13°

23°

Mafie: crescono gli affari nel Parmense

Presentato il «Rapporto sulle presenze della criminalità organizzata in Emilia Romagna»

Mafie: crescono gli affari nel Parmense
Ricevi gratis le news
3

 

Cristian Calestani
Le mafie ci sono e fanno affari. Hanno un fatturato di 20 miliardi di euro in regione e continuano a muoversi e a farsi sentire anche nel Parmense, dove il rischio di colonizzazione è ritenuto «alto» secondo i contenuti del secondo «Rapporto sulle presenze della criminalità organizzata in Emilia Romagna» curato da Renato Scalia, consigliere della Fondazione Antonino Caponnetto di Firenze che già lo scorso anno collaborò sul tema con la Camera di Commercio di Reggio Emilia, presieduta da Enrico Bini.
 Il rapporto – presentato a Brescello, da sempre luogo caldo per la lotta alla malavita – cita i casi degli ultimi mesi dimostrando come nel Parmense si debba alzare la guardia. Gli sviluppi dell’omicidio Guarino a Medesano, l’arresto di malavitosi con trascorsi a Colorno e Salso o incendi dolosi nei cantieri a Sissa e Gainago di Torrile dimostrano che anche nel nostro territorio la malavita è ormai ben radicata.
 «L’Emilia Romagna non è terra di mafia, ma la mafia c’è e rischia di colonizzare la regione – mette in guardia Renato Scalia nell’introduzione al rapporto –. Le notizie che abbiamo inserito in questo aggiornamento sono numerosissime e importanti. Il rapporto non è un romanzo, ma è il resoconto delle attività di indagine, solo quelle giunte agli onori delle cronache, della magistratura e delle forze di polizia».
 Uno dei fatti più rilevanti, mette in evidenza Scalia, è che «in Emilia Romagna, in questi anni, sono stati eseguiti molti sequestri e confische. I provvedimenti, però, sono sempre arrivati dagli organi giudiziari delle regioni del Sud. Ma in questi giorni il Tribunale di Reggio Emilia, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna, ha disposto la misura di prevenzione patrimoniale nei confronti di un elemento di spicco della 'ndrina Grande Aracri. Un fatto importante e raro che sicuramente stabilirà un punto fermo per future iniziative simili. Altro fatto positivo è la costituzione della sezione operativa della Direzione Investigativa Antimafia di Bologna, che ha competenza in tutta la regione». 
Tante però le note dolenti. «Le operazioni di polizia che sono state portate a termine – aggiunge Scalia - sono veramente tante. Questo conferma che la Regione, da molti anni, è considerata terra di conquista. Le infiltrazioni criminali, facilitate anche dai mafiosi che furono mandati in soggiorno obbligato e che si sono trasferiti con le proprie famiglie, radicandosi nelle zone di confino, hanno raggiunto livelli di colonizzazione in molte zone dell’Emilia Romagna. Le mafie, negli anni, si sono spartite il territorio». 
Fu proprio il procuratore generale durante l’apertura dell’anno giudiziario dello scorso anno ad affermare: «La raggiunta pace mafiosa tra i diversi gruppi è finalizzata a un’equa spartizione del territorio e degli affari» in Emilia Romagna. «Agli inizi – spiega Scalia - la suddivisione delle zone è stata decisa da azioni cruente. Via via, nel corso degli anni, dopo che sono state acclarate le gerarchie e le egemonie, le mafie hanno in parte, ma visibilmente, archiviato i metodi criminali violenti e hanno deciso di lavorare sotto traccia, stabilendo una sorta di pax, costituendo anche alleanze e collaborazioni, realizzando vere e proprie holding imprenditoriali».  
Cristian Calestani

Le mafie ci sono e fanno affari. Hanno un fatturato di 20 miliardi di euro in regione e continuano a muoversi e a farsi sentire anche nel Parmense, dove il rischio di colonizzazione è ritenuto «alto» secondo i contenuti del secondo «Rapporto sulle presenze della criminalità organizzata in Emilia Romagna» curato da Renato Scalia, consigliere della Fondazione Antonino Caponnetto di Firenze che già lo scorso anno collaborò sul tema con la Camera di Commercio di Reggio Emilia, presieduta da Enrico Bini. Il rapporto – presentato a Brescello, da sempre luogo caldo per la lotta alla malavita – cita i casi degli ultimi mesi dimostrando come nel Parmense si debba alzare la guardia. Gli sviluppi dell’omicidio Guarino a Medesano, l’arresto di malavitosi con trascorsi a Colorno e Salso o incendi dolosi nei cantieri a Sissa e Gainago di Torrile dimostrano che anche nel nostro territorio la malavita è ormai ben radicata.
«L’Emilia Romagna non è terra di mafia, ma la mafia c’è e rischia di colonizzare la regione – mette in guardia Renato Scalia nell’introduzione al rapporto –. Le notizie che abbiamo inserito in questo aggiornamento sono numerosissime e importanti. Il rapporto non è un romanzo, ma è il resoconto delle attività di indagine, solo quelle giunte agli onori delle cronache, della magistratura e delle forze di polizia». Uno dei fatti più rilevanti, mette in evidenza Scalia, è che «in Emilia Romagna, in questi anni, sono stati eseguiti molti sequestri e confische. I provvedimenti, però, sono sempre arrivati dagli organi giudiziari delle regioni del Sud. Ma in questi giorni il Tribunale di Reggio Emilia, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna, ha disposto la misura di prevenzione patrimoniale nei confronti di un elemento di spicco della 'ndrina Grande Aracri. Un fatto importante e raro che sicuramente stabilirà un punto fermo per future iniziative simili. Altro fatto positivo è la costituzione della sezione operativa della Direzione Investigativa Antimafia di Bologna, che ha competenza in tutta la regione». Tante però le note dolenti.
«Le operazioni di polizia che sono state portate a termine – aggiunge Scalia - sono veramente tante. Questo conferma che la Regione, da molti anni, è considerata terra di conquista. Le infiltrazioni criminali, facilitate anche dai mafiosi che furono mandati in soggiorno obbligato e che si sono trasferiti con le proprie famiglie, radicandosi nelle zone di confino, hanno raggiunto livelli di colonizzazione in molte zone dell’Emilia Romagna. Le mafie, negli anni, si sono spartite il territorio». Fu proprio il procuratore generale durante l’apertura dell’anno giudiziario dello scorso anno ad affermare: «La raggiunta pace mafiosa tra i diversi gruppi è finalizzata a un’equa spartizione del territorio e degli affari» in Emilia Romagna.
«Agli inizi – spiega Scalia - la suddivisione delle zone è stata decisa da azioni cruente. Via via, nel corso degli anni, dopo che sono state acclarate le gerarchie e le egemonie, le mafie hanno in parte, ma visibilmente, archiviato i metodi criminali violenti e hanno deciso di lavorare sotto traccia, stabilendo una sorta di pax, costituendo anche alleanze e collaborazioni, realizzando vere e proprie holding imprenditoriali».  

