11°

26°

TRAVERSETOLO

Laura e Viorel, bellezze europee

Lei napoletana, lui moldavo: hanno vinto il concorso internazionale «Miss e Mister Europa in tour»

Miss e Mister Europa, Viorel e Laura

Miss e Mister Europa, Viorel e Laura

1

 

Samuele Dallasta
Laura Fele e Viorel Mitu sono Miss e Mister Europa 2013: al Marisol di Traversetolo hanno vinto la finale nazionale. Lei, diciannovenne, napoletana, è studentessa di Scienze della Formazione Primaria all’Università del capoluogo campano; lui, ventenne, è originario della Moldavia ma risiede da diversi anni a Firenze dove studia recitazione. 
Durante la serata, presentata da Serena Gray e Pino Guerrera, i modelli e le modelle hanno sfilato davanti alla giuria formata dal presidente Carlo Micolano, regista, dal patron del concorso Attilio Mazzoli, dagli attori Alberto Petrolini, Saverio Vallone e Victor Poletti, quest’ultimo anche regista, dall’imprenditore Cesare Ragazzi, dal campione di motonautica Gianni Manici, dalll’hair stylist Morgan Visioli e dalll’assessore al bilancio del Comune di Lucca Fabio Canozzi.
 Madrine e giurate d’eccellenza erano poi Daniela Voina e Laura Solina Bancos, rispettivamente Miss Europa in Tour 2012 e 2011.
Assegnate anche altre fasce. Per quanto riguarda i ragazzi in gara, la fascia di mister Sorriso è andata a Francesco Fusco, quella di mister Boy a Dustin Scalogna, quella di mister Beauty a Francesco Ballatore, quella di mister Fashion a Prince Buadil, quella di mister Fitness a  Filippo Salarino, quella di mister Telegenia a Ciro Buglione, quella di mister Spettacolo a  Luca Pellegrino, quella di mister Cinema a Mattia Favaretto  e quella di mister Evergreen a Graziano Roberto. 
Dalla parte femminile invece Miss Fashion a pari merito sono Maly Mun e Juna Sidaku,  miss Cinema è Renèe Ricciradi, miss Beauty è Gloria Fregonese, miss Girl è Nadia Massari, miss Evergreen è Jurgita Anistade, miss Sorriso è Cristina Busaj, miss Spettacolo è Annalisa Auriemma, miss Telegenia è Federica Russo, e miss Fitness Rita De Lise.
Secondo Attilio Mazzoli, ideatore del concorso, «un clima come quello di quest’anno non si era mai respirato ed i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato l’hanno vissuto in maniera positiva. Il sogno è quello di realizzare una finale internazionale, ci stiamo lavorando su e sarebbe molto bello poterla svolgere».
Soddisfatto anche l'attore Alberto Petrolini, che ha recentemente recitato in «Il ragazzo d’oro», diretto da Pupi Avati:  «Questa manifestazione di bellezza continua a crescere. Ci sono grandi talenti, ho rivisto tanti amici e sono lieto di aver partecipato come giurato».
Samuele Dallasta

Laura Fele e Viorel Mitu sono Miss e Mister Europa 2013: al Marisol di Traversetolo hanno vinto la finale nazionale. Lei, diciannovenne, napoletana, è studentessa di Scienze della Formazione Primaria all’Università del capoluogo campano; lui, ventenne, è originario della Moldavia ma risiede da diversi anni a Firenze dove studia recitazione. Durante la serata, presentata da Serena Gray e Pino Guerrera, i modelli e le modelle hanno sfilato davanti alla giuria formata dal presidente Carlo Micolano, regista, dal patron del concorso Attilio Mazzoli, dagli attori Alberto Petrolini, Saverio Vallone e Victor Poletti, quest’ultimo anche regista, dall’imprenditore Cesare Ragazzi, dal campione di motonautica Gianni Manici, dalll’hair stylist Morgan Visioli e dalll’assessore al bilancio del Comune di Lucca Fabio Canozzi. Madrine e giurate d’eccellenza erano poi Daniela Voina e Laura Solina Bancos, rispettivamente Miss Europa in Tour 2012 e 2011.
Assegnate anche altre fasce. Per quanto riguarda i ragazzi in gara, la fascia di mister Sorriso è andata a Francesco Fusco, quella di mister Boy a Dustin Scalogna, quella di mister Beauty a Francesco Ballatore, quella di mister Fashion a Prince Buadil, quella di mister Fitness a  Filippo Salarino, quella di mister Telegenia a Ciro Buglione, quella di mister Spettacolo a  Luca Pellegrino, quella di mister Cinema a Mattia Favaretto  e quella di mister Evergreen a Graziano Roberto. Dalla parte femminile invece Miss Fashion a pari merito sono Maly Mun e Juna Sidaku,  miss Cinema è Renèe Ricciradi, miss Beauty è Gloria Fregonese, miss Girl è Nadia Massari, miss Evergreen è Jurgita Anistade, miss Sorriso è Cristina Busaj, miss Spettacolo è Annalisa Auriemma, miss Telegenia è Federica Russo, e miss Fitness Rita De Lise.Secondo Attilio Mazzoli, ideatore del concorso, «un clima come quello di quest’anno non si era mai respirato ed i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato l’hanno vissuto in maniera positiva. Il sogno è quello di realizzare una finale internazionale, ci stiamo lavorando su e sarebbe molto bello poterla svolgere».
Soddisfatto anche l'attore Alberto Petrolini, che ha recentemente recitato in «Il ragazzo d’oro», diretto da Pupi Avati:  «Questa manifestazione di bellezza continua a crescere. Ci sono grandi talenti, ho rivisto tanti amici e sono lieto di aver partecipato come giurato».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • gherlan

