15°

Provincia-Emilia

Caso Cavanà: «I farmaci? Per punizione non per terapia»

Caso Cavanà: «I farmaci? Per punizione non per terapia»
0

Georgia Azzali
Ripetuti maltrattamenti, iniezioni di farmaci ai ragazzi «contro la loro stessa volontà e senza un'acclarata motivazione clinica». Ingiurie, come «bagascia, ciccione, mongoloide».  E «un sistema di controllo  meramente contenitivo-punitivo degli ospiti».   Parole messe nero su bianco nel capo di imputazione:  concorso in maltrattamenti che avrebbero creato gravi lesioni.
  Ron Shmueli, 54 anni, direttore sanitario di «Cavanà»  continua a respingere ogni accusa  dalla sua casa di Zoagli, in cui dall'altro ieri è agli arresti domiciliari,  ma il quadro che emerge dall'ordinanza di custodia cautelare è di assoluta gravità, ammesso che i reati siano provati. 
Gli altri sette indagati
Accuse pesantissime nei confronti del responsabile della comunità per giovani con problemi psichici, ma anche per i sette suoi collaboratori indagati a piede libero sempre per maltrattamenti: Luca Vetricelli, coordinatore generale della struttura; Andrea Giuseppe Bisagni, Salvatore Lo Feudo, Francesco Martucci e Fabiana D'Elia, tutti educatori;    Matteo Ferradini, coordinatore-educatore-psicologo;  l'infermiera Bogumila Monika Brzeczkowska. «Coloro che operavano all'interno della comunità non solo osservavano le direttive del direttore sanitario - scrive il gip Paola Artusi nell'ordinanza di  applicazione della misura cautelare - ma sembrano condividerle,  laddove la somministrazione delle terapie farmacologiche  era divenuta anche un mezzo di controllo e di punizione... e tali terapie venivano sollecitate e richieste a mezzo telefono al direttore sanitario  direttamente  dagli operatori presenti».
Le accuse dei testimoni
Il giudice ripercorre le tappe dell'inchiesta, condotta dal Nas di Parma e coordinata dal pm Francesco Gigliotti, a partire dalle dichiarazioni di Lorenzo Vecchi, l'ex educatore che il 15 maggio 2008 presentò un esposto in procura  per denunciare il sistema delle «fialature» - le iniezioni a cui sarebbero stati sottoposti i ragazzi anche contro la loro volontà - e altre presunte violenze fisiche e psichiche. Fatti che, secondo il giudice, trovano riscontro anche nelle parole di altri ex collaboratori  della struttura, ma anche da un'insegnante della scuola media di Pellegrino frequentata da alcuni ragazzi. «Mi hanno  confidato che in alcune circostanze  sono stati sottoposti alla somministrazione che li faceva dormire, rendendoli  deboli per alcuni giorni»,    ha dichiarato l'insegnante a verbale.
La consulenza tecnica
C'è la parola di chi ha  visto, ma è la consulenza tecnica disposta  dal pm  a  convincere il gip  che i farmaci venivano somministrati al di là delle motivazioni cliniche. «Una funzione terapeutica - scrive il giudice -  è esclusa non solo dalle motivazioni che hanno accompagnato  tali somministrazioni..., ma anche dal giudizio tecnico reso dal professor Piccinini. Circa l'utilizzo delle medicazioni intramuscolo con  violenza e contro la volontà dei pazienti, il consulente del pm  conclude assumendo  che un tale comportamento “costituisce un fatto gravissimo per i potenziali effetti negativi sul piano terapeutico e sull'evoluzione del quadro clinico”».
Le schede mediche introvabili
    A completare il quadro indiziario, c'è anche la scomparsa  di alcune  cartelle riguardanti la terapia farmacologica. «Appare inoltre sospetta - scrive il giudice nell'ordinanza -  l'avvenuta distruzione, ad opera del direttore sanitario, delle schede relative  alle somministrazioni  di terapia relative all'anno 2007 e al primo semestre 2008».  Non solo. Secondo il giudice «in alcune delle condotte  descritte sembrano ricorrere  anche gli estremi  del reato di violenza privata e, da quanto riferito dal consulente del pm, anche quello di lesioni personali».
E le altre strutture Cavanà? 
 C'è la comunità di Pellegrino, ma - almeno per quanto riguarda l'Emilia Romagna - esistono altre due sedi: una a Bedonia, l'altra a Fabbrico, nel Reggiano.  «Shmueli - scrive il gip - risulta ricoprire  ruoli direttivi  anche in altre comunità residenziali, così che non può essere escluso che anche in tali strutture abbia posto in essere o stia  ancora ponendo in essere analoghe condotte delittuose».
Pericolo di nuovi reati
Gli arresti domiciliari per Shmueli? Giustificati, secondo il giudice, dal rischio di reiterazione del reato, ma anche dal «pericolo per  la genuinità della prova». 
Un quadro accusatorio che Gianluca Paglia, difensore dello psichiatra insieme a Giulio Cesare Bonazzi, non vuole commentare, ma precisa: «Non intendo entrare nel merito della questione, tuttavia mi preme sottolineare che il dottor Shmueli è persona di indiscussa rispettabilità e professionalità  e avrà modo di dimostrarlo».
Martedì l'interrogatorio di garanzia: sarà il gip di Genova, però, su delega, a sentire lo psichiatra. Ammesso che scelga di parlare.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

