21°

FELINO

I genitori: camole nel pane? Nessuna risposta né rassicurazioni

Non si placano le polemiche anche dopo l'ultimo incontro. «L’importante è che chi di dovere si attivi per fare in modo che queste cose non succedano più»

Una mensa scolastica

Una mensa scolastica

0

 

FELINO - Le segnalazioni dei corpi estranei presenti all’interno di alcune pagnotte servite agli alunni che frequentano la mensa della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Felino continua a far discutere. 
In particolare l’incontro volto a fare chiarezza sull’accaduto, che si è svolto al cinema teatro comunale alla presenza degli amministratori comunali e dei rappresentati di Camst, azienda che gestisce la locale mensa scolastica, e di Ausl, ha lasciato ancora diversi dubbi in quei genitori che hanno partecipato all’incontro.
Nel corso della conferenza infatti, è emerso che in occasione della prima segnalazione della presenza di corpi estranei in alcune pagnotte, effettuata dal Comitato Mensa e avvenuta il 30 di ottobre, buona parte del pane incriminato era già stato consumato o buttato via e, la quantità rimanente, era insufficiente per eseguire i test necessari. Nella seconda segnalazione invece, effettuata il 13 di novembre, amministrazione, Camst, Ausl e Nas, intervenendo tempestivamente sono riusciti a recuperare la quantità necessaria per gli esami. Quelli svolti dall’Ausl sono risultati negativi mentre devono ancora arrivare gli esiti dei controlli dei Nas. 
All’incontro, erano però presenti anche alcuni genitori che fanno parte del Comitato Mensa che, intervistati, hanno spiegato il loro punto di vista. Secondo una mamma del comitato «è mancata prima di tutto la tempestività nella comunicazione d’urgenza. Sarebbe opportuno poi che, almeno per un certo periodo, si tenga da parte un campione del pane consegnato alla scuola in quanto, nel caso in cui si dovesse verificare un’altra segnalazione simile, ci sia il quantitativo corretto per fare tutti gli esami del caso sull’alimento. Quello che è capitato poi può certamente succedere ma bisogna agire in modo che non si ripeta più». 
Un’altra mamma del Comitato Mensa invece afferma che: «Dall’incontro in teatro sono rimasta delusa come molti altri genitori. Volevamo delle risposte che non ci sono state date ma anche delle rassicurazioni sull’incremento delle procedure di sicurezza. Quello che è accaduto può succedere: con quello che paghiamo per la mensa cerchiamo anche la qualità. Personalmente sono uscita dall’incontro con ancora più domande in testa».
All’interno del Comitato Mensa c’è poi una mamma che prova ad abbassare i toni della discussione: «La Camst non ha colpa, il pane lo compra da fuori e non può di certo aprire tutte le pagnotte per vedere se ci sono dei difetti. Purtroppo sono cose che capitano, non è stato male nessuno e l’importante è che chi di dovere si attivi per fare in modo che non succedano più».
Tra i genitori presenti all’incontro c’erano anche mamme che non fanno parte del Comitato Mensa e che a loro volta affermano: «Mia figlia si lamenta anche del fatto che venga data da bere l’acqua del rubinetto. Personalmente penso che, siccome paghiamo quasi 6 euro, il servizio sia molto caro. L’incontro è stata l’ennesima presa in giro nei nostri confronti, non è servito a niente ed ha alimentato ancora di più dubbi e nervosismo». S. D.
FELINO - Le segnalazioni dei corpi estranei presenti all’interno di alcune pagnotte servite agli alunni che frequentano la mensa della scuola primaria dell’Istituto Comprensivo di Felino continua a far discutere. In particolare l’incontro volto a fare chiarezza sull’accaduto, che si è svolto al cinema teatro comunale alla presenza degli amministratori comunali e dei rappresentati di Camst, azienda che gestisce la locale mensa scolastica, e di Ausl, ha lasciato ancora diversi dubbi in quei genitori che hanno partecipato all’incontro.Nel corso della conferenza infatti, è emerso che in occasione della prima segnalazione della presenza di corpi estranei in alcune pagnotte, effettuata dal Comitato Mensa e avvenuta il 30 di ottobre, buona parte del pane incriminato era già stato consumato o buttato via e, la quantità rimanente, era insufficiente per eseguire i test necessari. Nella seconda segnalazione invece, effettuata il 13 di novembre, amministrazione, Camst, Ausl e Nas, intervenendo tempestivamente sono riusciti a recuperare la quantità necessaria per gli esami. Quelli svolti dall’Ausl sono risultati negativi mentre devono ancora arrivare gli esiti dei controlli dei Nas. All’incontro, erano però presenti anche alcuni genitori che fanno parte del Comitato Mensa che, intervistati, hanno spiegato il loro punto di vista. Secondo una mamma del comitato «è mancata prima di tutto la tempestività nella comunicazione d’urgenza. Sarebbe opportuno poi che, almeno per un certo periodo, si tenga da parte un campione del pane consegnato alla scuola in quanto, nel caso in cui si dovesse verificare un’altra segnalazione simile, ci sia il quantitativo corretto per fare tutti gli esami del caso sull’alimento. Quello che è capitato poi può certamente succedere ma bisogna agire in modo che non si ripeta più». Un’altra mamma del Comitato Mensa invece afferma che: «Dall’incontro in teatro sono rimasta delusa come molti altri genitori. Volevamo delle risposte che non ci sono state date ma anche delle rassicurazioni sull’incremento delle procedure di sicurezza. Quello che è accaduto può succedere: con quello che paghiamo per la mensa cerchiamo anche la qualità. Personalmente sono uscita dall’incontro con ancora più domande in testa».All’interno del Comitato Mensa c’è poi una mamma che prova ad abbassare i toni della discussione: «La Camst non ha colpa, il pane lo compra da fuori e non può di certo aprire tutte le pagnotte per vedere se ci sono dei difetti. Purtroppo sono cose che capitano, non è stato male nessuno e l’importante è che chi di dovere si attivi per fare in modo che non succedano più».Tra i genitori presenti all’incontro c’erano anche mamme che non fanno parte del Comitato Mensa e che a loro volta affermano: «Mia figlia si lamenta anche del fatto che venga data da bere l’acqua del rubinetto. Personalmente penso che, siccome paghiamo quasi 6 euro, il servizio sia molto caro. L’incontro è stata l’ennesima presa in giro nei nostri confronti, non è servito a niente ed ha alimentato ancora di più dubbi e nervosismo». S. D.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Cuoco perfetto, chiuse le iscrizioni

