19°

31°

consiglio

Sala, una commissione studia la fusione con Collecchio e Felino

Il consigliere Ronchini: «E' necessario analizzare bene i costi e i benefici»

Sala, una commissione studia la fusione con Collecchio e Felino
0

 

SALA BAGANZA
Cristina Pelagatti 
Sarà istituita una commissione sulla possibilità di fusione dei Comuni di Sala Baganza, Collecchio e Felino. Nel Consiglio comunale svoltosi mercoledì sera a Sala è stata infatti accolta la mozione presentata dal gruppo di maggioranza, Solidarietà, con la quale si chiede al Comune di istituire una commissione senza compenso, composta da consiglieri di maggioranza e minoranza dei comuni coinvolti o del comune che intende condividere il percorso e da cittadini in rappresentanza di categorie o associazioni regolarmente iscritte all’albo comunale la quale, come ha sottolineato il consigliere Giovanni Ronchini, dovrebbe essere incaricata di elaborare uno studio di fattibilità di costi e benefici per la fusione dei Comuni e di individuare le modalità di coinvolgimento e di ascolto della popolazione.
«L’opinione pubblica- ha affermato Ronchini leggendo la mozione- è particolarmente sensibile al contenimento dei costi e alla maggiore efficienza della pubblica amministrazione. In questo periodo  i Comuni hanno difficoltà crescenti a gestire in autonomia i servizi di cui sono competenti. Considerata l’omogeneità di caratteristiche di Collecchio Sala e Felino e l’eventualità che la Regione Emilia Romagna possa fornire risorse per progetti di fusione e studi di fattibilità, chiediamo che venga istituita una commissione apposita a partecipazione gratuita». La mozione è stata approvata dalla maggioranza, con l’astensione del consigliere Giuseppe Distante del Movimento 5 Stelle che ha chiesto maggiori delucidazioni su tempi, sul rapporto costi benefici e un percorso aperto ai cittadini. 
Contrario il voto di Sala Attiva che aveva presentato una mozione nel corso dello stesso consiglio comunale, sullo stesso tema, respinta dalla maggioranza. 
Sala Attiva infatti aveva chiesto con una mozione che venisse messo all’ordine del giorno del prossimo consiglio l’avvio delle pratiche di fusione, con particolare riferimento al referendum consultivo tra i cittadini. Come ha spiegato la capogruppo Tiziana Azzolini « Il coinvolgimento dei cittadini, che si sarebbe dovuto realizzare anche al momento della infausta decisione dell’Unione dei Comuni della Pedemontana, è necessario. Occorre che siano avviate al più presto le procedure previste dalla legge per attuare nei tre Comuni il referendum consultivo, di cui è prevista l’obbligatorietà per ogni progetto di fusione. Deve essere anche detto che i Comuni possono attivare forme di coinvolgimento e confronto con la popolazione su tematiche di interesse pubblico per le quali si debba giungere a una mediazione, pratiche previste e incentivate dalla legge regionale sulla partecipazione (L.r.3/2010). Sala Attiva richiede che il Presidente del Consiglio Comunale metta all’ordine del giorno del prossimo Consiglio la discussione della proposta di avvio di procedure della fusione, tanto più urgente dopo che i bilanci di Unione Pedemontana e ASP hanno evidenziato la gestione fallimentare della scelta politica compiuta a suo tempo con la forzosa creazione di una struttura amministrativa sovrapposta a quella dei singoli comuni con aggravio di burocrazia e di spesa clientelare». 
Tiziana Azzolini ha specificato che Sala Attiva non parteciperà a commissioni su studi di fattibilità perché i costi e benefici della fusione sono evincibili dai bilanci dei comuni depositati. 
SALA BAGANZA

 