    03 Dicembre @ 20.42

    che bella copia! lei napoletana, lui che viene dalla lontana terra che vide nascere la canzone simbolo di Napoli, "O sole mio"! (sì lo so che la canzone fu scritta a Odessa che è in Ucraina e non in Moldova, ma insomma siamo vicini...)

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Insinna insulta i concorrenti: "Avevamo 7 dementi, ha giocato una nana"

striscia la notizia

Insinna insulta i concorrenti di "Affari tuoi": infuria la polemica Video

3commenti

Prometteva la vittoria a Miss Mondo in cambio di sesso: smascherato da "Striscia la notizia"

MISS MONDO

Chiedeva sesso in cambio della vittoria: smascherato da "Striscia la notizia" Foto

Game of thrones 7

Game of Thrones

"La grande guerra è arrivata"

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Candidati: lancio Chiara

SPECIALE ELEZIONI 

Candidati sindaci, 15 risposte su Parma in 2' I video

di Chiara Cacciani

6commenti

Lealtrenotizie

Furti all'Esselunga

polizia

Esselunga di via Traversetolo nel mirino, ladri in azione pomeriggio e sera

1commento

calcio

Gian Marco Ferrari, dalle giovanili del Parma alla Nazionale

polizia

Danneggia un'auto nel cuore della notte in via Emilio Casa: denunciato 48enne

sorbolo

A caccia di Igor? No, l'elicottero misterioso sulla Bassa è di Enel

2commenti

Lutto

«Camelot» se n'è andato a 59 anni

4commenti

Roncole Verdi

Uno scandalo sessuale nel passato del nuovo prete

4commenti

La denuncia

Asili e materne, graduatorie col «trucco»

3commenti

Intervista al dG

Fabi: «Così rilancerò il Maggiore»

Iniziatova

Per il mese di giugno acqua gratis nelle casette Iren

Iniziativa

Acer Parma, bollette listate a lutto per le vittime di Manchester

Lega Pro

Parma, e adesso la Lucchese

1commento

Sport Paralimpici

Giulia, pesce combattente

Busseto

Addio a Scrivani: ha insegnato a guidare a  generazioni

MEDESANO

Pellegrini 2.0: una app sulla via Francigena

Criminalità

Le «ronde elettroniche» funzionano. Già 260 i parmigiani coinvolti

4commenti

LEGA PRO

Play-off: il Parma giocherà con la Lucchese

Sondaggio: i nostri lettori speravano nei toscani o nella Reggiana. In caso di passaggio del turno, i crociati incontrerebbero la vincente di Pordenone-Cosenza

12commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

La balla dei soldi pubblici ai giornali

di Michele Brambilla

3commenti

EDITORIALE

Loro criminali paranoici. Noi troppo deboli e divisi

di Paolo Ferrandi

2commenti

ITALIA/MONDO

ISLANDA

Turista italiano 20enne muore in un incidente in bici

LONDRA

Voto Gb: dopo Manchester Labour rimonta ancora, -5% da Tory

SOCIETA'

MILANO

La danza dell'amore dei serpenti. In un parco pubblico

cinema

Festival di Cannes: curiosità dalla Croisette Foto

SPORT

Moto

Rossi, notte serena all'ospedale

playoff ritorno

Parma - Piacenza 2 - 0: gli highlights del match Video

2commenti

MOTORI

il test

Nuovo Discovery, in missione per conto di Land Rover

IL TEST

Tiguan, come prima più di prima