tg parma

"Cuoco perfetto", boom di richieste: chiuse in anticipo le iscrizioni Video

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: 1985 - Il "nuovo" Ponte Italia

Highlander: San Patrick's

Pgn

Highlander: San Patrick's, le foto della festa

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

musica

Premio Gazzarock 2017: sono aperte le iscrizioni

Lealtrenotizie

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI

Porte aperte all'Ospedale vecchio: tutti in coda con il FAI Fotogallery

Giornate di primavera: domenica si visita l'Università

Dopo l'assoluzione

Raffaele Sollecito: «La mia vita riparte da Parma»

"Vivo a Barriera Bixio, lavoro e ho buoni amici"

11commenti

musica

Inaugurato il Centro Toscanini: guarda chi c'era Fotogallery

allarme

Piazzale Lubiana, trovata polpetta con chiodi: chiusa l'area cani

3commenti

polizia

Emergenza furti: razzia di vestiti nella notte allo Spip Video

PARMA CALCIO

Intitolato a Tito Mistrali il campo da calcio di via Taro

Esordì nel 1925. Era il bomber con la "retina"

1commento

Salsomaggiore

Nozze indiane, fascino e colori al castello di Tabiano Foto Il video

3commenti

AGENDA

Un weekend alla scoperta dei castelli

Formaggio

La grana del grana

Sentenza

Multa ingiusta. E stavolta è Equitalia che deve pagare

2commenti

Profughi

«Lasciati senza cibo per 7 giorni»

9commenti

Autosole

L'ambulanza tampona, il paziente a bordo trasferito sull'elicottero

sport

Alberto Scotti presidente nazionale dei Veterani dello sport

Medicina

L'osteopatia nella cura della endometriosi

Da uno studio fatto a Parma nuove speranze per combattere una malattia che colpisce il 10% della donne in età fertile

Testimonianza

Bloccata in coda in A1: "Ho spento la macchina, attesa senza fine"

6commenti

Autostrada

Auto sbanda in A1: muore un 53enne, traffico in tilt per ore Video

Diversi chilometri di coda anche tra Fidenza e Fiorenzuola verso Milano a causa di un altro incidente

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Chi ha interesse a volere la realtà percepita

EDITORIALE

Truffe, anziani e soldi sotto il materasso

di Carlo Brugnoli

1commento

ITALIA/MONDO

stanotte

Torna l'ora legale: ricordarsi di mandare avanti le lancette

Treviso

Il giudice girerà armato: "Lo Stato non c'è, devo difendermi"

4commenti

WEEKEND

FOODBLOGGER

Video-ricetta: la tartare di tonno e stracciatella secondo Eleonora Rubaltelli

cinema

Weekend ricco al cinema: i due consigli del CineFilo Video

SPORT

tv parma

La ricetta di D'Aversa "Dobbiamo metterci più cattiveria" Video

Formula 1

Ferrari in prima fila, ma la pole è di Hamilton

MOTORI

NOVITA'

Non solo Suv: ecco le nuove berline e wagon del 2017

prova su strada

Kia Niro, il «nativo ibrido»