3commenti

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

parodia con Parma/Karma canzone vincitrice sanremo

parodia

Si sorride con il prosciutto di Parma in "salsa" Occidentali's Karma Video

Aereo intercettato sui cieli della Germania

germania

Il pilota non risponde: volo di linea scortato da jet da guerra

Jessica allena i glutei

GOSSIP

Sexy allenamento di Jessica Immobile: boom di clic 

Notiziepiùlette

Ultime notizie

I dieci errori da evitare in palestra

FITNESS

I dieci errori da evitare in palestra

Lealtrenotizie

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

CORTE DEI CONTI

Finto malato e assenteista, infermiere condannato

Sicurezza

Blitz nelle cattedrali del degrado

FISCO

Condomini, è guerra contro le scadenze impossibili

A TEATRO

«Mar del Plata», il rugby contro la dittatura

Fidenza

Concari, quando la medicina è una missione

Salso

Righe blu, e la mezz'ora gratis?

CCV

Ventuno progetti per Parma

calcio

Cerri, che gioia il gol in A

Collecchio

Rapina alla Cariparma: giallo sui colpi di arma da fuoco. Video: l'arresto dei ladri

Il servizio del Tg Parma: la testimonianza di un giovane - Video

CULTURA

Tahar Ben Jelloun a Parma: "Più educazione per sconfiggere l'Isis"

Palazzo del Governatore gremito

anteprima GAZZETTA

Pomeriggio di paura a Collecchio Video

GAZZAREPORTER

Degrado in Oltretorrente Foto

Un lettore racconta con le immagini una passeggiata abortita

LEGA PRO

Parma- Samb 4-2: il film del match Video

Via Mazzini

Le baby gang fanno paura: negozianti sotto assedio

11commenti

Parma

Trasporti, gara a BusItalia. Tep all'attacco: "Verificheremo se l'assegnazione è legittima"

Offerte eccessivamente al ribasso - dice la Tep - possono poi avere pesantissime ripercussioni sul servizio, sugli utenti e sui lavoratori

13commenti

enti

Allarme Provincia: "Rischiamo di non chiudere il bilancio" Video

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

IL DIRETTORE RISPONDE

Le deprimenti liti dei politici

4commenti

EDITORIALE

I figli, la droga e una mamma "condannata" per troppo amore

di Carlo Brugnoli

ITALIA/MONDO

SINISTRA

Dal Pci a Sel, la storia delle scissioni Video

Cremona

Napalm artigianale per incendiare la discoteca "rivale": denunciati due giovani

1commento

SOCIETA'

auto

Addio al libretto di circolazione: il documento sarà unico

1commento

IL CINEFILO

Ecco due film "Molto belli" Video

SPORT

Vietnam

Rigore inesistente: la squadra resta immobile per protesta

ATLETICA

"Ayo" Folorunso vince i 400: guarda la straordinaria rimonta Video

MOTORI

SUPERCAR

Ferrari 812 Superfast,
la nuova berlinetta da 800 Cv

nuovo kit

Mercedes Classe A Next, un passo più avanti