fidenza

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione e arte»

Lo showman borghigiano parla del suo romanzo, del rapporto con la gastronomia e con la sua terra

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione  e arte»
Ricevi gratis le news
0

 

Gianluigi Negri
Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare».
 Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». 
Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.
  Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...
Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio. Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.
Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...
Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.
 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa?
Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.
 In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...
Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza.
 Meglio la cucina parmigiana o piacentina?
Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   
Gianluigi Negri

 

Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare». Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.

 Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio.

 Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.

Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...

Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.

 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa? 

Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.

In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...

Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza. 

Meglio la cucina parmigiana o piacentina?

Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa

PGN

La laurea di Valentina: ecco chi c'era alla festa Foto

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

capodanno

Fedez in piazza Garibaldi. Ma per non più di 9mila

8commenti

Sanremo: cantanti e titoli delle canzoni in gara

musica

Sanremo 2018: Elio e le Storie tese e Mario Biondi fra i 20 "big"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Il nuovo video sulle 5 regole per non toppare l’anolino di fidenza

TRADIZIONI

Anolini, a Fidenza li fanno così (video). E voi? Inviate video e foto

Lealtrenotizie

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0

STADIO TARDINI

I crociati non riescono a trovare il gol: Parma-Cesena 0-0 Foto

Scintille in campo fra Scozzarella e Jallow. Cross di Lucarelli ma Fulignati "vola" fuori dalla porta e allontana il pallone

1commento

CORCAGNANO

Folla al funerale di Giulia: applausi e striscione all'uscita del feretro dalla chiesa

LENTIGIONE

Tentano di forzare posto di blocco: denunciati un giovane di Sissa Trecasali e un africano

Il giovane parmense guidava in stato d'ebbrezza e ha cercato di evitare i controlli della Municipale

VOLANTI

Picchia l'addetto del Coin e fa fuggire il complice con la refurtiva: arrestato 31enne

Si tratta di un senegalese richiedente asilo. Denunciati anche due giovani del Ghana: avevano 600 euro di vestiti non pagati negli zaini

2commenti

LUTTO

Busseto ha perso il dolce sorriso di mamma Chiara: aveva 41 anni

cosa fare oggi

Tra assaggi di Natale, Kataklò e "ristoranti" per animali: l'agenda del sabato

MODENA

Ius soli, scontri alla manifestazione: arrestato 28enne antagonista di Parma

Il giovane è stato condannato a 6 mesi (pena sospesa). Due manifestanti al pronto soccorso, 6 agenti lievemente feriti

1commento

BASSA

Donna investita da un'auto a San Secondo: è grave

PARMA

Cremazione di cani e gatti: inaugurato il servizio a Pilastrello

È nato il Ponte dell’Arcobaleno

SALA BAGANZA

"E nel mio bar metto i libri al posto delle slot"

2commenti

TRAVERSETOLO

«Senza gas in inverno. E le bollette pagate»

DOPO-ALLUVIONE

Colorno, l'accusa dei cittadini: «Non siamo stati avvertiti»

tg parma

Ponte chiuso fra Colorno e Casalmaggiore: protesta sulle due sponde del Po Video

Inchiesta

Disturbi dell'apprendimento, la situazione a Parma

SOLIGNANO

Allerta meteo via mail, ma non c'è la corrente

TURISMO

Appennino, arriva la via Longobarda

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Odio e insulti sul web: la falsa democrazia

di Patrizia Ginepri

CHICHIBIO

«Trattoria I Du Matt», cucina parmigiana di qualità

di Chichibio

2commenti

ITALIA/MONDO

SPAGNA

Igor non collabora con gli inquirenti. Catturato perché forse era svenuto

FABBRICO

Omicidio nel Reggiano, un arresto: 20enne ucciso per un pettegolezzo

SPORT

Calciomercato

Ancelotti soffia la panchina a Conte

calcio

Fumogeni prima della partita con la Ternana: denunciati due tifosi del Parma

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

Guerre stellari tra solennità e disco music

PROMO NATALE

Abbonarsi conviene: la Gazzetta digitale con lo sconto del 28%

MOTORI

NOVITA'

Alpine A110 Premiere Edition, risorge un marchio storico

motori

Ford, che Fiesta: ST-Line o Vignale per pensare in grande