22°

32°

appennino

Venti ore di pioggia. E le frane si rimettono in moto

A Costa Venturina si riattiva il dissesto che minaccia la comunale per Signatico. Smottamento anche tra Bedonia e Compiano. Sopralluogo a Torre di Chiastre

Tecnici al lavoro sulla strada per Signatico

Tecnici al lavoro sulla strada per Signatico

Ricevi gratis le news
0
Venti ore filate di pioggia che stanno mettendo a dura prova le "radici" dell'Appennino e il morale dei suoi abitanti, che per molto tempo ancora avranno davanti agli occhi le immagini del 2013, l'anno delle frane. Frane che in alcuni casi si stanno rimettendo in moto. E' il caso di Costa Venturina, nel Cornigliese. Ad aprile lo smottamento che minacciava la provinciale 13 aveva impegnato gli escavatori per tre giorni e tre notti filate. Ora la frana si riattivata e torna a minacciare la viabilità comunale, mettendo a riscio i collegamenti con Curatico e Signatico. In queste ore si sono aggravate le condizioni del manto stradale e il Comune ha subito proceduto  alla delimitazione della carreggiata ad opera dell' Ufficio tecnico. Come conferma l'assessore Matteo Cattani anche sulla pagina facebook del Comune, "sono in previsione progetti di viabilitaà alternativa qualora la comunale non fosse più praticabile". 
Disagi alla viabilità anche al confine tra Bedonia e Compiano, a Ponte di Isola, dove una grossa colata di fango e detriti è scivolata sulla provinciale. Subito al lavoro i tecnici della Provincia.
Un sopralluogo anche a Torre di Chiastre, dove nei giorni scorsi due abitazioni sono state evacuate. Sul posto questa mattina anche i parlamentari parmigiani Patrizia Maestri e Giorgio Pagliari.

LA SITUAZIONE A CHIASTRE

La frana di Chiastre concede una tregua, ma l’attenzione resta alta. È quanto è emerso in mattinata dalla riunione del tavolo interistituzionale, a Calestano, e da un nuovo sopralluogo sulla frana. Presenti l’assessore provinciale Andrea Fellini, che su mandato del presidente Bernazzoli sta gestendo la situazione col Servizio Viabilità e Protezione civile, i rappresentanti di Prefettura, Servizio tecnico di bacino, Comitato provinciale di Protezione civile, Consorzio di bonifica, Carabinieri, Comuni di Berceto e Calestano (a fare gli onori di casa c’era il sindaco Mariagrazia Conciatori), oltre ai parlamentari Patrizia Maestri e Giorgio Pagliari e al consigliere regionale Gabriele Ferrari.
“La situazione è al momento sotto controllo, la frana ora è ferma e il Servizio tecnico di bacino sta continuando a lavorare per “regimare” le acque di superficie. Al momento, ad esclusione dell’abitazione che è già stata evacuata, non si ravvisano problemi per le altre abitazioni a valle della frana e per la viabilità provinciale, ma la situazione è in continua evoluzione e non bisogna abbassare la guardia. Continueranno fino a lunedì i monitoraggi 24 ore su 24, mentre se non ci saranno pericoli imminenti e la situazione non muterà, da lunedì il monitoraggio sarà nelle sole ore notturne. L’attenzione resta comunque alta, anche perché siamo preoccupati per le piogge previste in questi giorni. La prossima settimana ci aggiorneremo per vedere come procedere nei lavori e nella vigilanza”, ha detto al termine dell’incontro l’assessore provinciale Andrea Fellini, che ha voluto ringraziare “i volontari e tutte le istituzioni che hanno partecipato, perché ancora una volta abbiamo dimostrato grande capacità di coesione nella gestione dell’emergenza. Ringrazio poi tutto il personale della Provincia, che ha lavorato da subito, e le imprese che immediatamente si sono dimostrate disponibili a intervenire. Oggi più che mai è indispensabile far funzionare il Tavolo tecnico interistituzionale per la gestione delle emergenze ma anche per monitorare un territorio ferito che non può essere abbandonato a se stesso”.

IL COMMENTO DI MAESTRI E PAGLIARI

Si è svolto nel corso della mattinata il previsto tavolo interistituzionale e il sopralluogo dei parlamentari parmigiani Patrizia Maestri e Giorgio Pagliari nella frazione di Chiastre, nel Comune di Calestano, nei luoghi interessati da una frana estesa e preoccupante, tale da mettere a rischio alcune abitazioni oltre che la normale percorribilità della strada provinciale sottostante. Il movimento franoso è in atto da diversi giorni, complice il cattivo tempo che sta colpendo anche questa zona del nostro territorio. “Seguiamo con grande attenzione l'evolversi della situazione – hanno affermato Maestri e Pagliari – la relativa tregua concessa dalla frana non può infatti spingere nessuno ad abbassare la guardia. Occorre una azione strutturale per la messa in sicurezza del territorio e per garantire la sicurezza delle abitazioni attualmente a rischio, ma anche della strada provinciale e delle case sottostanti. Il nostro impegno sarà ora volto ad ottenere una proroga dello stato di emergenza, e allo stanziamento di adeguati finanziamenti a sostegno di questo territorio e non solo. Già duramente colpito dai fenomeni franosi della scorsa primavera, il territorio parmense si trova nuovamente a vivere momenti di estrema difficoltà. Proprio per questo occorre uno sforzo forte e sinergico per fare in modo che le risposte siano celeri e adeguate”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Video

1commento

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia

tg parma

Polvergeist, un "corto" parmigiano al Festival di Venezia Video

Nuda in giro per Bologna: individuata e super-multa

SOCIAL

Bologna, la ragazza che passeggiava nuda rivela: "E' un esperimento sociale" Video

2commenti

"Vietato annoiarsi" a Bedonia: foto dalla piscina

PISCINe 

"Vietato annoiarsi" a Bedonia Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ferragosto di una volta: Parma deserta nel 1988

TG PARMA

Come eravamo: Parma deserta nel Ferragosto del 1988 Video

2commenti

Lealtrenotizie

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

PARMIGIANI A BARCELLONA

«Eravamo lì 40 minuti prima dell'inferno»

Testimonianze

Parmigiani a Barcellona: «Abbiamo visto tanta solidarietà tra la gente»

La testimonianza

«Io, molestata da un maniaco al Campus»

4commenti

weekend

Tra sagre e... castelli di sabbia: l'agenda. Rimandata la festa degli amor

CRONACA NERA

Rapina alla farmacia di via Volturno, due banditi in fuga

I dipendenti minacciati con i cutter

1commento

neviano

Attenzione, attraversamento cinghiali. Riuscite a contarli tutti? Video

1commento

Escursionismo

Rifugi, quelle case dove abita la natura

Amichevole

Parma e Empoli non si fanno male

Teatro

Addio a Tania Rocchetta, 50 anni di palcoscenico. E di impegno civile

Varano Melegari

La Polisportiva Varanese si tinge di Milan

Lutto

E' morto Maurizio Carra, un'istituzione dell'automobilismo

via bixio

Entra di notte al bar e fa bottino: arrestato grazie a un passante

1commento

COLLECCHIO

Talignano invasa da cinghiali e nutrie: la protesta dei residenti

Lamentele anche a Pontescodogna: «Troppe strade sconnesse»

1commento

METEO

Temporali, vento e caldo oggi in Emilia-Romagna

Le previsioni per il Parmense

carabinieri

Arrestate tre rom: così fecero bottino al Famila di Salso Il video

13commenti

Elisoccorso

Ora gli «angeli» dell'emergenza volano anche di notte

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Che cosa resta dei nostri amori

di Michele Brambilla

2commenti

EDITORIALE

Colpito il simbolo della gioia di vivere

di Paolo Ferrandi

ITALIA/MONDO

turku

Finlandia, c'è anche un'italiana tra i feriti a colpi di coltello. La Polizia: "E' terrorismo"

viabilità

Ritorni e partenze, traffico in intensificazione sulle autostrade Tempo reale

SPORT

Incidenti stradali

Ritirata patente al calciatore Kabashi

Calciomercato

Telenovela Kalinic, l'ultima puntata è incredibile

SOCIETA'

calestano

Mai dire Baganzai: la sfida (anche) dei video

gazzareporter

Limiti di velocità... al Parco Ducale Foto

MOTORI

VACANZE

Attenzione a come caricate i bagagli: si rischiano punti patente

MERCATO

Bmw Italia, 2000 euro per la permuta di diesel Euro4 e precedenti