FELINO

I genitori: camole nel pane? Nessuna risposta né rassicurazioni

Non si placano le polemiche anche dopo l'ultimo incontro. «L’importante è che chi di dovere si attivi per fare in modo che queste cose non succedano più»

Una mensa scolastica

Una mensa scolastica

Ricevi gratis le news
0

 

FELINO - Le segnalazioni dei corpi estranei presenti all’interno di alcune pagnotte servite agli alunni che frequentano la mensa della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Felino continua a far discutere. 
In particolare l’incontro volto a fare chiarezza sull’accaduto, che si è svolto al cinema teatro comunale alla presenza degli amministratori comunali e dei rappresentati di Camst, azienda che gestisce la locale mensa scolastica, e di Ausl, ha lasciato ancora diversi dubbi in quei genitori che hanno partecipato all’incontro.
Nel corso della conferenza infatti, è emerso che in occasione della prima segnalazione della presenza di corpi estranei in alcune pagnotte, effettuata dal Comitato Mensa e avvenuta il 30 di ottobre, buona parte del pane incriminato era già stato consumato o buttato via e, la quantità rimanente, era insufficiente per eseguire i test necessari. Nella seconda segnalazione invece, effettuata il 13 di novembre, amministrazione, Camst, Ausl e Nas, intervenendo tempestivamente sono riusciti a recuperare la quantità necessaria per gli esami. Quelli svolti dall’Ausl sono risultati negativi mentre devono ancora arrivare gli esiti dei controlli dei Nas. 
All’incontro, erano però presenti anche alcuni genitori che fanno parte del Comitato Mensa che, intervistati, hanno spiegato il loro punto di vista. Secondo una mamma del comitato «è mancata prima di tutto la tempestività nella comunicazione d’urgenza. Sarebbe opportuno poi che, almeno per un certo periodo, si tenga da parte un campione del pane consegnato alla scuola in quanto, nel caso in cui si dovesse verificare un’altra segnalazione simile, ci sia il quantitativo corretto per fare tutti gli esami del caso sull’alimento. Quello che è capitato poi può certamente succedere ma bisogna agire in modo che non si ripeta più». 
Un’altra mamma del Comitato Mensa invece afferma che: «Dall’incontro in teatro sono rimasta delusa come molti altri genitori. Volevamo delle risposte che non ci sono state date ma anche delle rassicurazioni sull’incremento delle procedure di sicurezza. Quello che è accaduto può succedere: con quello che paghiamo per la mensa cerchiamo anche la qualità. Personalmente sono uscita dall’incontro con ancora più domande in testa».
All’interno del Comitato Mensa c’è poi una mamma che prova ad abbassare i toni della discussione: «La Camst non ha colpa, il pane lo compra da fuori e non può di certo aprire tutte le pagnotte per vedere se ci sono dei difetti. Purtroppo sono cose che capitano, non è stato male nessuno e l’importante è che chi di dovere si attivi per fare in modo che non succedano più».
Tra i genitori presenti all’incontro c’erano anche mamme che non fanno parte del Comitato Mensa e che a loro volta affermano: «Mia figlia si lamenta anche del fatto che venga data da bere l’acqua del rubinetto. Personalmente penso che, siccome paghiamo quasi 6 euro, il servizio sia molto caro. L’incontro è stata l’ennesima presa in giro nei nostri confronti, non è servito a niente ed ha alimentato ancora di più dubbi e nervosismo». S. D.
FELINO - Le segnalazioni dei corpi estranei presenti all’interno di alcune pagnotte servite agli alunni che frequentano la mensa della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Felino continua a far discutere. In particolare l’incontro volto a fare chiarezza sull’accaduto, che si è svolto al cinema teatro comunale alla presenza degli amministratori comunali e dei rappresentati di Camst, azienda che gestisce la locale mensa scolastica, e di Ausl, ha lasciato ancora diversi dubbi in quei genitori che hanno partecipato all’incontro.Nel corso della conferenza infatti, è emerso che in occasione della prima segnalazione della presenza di corpi estranei in alcune pagnotte, effettuata dal Comitato Mensa e avvenuta il 30 di ottobre, buona parte del pane incriminato era già stato consumato o buttato via e, la quantità rimanente, era insufficiente per eseguire i test necessari. Nella seconda segnalazione invece, effettuata il 13 di novembre, amministrazione, Camst, Ausl e Nas, intervenendo tempestivamente sono riusciti a recuperare la quantità necessaria per gli esami. Quelli svolti dall’Ausl sono risultati negativi mentre devono ancora arrivare gli esiti dei controlli dei Nas. All’incontro, erano però presenti anche alcuni genitori che fanno parte del Comitato Mensa che, intervistati, hanno spiegato il loro punto di vista. Secondo una mamma del comitato «è mancata prima di tutto la tempestività nella comunicazione d’urgenza. Sarebbe opportuno poi che, almeno per un certo periodo, si tenga da parte un campione del pane consegnato alla scuola in quanto, nel caso in cui si dovesse verificare un’altra segnalazione simile, ci sia il quantitativo corretto per fare tutti gli esami del caso sull’alimento. Quello che è capitato poi può certamente succedere ma bisogna agire in modo che non si ripeta più». Un’altra mamma del Comitato Mensa invece afferma che: «Dall’incontro in teatro sono rimasta delusa come molti altri genitori. Volevamo delle risposte che non ci sono state date ma anche delle rassicurazioni sull’incremento delle procedure di sicurezza. Quello che è accaduto può succedere: con quello che paghiamo per la mensa cerchiamo anche la qualità. Personalmente sono uscita dall’incontro con ancora più domande in testa».All’interno del Comitato Mensa c’è poi una mamma che prova ad abbassare i toni della discussione: «La Camst non ha colpa, il pane lo compra da fuori e non può di certo aprire tutte le pagnotte per vedere se ci sono dei difetti. Purtroppo sono cose che capitano, non è stato male nessuno e l’importante è che chi di dovere si attivi per fare in modo che non succedano più».Tra i genitori presenti all’incontro c’erano anche mamme che non fanno parte del Comitato Mensa e che a loro volta affermano: «Mia figlia si lamenta anche del fatto che venga data da bere l’acqua del rubinetto. Personalmente penso che, siccome paghiamo quasi 6 euro, il servizio sia molto caro. L’incontro è stata l’ennesima presa in giro nei nostri confronti, non è servito a niente ed ha alimentato ancora di più dubbi e nervosismo». S. D.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

