19°

29°

bardi

Denominazioni comunali: Bardi gioca le sue carte

Denominazioni comunali: Bardi gioca le sue carte

Panetti de pinoeu

Ricevi gratis le news
0

 

E' un'iniziativa per valorizzare le attività agroalimentari
Erika Martorana
Nel consiglio comunale, in programma oggi pomeriggio alle 14.30, il sindaco di Bardi, Giuseppe Conti, presenterà una delibera avente per oggetto «l’approvazione del regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione De.Co.- Denominazione Comunale di origine». 
Le Denominazioni Comunali sono atti e delibere di un'amministrazione comunale che in questo modo registra un prodotto, un piatto, un sapere, con il quale la comunità si identifica. Un'opportunità che Bardi ha deciso di cogliere.
Carta d'identità «Le De.Co. - ha affermato lo stesso Conti - sono un atto politico, che fissano un valore, una carta d’identità, che il sindaco rilascia dopo aver censito un passato, un presente e ipotizzato uno sviluppo futuro. Quindi il valore è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing territoriale». 
Registro La procedura di approvazione prevede una prima delibera del consiglio comunale che segna l’istituzione di un registro delle De.Co., e segue lo schema e le indicazioni di modello di legge promosso dall’Associazione nazionale comuni italiani. 
«Il regolamento - ha spiegato ancora il primo cittadino di Bardi - ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali, che possono costituire nel nostro comune una risorsa anche di valore economico. Questo regolamento - ha proseguito il sindaco - non è certamente un fine bensì un mezzo, attraverso il quale vengono definiti quali sono i paletti per la tutela di alcuni dei nostri prodotti che alcune aziende o anche i privati cittadini possono, attraverso la loro istanza, promuovere per creare un indotto economico». 
Opportunità «Di sicuro - ha proseguito Conti - non farà i miracoli però io ritengo che sia una cosa fattibile, altri 450 Comuni in Italia hanno già portato avanti questa opportunità, opportunità che è nata da un’intuizione di un grande, vecchio e compianto giornalista enogastronomico, Luigi Veronelli». 
Marchio Si tratta di una vera e propria certificazione di origine dei prodotti, che corrisponde in tutto e per tutto al marchio «made in Italy»: «E’ come dire “made in Bardi” - ha dichiarato ancora Conti -. I primi quattro prodotti che il Comune intende riconoscere sono i “crocetti alla bardigiana” (cruzetti), la “torta di verze” (turta de cori); la “Picaja” e i “panetti de pinoeu”».
E' un'iniziativa per valorizzare le attività agroalimentari

Erika Martorana

Nel consiglio comunale, in programma oggi pomeriggio alle 14.30, il sindaco di Bardi, Giuseppe Conti, presenterà una delibera avente per oggetto «l’approvazione del regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione De.Co.- Denominazione Comunale di origine». Le Denominazioni Comunali sono atti e delibere di un'amministrazione comunale che in questo modo registra un prodotto, un piatto, un sapere, con il quale la comunità si identifica. Un'opportunità che Bardi ha deciso di cogliere.Carta d'identità «Le De.Co. - ha affermato lo stesso Conti - sono un atto politico, che fissano un valore, una carta d’identità, che il sindaco rilascia dopo aver censito un passato, un presente e ipotizzato uno sviluppo futuro. Quindi il valore è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing territoriale». Registro La procedura di approvazione prevede una prima delibera del consiglio comunale che segna l’istituzione di un registro delle De.Co., e segue lo schema e le indicazioni di modello di legge promosso dall’Associazione nazionale comuni italiani. «Il regolamento - ha spiegato ancora il primo cittadino di Bardi - ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali, che possono costituire nel nostro comune una risorsa anche di valore economico. Questo regolamento - ha proseguito il sindaco - non è certamente un fine bensì un mezzo, attraverso il quale vengono definiti quali sono i paletti per la tutela di alcuni dei nostri prodotti che alcune aziende o anche i privati cittadini possono, attraverso la loro istanza, promuovere per creare un indotto economico». Opportunità «Di sicuro - ha proseguito Conti - non farà i miracoli però io ritengo che sia una cosa fattibile, altri 450 Comuni in Italia hanno già portato avanti questa opportunità, opportunità che è nata da un’intuizione di un grande, vecchio e compianto giornalista enogastronomico, Luigi Veronelli». Marchio Si tratta di una vera e propria certificazione di origine dei prodotti, che corrisponde in tutto e per tutto al marchio «made in Italy»: «E’ come dire “made in Bardi” - ha dichiarato ancora Conti -. I primi quattro prodotti che il Comune intende riconoscere sono i “crocetti alla bardigiana” (cruzetti), la “torta di verze” (turta de cori); la “Picaja” e i “panetti de pinoeu”».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grey's Anatomy 14 stupisce ancora, parla italiano

Stefania Spampinato

Tv

Grey's Anatomy 14: il cast parla sempre più italiano

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Programmazione dal 21/08/2017 al 25/08/2017 delle postazioni di accertamenti strumentali di velocità e irregolarità alla circolazione

VIABILITA'

Autovelox, speedcheck e autodetector: la mappa della settimana

Lealtrenotizie

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Furto

Maternità, rubate le due preziose sonde di un ecografo

Protesta

«Cittadella abbandonata»

weekend

In barca e sui sentieri, tra amor e trota: l'agenda della domenica

Doppio intervento

Escursionisti in difficoltà in Appennino

varano

Così i vigili del fuoco hanno recuperato l'uomo scivolato nel calanco Video

Fidenza

Spargono olio davanti ai negozi

LA STORIA

Angelo e Simba, quei due cani che hanno commosso tutti

SERIE B

Nuovi crociati crescono

Salsomaggiore

Pubblica in lutto: è morto Spalti

Personaggio

Ettore, cinquant'anni a tu per tu con la pietra

varano

Scivola per 50 metri in un calanco: i vigili del fuoco arrivano dall'alto Foto

FIDENZA

Addio all'ostetrica Mara Maini: ha fatto nascere migliaia di bambini

brescia

Cellino riabilita Ghirardi: "A Parma ha fatto tanto". La rabbia del web

1commento

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

barcellona

Ritrovato il piccolo Julian: è in ospedale tra i feriti

Terrorismo

L'Isis sui social: "Il prossimo obiettivo è l'Italia"

SPORT

SERIE A

La Juve travolge il Cagliari, Il Napoli passa a Verona

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

SOCIETA'

IL DISCO

Elton John e quell'omaggio a John Lennon

SOS ANIMALI

Ritrovati a Bargone due cuccioli abbandonati

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti