Droga

Spaccio di coca e hashish in tutta la provincia: 9 arresti

Operazione dei carabinieri della Compagnia di Borgotaro. Intercettate oltre 98mila telefonate

Conferenza stampa dei carabinieri

Conferenza stampa dei carabinieri

1

E’ stata eseguita dai carabinieri della Compagnia di Borgo Val di Taro (PR), insieme agli altri reparti del Comando Provinciale di Parma, un’operazione finalizzata all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare per concorso in “spaccio di sostanze stupefacenti”, “detenzione e porto illegale di armi e munizioni” ed altro, in relazione all’attività di un gruppo di individui, prevalentemente extracomunitari, dediti allo spaccio di rilevanti quantità di cocaina ed hashish nel capoluogo ed in vari centri della provincia.

 

I particolari dell’operazione saranno resi noti in una conferenza stampa che sarà tenuta alle ore 11.00 odierne presso il Comando Provinciale CC di Parma
E’ stata eseguita dai carabinieri della Compagnia di Borgotaro, insieme agli altri reparti del Comando Provinciale di Parma, un’operazione finalizzata all’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare per concorso in “spaccio di sostanze stupefacenti”, “detenzione e porto illegale di armi e munizioni” ed altro nei confronti di un gruppo di persone, prevalentemente extracomunitari, dediti allo spaccio di rilevanti quantità di cocaina ed hashish. 
Gli arrestati sono accusati anche di essere coinvolti in furti e rapine. L'operazione si chiama N.F.Z., No Fly Zone, poiché l'abitazione dell'albanese residente a Solignano da cui è partita l'indagine era diventata quasi inaccessibile alle osservazioni delle forze dell'ordine. 

I carabinieri della Compagnia di Borgotaro, con i militari dei Comandi di Parma, Piacenza e Trento, hanno eseguito ordinanze di custodia cautelare in carcere per concorso in spaccio di sostanze stupefacenti, detenzione e porto illegale di armi e munizioni ed altro, nei confronti di Erind Cani, 23enne albanese residente a Fornovo Taro, Gustavo Enrique Dias Romeiro, 23enne argentino residente a Ramiola di Medesano, Davide Ferrari, 43enne odontotecnico residente a Collecchio, il 23enne albanese Dorel Grana residente a Collecchio, Dardan Hasani, 24enne albanese residente a Cembra (Trento), già agli arresti domiciliari per altri motivi,  Abdellah Miftah, 23enne marocchino residente a Fornovo Taro, Ervis Nasufi, 25enne albanese domiciliato a Parma, Flavio Tafa  (alias Bledar), 21enne albanese dimorante a Parma e Dajmamir Ushina, 43enne albanese residente ad Alseno (Piacenza), sottoposto agli arresti domiciliari per altra causa.

L’indagine, condotta dai militari del Nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Borgotaro, è nata nella primavera del 2011, quando, analizzando i contatti intessuti da un albanese che abitava a Solignano con altre persone, tutte residenti in questa provincia, è stato individuato un “gruppo” che gestiva una rete di spaccio di cocaina e hashish, destinate alla vendita al dettaglio a Parma e provincia attraverso una fitta rete di spacciatori che faceva capo al cittadino albanese e ad alcuni connazionali (alcuni dei quali suoi parenti, tanto che molti accordi telefonici, gli spostamenti da e per Parma e molti incontri relativi alle forniture di droga erano giustificati appunto dalla necessità di rinsaldare i vincoli di parentela). 

I carabinieri hanno fatto prolungati servizi di osservazione e pedinamento e hanno fatto ricorso ad accertamenti tecnici: sono state intercettate 45 utenze, tra veicolari e telefoniche, per un totale di 98.269 conversazioni ascoltate (1.287 ore, 28 minuti e 31 secondi). Un corposo lavoro che ha permesso di accertare l’uso di parole convenzionali per indicare la cocaina («bianca»), l’uso di schede telefoniche intestate a stranieri inesistenti e il loro vorticoso cambio per eludere  le indagini. I militari hanno constatato che i destinatari dell’ordinanza di custodia cautelare, insieme ad altre persone arrestate in flagranza e a 25 indagati a piede libero, avevano creato una rete di spaccio di droga nel Parmense rifornendosi di cocaina da albanesi pregiudicati nelle province di Novara, Ravenna e Milano e comprando l'hashish da un extracomunitario dimorante in provincia di Verona. 
Gli inquirenti hanno documentato quasi un centinaio di cessioni di stupefacenti. Gli episodi principali resi noti dai carabinieri:

