19°

32°

bardi

Denominazioni comunali: Bardi gioca le sue carte

Denominazioni comunali: Bardi gioca le sue carte

Panetti de pinoeu

0

 

E' un'iniziativa per valorizzare le attività agroalimentari
Erika Martorana
Nel consiglio comunale, in programma oggi pomeriggio alle 14.30, il sindaco di Bardi, Giuseppe Conti, presenterà una delibera avente per oggetto «l’approvazione del regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione De.Co.- Denominazione Comunale di origine». 
Le Denominazioni Comunali sono atti e delibere di un'amministrazione comunale che in questo modo registra un prodotto, un piatto, un sapere, con il quale la comunità si identifica. Un'opportunità che Bardi ha deciso di cogliere.
Carta d'identità «Le De.Co. - ha affermato lo stesso Conti - sono un atto politico, che fissano un valore, una carta d’identità, che il sindaco rilascia dopo aver censito un passato, un presente e ipotizzato uno sviluppo futuro. Quindi il valore è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing territoriale». 
Registro La procedura di approvazione prevede una prima delibera del consiglio comunale che segna l’istituzione di un registro delle De.Co., e segue lo schema e le indicazioni di modello di legge promosso dall’Associazione nazionale comuni italiani. 
«Il regolamento - ha spiegato ancora il primo cittadino di Bardi - ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali, che possono costituire nel nostro comune una risorsa anche di valore economico. Questo regolamento - ha proseguito il sindaco - non è certamente un fine bensì un mezzo, attraverso il quale vengono definiti quali sono i paletti per la tutela di alcuni dei nostri prodotti che alcune aziende o anche i privati cittadini possono, attraverso la loro istanza, promuovere per creare un indotto economico». 
Opportunità «Di sicuro - ha proseguito Conti - non farà i miracoli però io ritengo che sia una cosa fattibile, altri 450 Comuni in Italia hanno già portato avanti questa opportunità, opportunità che è nata da un’intuizione di un grande, vecchio e compianto giornalista enogastronomico, Luigi Veronelli». 
Marchio Si tratta di una vera e propria certificazione di origine dei prodotti, che corrisponde in tutto e per tutto al marchio «made in Italy»: «E’ come dire “made in Bardi” - ha dichiarato ancora Conti -. I primi quattro prodotti che il Comune intende riconoscere sono i “crocetti alla bardigiana” (cruzetti), la “torta di verze” (turta de cori); la “Picaja” e i “panetti de pinoeu”».
E' un'iniziativa per valorizzare le attività agroalimentari

Erika Martorana

Nel consiglio comunale, in programma oggi pomeriggio alle 14.30, il sindaco di Bardi, Giuseppe Conti, presenterà una delibera avente per oggetto «l’approvazione del regolamento per la tutela e la valorizzazione delle attività agro-alimentari tradizionali locali. Istituzione De.Co.- Denominazione Comunale di origine». Le Denominazioni Comunali sono atti e delibere di un'amministrazione comunale che in questo modo registra un prodotto, un piatto, un sapere, con il quale la comunità si identifica. Un'opportunità che Bardi ha deciso di cogliere.Carta d'identità «Le De.Co. - ha affermato lo stesso Conti - sono un atto politico, che fissano un valore, una carta d’identità, che il sindaco rilascia dopo aver censito un passato, un presente e ipotizzato uno sviluppo futuro. Quindi il valore è quello di fissare, in un dato momento storico, ciò che identifica quel Comune. A memoria futura, oppure come occasione del presente per cogliere un’opportunità di marketing territoriale». Registro La procedura di approvazione prevede una prima delibera del consiglio comunale che segna l’istituzione di un registro delle De.Co., e segue lo schema e le indicazioni di modello di legge promosso dall’Associazione nazionale comuni italiani. «Il regolamento - ha spiegato ancora il primo cittadino di Bardi - ha per oggetto la tutela e la valorizzazione delle attività agroalimentari tradizionali, che possono costituire nel nostro comune una risorsa anche di valore economico. Questo regolamento - ha proseguito il sindaco - non è certamente un fine bensì un mezzo, attraverso il quale vengono definiti quali sono i paletti per la tutela di alcuni dei nostri prodotti che alcune aziende o anche i privati cittadini possono, attraverso la loro istanza, promuovere per creare un indotto economico». Opportunità «Di sicuro - ha proseguito Conti - non farà i miracoli però io ritengo che sia una cosa fattibile, altri 450 Comuni in Italia hanno già portato avanti questa opportunità, opportunità che è nata da un’intuizione di un grande, vecchio e compianto giornalista enogastronomico, Luigi Veronelli». Marchio Si tratta di una vera e propria certificazione di origine dei prodotti, che corrisponde in tutto e per tutto al marchio «made in Italy»: «E’ come dire “made in Bardi” - ha dichiarato ancora Conti -. I primi quattro prodotti che il Comune intende riconoscere sono i “crocetti alla bardigiana” (cruzetti), la “torta di verze” (turta de cori); la “Picaja” e i “panetti de pinoeu”».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie

gossip parmigiano

Elisabetta Gregoraci al Win City fa il pieno di selfie Gallery

Scarpa italiana inguaia Ivanka,dal giudice per plagio

GOSSIP

Scarpa italiana inguaia Ivanka, dal giudice per plagio

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

VIAGGI

Salisburgo la dolce: assolo barocco tra le Alpi

di Roberto Longoni

Lealtrenotizie

Pizzarotti

BALLOTTAGGIO

"Effetto Parma" festeggia in pizzeria. Pizzarotti: "Altri cinque anni entusiasmanti" Video

Ecco l'intervista di TvParma durante lo scrutinio

elezioni 2017

Ballottaggio, affluenza al 45,17%

Calo in tutti i Comuni dell'Emilia-Romagna che vanno al ballottaggio

5commenti

ELEZIONI 2017

Piacenza e Spezia, il centrodestra nettamente avanti

Le principali città al voto: solo a Padova e Taranto i dem in testa di misura

Felino

Tenta una strage in famiglia: la figlia è gravemente ustionata. Arrestato

Nella notte a Poggio di Sant'Ilario Baganza

sanità

Caso di chikungunya: disinfestazione in due vie Video - I consigli

degrado

Maxi raid vandalico in via Toscana con il catrame: vetrine e auto imbrattate, gomme tagliate anche alle bici

4commenti

polizia

Torna all'Esselunga per un altro furto (di supercalcolici): denunciato un 22enne

4commenti

VIOLENZA

Ancora risse davanti alla stazione

9commenti

gazzareporter

San Pancrazio, il degrado continua Gallery

CHIESA

Montecchio, cambia il parroco: arriva don Orlandini da Reggio

Don Romano Vescovi, originario di Neviano, lascia Bibbiano per l'eremo di Salvarano (Quattro Castella)

tg parma

Al Regio l'assemblea dell'Upi con il ministro Graziano Delrio Video

polizia

Furto al Bar Squisjto ad Alberi di Vigatto

Noceto

Addio a Petrini, titolare dell'Aquila Romana

MAMIANO

I padroni sono alla sagra di San Giovanni, e i ladri tentano il colpo

CRIMINALITA

Monticelli, automobilista insegue gli scippatori in viale Marconi

2commenti

Sant'Ilario d’Enza

Ladro aveva in auto del parmigiano rubato, sarà donato alla Caritas

Notato dai Cc vicino a supermarket, aveva precedente specifico

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Il partito dell'astensione e del disinteresse

di Filiberto Molossi

2commenti

ITALIA/MONDO

Boretto

La villetta va a fuoco, famiglia salvata dal gatto

MALTEMPO

Frane, smottamenti e vento forte: danni al Nord-Est Foto

SOCIETA'

elezioni 2017

Genova: elettore al seggio con cane al seguito Foto

Elezioni 2017

Votare turandosi il naso? A Piacenza qualcuno lo ha fatto davvero... Video

SPORT

formula 1

Gara pazza. Hamilton e Vettel fanno a botte. E Ricciardo brinda...

SERIE A

Donnarumma inneggia a Raiola, poi si scusa con i tifosi. Dopo l'Europeo incontro con il Milan

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande