20°

32°

INTERVISTA A SUSANNE BEYER

Da Bedonia all'oceano

Una vita in mare e la montagna nel cuore

Susanne Beyer

Susanne Beyer

0

 

 Vanni Buttasi
In barca fin dai primi mesi. Una vita in mare e la montagna nel cuore. Susanne Beyer, 34 anni, padre tedesco e mamma di Alpe di Bedonia, comandante di barche a vela, cresciuta in Liguria (abita a Zoagli mentre la mamma risiede a Santa Margherita), ha riscoperto le origini, passando le estati sull'Appennino a casa della nonna. Nel 2011, su Penelope, ha portato a termine  la traversata atlantica «Transat 6.50» in solitario, da La Rochelle a Salvador de Bahia. Ha pubblicato la storia di questa avventura in un  libro, «La scia di Penelope», edito da Nutrimenti.
Cosa ricorda di Alpe di Bedonia, paese d'origine di sua madre Laura Federici?
Sono molto affezionata ad Alpe: ho trascorsi delle bellissime estati a casa di mia nonna Pierina Pezzi. Ricordi indimenticabili; abbiamo ancora la casa di famiglia. A Bedonia, inoltre, ho ancora gli zii, i cugini e tanti parenti. Alpe, insomma, è un posto che mi è particolarmente caro, dove c'è una pace meravigliosa. In mezzo ad un «mare di verde», per me abituata ad un «mare d'acqua».
Chi è stato che l'ha indirizzata verso la vela?
E' stato mio papà Thomas, architetto navale. Andavamo tutti insieme con la barca di famiglia. In mare, poi, sono andata che ero ancora in fasce: nata a dicembre, ero con la mamma su un'imbarcazione già ad aprile. Insieme abbiamo fatto tanti giri in mare, soprattutto d'estate, finché c'è stato mio padre. Avevo 16 anni quando lui è morto: l'ho perso troppo presto. Così ho deciso di navigare da sola. Mestiere? Dopo il liceo scientifico, a 20 anni, ho iniziato a navigare su barche d'epoca, cominciando come marinaio fino a diventare comandante nel 2004.
Quando ha comprato la barca? Perché il nome di Penelope?
E' stata una decisione importante: ho acquistato una barca Transat e ho dato il nome «Penelope» perché è molto mediterraneo, prendendo in giro, in modo ironico, Ulisse: lei tesse le sue vele e parte per i fatti suoi. Tornando alla mia passione, la vela oceanica è uno sport prettamente maschile. E' un peccato perché  mi scrivono tante ragazze che vorrebbero andare per mare e sarebbe bello incentivare questa loro passione. E' una questione di cultura: Inghilterra e Francia sono molto più avanti di noi. Ricordo che, al comando di barche d'epoca, ci sono sempre uomini, per le donne è molto difficile: tutto ciò non per capacità ma per cultura.
Lei ha compiuto, nel 2011, la traversata atlantica «Transat 6.50», in solidario, da La Rochelle a Salvador de Bahia: cosa ricorda di quest'esperienza?
Ricordo tutto. Un'esperienza bellissima, tanta fatica e una lunga preparazione. Bella per la regata in sè, in solitario, su una barca di sei metri, senza nessuna comunicazione con la terra. Trentadue giorni in mare: un grande sforzo fisico e mentale. E, nelle ultime due settimane, ho dovuto risolvere anche dei problemi tecnici. Quando ho visto la terra è stato scioccante: venivo da giorni, che sembrano lunghissimi, da sola in mezzo all'oceano. E poi a Salvador de Bahia c'era brutto tempo:  non era il Brasile che mi aspettavo. Insomma, anche giungere in porto è stato faticoso ma la soddisfazione per aver portato a termine la traversata ha superato qualsiasi difficoltà.
Ritorna spesso sulle montagne di Bedonia?
Dopo la regata atlantica, sono ritornata ad Alpe dove parenti e amici avevano organizzato una festa per me. Tutta la Valtaro si era appassionata a questa mia avventura. Anche ad Alpe tante persone mi avevano seguito con interesse e passione. Questa dimostrazione di affetto è stata molto importante per me.
Ha un sogno nel cassetto?
Vorrei cimentarmi in regate d'altura, nel circuito «Class 40». Per questo sono alla ricerca di sponsor, un po' come ho fatto quando ho deciso di partecipare alla traversata atlantica. Certo il momento è difficile per la crisi economica ma io non mollo. E', nel mio carattere, non abbattermi.
 Vanni Buttasi

In barca fin dai primi mesi. Una vita in mare e la montagna nel cuore. Susanne Beyer, 34 anni, padre tedesco e mamma di Alpe di Bedonia, comandante di barche a vela, cresciuta in Liguria (abita a Zoagli mentre la mamma risiede a Santa Margherita), ha riscoperto le origini, passando le estati sull'Appennino a casa della nonna. Nel 2011, su Penelope, ha portato a termine  la traversata atlantica «Transat 6.50» in solitario, da La Rochelle a Salvador de Bahia. Ha pubblicato la storia di questa avventura in un  libro, «La scia di Penelope», edito da Nutrimenti.

 

"Nata   a dicembre
con la mamma sono salita sulla barca 
già ad aprile"

 

Cosa ricorda di Alpe di Bedonia, paese d'origine di sua madre Laura Federici?

Sono molto affezionata ad Alpe: ho trascorsi delle bellissime estati a casa di mia nonna Pierina Pezzi. Ricordi indimenticabili; abbiamo ancora la casa di famiglia. A Bedonia, inoltre, ho ancora gli zii, i cugini e tanti parenti. Alpe, insomma, è un posto che mi è particolarmente caro, dove c'è una pace meravigliosa. In mezzo ad un «mare di verde», per me abituata ad un «mare d'acqua».

Chi è stato che l'ha indirizzata verso la vela?
E' stato mio papà Thomas, architetto navale. Andavamo tutti insieme con la barca di famiglia. In mare, poi, sono andata che ero ancora in fasce: nata a dicembre, ero con la mamma su un'imbarcazione già ad aprile. Insieme abbiamo fatto tanti giri in mare, soprattutto d'estate, finché c'è stato mio padre. Avevo 16 anni quando lui è morto: l'ho perso troppo presto. Così ho deciso di navigare da sola. Mestiere? Dopo il liceo scientifico, a 20 anni, ho iniziato a navigare su barche d'epoca, cominciando come marinaio fino a diventare comandante nel 2004.

Quando ha comprato la barca? Perché il nome di Penelope?
E' stata una decisione importante: ho acquistato una barca Transat e ho dato il nome «Penelope» perché è molto mediterraneo, prendendo in giro, in modo ironico, Ulisse: lei tesse le sue vele e parte per i fatti suoi. Tornando alla mia passione, la vela oceanica è uno sport prettamente maschile. E' un peccato perché  mi scrivono tante ragazze che vorrebbero andare per mare e sarebbe bello incentivare questa loro passione. E' una questione di cultura: Inghilterra e Francia sono molto più avanti di noi. Ricordo che, al comando di barche d'epoca, ci sono sempre uomini, per le donne è molto difficile: tutto ciò non per capacità ma per cultura.

Lei ha compiuto, nel 2011, la traversata atlantica «Transat 6.50», in solidario, da La Rochelle a Salvador de Bahia: cosa ricorda di quest'esperienza?
Ricordo tutto. Un'esperienza bellissima, tanta fatica e una lunga preparazione. Bella per la regata in sè, in solitario, su una barca di sei metri, senza nessuna comunicazione con la terra. Trentadue giorni in mare: un grande sforzo fisico e mentale. E, nelle ultime due settimane, ho dovuto risolvere anche dei problemi tecnici. Quando ho visto la terra è stato scioccante: venivo da giorni, che sembrano lunghissimi, da sola in mezzo all'oceano. E poi a Salvador de Bahia c'era brutto tempo:  non era il Brasile che mi aspettavo. Insomma, anche giungere in porto è stato faticoso ma la soddisfazione per aver portato a termine la traversata ha superato qualsiasi difficoltà.

Ritorna spesso sulle montagne di Bedonia?
Dopo la regata atlantica, sono ritornata ad Alpe dove parenti e amici avevano organizzato una festa per me. Tutta la Valtaro si era appassionata a questa mia avventura. Anche ad Alpe tante persone mi avevano seguito con interesse e passione. Questa dimostrazione di affetto è stata molto importante per me.

Ha un sogno nel cassetto?
Vorrei cimentarmi in regate d'altura, nel circuito «Class 40». Per questo sono alla ricerca di sponsor, un po' come ho fatto quando ho deciso di partecipare alla traversata atlantica. Certo il momento è difficile per la crisi economica ma io non mollo. E', nel mio carattere, non abbattermi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera»

PERSONAGGI

«Io, pastore di giorno e pole dancer di sera» Foto

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

1commento

Silvia Olari

musica

Torna Silvia Olari con il nuovo singolo: "Fuori di Testa"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Vento e forte pioggia a Parma e Monticelli: rami in strada, a Marore pianta su un'auto

PARMA

Vento e forte pioggia: danni a Marore e Monticelli, rami in strada in città Foto

Le foto dei lettori (scarica l'app Gazzareporter per inviarci foto e video)

2commenti

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una 16enne

7commenti

Assemblea Upi

Figna al ministro Delrio: "Si trovino le risorse per TiBre, Pontremolese e aeroporto Verdi"  

Bene l'economia di Parma, fiducia delle imprese ai massimi. Delrio promette defiscalizzazione e sostegno al lavoro

2commenti

ANTEPRIMA GAZZETTA

Intervista a Pizzarotti: i nomi della giunta e del nuovo Consiglio

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

4commenti

PARMA

Bocconi avvelenati: allerta in Cittadella

Elezioni 2017

Federico Pizzarotti rieletto sindaco con il 57,87% dei voti La festa (foto)

Ecco come sarà il nuovo Consiglio

51commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

25commenti

Medesano

Picchia e violenta la ex moglie: 30enne in carcere

2commenti

coordinamento

Emergenza acqua, riunione in Provincia

3commenti

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

parma

Furto da "Amor di Patata", all'ombra del duomo: è sparita la cassa

1commento

RAID HELP

Da Parma a Gomel: i motociclisti raccontano il viaggio

Poggio S.Ilario

E' ancora grave la figlia dell'ivoriano che ha appiccato il fuoco alla camera Video

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

2commenti

polizia

Blitz dei ladri nella notte al Palacampus

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Cinque anni fa vinse Grillo. Questa volta ha vinto lui

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

SALERNO

Il braccialetto elettronico non c'è : l'attore Domenico Diele va in carcere

5commenti

reggio emilia

La moglie vuole separarsi, lui le getta in faccia sostanze urticanti

SOCIETA'

MALTEMPO

Albero sradicato a Monticelli: la foto di una lettrice

archeologia

Scoperta una piccola Pompei sotto la metro di Roma Gallery Video

SPORT

Moto

Viñales ringrazia Dovizioso: "Grazie per avermi evitato"

2commenti

calcio

I Della Valle pronti a farsia parte: "Fiorentina in vendita"

MOTORI

OPEL

Grandland X, via agli ordini. Si parte da 26 mila euro

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse