10°

22°

SALA BAGANZA

Le suore lasciano l'asilo Balbi Carrega: diventerà statale?

Convocato d'urgenza il Consiglio Comunale Il sindaco Merusi: «Giusto coinvolgere tutti»

L'asilo Balbi Carrega di Sala Baganza

L'asilo Balbi Carrega di Sala Baganza

Ricevi gratis le news
0

 

Cristina Pelagatti
SALA BAGANZA - La scuola dell’infanzia del paese non sarà più «l’asilo delle suore». La Provincia d’Italia Congregazione «Figlie della Croce», a partire dal 1 agosto 2014 non rinnoverà più la convenzione col Comune di Sala Baganza per la gestione della scuola paritaria per l’infanzia Balbi Carrega, interrompendo la gestione e direzione della scuola stessa che quindi cesserà il funzionamento. 
Per far fronte alla situazione e continuare ad offrire il servizio della scuola per l’infanzia alla comunità salese l’amministrazione comunale, convocando un consiglio comunale d’urgenza, ha avviato il percorso per richiedere che la scuola materna paritaria possa diventare statale. «Avremmo potuto prendere una decisione di giunta - ha spiegato il sindaco Cristina Merusi - ma abbiamo deciso di portare la questione in consiglio perché ci sembra giusto coinvolgere il paese nel percorso. Abbiamo dovuto convocare d’urgenza il consiglio perché aspettavamo il parere favorevole alla questione della conferenza provinciale territoriale scolastica, dopo aver ricevuto quello dell’istituto comprensivo di Felino». 
Le suore Figlie della Croce operano a Sala Baganza dal 1886 e da decenni si occupano dell’asilo paritario, in convenzione col Comune. «Abbiamo una lunga storia di collaborazione con le suore Figlie della Croce che da sempre si occupano dei nostri ragazzi, purtroppo - ha spiegato la Merusi - dopo aver dato tanto alla nostra comunità, non riescono più a continuare e l’unico modo per continuare a fornire servizio che riteniamo fondamentale di 5 sezioni per circa 140 bambini, è che la scuola diventi statale. Il comune si occuperà di fornire i locali, la mensa e i trasporti e lo stato, nel caso la proposta venga accolta, di pagare il personale. Dopo tanti anni di autosufficienza anche lo stato ora dovrebbe fare la sua parte». 
Se il consigliere del movimento 5 stelle Giuseppe Distante ha accolto la proposta, specificando che vigilerà sulla questione ed auspicando un consiglio comunale aperto ed un percorso partecipato con l’intera comunità su un tema tanto importante, la consigliera di Sala Attiva Tiziana Azzolini ha posto il problema che deriva dall’eventuale statalizzazione: che fine fa il personale della scuola? «La richiesta di fare una scuola statale può anche essere fatta, anche se non credo sarà mai concessa visto che non si tratta di scuola dell’obbligo, c’è crisi e lo stato l’ultima volta che ha finanziato una scuola di questo tipo è stato 30 anni fa a Felino, ma la realtà è che in meno di un anno ci sarà un nuovo servizio da costruire perché se non ci sarà le famiglie saranno in ginocchio. Ed è necessario tutelare le persone che lavorano nella scuola, maestri e ausiliari, visto che in caso di scuola statale il personale andrebbe assunto tramite concorso pubblico». I consiglieri di maggioranza Maestri, Ronchini e Saccani, sottolineando come la priorità sia mantenere il servizio e come si tratti solo dell’inizio di un percorso, hanno specificato la presenza di norme che regolano le assunzioni nelle scuole pubbliche.  
Cristina Pelagatti

SALA BAGANZA - La scuola dell’infanzia del paese non sarà più «l’asilo delle suore». La Provincia d’Italia Congregazione «Figlie della Croce», a partire dal 1 agosto 2014 non rinnoverà più la convenzione col Comune di Sala Baganza per la gestione della scuola paritaria per l’infanzia Balbi Carrega, interrompendo la gestione e direzione della scuola stessa che quindi cesserà il funzionamento. Per far fronte alla situazione e continuare ad offrire il servizio della scuola per l’infanzia alla comunità salese l’amministrazione comunale, convocando un consiglio comunale d’urgenza, ha avviato il percorso per richiedere che la scuola materna paritaria possa diventare statale. «Avremmo potuto prendere una decisione di giunta - ha spiegato il sindaco Cristina Merusi - ma abbiamo deciso di portare la questione in consiglio perché ci sembra giusto coinvolgere il paese nel percorso. Abbiamo dovuto convocare d’urgenza il consiglio perché aspettavamo il parere favorevole alla questione della conferenza provinciale territoriale scolastica, dopo aver ricevuto quello dell’istituto comprensivo di Felino». 
Le suore Figlie della Croce operano a Sala Baganza dal 1886 e da decenni si occupano dell’asilo paritario, in convenzione col Comune. «Abbiamo una lunga storia di collaborazione con le suore Figlie della Croce che da sempre si occupano dei nostri ragazzi, purtroppo - ha spiegato la Merusi - dopo aver dato tanto alla nostra comunità, non riescono più a continuare e l’unico modo per continuare a fornire servizio che riteniamo fondamentale di 5 sezioni per circa 140 bambini, è che la scuola diventi statale. Il comune si occuperà di fornire i locali, la mensa e i trasporti e lo stato, nel caso la proposta venga accolta, di pagare il personale. Dopo tanti anni di autosufficienza anche lo stato ora dovrebbe fare la sua parte». 
Se il consigliere del movimento 5 stelle Giuseppe Distante ha accolto la proposta, specificando che vigilerà sulla questione ed auspicando un consiglio comunale aperto ed un percorso partecipato con l’intera comunità su un tema tanto importante, la consigliera di Sala Attiva Tiziana Azzolini ha posto il problema che deriva dall’eventuale statalizzazione: che fine fa il personale della scuola? «La richiesta di fare una scuola statale può anche essere fatta, anche se non credo sarà mai concessa visto che non si tratta di scuola dell’obbligo, c’è crisi e lo stato l’ultima volta che ha finanziato una scuola di questo tipo è stato 30 anni fa a Felino, ma la realtà è che in meno di un anno ci sarà un nuovo servizio da costruire perché se non ci sarà le famiglie saranno in ginocchio. Ed è necessario tutelare le persone che lavorano nella scuola, maestri e ausiliari, visto che in caso di scuola statale il personale andrebbe assunto tramite concorso pubblico». I consiglieri di maggioranza Maestri, Ronchini e Saccani, sottolineando come la priorità sia mantenere il servizio e come si tratti solo dell’inizio di un percorso, hanno specificato la presenza di norme che regolano le assunzioni nelle scuole pubbliche.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Playboy:  arriva la prima coniglietta transgender

