13°

24°

ALBARETO, BARDI, BERCETO, SOLIGNANO E VALMOZZOLA

Patto tra 5 sindaci: «Salviamo i Comuni della montagna»

Firma dei sindaci di provincia

Firma dei sindaci di provincia

Ricevi gratis le news
0

Firmato un accordo per dire «no» alle unioni volute dalla Regione e «sì» alle convenzioni

 

Cristian Calestani
Un patto di solidarietà tra cinque sindaci per salvare e rilanciare la montagna.
E’ questo l’accordo sottoscritto ieri mattina ufficialmente dai primi cittadini di Albareto, Bardi, Berceto, Solignano e Valmozzola. «Vogliamo che la montagna non sia abbandonata - ha spiegato il sindaco di Solignano Lorenzo Bonazzi – ed il patto che sottoscriviamo va proprio nella direzione di far si che la gente resti in montagna potendo contare sulla presenza di servizi, occasioni di lavoro e qualità della vita. Non condividiamo il percorso della Regione che con la legge 21 obbliga alle Unioni che consideriamo delle sovrastrutture inefficienti. Noi siamo a favore delle convenzioni ed abbiamo iniziato a lavorare, anche sul piano tecnico, in questo senso con un approccio un po’ più imprenditoriale seguendo un programma di lavoro politico-amministrativo slegato da logiche partitiche».
Il sindaco di Bardi Giuseppe Conti è poi entrato nel vivo dei problemi: «una parte della politica non capisce il dramma della montagna. Nelle terre alte c’è desertificazione demografica, manca il lavoro, mancano le infrastrutture viarie e telematiche e l’agricoltura è crollata. Deve essere chiaro che l’uomo in montagna non è un elemento folcloristico, ma un elemento fondamentale, un presidio per il territorio. Se ci dimentichiamo di questo un domani i problemi idrogeologici e le frane verranno a bussare alla pedemontana e alla pianura». Sul problema dell’accesso ai fondi europei, «bloccati dalla troppa burocrazia», si è soffermato il sindaco di Valmozzola Claudio Alzapiedi che ha poi aggiunto: «Negli ultimi anni i comuni di montagna sono stati privati di tutto. In passato gestivamo acqua e raccolta rifiuti e con i soldi di quei servizi potevamo asfaltare le strade ed intervenire sulla rete idrica. Oggi tutto questo non è più possibile con costi triplicati e servizi peggiorati per i cittadini».
Sulla contrarietà alle unioni si è poi soffermato il sindaco di Albareto Ferrando Botti: «Le unioni non possono risolvere i problemi dei territori di montagna. Si possono mettere insieme dei servizi come accade con le convenzioni, ma non intere funzioni come l’attività di un ufficio tecnico o l’economato. Non è semplice erogare servizi su territori così vasti come quelli dei comuni di montagna, realtà che devono restare autonome».
Conclusioni affidate al sindaco di Berceto Luigi Lucchi: «La politica deve ripartire dai piccoli comuni che sono guidati da gente eletta dai cittadini e non nominata come accade negli enti di secondo grado. Il patto sottoscritto oggi è un segnale di speranza con cinque sindaci che si mettono insieme, senza costi e senza burocrazia, per difendere un territorio. Obiettivo è quello di coinvolgere i 24 sindaci di montagna».

 

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Grande Fratello doccia

televisione

Doccia "hot" della "piccola" Belen: ascolti alle stelle e polemiche

1commento

Claudio Baglioni

Claudio Baglioni

spettacoli

Sanremo, Baglioni sarà conduttore e direttore artistico

1commento

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

DOMANI

Tutto pronto per gli Stones a Lucca. Mozzarella compresa Le set list del tour

Notiziepiùlette

Ultime notizie

La parola all'esperto

ECONOMIA

Torna "La parola all'esperto". Inviate i vostri quesiti

Lealtrenotizie

Cade in bici, è grave

nel pomeriggio

Cade in bici in via Garibaldi: ottantenne ricoverato in gravi condizioni Video

tg parma

Viadotto sul Po chiuso, il Governo vaglia la fattibilità del ponte di barche Video

5commenti

anteprima gazzetta

Massese, i mesi passano e nulla cambia: resta pericolosa

gazzareporter

Strada allagata in via Gramsci

Pilotta

Verdi Off, le emozioni di Brilliant Waltz Video - 2

venezia-Parma

Brutto momento, D'Aversa: "Dobbiamo uscirne con la voglia di lottare" Video

1commento

Dramma

Sfrattato, si toglie la vita

27commenti

fauna selvatica

Trasporto di animali feriti, affidato l'incarico

Il responsabile del servizio è il dr.Giovanni Maria Pisani

2commenti

tg parma

Blitz col coltello in farmacia, è caccia ai rapinatori Video

1commento

PROCESSO

Villa Alba, nuova perizia su una morte sospetta

ROCCABIANCA

Ponte sul Po, prima i disagi ora gli incidenti

Università

Mercoledì 27 si vota per il nuovo rettore: dove e come

in serata

Fiamme tra Parola e Sanguinaro: alta colonna di fumo, spente le fiamme

FRODE

Wally Bonvicini parla e si difende

2commenti

TORRECHIARA

Il mistero della settima porta

gazzareporter

Rifiuti "in bella mostra": la segnalazione dalla zona ospedale

5commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

GAZZAFUN

Dalla margherita alla "frutti di mare": vota le 10 pizze più buone

EDITORIALE

La Catalogna e il ritorno delle piccole patrie

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

uragani

Maria: cede una diga a Portorico, allagate due cittadine

Massa Carrara

Le spese pazze di don Euro: indagato anche il vescovo di Massa

SPORT

motogp

Aragon, seconde libere: Rossi 20° Domina Pedrosa

STATI UNITI

E' morto il pugile Jake La Motta, "Toro Scatenato"

SOCIETA'

Brianza

Laura, la prima sposa single d'Italia: abito, festa e viaggio di nozze Foto

turismo

A Forte dei Marmi prorogata la chiusura degli stabilimenti: 5 novembre

MOTORI

LA NOVITA'

Al volante della nuova Volvo XC60. Ecco come va

auto&moda

Jaguar E-Pace, Debutto con Palm Angels Fotogallery