19°

34°

provincia

Valli Taro e Ceno, nasce l'Unione dei Comuni

A Borgotaro polemiche per la scelta di Varano come sede istituzionale: la minoranza ha abbandonato la seduta del consiglio. Il sindaco Rossi: «Con questa adesione rimaniamo la sede dei servizi della Regione». Otto i paesi coinvolti

I municipi di Borgotaro e di Varano

Municipio di Borgotaro e di Varano

Ricevi gratis le news
0

 

Franco Brugnoli
Il consiglio comunale di Borgotaro ha approvato la delibera di costituzione dell’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, con sede istituzionale a Varano Melegari. Hanno aderito Borgotaro, Tornolo, Compiano, Terenzo, Varano, Pellegrino, Varsi e Bore. 
Non tutta l'assemblea borgotarese ha approvato: la minoranza, al momento del voto, è uscita dall’aula.
Il sindaco Diego Rossi ha difeso e spiegato la scelta, «obbligatoria e necessaria. Occorre anche tenere conto del fatto che, dal 1° gennaio prossimo, in ogni caso, la Comunità montana ovest verrà chiusa. Borgotaro ha ritenuto quindi prioritario partecipare alla costituzione di una prima Unione, aperta, che garantisca la tenuta dei servizi, in primis la salvaguardia del Distretto socio-sanitario, dell’ospedale e delle politiche sanitarie territoriali. E’ un'Unione, oggi, che parte incompleta, in particolare per l’indisponibilità di diversi Comuni di parteciparvi, almeno sino al momento del voto amministrativo di primavera (che coinvolge più di trenta Comuni in provincia di Parma)». 
«Con questa adesione, Borgotaro rimane - ha ribadito il sindaco - sede di tutti i servizi delegati dalla Regione (Agricoltura, Forestazione, Svincolo idrogeologico), del Distretto sanitario, con ruolo di Comune capo distretto, dell’Ufficio di piano per la programmazione delle Politiche sociali ed, in prospettiva, delle funzioni che arriveranno dalla chiusura delle Province (per ora prevista dallo stato con la primavera del 2014)». 
Rossi ha fatto poi considerazioni politiche «di vallata»: «Esisteva ed esiste una visione di alcuni Comuni (sia della parte basse della Valle che di quella Alta), i quali avrebbero voluto “isolare” Borgotaro: con la partenza di questa prima ipotesi di Unione, questa volontà viene bruscamente stoppata. Occorre anche considerare come, in realtà, l’Unione sia soprattutto uno strumento amministrativo, molto diverso dalle vecchie Comunità Montane, finalizzato all’organizzazione e all’erogazione di servizi. Ne è un ulteriore segno il fatto che sia prevista la possibilità di convocare i consigli dell’Unione, in ciascuno dei Comuni membri». 
Di idea decisamente contraria è la minoranza. «La scelta di Varano come sede istituzionale dell’Unione - hanno dichiarato i consiglieri del gruppo “Gente del Borgo”, Alessandro Bocci, Roberto Marchini e Roberto Stefanini - rappresenta, per l’amministrazione borgotarese, un’autentica disfatta, una pesante sconfitta, una vera e propria Caporetto. La scelta di Varano non potrà non avere pesanti ripercussioni, anche sul piano economico. E’ un addio al riequilibrio territoriale: speriamo almeno che in futuro non si organizzino più inutili convegni al riguardo. Vogliamo ricordare quanto aveva fatto la Democrazia cristiana per Borgotaro e per la montagna: pensiamo a figure come Francesco Marchini Camia, Gino Cacchioli, Benigno Zaccagnini. A Borgotaro, al posto della Dc, oggi governa il Partito democratico: se ne vedono i risultati. Ci chiediamo cosa serva a Borgotaro esprimere il vicepresidente della Provincia, quando poi le amministrazioni di Compiano e Tornolo, vicine a quella figura politica, sono d’accordo nell’ubicazione della sede dell’Unione a Varano. E’ un’Unione - concludono - priva di ogni logica, dove il ruolo dei Comuni dell’Alta Valtaro è del tutto insignificante».
Franco Brugnoli

 

