-3°

INTERVISTA A SUSANNE BEYER

Da Bedonia all'oceano

Una vita in mare e la montagna nel cuore

Susanne Beyer

Susanne Beyer

0

 

 Vanni Buttasi
In barca fin dai primi mesi. Una vita in mare e la montagna nel cuore. Susanne Beyer, 34 anni, padre tedesco e mamma di Alpe di Bedonia, comandante di barche a vela, cresciuta in Liguria (abita a Zoagli mentre la mamma risiede a Santa Margherita), ha riscoperto le origini, passando le estati sull'Appennino a casa della nonna. Nel 2011, su Penelope, ha portato a termine  la traversata atlantica «Transat 6.50» in solitario, da La Rochelle a Salvador de Bahia. Ha pubblicato la storia di questa avventura in un  libro, «La scia di Penelope», edito da Nutrimenti.
Cosa ricorda di Alpe di Bedonia, paese d'origine di sua madre Laura Federici?
Sono molto affezionata ad Alpe: ho trascorsi delle bellissime estati a casa di mia nonna Pierina Pezzi. Ricordi indimenticabili; abbiamo ancora la casa di famiglia. A Bedonia, inoltre, ho ancora gli zii, i cugini e tanti parenti. Alpe, insomma, è un posto che mi è particolarmente caro, dove c'è una pace meravigliosa. In mezzo ad un «mare di verde», per me abituata ad un «mare d'acqua».
Chi è stato che l'ha indirizzata verso la vela?
E' stato mio papà Thomas, architetto navale. Andavamo tutti insieme con la barca di famiglia. In mare, poi, sono andata che ero ancora in fasce: nata a dicembre, ero con la mamma su un'imbarcazione già ad aprile. Insieme abbiamo fatto tanti giri in mare, soprattutto d'estate, finché c'è stato mio padre. Avevo 16 anni quando lui è morto: l'ho perso troppo presto. Così ho deciso di navigare da sola. Mestiere? Dopo il liceo scientifico, a 20 anni, ho iniziato a navigare su barche d'epoca, cominciando come marinaio fino a diventare comandante nel 2004.
Quando ha comprato la barca? Perché il nome di Penelope?
E' stata una decisione importante: ho acquistato una barca Transat e ho dato il nome «Penelope» perché è molto mediterraneo, prendendo in giro, in modo ironico, Ulisse: lei tesse le sue vele e parte per i fatti suoi. Tornando alla mia passione, la vela oceanica è uno sport prettamente maschile. E' un peccato perché  mi scrivono tante ragazze che vorrebbero andare per mare e sarebbe bello incentivare questa loro passione. E' una questione di cultura: Inghilterra e Francia sono molto più avanti di noi. Ricordo che, al comando di barche d'epoca, ci sono sempre uomini, per le donne è molto difficile: tutto ciò non per capacità ma per cultura.
Lei ha compiuto, nel 2011, la traversata atlantica «Transat 6.50», in solidario, da La Rochelle a Salvador de Bahia: cosa ricorda di quest'esperienza?
Ricordo tutto. Un'esperienza bellissima, tanta fatica e una lunga preparazione. Bella per la regata in sè, in solitario, su una barca di sei metri, senza nessuna comunicazione con la terra. Trentadue giorni in mare: un grande sforzo fisico e mentale. E, nelle ultime due settimane, ho dovuto risolvere anche dei problemi tecnici. Quando ho visto la terra è stato scioccante: venivo da giorni, che sembrano lunghissimi, da sola in mezzo all'oceano. E poi a Salvador de Bahia c'era brutto tempo:  non era il Brasile che mi aspettavo. Insomma, anche giungere in porto è stato faticoso ma la soddisfazione per aver portato a termine la traversata ha superato qualsiasi difficoltà.
Ritorna spesso sulle montagne di Bedonia?
Dopo la regata atlantica, sono ritornata ad Alpe dove parenti e amici avevano organizzato una festa per me. Tutta la Valtaro si era appassionata a questa mia avventura. Anche ad Alpe tante persone mi avevano seguito con interesse e passione. Questa dimostrazione di affetto è stata molto importante per me.
Ha un sogno nel cassetto?
Vorrei cimentarmi in regate d'altura, nel circuito «Class 40». Per questo sono alla ricerca di sponsor, un po' come ho fatto quando ho deciso di partecipare alla traversata atlantica. Certo il momento è difficile per la crisi economica ma io non mollo. E', nel mio carattere, non abbattermi.
 Vanni Buttasi