GOSSIP

Playboy: arriva la prima coniglietta transgender

In attesa del Palermo scegli il Parma dei tuoi sogni

GAZZAFUN

In attesa di Parma-Entella, Lucarelli nettamente il migliore del campionato

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Il caso

Della Noce: da Zelig al dormire in auto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Smog: polveri sottili alle stelle, da oggi blocco diesel euro 4

PARMA

Smog, polveri sottili alle stelle: blocco per i diesel fino all'Euro 4 Video

Riscaldamento massimo a 19 gradi

4commenti

Anteprima Gazzetta

Caso Florentina: la procura chiede l'archiviazione per Devincenzi

Le anticipazioni sulla Gazzetta di domani dal direttore Michele Brambilla

TRUFFA

Si fingono tecnici e svuotano una cassaforte a Monticelli Video

Ancora una volta un'anziana nel mirino dei malviventi

2commenti

Appennino

Fra mucche e cavalli: i ragazzi del "Bocchialini" seguono la transumanza Foto

Discesa dal Monte Tavola a Ravarano

1commento

PARMA

Attaccano catena e lucchetto a una saracinesca: la bici resta a mezz'aria

La foto è stata pubblicata su Facebook da Enrico Maletti

5commenti

PARMA

Spray al peperoncino a scuola: in 5 al pronto soccorso

9commenti

PARMA CALCIO

D’Aversa: "Con l'Entella dobbiamo portare in campo la rabbia del dopo-Pescara" Video

Intervista di Paolo Grossi

Fidenza

Addio a Gino Minardi, storico bottegaio

Tragedia

E' morto il tecnico del Soccorso alpino ferito durante un salvataggio

Davide Tronconi era ricoverato al Maggiore di Parma

2commenti

Scurano

Il paese fa festa, i ladri anche

QUARTIERI

Passeggiata e giochi con i gessetti nelle strade dell'Oltretorrente Foto

Continuano le iniziative degli abitanti dell'Oltretorrente per "riappropriarsi" del quartiere

PARMA

Operata una bimba del peso di 700 grammi

Nata pretermine. Coinvolti chirurghi, cardiologici e neonatologi di tre ospedali

2commenti

gazzareporter

Via Cavour: sul marciapiede compare Giuseppe Verdi

Foto di Alberto

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: domani comincia la finale

4commenti

PARMA

Commemorazione dei defunti: orari e servizi dei cimiteri di Parma dal 21 ottobre al 2 novembre

Apertura straordinaria dei cimiteri dalle 8 alle 17,30

Furto

Via Calatafimi: spaccata «diurna» all'ortofrutta

Ladri in azione di giorno. «Neanche avessi una gioielleria», sbotta la negoziante

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La «Lunga marcia» della nuova Cina

di Domenico Cacopardo

L'INCHIESTA

Bitcoin, il vero problema è la mancanza di un governo

di Giovanni Fracasso

ITALIA/MONDO

Firenze

Turista morto in Santa Croce: tre avvisi di garanzia

TRAGEDIA

Como, 49enne dà fuoco alla casa e si uccide con tre dei suoi figli Foto

SPORT

F1 GP USA

Prime libere, Hamilton davanti a Vettel

Moto

Rossi: "Qui non sai mai come andrà domani"

SOCIETA'

PARMA

"Nessuno va abbandonato in mare": la testimonianza del capitano Gatti Video

langhirano

Bellezze in passerella a Pilastro

MOTORI

L'ANTEPRIMA

Ecco T-Roc: in 5 punti il nuovo Suv di Volkswagen Foto

MINI SUV

Hyundai Kona, al lancio prezzi da 14.950 euro