-2°

bardi

Denominazioni comunali: Bardi gioca le sue carte

Denominazioni comunali: Bardi gioca le sue carte

Panetti de pinoeu

0

 

E' un'iniziativa per valorizzare le attività agroalimentari
Erika Martorana
Nel consiglio comunale, in programma oggi pomeriggio alle 14.30, il sindaco di Bardi, Giuseppe Conti, presenterà una delibera avente per oggetto «l’approvazione del regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione De.Co.- Denominazione Comunale di origine». 
Le Denominazioni Comunali sono atti e delibere di un'amministrazione comunale che in questo modo registra un prodotto, un piatto, un sapere, con il quale la comunità si identifica. Un'opportunità che Bardi ha deciso di cogliere.
Carta d'identità «Le De.Co. - ha affermato lo stesso Conti - sono un atto politico, che fissano un valore, una carta d’identità, che il sindaco rilascia dopo aver censito un passato, un presente e ipotizzato uno sviluppo futuro. Quindi il valore è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing territoriale». 
Registro La procedura di approvazione prevede una prima delibera del consiglio comunale che segna l’istituzione di un registro delle De.Co., e segue lo schema e le indicazioni di modello di legge promosso dall’Associazione nazionale comuni italiani. 
«Il regolamento - ha spiegato ancora il primo cittadino di Bardi - ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali, che possono costituire nel nostro comune una risorsa anche di valore economico. Questo regolamento - ha proseguito il sindaco - non è certamente un fine bensì un mezzo, attraverso il quale vengono definiti quali sono i paletti per la tutela di alcuni dei nostri prodotti che alcune aziende o anche i privati cittadini possono, attraverso la loro istanza, promuovere per creare un indotto economico». 
Opportunità «Di sicuro - ha proseguito Conti - non farà i miracoli però io ritengo che sia una cosa fattibile, altri 450 Comuni in Italia hanno già portato avanti questa opportunità, opportunità che è nata da un’intuizione di un grande, vecchio e compianto giornalista enogastronomico, Luigi Veronelli». 
Marchio Si tratta di una vera e propria certificazione di origine dei prodotti, che corrisponde in tutto e per tutto al marchio «made in Italy»: «E’ come dire “made in Bardi” - ha dichiarato ancora Conti -. I primi quattro prodotti che il Comune intende riconoscere sono i “crocetti alla bardigiana” (cruzetti), la “torta di verze” (turta de cori); la “Picaja” e i “panetti de pinoeu”».
E' un'iniziativa per valorizzare le attività agroalimentari

Erika Martorana

Nel consiglio comunale, in programma oggi pomeriggio alle 14.30, il sindaco di Bardi, Giuseppe Conti, presenterà una delibera avente per oggetto «l’approvazione del regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione De.Co.- Denominazione Comunale di origine». Le Denominazioni Comunali sono atti e delibere di un'amministrazione comunale che in questo modo registra un prodotto, un piatto, un sapere, con il quale la comunità si identifica. Un'opportunità che Bardi ha deciso di cogliere.Carta d'identità «Le De.Co. - ha affermato lo stesso Conti - sono un atto politico, che fissano un valore, una carta d’identità, che il sindaco rilascia dopo aver censito un passato, un presente e ipotizzato uno sviluppo futuro. Quindi il valore è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing territoriale». Registro La procedura di approvazione prevede una prima delibera del consiglio comunale che segna l’istituzione di un registro delle De.Co., e segue lo schema e le indicazioni di modello di legge promosso dall’Associazione nazionale comuni italiani. «Il regolamento - ha spiegato ancora il primo cittadino di Bardi - ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali, che possono costituire nel nostro comune una risorsa anche di valore economico. Questo regolamento - ha proseguito il sindaco - non è certamente un fine bensì un mezzo, attraverso il quale vengono definiti quali sono i paletti per la tutela di alcuni dei nostri prodotti che alcune aziende o anche i privati cittadini possono, attraverso la loro istanza, promuovere per creare un indotto economico». Opportunità «Di sicuro - ha proseguito Conti - non farà i miracoli però io ritengo che sia una cosa fattibile, altri 450 Comuni in Italia hanno già portato avanti questa opportunità, opportunità che è nata da un’intuizione di un grande, vecchio e compianto giornalista enogastronomico, Luigi Veronelli». Marchio Si tratta di una vera e propria certificazione di origine dei prodotti, che corrisponde in tutto e per tutto al marchio «made in Italy»: «E’ come dire “made in Bardi” - ha dichiarato ancora Conti -. I primi quattro prodotti che il Comune intende riconoscere sono i “crocetti alla bardigiana” (cruzetti), la “torta di verze” (turta de cori); la “Picaja” e i “panetti de pinoeu”».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Piazzale S. Lorenzo:  festa al «Piano A»

Pgn

Piazzale S. Lorenzo: festa al «Piano A» Foto

maria chiara cavalli 1

Strajè

"Costretta" a fare ricerca all'estero. Il sogno di Maria Chiara: tornare a Parma Video

1commento

Lady Gaga: soffrodi disturbi psichici

RIVELAZIONE

Lady Gaga: soffro di disturbi psichici

1commento

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Velluto rosso 6 dicembre

VELLUTO ROSSO

Da Shakespeare a Peter Pan: gli spettacoli da non perdere a teatro

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Guardia di Finanza

Evasore fiscale "seriale": sequestro di beni a Parma

Ospedale

Reparti soppressi, allarme al Maggiore

Sono cinque le strutture coinvolte: semeiotica, ortopedia, centro cefalee e due chirurgie

Parma

Tangenziale: code per lavori fra la Crocetta e via Baganzola

Viale Mentana

Un'altra rapina in farmacia: è sempre lo stesso bandito

Appennino

Schia: al via la stagione con una «valanga» di novità

Parma

Nuovo percorso ciclabile fra la stazione, via Trento, via San Leonardo e via Paradigna Mappe

Ecco dove passerà la pista ciclabile

lega pro

Daniele Faggiano è il nuovo direttore sportivo del Parma Video

8commenti

promozione

Il Fidenza chiama Massimo Barbuti in panchina

Criminalità

Felino, il bar Jolly senza pace: quarto furto in dieci mesi

Salso

Dotti, una vita sulle navi da crociera

IL CASO

Tangenziale di Collecchio: ora la gente chiede la rotatoria

collecchio-noceto

Truffa-furto del finto soccorso stradale: nuove segnalazioni

2commenti

COLLECCHIO

Scoppia il caso delle cartelle del Consorzio di bonifica

Funerale

Sorbolo: rose bianche e musica per l'addio a Ilaria Bandini

Funerale

"Ciao Lorenzo, ora vivi nella serenità": commosso addio al 15enne di Salso

tg parma

Travolto a Lemignano: Mihai Ciju resta gravissimo Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Renzi: perché ha perso, perché può rivincere

di Michele Brambilla

10commenti

IL DIRETTORE RISPONDE

Il panino? Non famolo strano

2commenti

ITALIA/MONDO

roma

Oggi fiducia sulla manovra e la direzione del Pd

Ventimiglia

Brucia la villa dei cognati e muore asfissiato

SOCIETA'

SOCIAL NETWORK

Fb e YouTube creano database antiterrorismo Video

televisione

Gabriele: da Medesano alla finale a L'eredità

SPORT

Nuoto

Federica Pellegrini d'oro: vince i 200 sl

Sport

Basket, conto alla rovescia per la Supercoppa

FOTOGRAFIA

Parma

Acqua, luce, metamorfosi: le foto di Nencini in San Rocco

Fotofestival

Fra metafisica e Storia: un mese di mostre fotografiche a Montecchio