In barca fin dai primi mesi. Una vita in mare e la montagna nel cuore. Susanne Beyer, 34 anni, padre tedesco e mamma di Alpe di Bedonia, comandante di barche a vela, cresciuta in Liguria (abita a Zoagli mentre la mamma risiede a Santa Margherita), ha riscoperto le origini, passando le estati sull'Appennino a casa della nonna. Nel 2011, su Penelope, ha portato a termine  la traversata atlantica «Transat 6.50» in solitario, da La Rochelle a Salvador de Bahia. Ha pubblicato la storia di questa avventura in un  libro, «La scia di Penelope», edito da Nutrimenti.

 

"Nata   a dicembre
con la mamma sono salita sulla barca 
già ad aprile"

 

Cosa ricorda di Alpe di Bedonia, paese d'origine di sua madre Laura Federici?

Sono molto affezionata ad Alpe: ho trascorsi delle bellissime estati a casa di mia nonna Pierina Pezzi. Ricordi indimenticabili; abbiamo ancora la casa di famiglia. A Bedonia, inoltre, ho ancora gli zii, i cugini e tanti parenti. Alpe, insomma, è un posto che mi è particolarmente caro, dove c'è una pace meravigliosa. In mezzo ad un «mare di verde», per me abituata ad un «mare d'acqua».

Chi è stato che l'ha indirizzata verso la vela?
E' stato mio papà Thomas, architetto navale. Andavamo tutti insieme con la barca di famiglia. In mare, poi, sono andata che ero ancora in fasce: nata a dicembre, ero con la mamma su un'imbarcazione già ad aprile. Insieme abbiamo fatto tanti giri in mare, soprattutto d'estate, finché c'è stato mio padre. Avevo 16 anni quando lui è morto: l'ho perso troppo presto. Così ho deciso di navigare da sola. Mestiere? Dopo il liceo scientifico, a 20 anni, ho iniziato a navigare su barche d'epoca, cominciando come marinaio fino a diventare comandante nel 2004.

Quando ha comprato la barca? Perché il nome di Penelope?
E' stata una decisione importante: ho acquistato una barca Transat e ho dato il nome «Penelope» perché è molto mediterraneo, prendendo in giro, in modo ironico, Ulisse: lei tesse le sue vele e parte per i fatti suoi. Tornando alla mia passione, la vela oceanica è uno sport prettamente maschile. E' un peccato perché  mi scrivono tante ragazze che vorrebbero andare per mare e sarebbe bello incentivare questa loro passione. E' una questione di cultura: Inghilterra e Francia sono molto più avanti di noi. Ricordo che, al comando di barche d'epoca, ci sono sempre uomini, per le donne è molto difficile: tutto ciò non per capacità ma per cultura.

Lei ha compiuto, nel 2011, la traversata atlantica «Transat 6.50», in solidario, da La Rochelle a Salvador de Bahia: cosa ricorda di quest'esperienza?
Ricordo tutto. Un'esperienza bellissima, tanta fatica e una lunga preparazione. Bella per la regata in sè, in solitario, su una barca di sei metri, senza nessuna comunicazione con la terra. Trentadue giorni in mare: un grande sforzo fisico e mentale. E, nelle ultime due settimane, ho dovuto risolvere anche dei problemi tecnici. Quando ho visto la terra è stato scioccante: venivo da giorni, che sembrano lunghissimi, da sola in mezzo all'oceano. E poi a Salvador de Bahia c'era brutto tempo:  non era il Brasile che mi aspettavo. Insomma, anche giungere in porto è stato faticoso ma la soddisfazione per aver portato a termine la traversata ha superato qualsiasi difficoltà.

Ritorna spesso sulle montagne di Bedonia?
Dopo la regata atlantica, sono ritornata ad Alpe dove parenti e amici avevano organizzato una festa per me. Tutta la Valtaro si era appassionata a questa mia avventura. Anche ad Alpe tante persone mi avevano seguito con interesse e passione. Questa dimostrazione di affetto è stata molto importante per me.

Ha un sogno nel cassetto?
Vorrei cimentarmi in regate d'altura, nel circuito «Class 40». Per questo sono alla ricerca di sponsor, un po' come ho fatto quando ho deciso di partecipare alla traversata atlantica. Certo il momento è difficile per la crisi economica ma io non mollo. E', nel mio carattere, non abbattermi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Kim Kardashian divorzia?

Gossip

Kim Kardashian divorzia?

ManìnBlù: "Questa canzone"

singolo prenatalizio

ManìnBlù, il nuovo singolo: "Questa canzone" Video

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger

Mick Jagger

New York

E' nato l'ottavo figlio di Mick Jagger Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

GUSTO

Parmigiano Reggiano, ecco perché è il “Re dei formaggi”

Lealtrenotizie

Bilancio: tutti gli interventi del 2017

Comune

Bilancio: tutti gli interventi del 2017

CAVALCAVIA

Via Mantova, presto nuovo guard rail

Il Parma

La vittoria che ci voleva

LIBRO

Sopra Le Aspettative, la vita oltre la Sla

TRAFFICO METEO NEWS

Buongiorno Parma!

Traffico-Meteo-News: tutte le informazioni utili prima di uscire di casa

Langhirano

Trovato il ladro con il machete

Colorno

Battuto il record alla disfida degli anolini

PEDEMONTANA

Allarme povertà, sussidi per 150 famiglie

Paura

Spray al peperoncino in discoteca

17a giornata

D'Aversa, buona la prima: 1-0 e 3 punti d'oro a Bolzano Guarda il gol - Fotogallery

Nocciolini: "Stesso Parma, ma con più grinta", Scavone: "Bene, ma la strada è lunga" (Video)Pacciani: "Vittoria sofferta ma meritata" (Videocommento) - D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi la squadra ha tenuto" (Video)Lega Pro, risultati e classifica (guarda)

3commenti

sudtirol-parma 0-1

D'Aversa: "Primo tempo sofferto, poi abbiamo tenuto bene" Video

incidente

Auto contro un palo a Soragna: 21enne ferito

WEEKEND

Natale nell'aria: dagli acrobati ai mercatini i 5 eventi imperdibili

feste

Si accende l'albero in piazza: suggestioni natalizie nella nebbia Video

Polizia municipale

Dalla Puglia a Collecchio in tre ore? No, tachigrafo truccato: maxi-multa

3commenti

Inchiesta

Emergenza truffe: come difendersi

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

CONTI PUBBLICI

La manovra è legge: ecco cosa cambia

2commenti

Reggio Emilia

Si travestiva e pagava ragazzini per fare sesso: arrestato 40enne, più di 30 vittime

1commento

SOCIETA'

Londra

E' morto Greg Lake, la voce di Emerson, Lake and Palmer

GIORNALISMO

Gramellini passa dalla Stampa al Corriere

SPORT

Storie di ex

Fiorentina avanti in Europa grazie a Chiesa jr.

TG PARMA

I Corrado acquistano il Pisa. Giuseppe: "Sogno sfida col Parma in A" Video

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

MOTORI

Suzuki, il grande ritorno di Ignis