─       19 giugno 2011: arresto di Genti Mali, 25enne cittadino albanese, domiciliato in provincia di Novara, bloccato all’uscita del casello autostradale di Fornovo Taro e trovato in possesso di 500 grammi di cocaina, destinata al “mercato” di Parma;

─       25 giugno 2011: arresto di Ismail Shtufi, 36enne albanese residente a Solignano, bloccato all’uscita del casello autostradale di Fidenza e trovato in possesso di 250 grammi di cocaina, acquistata a Milano e destinata al “mercato” di Parma;

─       15 ottobre 2011: arresto di Blerim Daxha, bloccato sulla S.S. 62 e trovato in possesso di 11 grammi di cocaina, destinata al successivo spaccio;

─       5 febbraio 2012: arresto di Xhaferr Deliu, 22enne cittadino albanese, bloccato all’uscita del casello autostradale di Fornovo Taro e trovato in possesso di 3,3 grammi di cocaina, destinata al successivo spaccio;

─       12 marzo 2012: arresto di Andy Papa, 32enne albanese, e di quattro giovani parmigiani, trovati in possesso in provincia di Verona di 1,6 chili di hashish, nascosti in un’intercapedine di un’autovettura;

─       24 marzo 2012: arresto di Riza Sheqi, 22enne, e Fatmir Xheka, 26enne, entrambi cittadini albanesi, bloccati in Parma e trovati in possesso di 44 grammi di cocaina e 0,5 di hashish, destinati al successivo spaccio.

 

Durante le indagini i carabinieri hanno scoperto che gli indagati hanno commesso una rapina a un commerciante il 14 novembre 2011, un paio di furti di e su vetture in aprile e settembre 2011, la ricettazione di armi e munizioni (in particolare 2 fucili ed una pistola) di illecita provenienza nel 2011.

Le indagini sono state coordinate dal pm Roberta Licci, alla quale sono poi subentrati Paola Reggiani e Fabrizio Pensa, che ha ottenuto dal gip Alessandro Conti il provvedimento restrittivo che ha dato il via all’operazione (eseguita dal 18 al 19 novembre, essendosi reso necessario rintracciare alcuni indagati inizialmente irreperibili) con l’impiego di circa 50 militari e un’unità cinofila e denominata "N.F.Z." (No Fly zone), perché la zona circostante l’abitazione dell’albanese di Solignano era inizialmente divenuta quasi interdetta ai servizi di osservazione delle forze dell'ordine, vista l’estrema attenzione e meticolosità adottata dall’uomo per tutelare i suoi spostamenti e i suoi contatti. 

Guarda il servizio del TgParma


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • xxl

    20 Novembre @ 13.36

    nilus75

    ...ma quante risorse...

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

3commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Terremoto: cosa rischia Parma

TERREMOTO

Ma Parma quanto rischia?

1commento

Lealtrenotizie

Roberto D'Aversa

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

4commenti

dal tardini

Il Parma va sotto, poi si rialza: 1-1 col Bassano. E finale incandescente Foto

Anche al Tardini un minuto di raccoglimento per la Chapecoense (Video

2commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

6commenti

sala baganza

Preso il 18enne che faceva da pusher ai ragazzini della Pedemontana

degrado

Nuove luci e marciapiedi più larghi e "vivibili": così sarà via Mazzini Foto

17commenti

via toscana

Urta due auto in sosta e poi fugge: è caccia al conducente

1commento

SAN LEONARDO

Arriva la sala scommesse, scoppia la polemica

14commenti

Solidarietà

Sisma, il cuore di Parma c'è

agenda

Un weekend di colori, musica, gusto e cultura

Salsomaggiore

Addio a Lorenzo, aveva solo 15 anni

1commento

Anga Parma

l calendario dei giovani imprenditori agricoli

Per raccogliere fondi a favore delle aziende agricole colpite dal terremoto nel Centro Italia

social network

Via D'Azeglio, quando scopri che i ladri ti hanno preceduto...Foto

2commenti

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

10commenti

controlli

Autovelox e autodetector: la mappa della settimana

PENSIONI

Novità sul ricongiungimento dei contributi

1commento

gazzareporter

Scia e aerei: mistero nel cielo di Parma Video

7commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Un po' più di mezzo bicchiere

EDITORIALE

Dal sexting al ricatto: pericoli on line

di Filiberto Molossi

1commento

ITALIA/MONDO

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

CALIFORNIA

Incendio al concerto: si temono 40 vittime

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

VERNISSAGE

90 anni di Arnaldo Pomodoro: la sua arte invade Milano

1commento

SPORT

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

formula uno

Mercedes: dopo il ritiro di Rosberg, Alonso tra le ipotesi

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti