-5°

Provincia-Emilia

Quando gli sfollati sono i fedeli

Quando gli sfollati sono i fedeli
3

di Stefano Rotta

I sassi sull'altare sono ancora lì, dall’antivigilia di Natale. A Pasqua, nella chiesa di Mattaleto, appena sopra Langhirano, non è cambiato nulla.
Per terra un letto di macerie, le panche in legno divelte dai crolli, gli squarci nel soffitto. Siamo entrati, a nostro rischio e pericolo, grazie alla gentilezza della custode, la signora Cantarelli. «Noi speriamo che qualcuno si ricordi di Mattaleto. Ma per ora non abbiamo visto niente», dice.
 Guardando il campanile della chiesetta di Barbiano, nelle colline vicino a Felino, si vede il cielo. Perché c'è un buco. E, come ammette il custode Simone Belicchi, rischia di crollare da un momento all’altro. «Non si è presentato ancora nessuno - ripete - Scrivetelo, qui è pericoloso, lo hanno attestato anche i Vigili del Fuoco. Non c'è giorno che non venga giù un pezzo, anche dal fienile». A Barbiano si sono sposati molti parmigiani: per qualche anno questo gioiello sarà inagibile.
La politica, nei giorni scorsi, si è mossa insieme alle istituzioni e alla curia per reperire i fondi necessari al ripristino delle attività di culto. Sarà possibile arrivare dappertutto? I campanili, in Appennino, spuntano all’improvviso: in cima a un poggio, arroccati su una costa, in mezzo a un pianoro o incastonati in una gola. Sono testimoni dei secoli, di fede, di lotte, di rifugi, di preghiera, abitudini, e anche tecniche artistiche e architettoniche. E’ difficile arrivare dappertutto perché, a parte Barbiano, Mamiano e Mattaleto, di fatto le altre chiese sono interessate a infinite e piccolissime crepe.
Le vedi arrampicarsi sulle vecchie pietre come l’edera. Chi può dire se siano il principio di un cedimento, o solo il naturale assestamento di edifici, a volte del primo millennio dopo Cristo? L'immagine che anticipa molte chiese, è il nastro rosso e bianco, una cancellata di alluminio provvisoria e il cartello «Attenzione, pericolo di crollo». Le porte sono chiuse ovunque.
A volte, come ad Antesica, in Val Parma, la chiesa ha retto, ma non il terreno intorno, con i vecchi muri a secco. Altre solo calcinacci, come a Torre, nei pressi di Traversetolo. Ma niente interventi, per ora. In questo abitato, vicino alla casa di alcuni stranieri, è rimasto a vivere solo Opel Hans, viennese.
Racconta: «Quella notte è piovuto materiale dall’alto, in casa. Tremavano i muri, come fosse passato un camion a pieno carico. La chiesetta è stata dichiarata inagibile, poi è tornata aperta. Ha retto. Forse perché qui (vicinissimo all’epicentro, ndr) c'è molta argilla, che assorbe le onde».
 Quando crolla una chiesa o diventa inagibile, in un piccolo borgo, è ben più di un edificio di culto che se ne va, di un luogo impraticabile per trovarsi, pregare, officiare le funzioni. E’ un pezzo di storia, un angolo di anima strappato a chi ci vive. Magari arrocato, e solo. Apparentemente solo.
Don Giuseppe Celestino, 95 anni, in gamba, sarebbe un po' più povero senza quel tempio fuori dal tempo che è la chiesetta di Torre. Ma i fedeli sanno organizzarsi. A Sant'Ilario Baganza, dopo il terremoto, chiesa chiusa, la messa è stata fatta in un praticello poco sotto. A Tordenaso, Badia Cavana, Mozzano, Campora - la lista si farebbe troppo lunga volendo continuare - sono crepe, crepine, e ancora crepe. Piccole, ma subdole.
Girando per la pedemontana o fra le colline parmensi, nella parte più prossima al reggiano, non esiste quasi più una chiesa senza crepe. Antichi oratori incrinati, absidi segnati da leggere ma ben visibili striature. Nessun pericolo di crollo, ma molti, moltissimi segni che la terra ha tremato. 


 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • giuliana

    17 Aprile @ 13.34

    Ritratto immediatamente le accuse che Vi ho rivolto pochi minuti fa. RingraziandoVi per la pubblicazione, Vi prego di accettare le mie scuse.

    Rispondi

  • giuliana

    17 Aprile @ 13.13

    E non è neppure troppo strana la censura del mio precedente intervento, non è raro trovare chi si è già inchinato all'islamicamente corretto. E' solo l'ennesima prova che contro i criistiani è ammesso di tutto, ma "chi tocca l'islam muore".

    Rispondi

  • giuliana

    17 Aprile @ 10.27

    "Quando crolla una Chiesa o diventa inagibile, in un piccolo borgo, è ben più di un edificio di culto che se ne va...E' un pezzo di storia, un pezzo di anima strappato a chi ci vive..." Questo è solo uno dei tanti segnali che dimostrano quanto l'amministrazione sia in linea con la politica europea, e purtroppo anche italiana, che va verso l'unificazione dei paesi del bacino del Mediterraneo e la formazione del mostro eurabia con la nostra inevitabile islamizzazione. La nostra storia sta cambiando anche sui libri scolastici per far posto alle dichiarazioni islamiche false e farneticanti pronte per il lavaggio dei cervelli dei nostri bambini e dove tutto ha avuto inizio dall'islam e tutto all'islam debba ritornare (anche Gesù Cristo non è più considerato ebreo, ma islamico). Via le nostre Chiese per far posto alle moschee. E se le Chiese crollano è per volontà di allah, i musulmani festeggiano come hanno festeggiato per il terremoto e i morti dell'Abruzzo. Ecco la traduzione di una loro preghiera:"Oh allah, rendi stabili presso di loro il terremoto e le disgrazie, maledici l'Europa, Israele e gli Stati Uniti." All'aumento del numero delle vittime pregavano dicendo:"Oh allah, fai salire queste cifre, distruggi i nostri nemici e aiuta i musulmani". E l'amministrazione si da da fare per aprire moschee dove possano ritrovarsi per maledirci e programmare la nostra fine. Che schifo!!!!

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

White Lion: i latini a Pilastro

Pgn Feste

White Lion: i latini a Pilastro Foto

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy

Australian Open

Eugenie Bouchard fra tennis e scatti sexy Foto

Acquisto auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

CONSIGLI

Acquistare un'auto nuova: le 6 soluzioni più efficaci

Notiziepiùlette

Incidente Cascinapiano
Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

Ultime notizie

Velluto rosso

VELLUTO ROSSO 

Prosa e Lirica, risate e emozioni a teatro: il meglio della settimana

di Mara Pedrabissi

Lealtrenotizie

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

Polemica

«Sulla legionella ci hanno preso in giro»

IL CASO

«Ci hanno tolto il figlio per uno schiaffo»

Weekend

Feste di Sant'Antonio, musica e fuoristrada: l'agenda

Parlano gli studenti

«La Maturità 2018? Premia chi non studia»

Langhirano

Antonella, quel sorriso si è spento troppo presto

Il caso

Anziana disabile derubata in viale Fratti

Incidente Cascinapiano

Filippo, addio con la maglia numero 8

tg parma

Trentenne parmigiano aggredito e rapinato da una baby gang in centro

6commenti

PROTESTA

Le medicine? Prendetele all'ospedale

DATI

Collecchio, boom di nascite

Intervista

Edoardo Bennato: «Sono sia Peter Pan che Capitan Uncino»

Regio

L'umanità raccontata da Brunori Sas Foto

Il fatto del giorno

Legionella: la rabbia del quartiere Montebello

3commenti

Polizia

Salta il furto di rame nella centrale di Vigheffio: arrestati due romeni

Sequestrato tronchese gigante

8commenti

Parma

Metano e gpl per auto: arrivano gli ecoincentivi

3commenti

Parma

Rapina in villa a Marore: falsi vigili svuotano una cassaforte

2commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Quei «no» che non sappiamo più dire ai figli

6commenti

EDITORIALE

Un morto nell'Italia dello scaricabarile

di Paola Guatelli

ITALIA/MONDO

soccorsi

Altri 4 estratti dalle macerie del Rigopiano, ma c'è una quarta vittima

I Parete

"Viva anche Ludovica": Giampiero riabbraccia la famiglia

WEEKEND

CINEMA

Da "Arrival" a "Qua la zampa": i film della settimana Video

IL DISCO

Avalon, un sound sofisticato

1commento

SPORT

Sport

MotoGP: tutti i piloti Foto

MERCATO

Evacuo, trattative congelate

MOTORI

IN PILLOLE

Dacia Sandero Stepway
model year 2017

ALFA ROMEO

Stelvio, ci siamo. Il Suv è già ordinabile Fotogallery