Cristina Pelagatti

 Sarà istituita una commissione sulla possibilità di fusione dei Comuni di Sala Baganza, Collecchio e Felino. Nel Consiglio comunale svoltosi mercoledì sera a Sala è stata infatti accolta la mozione presentata dal gruppo di maggioranza, Solidarietà, con la quale si chiede al Comune di istituire una commissione senza compenso, composta da consiglieri di maggioranza e minoranza dei comuni coinvolti o del comune che intende condividere il percorso e da cittadini in rappresentanza di categorie o associazioni regolarmente iscritte all’albo comunale la quale, come ha sottolineato il consigliere Giovanni Ronchini, dovrebbe essere incaricata di elaborare uno studio di fattibilità di costi e benefici per la fusione dei Comuni e di individuare le modalità di coinvolgimento e di ascolto della popolazione.«L’opinione pubblica- ha affermato Ronchini leggendo la mozione- è particolarmente sensibile al contenimento dei costi e alla maggiore efficienza della pubblica amministrazione. In questo periodo  i Comuni hanno difficoltà crescenti a gestire in autonomia i servizi di cui sono competenti. Considerata l’omogeneità di caratteristiche di Collecchio Sala e Felino e l’eventualità che la Regione Emilia Romagna possa fornire risorse per progetti di fusione e studi di fattibilità, chiediamo che venga istituita una commissione apposita a partecipazione gratuita». La mozione è stata approvata dalla maggioranza, con l’astensione del consigliere Giuseppe Distante del Movimento 5 Stelle che ha chiesto maggiori delucidazioni su tempi, sul rapporto costi benefici e un percorso aperto ai cittadini. Contrario il voto di Sala Attiva che aveva presentato una mozione nel corso dello stesso consiglio comunale, sullo stesso tema, respinta dalla maggioranza. Sala Attiva infatti aveva chiesto con una mozione che venisse messo all’ordine del giorno del prossimo consiglio l’avvio delle pratiche di fusione, con particolare riferimento al referendum consultivo tra i cittadini. Come ha spiegato la capogruppo Tiziana Azzolini « Il coinvolgimento dei cittadini, che si sarebbe dovuto realizzare anche al momento della infausta decisione dell’Unione dei Comuni della Pedemontana, è necessario. Occorre che siano avviate al più presto le procedure previste dalla legge per attuare nei tre Comuni il referendum consultivo, di cui è prevista l’obbligatorietà per ogni progetto di fusione. Deve essere anche detto che i Comuni possono attivare forme di coinvolgimento e confronto con la popolazione su tematiche di interesse pubblico per le quali si debba giungere a una mediazione, pratiche previste e incentivate dalla legge regionale sulla partecipazione (L.r.3/2010). Sala Attiva richiede che il Presidente del Consiglio Comunale metta all’ordine del giorno del prossimo Consiglio la discussione della proposta di avvio di procedure della fusione, tanto più urgente dopo che i bilanci di Unione Pedemontana e ASP hanno evidenziato la gestione fallimentare della scelta politica compiuta a suo tempo con la forzosa creazione di una struttura amministrativa sovrapposta a quella dei singoli comuni con aggravio di burocrazia e di spesa clientelare». Tiziana Azzolini ha specificato che Sala Attiva non parteciperà a commissioni su studi di fattibilità perché i costi e benefici della fusione sono evincibili dai bilanci dei comuni depositati. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello UK

televisione

Rissa al Grande Fratello UK: interviene la security Video

Silvia Olari

musica

Torna Silvia Olari con il nuovo singolo: "Fuori di Testa"

fori imperiali

degrado

Sesso ai Fori imperiali davanti ai turisti: è polemica

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Cani da adottare

ANIMALI

Cani da adottare

Lealtrenotizie

Forte pioggia a Parma: rami in strada e traffico rallentato

Gazzareporter

Forte pioggia a Parma: rami in strada e traffico rallentato Foto Video 

PARMA

Scontro auto-bici in via Europa: grave una minorenne

1commento

Assemblea Upi

Figna al ministro Delrio: "Si trovino le risorse per TiBre, Pontremolese e aeroporto Verdi"  Diretta TvParma

Bene l'economia di Parma, fiducia delle imprese ai massimi. Delrio promette defiscalizzazione e sostegno al lavoro

meteo

Caldo: (la prossima settimana) ancora temporali al Nord

tg parma

Sicurezza e scuole fra le priorità di Pizzarotti: video-intervista

Nascerà un partito dei sindaci? Pizzarotti è concentrato su Parma ma da Napoli arrivano gli elogi di de Magistris

5commenti

Elezioni 2017

Federico Pizzarotti rieletto sindaco con il 57,87% dei voti La festa (foto)

Ecco come sarà il nuovo Consiglio

50commenti

Lo sconfitto

Scarpa: "Il Pd ha adottato Pizzarotti, trattandolo come enfant prodige"

Il Pd regionale: "Impariamo dalle sconfitte in Emilia-Romagna"

19commenti

coordinamento

Emergenza acqua, riunione in Provincia: "Usate l'acqua in modo responsabile"

3commenti

Poggio S.Ilario

E' ancora grave la figlia dell'ivoriano che ha appiccato il fuoco alla camera Video

Medesano

Picchia e violenta la ex moglie: 30enne in carcere

2commenti

polizia

Blitz dei ladri nella notte al Palacampus

parma

Furto da "Amor di Patata", all'ombra del duomo: è sparita la cassa

1commento

Il caso

Casaltone, un paese diviso in due

2commenti

Asessuali

Vivere senza sesso: il documentario della parmigiana Soresini

3commenti

Serie B

Le avversarie del Parma ai raggi X

scuola

Maturità: oggi la terza e ultima prova scritta

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Il Parma è l'esempio per la rinascita della città

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Cinque anni fa vinse Grillo. Questa volta ha vinto lui

di Stefano Pileri

ITALIA/MONDO

archeologia

Scoperta una piccola Pompei sotto la metro di Roma Gallery Video

festeggiamenti

La Polfer compie 110 anni: fu voluta da Giolitti

SOCIETA'

colombia

La nave barcolla poi affonda: 6 morti

LA PEPPA

Budino di due colori

SPORT

Moto

Viñales ringrazia Dovizioso: "Grazie per avermi evitato"

2commenti

calcio

I Della Valle pronti a farsia parte: "Fiorentina in vendita"

MOTORI

MINI SUV

Citroën: la C3 Aircross in tre mosse

anteprima

Volkswagen, la sesta Polo è diventata grande