FONTANELLATO

Una nuova casa per Baccarat: «Abbiamo coronato un sogno»

Inaugurazione della comunità residenziale per minori in difficoltà. La sede trasferita da Salsomaggiore in una struttura in mezzo al verde

Un momento dell'inaugurazione della nuuova casa per la comunità residenziale che ospita minori in difficoltà

Un momento dell'inaugurazione della nuuova casa per la comunità residenziale che ospita minori in difficoltà

0

 

FONTANELLATO - E’ stata Maria Rosa Salati, direttore del distretto di Fidenza dell’Ausl, a tagliare il nastro della nuova sede della comunità residenziale per minori «Baccarat», da ieri ufficialmente trasferita dal «villino» di Salsomaggiore Terme alla casa immersa nel verde di Fontanellato. Accanto a lei, ad augurare buon lavoro al personale che sarà impegnato in questa nuova struttura, il sindaco Domenico Altieri, il presidente di Proges Antonio Costantino, la dottoressa Roberta Marchesini, coordinatrice del servizio Area Minori di Proges e da tutti gli operatori dedicati a questo progetto. 
«Questo è il coronamento di un sogno – ha detto la Marchesini prima del giro di visita agli ambienti -. La nuova struttura è una casa indipendente alle porte del paese, immersa nella campagna e con ampi spazi interni e esterni, certamente più adatta a facilitare la funzione  di sostegno e di recupero delle competenze e capacità relazionali di minori in situazione di disagio di cui la comunità si prende cura». 
La struttura che ospita la comunità, di recentissima costruzione, è stata progettata e realizzata all’avanguardia, interamente in legno, rispondendo a criteri di edilizia biocompatibile ad alta indipendenza energetica grazie all’uso di pannelli solari e alla costruzione di un pozzo in grado di fornire acqua potabile. Soddisfatto anche Costantino che, nel ringraziare tutti i soggetti che hanno contribuito a realizzare questo progetto, ha sottolineato la validità del modello di collaborazione tra il pubblico e le cooperative sociali. «Questo è un progetto che nasce da lontano e ha visto come attori non solo Proges ma altre cooperative hanno contribuito alla sua realizzazione. La cooperazione sociale oggi tiene in piedi i servizi sul sistema di welfare grazie alla grande flessibilità che può offrire». Grazie ad un’équipe composta da sette educatori professionali, un coordinatore, uno psicologo e una ausiliaria, la Comunità «Baccarat» può ospitare fino ad un massimo di sei ragazzi, maschi e femmine, con difficoltà psicologiche e relazionali e problemi del comportamento e nella fascia di età compresa tra i 6 e i 17 anni. A loro disposizione, al piano terra, sala da pranzo, cucina, un bagno, salotto e lavanderia e, al primo piano, sei camere singole e tre bagni oltre ad un grande porticato e un grande giardino a cui si affiancano un ufficio ed una camera da letto per gli operatori. «Questa casa è nata da una scelta voluta e condivisa a livello territoriale – ha commentato Altieri -. Oggi permette di dare un servizio di cui questo territorio ha bisogno e che funzionerà se ci sarà la collaborazione di tutti: organizzatori, gestori, operatori ed enti pubblici». Il riconoscimento finale è andato a Maria Rosa Salati e Stefania Miodini, prime ideatrici del servizio. «Non esisteva il servizio ma c'era il bisogno socio-sanitario: quindi abbiamo iniziato un cammino con gli operatori di Proges per capire come fare. Abbiamo immaginato un percorso, ci abbiamo lavorato ed è arrivata una normativa: avevamo visto giusto» ha commentato con soddisfazione la Salati prima di invitare tutti i presenti alla castagnata preparata per l’occasione dal gruppo Alpini di Fontanellato. C.D.C.
FONTANELLATO - E’ stata Maria Rosa Salati, direttore del distretto di Fidenza dell’Ausl, a tagliare il nastro della nuova sede della comunità residenziale per minori «Baccarat», da ieri ufficialmente trasferita dal «villino» di Salsomaggiore Terme alla casa immersa nel verde di Fontanellato. Accanto a lei, ad augurare buon lavoro al personale che sarà impegnato in questa nuova struttura, il sindaco Domenico Altieri, il presidente di Proges Antonio Costantino, la dottoressa Roberta Marchesini, coordinatrice del servizio Area Minori di Proges e da tutti gli operatori dedicati a questo progetto. 
«Questo è il coronamento di un sogno – ha detto la Marchesini prima del giro di visita agli ambienti -. La nuova struttura è una casa indipendente alle porte del paese, immersa nella campagna e con ampi spazi interni e esterni, certamente più adatta a facilitare la funzione  di sostegno e di recupero delle competenze e capacità relazionali di minori in situazione di disagio di cui la comunità si prende cura». 
La struttura che ospita la comunità, di recentissima costruzione, è stata progettata e realizzata all’avanguardia, interamente in legno, rispondendo a criteri di edilizia biocompatibile ad alta indipendenza energetica grazie all’uso di pannelli solari e alla costruzione di un pozzo in grado di fornire acqua potabile. Soddisfatto anche Costantino che, nel ringraziare tutti i soggetti che hanno contribuito a realizzare questo progetto, ha sottolineato la validità del modello di collaborazione tra il pubblico e le cooperative sociali. «Questo è un progetto che nasce da lontano e ha visto come attori non solo Proges ma altre cooperative hanno contribuito alla sua realizzazione. La cooperazione sociale oggi tiene in piedi i servizi sul sistema di welfare grazie alla grande flessibilità che può offrire». Grazie ad un’équipe composta da sette educatori professionali, un coordinatore, uno psicologo e una ausiliaria, la Comunità «Baccarat» può ospitare fino ad un massimo di sei ragazzi, maschi e femmine, con difficoltà psicologiche e relazionali e problemi del comportamento e nella fascia di età compresa tra i 6 e i 17 anni. A loro disposizione, al piano terra, sala da pranzo, cucina, un bagno, salotto e lavanderia e, al primo piano, sei camere singole e tre bagni oltre ad un grande porticato e un grande giardino a cui si affiancano un ufficio ed una camera da letto per gli operatori. «Questa casa è nata da una scelta voluta e condivisa a livello territoriale – ha commentato Altieri -. Oggi permette di dare un servizio di cui questo territorio ha bisogno e che funzionerà se ci sarà la collaborazione di tutti: organizzatori, gestori, operatori ed enti pubblici». Il riconoscimento finale è andato a Maria Rosa Salati e Stefania Miodini, prime ideatrici del servizio. «Non esisteva il servizio ma c'era il bisogno socio-sanitario: quindi abbiamo iniziato un cammino con gli operatori di Proges per capire come fare. Abbiamo immaginato un percorso, ci abbiamo lavorato ed è arrivata una normativa: avevamo visto giusto» ha commentato con soddisfazione la Salati prima di invitare tutti i presenti alla castagnata preparata per l’occasione dal gruppo Alpini di Fontanellato. C. D. C.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

social

Dal 2017 WhatsApp non funzionerà più sui vecchi telefonini

1commento

La trollata epica del rapper di Parma sui profughi

tv

La "trollata epica" del rapper parmigiano Bello FiGo sui profughi Video

6commenti

20enne si schianta a folle velocità mentre fa diretta Fb

usa

Si schianta a velocità folle: in diretta Facebook Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Nidi di rondine di nonna Ida

GUSTO

La ricetta della Peppa- Nidi di rondine di nonna Ida

Lealtrenotizie

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto

calcio

Parma, primo allenamento con D'Aversa e il nuovo staff Foto Video

seggi

Referendum, alle 12 al voto il 24,46% dei parmigiani. Istruzioni per l'uso

referendum

File infinite al Duc per la tessera. Un lettore: "Racagni, ascensore guasto: e i disabili?"

3commenti

Carabinieri

Vendono iPhone: ma è una truffa

3commenti

l'agenda

Atmosfere natalizie e sapori della tradizione: cosa fare oggi

RICERCA

Prevedere i terremoti: a che punto siamo

Salsomaggiore

«Lorenzo, un ragazzo speciale»

Il nuovo allenatore

D'Aversa: "Mi hanno chiesto di giocare a calcio". Il suo staff

L'intervista: "Ora miglioriamo giorno per giorno. Ritroviamo la serenità" (Video) - Ferrari: "Scelti non i nomi, ma gentre che avesse "fame"" (Video) - Lunedì o martedì l'annuncio del nuovo ds: è una corsa a tre

7commenti

Calcio

Brodino per il Parma. E intanto parte l'era D'Aversa

MISSIONARI

Saveriani, da sempre tra gli ultimi

PERSONAGGI

Gandini, il pistard d'oro eroe di Melbourne

di corsa

I protagonisti del 2°Cross Country Montanari & Gruzza Foto

elezione

Beltrami nuovo vicepresidente nazionale della Federazione medici sportivi

Intervista

Virginia Raffaele: «Ecco perché i miei personaggi fanno ridere»

1commento

via mazzini

Un altro pezzo di storia che se ne va: chiude Zuccheri

12commenti

al mercato

Sorpreso a rubare, ferisce con un cutter i titolari di un banco in Ghiaia Foto

9commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Ci sarebbe, magari, un "grazie" da dire

di Michele Brambilla

2commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

La verità può nascondersi ma c'è

ITALIA/MONDO

modena

Parte il progetto dello chef Bottura: ogni lunedì a cena 60 persone in difficoltà

alessandria

Ruba fidanzatino a figlia, condannata per violenza sessuale

1commento

WEEKEND

IL CINEFILO

I film della settimana, da Sully a Agnus Dei  Video

IL DISCO

“L'indiano” di De Andrè, 35 anni dopo

SPORT

formula uno

Mercedes, Rossi: "Io al posto di Rosberg? Bello, non potrei dire no"

SERIE A

La Juve domina: battuta l'Atalanta (3-1)

SOCIETA'

salerno

"Novemila euro alla Arcuri per accendere l'albero di Natale"

1commento

rifiuti abbandonati

Via Anedda e la montagna di scatole (cinesi) Foto

2commenti