22°

32°

SALA BAGANZA

Le suore lasciano l'asilo Balbi Carrega: diventerà statale?

Convocato d'urgenza il Consiglio Comunale Il sindaco Merusi: «Giusto coinvolgere tutti»

L'asilo Balbi Carrega di Sala Baganza

L'asilo Balbi Carrega di Sala Baganza

Ricevi gratis le news
0

 

Cristina Pelagatti
SALA BAGANZA - La scuola dell’infanzia del paese non sarà più «l’asilo delle suore». La Provincia d’Italia Congregazione «Figlie della Croce», a partire dal 1 agosto 2014 non rinnoverà più la convenzione col Comune di Sala Baganza per la gestione della scuola paritaria per l’infanzia Balbi Carrega, interrompendo la gestione e direzione della scuola stessa che quindi cesserà il funzionamento. 
Per far fronte alla situazione e continuare ad offrire il servizio della scuola per l’infanzia alla comunità salese l’amministrazione comunale, convocando un consiglio comunale d’urgenza, ha avviato il percorso per richiedere che la scuola materna paritaria possa diventare statale. «Avremmo potuto prendere una decisione di giunta - ha spiegato il sindaco Cristina Merusi - ma abbiamo deciso di portare la questione in consiglio perché ci sembra giusto coinvolgere il paese nel percorso. Abbiamo dovuto convocare d’urgenza il consiglio perché aspettavamo il parere favorevole alla questione della conferenza provinciale territoriale scolastica, dopo aver ricevuto quello dell’istituto comprensivo di Felino». 
Le suore Figlie della Croce operano a Sala Baganza dal 1886 e da decenni si occupano dell’asilo paritario, in convenzione col Comune. «Abbiamo una lunga storia di collaborazione con le suore Figlie della Croce che da sempre si occupano dei nostri ragazzi, purtroppo - ha spiegato la Merusi - dopo aver dato tanto alla nostra comunità, non riescono più a continuare e l’unico modo per continuare a fornire servizio che riteniamo fondamentale di 5 sezioni per circa 140 bambini, è che la scuola diventi statale. Il comune si occuperà di fornire i locali, la mensa e i trasporti e lo stato, nel caso la proposta venga accolta, di pagare il personale. Dopo tanti anni di autosufficienza anche lo stato ora dovrebbe fare la sua parte». 
Se il consigliere del movimento 5 stelle Giuseppe Distante ha accolto la proposta, specificando che vigilerà sulla questione ed auspicando un consiglio comunale aperto ed un percorso partecipato con l’intera comunità su un tema tanto importante, la consigliera di Sala Attiva Tiziana Azzolini ha posto il problema che deriva dall’eventuale statalizzazione: che fine fa il personale della scuola? «La richiesta di fare una scuola statale può anche essere fatta, anche se non credo sarà mai concessa visto che non si tratta di scuola dell’obbligo, c’è crisi e lo stato l’ultima volta che ha finanziato una scuola di questo tipo è stato 30 anni fa a Felino, ma la realtà è che in meno di un anno ci sarà un nuovo servizio da costruire perché se non ci sarà le famiglie saranno in ginocchio. Ed è necessario tutelare le persone che lavorano nella scuola, maestri e ausiliari, visto che in caso di scuola statale il personale andrebbe assunto tramite concorso pubblico». I consiglieri di maggioranza Maestri, Ronchini e Saccani, sottolineando come la priorità sia mantenere il servizio e come si tratti solo dell’inizio di un percorso, hanno specificato la presenza di norme che regolano le assunzioni nelle scuole pubbliche.  
Cristina Pelagatti

SALA BAGANZA - La scuola dell’infanzia del paese non sarà più «l’asilo delle suore». La Provincia d’Italia Congregazione «Figlie della Croce», a partire dal 1 agosto 2014 non rinnoverà più la convenzione col Comune di Sala Baganza per la gestione della scuola paritaria per l’infanzia Balbi Carrega, interrompendo la gestione e direzione della scuola stessa che quindi cesserà il funzionamento. Per far fronte alla situazione e continuare ad offrire il servizio della scuola per l’infanzia alla comunità salese l’amministrazione comunale, convocando un consiglio comunale d’urgenza, ha avviato il percorso per richiedere che la scuola materna paritaria possa diventare statale. «Avremmo potuto prendere una decisione di giunta - ha spiegato il sindaco Cristina Merusi - ma abbiamo deciso di portare la questione in consiglio perché ci sembra giusto coinvolgere il paese nel percorso. Abbiamo dovuto convocare d’urgenza il consiglio perché aspettavamo il parere favorevole alla questione della conferenza provinciale territoriale scolastica, dopo aver ricevuto quello dell’istituto comprensivo di Felino». 
Le suore Figlie della Croce operano a Sala Baganza dal 1886 e da decenni si occupano dell’asilo paritario, in convenzione col Comune. «Abbiamo una lunga storia di collaborazione con le suore Figlie della Croce che da sempre si occupano dei nostri ragazzi, purtroppo - ha spiegato la Merusi - dopo aver dato tanto alla nostra comunità, non riescono più a continuare e l’unico modo per continuare a fornire servizio che riteniamo fondamentale di 5 sezioni per circa 140 bambini, è che la scuola diventi statale. Il comune si occuperà di fornire i locali, la mensa e i trasporti e lo stato, nel caso la proposta venga accolta, di pagare il personale. Dopo tanti anni di autosufficienza anche lo stato ora dovrebbe fare la sua parte». 
Se il consigliere del movimento 5 stelle Giuseppe Distante ha accolto la proposta, specificando che vigilerà sulla questione ed auspicando un consiglio comunale aperto ed un percorso partecipato con l’intera comunità su un tema tanto importante, la consigliera di Sala Attiva Tiziana Azzolini ha posto il problema che deriva dall’eventuale statalizzazione: che fine fa il personale della scuola? «La richiesta di fare una scuola statale può anche essere fatta, anche se non credo sarà mai concessa visto che non si tratta di scuola dell’obbligo, c’è crisi e lo stato l’ultima volta che ha finanziato una scuola di questo tipo è stato 30 anni fa a Felino, ma la realtà è che in meno di un anno ci sarà un nuovo servizio da costruire perché se non ci sarà le famiglie saranno in ginocchio. Ed è necessario tutelare le persone che lavorano nella scuola, maestri e ausiliari, visto che in caso di scuola statale il personale andrebbe assunto tramite concorso pubblico». I consiglieri di maggioranza Maestri, Ronchini e Saccani, sottolineando come la priorità sia mantenere il servizio e come si tratti solo dell’inizio di un percorso, hanno specificato la presenza di norme che regolano le assunzioni nelle scuole pubbliche.  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

2commenti

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

spagna

Barcellona, la polizia: "Cellula smantellata". La Catalogna smentisce

turku

Finlandia, c'è anche un'italiana tra i feriti a colpi di coltello. La Polizia: "E' terrorismo"

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti