16°

fidenza

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione e arte»

Lo showman borghigiano parla del suo romanzo, del rapporto con la gastronomia e con la sua terra

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione  e arte»
0

 

Gianluigi Negri
Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare».
 Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». 
Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.
  Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...
Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio. Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.
Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...
Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.
 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa?
Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.
 In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...
Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza.
 Meglio la cucina parmigiana o piacentina?
Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   
Gianluigi Negri

 

Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare». Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.

 Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio.

 Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.

Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...

Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.

 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa? 

Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.

In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...

Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza. 

Meglio la cucina parmigiana o piacentina?

Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Belen tra bacio passionale e vestito d'oro: il web impazzisce

social

Belen tra bacio passionale e vestito (sexy) d'oro: il web impazzisce Gallery

Alessia sposa Michele, prima trans a dire 'sì'

CASERTA

Alessia sposa Michele, prima trans a dire sì

Giovanni Lindo Ferretti

Giovanni Lindo Ferretti

Parma

Rimandato il concerto di Giovanni Lindo Ferretti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

SALUTE

Senza colori: la vita in bianco e nero dei daltonici

di Patrizia Celi

Lealtrenotizie

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione

tg parma

Laminam: il caso arriva alla commissione ambiente della Regione Video

foto dei lettori

Spettacolo (della natura) nei cieli di Parma Gallery

1commento

Parma

Maltempo: vento forte in Appennino

Tribunale

Molotov contro gli spacciatori: patteggiano in tre

anteprima gazzetta

La nuova (spregevole) trovata dei truffatori? Il rilevatore del gas

36a giornata

I play-off se il campionato finisse oggi: rientra l'Albinoleffe (partite e date)

parma

Si rompe un tubo: strada allagata in via Montebello, operai al lavoro e traffico deviato Foto

4commenti

foto dei lettori

Parcheggio intelligente

LUTTO

Addio a "Valo", San Lazzaro nel cuore

Roberto Valenti, 66 anni, aveva giocato anche in B

2commenti

tribunale

Il pm: "Delinquente abituale". Carminati (dal carcere di Parma) esulta

tg parma

Cinque trapianti di rene in due giorni all'ospedale Maggiore Video

mafia

Aemilia: una "squadra" di quattro Pm per l'appello

Dda chiede sentire chi ha indagato su dichiarazioni di Giglio

Carabinieri

Spacciava in Oltretorrente: un altro arresto

In manette un 31enne tunisino

1commento

Gazzareporter

La pioggia ha ingrossato il torrente Video

Parma

Dopo un borseggio abbandona il portafogli fra la merce di un negozio

La Municipale indaga su una donna. Allontanato anche un gruppo di persone sospette che si aggiravano in Ghiaia

3commenti

tg parma

Proseguono i lavori sullo Stradone Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Vale di più un morto o 100 morti?

EDITORIALE

Alitalia, perché sono tutti colpevoli

di Aldo Tagliaferro

1commento

ITALIA/MONDO

francia

Baby gang circonda il pensionato al bancomat ma... 

2commenti

polizia

Paura a Londra e Berlino: tensione a Westminster (terrorismo) e spari in un ospedale (un ferito) Foto

SOCIETA'

trump-macri

Melania e Juliana: le first lady (bellissime) rubano la scena ai presidenti Foto

Bologna

Pranza al ristorante e si sente male: donna muore dopo 5 giorni

SPORT

calcio

Ecco la nuova maglia della Juve: ce la svela (con gaffe) Cuadrado

calcio

Moggi, radiato in Italia, riparte dall'Albania

MOTORI

PSA

DS 7 Crossback, in vendita la versione di lancio "La Premiére"

NOVITA'

Toyota Yaris: l'ora del restyling