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Paul

    04 Dicembre @ 07.38

    ho vissuto 10 anni in un paesino sopra Fornovo di Taro, con amara sorpresa ho constatato che il tessuto sociale è idoneo ad infiltrazioni mafiose: omertà, spregio delle istituzioni, evasori fiscali, nepotismo, raccomandazioni.,interessi privati in atti d'ufficio, frodi alimentari ecc Certo non tutti i parmensi son così ..ma una buna fetta sì e che dire dell'ignoranza generalizzata? Infatti ho abbandonato quelle terre senza alcun rimpianto.

    Rispondi

  • Biffo

    02 Dicembre @ 03.36

    Invece di continuare a parlarne, emettendo aria fritta e rifritta e stracciandoci vesti e mutande, da ipocriti, cominciamo a fare, in concreto, prendendo provvedimenti contro la criminalità organizzata. Cominciamo con il predicare bene ed il razzolare meglio.

    Rispondi

  • stunese

    01 Dicembre @ 20.37

    cosi anche voi siete infestati

    Rispondi

Video

2commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Un boato del pubblico apre il concerto dei Rolling Stones Manda le tue foto

LUCCA

Un boato del pubblico apre il concerto dei Rolling Stones Manda le tue foto

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

MODA

Federica Pellegrini sfila in "paint-kini" a Milano

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

2commenti

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia

serie B

Riscatto in trasferta per il Parma: Di Cesare firma la vittoria per 1-0 sul Venezia Foto Video

Vittoria preziosa per i crociati, che salgono a 9 punti. Lucarelli fra i migliori in campo. Per i padroni di casa è la prima sconfitta

8commenti

CALCIO

D'Aversa: "Un risultato importante. Abbiamo preso fiducia nel secondo tempo" Video

L'allenatore commenta la vittoria del Parma sul Venezia

calcio

Tommaso Ghirardi torna allo stadio: segue il Brescia con Cellino

L'ex presidente del Parma è tornato al Rigamonti per la prima volta dopo il crac

carabinieri

Giallo a Guardasone: arsenale in un dirupo

MONTAGNA

E' stato trovato il fungaiolo disperso nel Bardigiano

Il 72enne è stanco ma in buone condizioni di salute

bambini

Giocampus Day: è qui la festa (con Paltrinieri) Foto

incidenti

Camion perde tubo, auto schiacciata: quattro feriti Foto

Schianto in viale Villetta: in tre all'ospedale

CALESTANO

Shock anafilattico: paura per un operaio punto da un calabrone a Marzolara Foto

Il 118 ha inviato un'ambulanza e l'elicottero del Maggioe

borgotaro

A casa coi genitori, disoccupati e spacciatori: arrestati due fratelli

1commento

POLIZIA

Al setaccio le strade della droga

4commenti

INCHIESTA

La Massese resta piena di pericoli

2commenti

FUMETTI

La fine di Rat-Man: addio alla serie non all'eroe Foto

Ortolani: "La sfida per me sarebbe inventare un altro personaggio"

DELITTO DI BASILICAGOIANO

Il giudice: «Habassi colpito e seviziato per un'ora»

tg parma

Profughi a San Michele Tiorre, in arrivo i primi otto Video

5commenti

donne in difficoltà

A Corcagnano la prima casa di accoglienza gestita da una comunità migrante

fidenza

Ruba sul treno: inseguito e bloccato da un altro straniero

1commento

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

CONTROLLI

Autovelox, autodetector, speedcheck: la mappa della settimana

ITALIA/MONDO

APPENNINO REGGIANO

Scalatore precipita dalla Pietra di Bismantova: 24enne a Parma in gravi condizioni

TERREMOTO

Ancora una forte scossa a Città del Messico: i palazzi oscillano

SPORT

VENEZIA-PARMA

"Una vittoria meritata sul piano del carattere": il video-commento di Grossi

3commenti

VENEZIA-PARMA

Di Cesare, l'uomo-gol: "Il Venezia, squadra ostica. Abbiamo sfruttato l'occasione" Video

1commento

SOCIETA'

IL DISCO

"Days of future passed", il capolavoro dei Moody Blues che ispirò anche i Nomadi

PARMA

"Musica nera" degli States e lirica: una serata con Brunetto e i fratelli Campanini Video

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery