistero Video

Andranno smontati e restaurati

protesta

Oggi anche a Parma sciopero dei taxisti (dalle 8 alle 22)

FIDENZA

Non ha il biglietto del treno: aggredisce il controllore

5commenti

Adolescenti

Il bullo? Si combatte con l'ironia

1commento

Gazzareporter

Parcheggio parmigiano Foto

A Lesignano

Nuovi lavori al centro dato alle fiamme

1commento

SERIE B

Il Cittadella stende il Palermo (3-0): il Parma conserva il primato

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La sublime prova d'amore della mamma di Mattia

di Vittorio Testa

1commento

TRAFFICO

La mappa degli autovelox dal 20 al 24 novembre

ITALIA/MONDO

Tensione

Stato di allerta in Libano: esercito al confine con Israele

bologna

Giallo: donna morta accoltellata in casa nella zona di Igor. S'indaga a 360°

SPORT

CALCIO

Tavecchio si è dimesso con rabbia e con un "giallo": "Con un gol sarei stato un eroe". Lippi: "Scelse lui Ventura"

3commenti

SOCIETA'

maleducazione

Lezione del conducente dello scuolabus al bullo

3commenti

cecina

Giocatore lancia bottiglia d'acqua per stizza e colpisce una bimba. Tafferugli tra tifoserie

MOTORI

IL NOSTRO TEST

Meglio ibrida o plug-in? La risposta è Hyundai Ioniq

MOTO

Energica Eva EsseEsse9, la special elettrica