Il consiglio comunale di Borgotaro ha approvato la delibera di costituzione dell’Unione dei Comuni Valli Taro e Ceno, con sede istituzionale a Varano Melegari. Hanno aderito Borgotaro, Tornolo, Compiano, Terenzo, Varano, Pellegrino, Varsi e Bore. Non tutta l'assemblea borgotarese ha approvato: la minoranza, al momento del voto, è uscita dall’aula.Il sindaco Diego Rossi ha difeso e spiegato la scelta, «obbligatoria e necessaria. Occorre anche tenere conto del fatto che, dal 1° gennaio prossimo, in ogni caso, la Comunità montana ovest verrà chiusa. Borgotaro ha ritenuto quindi prioritario partecipare alla costituzione di una prima Unione, aperta, che garantisca la tenuta dei servizi, in primis la salvaguardia del Distretto socio-sanitario, dell’ospedale e delle politiche sanitarie territoriali. E’ un'Unione, oggi, che parte incompleta, in particolare per l’indisponibilità di diversi Comuni di parteciparvi, almeno sino al momento del voto amministrativo di primavera (che coinvolge più di trenta Comuni in provincia di Parma)». «Con questa adesione, Borgotaro rimane - ha ribadito il sindaco - sede di tutti i servizi delegati dalla Regione (Agricoltura, Forestazione, Svincolo idrogeologico), del Distretto sanitario, con ruolo di Comune capo distretto, dell’Ufficio di piano per la programmazione delle Politiche sociali ed, in prospettiva, delle funzioni che arriveranno dalla chiusura delle Province (per ora prevista dallo stato con la primavera del 2014)». Rossi ha fatto poi considerazioni politiche «di vallata»: «Esisteva ed esiste una visione di alcuni Comuni (sia della parte basse della Valle che di quella Alta), i quali avrebbero voluto “isolare” Borgotaro: con la partenza di questa prima ipotesi di Unione, questa volontà viene bruscamente stoppata. Occorre anche considerare come, in realtà, l’Unione sia soprattutto uno strumento amministrativo, molto diverso dalle vecchie Comunità Montane, finalizzato all’organizzazione e all’erogazione di servizi. Ne è un ulteriore segno il fatto che sia prevista la possibilità di convocare i consigli dell’Unione, in ciascuno dei Comuni membri». Di idea decisamente contraria è la minoranza. «La scelta di Varano come sede istituzionale dell’Unione - hanno dichiarato i consiglieri del gruppo “Gente del Borgo”, Alessandro Bocci, Roberto Marchini e Roberto Stefanini - rappresenta, per l’amministrazione borgotarese, un’autentica disfatta, una pesante sconfitta, una vera e propria Caporetto. La scelta di Varano non potrà non avere pesanti ripercussioni, anche sul piano economico. E’ un addio al riequilibrio territoriale: speriamo almeno che in futuro non si organizzino più inutili convegni al riguardo. Vogliamo ricordare quanto aveva fatto la Democrazia cristiana per Borgotaro e per la montagna: pensiamo a figure come Francesco Marchini Camia, Gino Cacchioli, Benigno Zaccagnini. A Borgotaro, al posto della Dc, oggi governa il Partito democratico: se ne vedono i risultati. Ci chiediamo cosa serva a Borgotaro esprimere il vicepresidente della Provincia, quando poi le amministrazioni di Compiano e Tornolo, vicine a quella figura politica, sono d’accordo nell’ubicazione della sede dell’Unione a Varano. E’ un’Unione - concludono - priva di ogni logica, dove il ruolo dei Comuni dell’Alta Valtaro è del tutto insignificante».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

la curiosità

Biciclette e corsie per gli autobus: il «carosello» dei segnali stradali

3commenti

Rinoceronte ancora in finale al Talent Show "Eccezionale veramente"

tg parma

Rino Ceronte ancora in finale al talent show "Eccezionale veramente" Video

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

gossip

La D’Urso in barca con Gerard Butler: è amore?

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Arriva Guidolin ed è festa

SPECIALE PARMA

L'ultima B: arriva Guidolin ed è festa

di Alberto Dallatana

Lealtrenotizie

Torna il caldo afoso sull'Italia, "bollenti" i primi giorni di agosto

Meteo

In arrivo la quinta ondata di caldo: la più afosa del 2017

1commento

il caso

Telefonini alla guida: in un'ora "pizzicati" 20 parmigiani Video

anteprima gazzetta

Cellulare alla guida, si rischia la nostra e la vita degli altri

Via Pintor

La furia dei ladri dentro il bar. Per un bottino di salumi e caffè...

3commenti

calcio

Nasce il nuovo Parma: Crespo e Malmesi vicepresidenti

via Silvio Pellico

Autoerotismo davanti alla cassa di un supermercato: denunciato un 40enne

9commenti

colorno

Picchia (ancora) la fidanzata e la manda all'ospedale: operaio arrestato

7commenti

Economia

Parmalat: Guerin si è dimesso, nuovo ad è Bernier. Cda: in 6 mesi + 9,5%

i nuovi arrivati

Di Gaudio: "La ricetta per la A? Ci vuole tanta umiltà" Video

parma calcio

Altro colpo del Parma: Gagliolo atteso a Pinzolo Video

Il jolly difensivo acquistato dal Carpi

Dopo il suicidio del padre

Alessio Turco guardato a vista

1commento

alluvione

Alluvione, ecco come ottenere i fondi

I rimborsi sarannno per le attività economiche colpite nell'ottobre del 2014

bilancio

Il Comune ha incassato 400 mila euro in meno di multe

Una ipovedente

Tombino rimosso: ferita una donna

4commenti

via leopardi

"Suo figlio ha avuto un grave incidente": così truffano un'altra anziana

Gazzareporter

Contromano in bicicletta in tangenziale

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL CASO

Samuele Turco, la tragedia e la pietà Video-editoriale

di Michele Brambilla

4commenti

EDITORIALE

Vitalizi, no ai privilegi

di Francesco Bandini

ITALIA/MONDO

germania

Amburgo, accoltella i clienti in un supermarket: un morto 4 feriti. Allerta terrorismo

montecitorio

Dopi il sì al decreto vaccini, deputati Pd aggrediti da manifestanti no-vax

3commenti

SPORT

Calcio

Zommers va al Pordenone (in prestito)

calcio

Alta tensione al Barcellona, Neymar litiga con Semedo Video

SOCIETA'

rischi

Come evitare i pericoli da soffocamento per i bimbi: i consigli

WEEKEND

Vintage, Fiera, Yoga? Ecco i 5 eventi da non perdere

MOTORI

anniversario

Pajero One/Hundred, Mitsubishi festeggia il secolo di vita

il video

Tutto in 44 secondi: un’intervista a 300 km/h sulla nuova Jaguar XJR575 Video