L'addio dei "suoi" artisti a Bibi Ballandi Foto

bologna

L'addio dei "suoi" artisti a Bibi Ballandi Foto

Va in vacanza, amici di Fb bisbocciano e rubano in casa, presi

varese

Gli amici vedono da Fb che è in vacanza e bisbocciano e rubano a casa sua

1commento

Dadaumpa: le serate Dadacita

FESTE PGN

Dadaumpa: le serate Dadacita Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Chef Gino

LO STRAJE'

Chef Gino: "Così invoglio le famiglie a stare insieme in cucina" Video

2commenti

Lealtrenotizie

Parma (inesistente) umiliato ad Empoli 4-0. I crociati crollano all'8° posto

Serie B

Parma umiliato ad Empoli 4-0 crolla all'8° posto. D'Aversa resta Risultati e classifica

D'Aversa: "Tutto gira storto. Dobbiamo stare zitti e lavorare" (Video)Grossi: "Parma disastroso" (Guarda il videocommento)

15commenti

gazzareporter

Polizia in via Cavour: nel mirino le baby gang Foto

4commenti

tg parma

Busseto: cinque ragazzini denunciati per furto e danneggiamenti

il caso

Forza Nuova in una sala civica, l'Anpi: "A rischio la collaborazione col Comune"

La nota del Comune: "Avremmo violato la normativa"

3commenti

maltempo

Allerta meteo, in arrivo pioggia e neve

incidente

Ciclista cade in una curva a Mulazzano: è grave

DROGA

Cinque spacciatori in manette: erano pronti a smerciare quattro etti di droga in città Video

4commenti

tg parma

Parma capitale della cultura, ecco cosa cambierà

Tutti i progetti della giunta per il 2020

I titolari di Pepèn

«Ci hanno lasciati soli, siamo amareggiati»

25commenti

sport e cucina

Lo chef Oldani celebra (con pasta Barilla) Federer n.1 al mondo Video: la ricetta

gemellaggio

Empoli e Parma, amici dal 1984: partita e spuntino tra tifosi

vigili del fuoco

Incendio a Medesano, in fiamme la mansarda di una palazzina Video

carabinieri

Ai domiciliari perchè perseguitava la ex, maltratta la mamma: arrestato

Mobile

In via Torelli la casa dei pusher dell'Oltretorrente

4commenti

commercio

Controlli in cucine e dispense: un altro locale con irregolarità

Salsomaggiore

Lancia 105 grammi di cocaina nel torrente Ghiara: ventenne arrestato

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Tutti uniti per il rilancio della città

di Claudio Rinaldi

VIABILITA'

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

ITALIA/MONDO

femminicidio

Uccise la bandante e gettò il cadavere nel Po, arrestato

movimento 5 stelle

Mancati versamenti, coinvolto anche un consigliere regionale emiliano

SPORT

GAZZAFUN

Empoli - Parma: fate le vostre pagelle

Tennis

Federer riscrive la storia: a 36 anni torna numero uno

SOCIETA'

piazza garibaldi

One Billion Rising: Flash Mob per i diritti delle Donne

il disco

50 anni di 2001: la musica secondo Kubrick

MOTORI

PROVA SU STRADA

Giulia, al volante di una vera Alfa

MOTORI

Skoda Kodiaq, ancora più completa in allestimento Sportline Foto