12°

24°

Provincia-Emilia

Scuole di montagna: la protesta continua davanti al prefetto

Scuole di montagna: la protesta continua davanti al prefetto
Ricevi gratis le news
2

Chiara Cacciani
Scenderanno anche in pianura per difendere l'esistenza delle  scuole lassù in montagna. Dove i numeri, è vero, sono risicati, ma - e lo ripetono sempre - sufficienti per continuare a mettere un argine allo spopolamento. «Se se ne vanno le famiglie giovani, l'Appennino muore, capisce?», è la preoccupazione. 
Sull'agenda l'appuntamento con la protesta pacifica - a colpi di voce e di carte -è già fissato: mercoledì prossimo dalle 9.30 sindaci armati di  fascia tricolore, assessori alla Scuola, rappresentanti delle due Comunità montana parmensi, genitori e insegnanti saranno davanti al palazzo della Prefettura a Parma, in via Repubblica.
L'obbiettivo? Lo sintetizza Ulisse Ferrari, assessore alla Scuola della Comunità montana est, che insieme alla Ovest ha organizzato la discesa a valle. «Vogliamo che il Governo si impegni per modificare la legge Gelmini per quanto riguarda le scuole di montagna. Così com'è, con quei numeri-limite,  ci uccide. E non possiamo accontentarci delle deroghe che qualcuno ha ventilato: quelle dovrebbero essere riconfermate ogni anno e ci lascerebbero sempre nell'incertezza». E ad alta quota, invece, si chiedono sicurezze. «Il governo deve dirci se vuol credere o no nella montagna. Se sì, allora non si può penalizzare chi resta. E non si può ragionare solo coi numeri».
     I punti fondamentali, quelli che fanno tremare famiglie, amministratori e insegnanti, sono due. Il primo riguarda la chiusura dei plessi che non raggiungono la soglia dei 50 alunni. «E' vero -spiega Ferrari - nelle zone montane questa norma della legge troverà applicazione solo nell'anno scolastico 2010-2011, ma le ripercussioni saranno immediate». Il secondo dovrebbe invece avere effetto già a partire da settembre, con la potenziale chiusura di parti di plessi in mancanza dei numeri di alunni sufficienti (le medie di Monchio, per esempio, o certe scuole dell'infanzia), la riduzione degli organici e la sparizione di intere classi con la trasformazione in pluriclassi. «Con evidenti conseguenze sulla didattica».
  Mercoledì a Parma le  loro motivazioni le snoccioleranno una ad una. E sarà consegnato al prefetto Scarpis un documento congiunto che sarà firmato in diretta dai presidenti delle due Comunità montane e che ha ottenuto l'approvazione dei sindaci dei comprensori est e ovest in cui si chiede con forza di salvare le scuole di alta quota.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • salvatore pizzo

    13 Aprile @ 01.57

    Il gruppo "Maestre e Maestri, autoconvocati, di Parma e provincia" aderisce all'iniziativa pur non avendo avuto contatti con i promotori, si invitano i cittadini e i colleghi (con le loro famiglie), specialmente coloro che in settembre, rischiano di non verdersi rinnovato il contratto ad essere presenti. Salvatore Pizzo, portavoce 338/8103820 0521/238918

    Rispondi

  • gianfranco ferrari

    12 Aprile @ 12.46

    Concordo con chi non vuole chiudere le scuole di montagna, ma a tutto c'è un limite, siamo in condizioni economiche tali da poter mantenere in funzione scuole con pochissimi studenti ? forse sì, basterebbe eliminare le comunità montane e le provincie, e con gli euri risparmiati sicuramente potremmo permetterci questo ed anche altro. Per chi ha da dissentire, vada a vedersi le puntate di Report sugli argomenti.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Ricoverato Sobral, vincitore Eurovision 2017

Eurovision 2017

Salvador Sobral ricoverato in gravi condizioni

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

L'evento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Orietta Berti batte il Fisco: l’Irap le sarà rimborsata dal 1998

MONTECCHIO

Orietta Berti vince sul Fisco: le sarà restituita l'Irap pagata negli ultimi 19 anni

Notiziepiùlette

Ultime notizie

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Ristorante Bagno Gelosia

CHICHIBIO

«Bagno Gelosia», il pesce secondo tradizione

Lealtrenotizie

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

PARMA

Finti poliziotti picchiano e rapinano prostitute in via Emilia Ovest

Gli agenti delle Volanti sono stati contattati da una "unità di strada anti-tratta"

3commenti

in serata

Rapina con coltello nella farmacia di via Trieste: due ladri in fuga

anteprima gazzetta

Caso Villa Alba: nuovi sospetti

I prossimi avversari

Non solo ottimismo in laguna: "Parma, nuova rivalità"

Anticipi/posticipi

Parma-Avellino domenica 29 ottobre Il calendario fino alla 13a

arezzo

Furto di una collana d'oro, auto affittata a Parma. 27enne nei guai

Crocetta

Insegue due ladri e viene preso a pugni

8commenti

OLTRETORRENTE

Scoperto a rubare biciclette, si nasconde sotto a un'auto ma la polizia lo blocca: arrestato

Un residente ha visto un 24enne marocchino, di notte, dal videocitofono e ha chiamato il 113

10commenti

nel pomeriggio

Incidente auto-minicar in p.le Volta: un 38enne al pronto soccorso

Sant'Ilario d'Enza

Si appostano in strada con ascia e coltello per un regolamento di conti: denunciati due russi

Ai carabinieri, i due uomini hanno detto "Siamo di passaggio". In realtà, da oltre un'ora si aggiravano per il paese

1commento

FIDENZA

Addio commosso a Filippo Nencini

Danza

Rebecca Bianchi nominata ètoile dell'Opera di Roma

gazzareporter

"Scena giornaliera del Maria Luigia"

AGROINDUSTRIA

Rainieri e Fabbri: “Il Ceta danneggia l’agricoltura dell’Emilia-Romagna”

PARMA

Incidente in via Rondizzoni

Sul posto il personale del 118 e i vigili del fuoco

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

Migranti e tensioni, i fronti parmigiani

di Francesco Bandini

5commenti

ITALIA/MONDO

Francia

E' morta Liliane Bettencourt, lady L’Oreal: la donna più ricca del mondo aveva 94 anni

legge elettorale

Presentato il Rosatellum bis. Come funziona Video

SPORT

Aragon

Vale "idoneo", sarà in pista. L'arrivo in stampelle Video

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

fotografia

Gazzareporter "Vacanze": vince un romantico paesaggio

lite a seattle

Svastica al braccio: steso con un pugno da un afroamericano

MOTORI

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery

IL DEBUTTO

Nuova Suzuki Swift, nel weekend il porte aperte