22°

fidenza

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione e arte»

Lo showman borghigiano parla del suo romanzo, del rapporto con la gastronomia e con la sua terra

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione  e arte»
Ricevi gratis le news
0

 

Gianluigi Negri
Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare».
 Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». 
Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.
  Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...
Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio. Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.
Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...
Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.
 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa?
Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.
 In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...
Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza.
 Meglio la cucina parmigiana o piacentina?
Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   
Gianluigi Negri

 

Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare». Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.

 Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio.

 Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.

Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...

Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.

 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa? 

Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.

In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...

Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza. 

Meglio la cucina parmigiana o piacentina?

Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Sembra ieri 1/1: 1984 - In piazza della Pace l'ippopotamo Pippo

TV PARMA

Sembra ieri: in passerella anche "lui", il bello di Parma (1996)

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein

Spettacoli

Asia Argento lascia l'Italia dopo la bufera sul caso Weinstein Video

Ari Berlin volo radente

Düsseldorf

Ultimo volo: il pilota sfiora la torre di controllo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

L'ESPERTO

Lavoro all'estero e residenza in Italia? Ecco dove pagare le tasse

Lealtrenotizie

via repubblica

CRONACA NERA

Derubato un rappresentante di gioielli

Furto su un'auto in via Repubblica

Parma calcio

Sorpresa! Trezeguet va a salutare Crespo

2commenti

Guastalla

Sequestrati 3 quintali di dolci mal conservati: erano destinati anche al Parmense

La Municipale ha sequestrato un autocarro di un cittadino indiano che lavora per una ditta mantovana

Anteprima Gazzetta

Anziani scippati, danni devastanti

Le anticipazioni della Gazzetta del direttore Michele Brambilla

Lutto

E' morto Marino Perani, allenò il Parma Video

In panchina negli anni Ottanta

3commenti

Borgotaro

Auto ribaltata sulla fondovalle a Ostia Parmense: un ferito

E' intervenuto anche l'elicottero del 118

PARMA

Via Muzzi, anziana scippata cade e si ferisce

2commenti

Carabinieri

Tentato furto alle cantine Ceci: un arresto

Nello stabilimento di Torrile

PARMA

Tagliati gli alberi sul Lungoparma, protestano i residenti

22commenti

Regione

Punti nascita, bagarre in Aula: salta il numero legale

Le opposizioni: "Ripensare la decisione su Borgotaro"

LUTTO

Addio a Angelo Tedeschi, l'ingegnere gentiluomo

Il caso

L'avvocato Mezzadri: «Quella volta che sparai a un ladro»

tg parma

Nessuna squalifica per d'Aversa. Closing societario il 3 novembre? Video

2commenti

GAZZAFUN

Il gatto più bello della città: guarda le gallery dei finalisti

4commenti

Carabinieri

In manette la primula rossa dell'eroina

1commento

BORGOTARO

«Troppi ragazzi ubriachi, è emergenza»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Le scuse scomparse in un mondo incivile

di Roberto Longoni

VELLUTO ROSSO

Da Ezio Mauro a Massimo De Luca: grandi firme in scena

di Mara Pedrabissi

ITALIA/MONDO

chiesa

Smentite le voci sulla salute di Papa Ratzinger

2commenti

MILANO

Arrestato il geometra "re dei trans"

SPORT

CHAMPIONS

La Juve soffre e vince, la Roma strappa il pari in casa del Chelsea

IL SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato. Nel mirino dei tifosi lo staff tecnico

1commento

SOCIETA'

SPAZIO

AstroPaolo fotografa nube marrone sulla Pianura Padana

fotografia

I meravigliosi colori dell'autunno sull'Appennino parmense: 10 foto di Giovanni Garani

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»