-5°

fidenza

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione e arte»

Lo showman borghigiano parla del suo romanzo, del rapporto con la gastronomia e con la sua terra

Charlie Gnocchi: «Il culatello? E' tradizione  e arte»
0

 

Gianluigi Negri
Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare».
 Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». 
Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.
  Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...
Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio. Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.
Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...
Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.
 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa?
Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.
 In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...
Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza.
 Meglio la cucina parmigiana o piacentina?
Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   
Gianluigi Negri

 

Che abbia un bel rapporto con il cibo, lo si capisce solo a guardarlo. O ad ascoltarlo. Quando lo si segue in televisione nei panni di Mr. Neuro (per conto di «Striscia la Notizia» va a caccia di sprechi con la sua inconfondibile giacca ricoperta di euro di carta e moneta), o quando conduce su Rtl 102.5 il programma radiofonico «No problem - W l’Italia» insieme ad Alessandro Greco, Charlie Gnocchi non nasconde la «rotondità» del proprio fisico e della propria voce. Ne è giustamente orgoglioso: come chi, di fronte ad una bella fetta di culatello, se ne mangia due. Tre, quattro... o forse più. Se si parla del Re dei salumi (e magari lo si degusta anche), lui è «un vero luminare». Il suo esordio letterario, quindi, non poteva che chiamarsi «Culi & culatelli». Appena uscito per Cairo editore, il romanzo (228 pagine, 12 euro) è stato scritto da Charlie Gnocchi con Stefano Botta, per anni aiuto regista di Paolo Virzì, Peter Del Monte, Roberta Torre e Luca Barbareschi.

 Charlie, il libro si apre con una dedica al tuo compianto padre, Ercole Ghiozzi...Anche Stefano lo ha dedicato a suo padre, Luigi Botta. Era giusto farlo, perché questa è la storia tra un padre e un figlio.

 Spesso i figli non riescono a capire i padri e viceversa: alcuni riescono a tornare, altri no; alcuni riescono ad essere autonomi.

Il protagonista del libro, Michele Melotti, è un musicista disilluso che, dopo alcuni anni vissuti a Roma con un lavoro a Radio Vaticana, torna nelle proprie terre, quelle della Bassa parmense, per rilanciare l’azienda di famiglia che produce culatelli...

Non ho voluto scrivere un romanzo autobiografico, ma ho scelto proprio di lasciarmi andare a questa sorta di analisi di un rapporto tra padre e figlio, con strade nuove da percorrere e legami da ricreare.

 E il tuo legame con Fidenza e la Bassa? 

Per quanto riguarda il mio lavoro, sono spesso via, ma continuo ad essere legatissimo alle mie terre. In questo padre vedo anche un folle creativo, che vive per qualcosa di concreto, come il salume, inteso come tradizione e arte. Il culatello è la massima espressione della tradizione suina. In quel triangolo, nella Bassa, c’è davvero tanta arte. Lì il culatello raggiunge il suo status inarrivabile: girando il mondo, mi accorgo che siamo la Ferrari delle buone cose da mangiare.

In questa storia c’è tanta ironia, e con te era lecito aspettarselo. C’è anche la capacità di descrivere quello che sta avvenendo oggi, da più parti, nel mondo del lavoro...

Ho voluto fare un inno alla creatività e a un certo tipo di intraprendenza che noi abbiamo. E’ un inno alla positività, in questi tempi di crisi: crisi di valori e crisi di lavori. Alla fine rimane la tradizione, che coagula e ti rafforza. 

Meglio la cucina parmigiana o piacentina?

Non rinuncio a nessuna delle due. Quando trovo una fortana che abbia una spuma «almeno il doppio» non posso non abbinarla al culatello. Da gourmet raffinato e conoscitore della cucina, non rinuncio mai allo strolghino e ai cappelletti. Non tutti sanno, però, che la coppa piacentina, quando è veramente buona e quando è prodotta nei luoghi tipici, diventa quasi come il culatello. Poi ci sono i pisarei, le chicche della nonna e il gutturnio, che spesso dà dei punti ai nostri vini.   

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

pgn feste

Fuori Orario: ecco chi c'era al "X Party" Foto

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

polemica

Rigopiano: Charlie Hebdo, nuova (brutta) vignetta. Con risposta

6commenti

"Cold Chairs": un inno alla vita"!

musica

Bataclan, da Collecchio l'omaggio dei "The Lemon Flavour" Video

Notiziepiùlette

Ultime notizie

"Officina alimentare dedicata"

CHICHIBIO

"Officina alimentare dedicata"

di Chichibio

Lealtrenotizie

I crociati ritrovano la vittoria grazie a Evacuo: Parma-Santarcangelo 1-0

Stadio Tardini

Parma batte Santarcangelo 1-0 e si avvicina alla vetta Foto Video

Evacuo firma il gol della vittoria. Il Parma è secondo in classifica a 42 punti

Parma-Santarcangelo

Evacuo spera di rimanere al Parma Video

Anche Mazzocchi in sala stampa

La morte di Filippo

«Eri la mia vita». Lo strazio dei familiari

TESTIMONIANZA

Prima «attacco» con i biscotti, poi calci e pugni: parla la vittima della baby gang

6commenti

polizia municipale

Autovelox e autodetector: ecco dove saranno

La storia

Rocco e Giulia, salumieri a Innsbruck

1commento

gazzareporter

Muri imbrattati, a volte ritornano... Con provocazione al sindaco Foto

9commenti

MOSTRA

"Natura tra le pagine": un mese di foto all'Eurotorri

Protezione civile

I volontari parmigiani al lavoro nelle Marche

elezioni

Pizzarotti, è ufficiale: "Mi ricandido" Video . Dall'Olio si ritira: "Sostengo Scarpa"

30commenti

graffiti

Il sottopasso dello Stradone? Galleria di street art Foto

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

6commenti

IL CASO

Vigili, la Fabbri si scusa con Bonsu e lo risarcisce

Lettera al giovane ghanese, che riceverà 20mila euro

2commenti

GRANDE FIUME

Il Po in secca? Attrazione per i turisti

1commento

Rugby

Zebre-London Wasps 13-22: ribaltato il vantaggio del primo tempo Foto

A Moletolo sono arrivati 300 tifosi inglesi

bedonia

Violenze sul padre per anni, arrestato un 40enne Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Dedicato a Filippo e a chi gli vuol bene

di Michele Brambilla

IL DIRETTORE RISPONDE

La neve, le parole e gli Uomini

ITALIA/MONDO

modena

Calcio: genitore picchia ragazzi e dirigenti

Bonassola

Il parroco difende l'amore gay, il vescovo frena

SOCIETA'

Reggiolo

Rave party con 600 giovani: fra loro una minorenne scomparsa da giorni

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

SPORT

Parma Calcio

Baraye "50 volte Crociato": targa con la foto dell'esultanza col passamontagna

Parma Calcio

D'Aversa: "Non è mia volontà mandare via Felice..."

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ANTEPRIMA

Rivoluzione Micra: Nissan cambia tutto