10°

22°

Provincia-Emilia

Ancora un Po di paura: la piena è passata, ma è preallarme dopo il crollo del ponte di Piacenza

Ancora un Po di paura: la piena è passata, ma è preallarme dopo il crollo del ponte di Piacenza
Ricevi gratis le news
6

  Hanno ceduto due arcate del ponte che collega Piacenza a Lodi e alla sponda lombarda, attraverso la via Emilia. Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco sommozzatori.  Il prefetto di Piacenza ha confermato che non ci sono morti: il bilancio è comunque di 4 feriti, dei quali due gravi. 

In un primo tempo si era precauzionalmente deciso di bloccare anche il traffico ferroviario. Ma poco dopo le 14 le Ferrovie hanno annunciato che non ci sono motivi per bloccare i treni: e quindi il traffico ferroviario proseguirà regolarmente.

Il ponte ha piloni costruiti con l'unità d'Italia ma fu bombardato nel luglio del 1944 e fu ricostruito, ed inaugurato nel 1948.

REGIONE: EMERGENZA, ALLARME E PREALLARME - Il presidente dell’Emilia-Romagna Vasco Errani ha inviato al Governo la richiesta dello stato di emergenza nazionale per Piacenza e le province rivierasche.
Errani, su richiesta delle Province interessate, ha inviato la richiesta per i danni causati dal maltempo nel Piacentino da domenica a ieri, e nelle province costiere (Ferrara, Ravenna, Forlì-Cesena e Rimini) colpite da violente mareggiate domenica e lunedì.
Dopo che la Protezione Civile regionale ha dichiarato lo stato di allarme per la provincia di Reggio Emilia e quello di preallarme per le province di Piacenza, Parma e Ferrara, è stato subito attivato il piano degli interventi di messa in sicurezza del territorio.
La Protezione Civile regionale ha attivato squadre di volontari integrate con i tecnici Aipo per monitorare costantemente il Po e, in accordo con Prefetture ed Enti Locali, ha predisposto azioni informative ed eventuali interventi per mettere in sicurezza insediamenti privati e attività produttive situate nelle aree golenali.

CREMONA -  Il Po ha raggiunto stamattina alle 9.25 il colmo di piena a Cremona. Alla stazione di rilevamento cittadina il livello del fiume ha segnato il valore di 4,05 metri sopra lo zero idrometrico.
Da ieri sera alle 23 è cresciuto di un metro e 75 centimetri. L’acqua ha invaso tutte le società canottieri rivierasche, compresa la Baldesio, provocando danni alle strutture e agli impianti sportivi.

MALTEMPO: NUOVA PROROGA PER IL RISCALDAMENTO

LA CRONACA DI IERI

Comunicato stampa

In previsione dell'arrivo dell'onda di piena di Po, nella mattinata di oggi, 29 aprile, è stato effettuato dall'Ufficio Operativo di Parma dell'AIPO, con l'aiuto del Gruppo di Volontariato Comunale di Protezione Civile, un intervento di ripristino provvisorio dell'argine di rigurgito del torrente Parma in località Copermio, nel Comune di Colorno. L’argine era parzialmente franato nel corso delle recenti piene del Torrente Parma;  il suo rifacimento è stato già appaltato ma non ancora del tutto attuato per le condizioni idrometriche che non hanno permesso d'intervenire sulla zona di fondazione dello stesso.
L'intervento di oggi è consistito nella ricostruzione parziale in sagoma del rilevato e nel suo rivestimento lato fiume con teli impermeabili zavorrati, al fine di preservarne il paramento da eventuali fenomeni di erosione e infiltrazione, nel caso fosse lambito dalle acque di piena attese, al colmo, per le prime ore di venerdì 1 maggio.

A Torrile è stata chiusa al pubblico l'oasi della Lipu, che in caso di piena dovrebbe funzionare da naturale cassa d'espansione.
 

LA SITUAZIONE NELLE ALTRE ZONE Il Po si avvicina agli otto metri e a Piacenza ha sommerso la sede della Società canottieri Nino Bixio causando danni per centinaia di migliaia di euro. A Castelvetro, al confine con Cremona, l’acqua ha superato l'argine maestro pur mantenendosi a distanza di sicurezza dall’abitato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Francesco

    01 Maggio @ 11.18

    Mentre ci costerniamo per il crollo del ponte di Piacenza , magari potremmo anche pensare alle voci che circolano , già da un pò, sulla necessità di ristrutturazione e consolidamento del ponte stradale sul Po tra Colorno e Casalmaggiore. Un paio d' anni fa è stato temporaneamente chiuso al traffico pesante. Ora non ci sono più problemi ? Una volta , quando la strada era statale , la statale "Asolana", la competenza era dell' ANAS. Adesso la strada è provinciale. Magari qualche candidato alle Elezioni Provinciali del prossimo Giugno potrebbe dirci quali sono i provvedimenti che si intendono prendere per evitare che qualcuno di noi finisca col sedere "a mollo" nei pressi di Sacchetta.......................

    Rispondi

  • franco

    01 Maggio @ 11.15

    Questo dimostra ancora una volta ,se mai ce ne fosse bisogno, in che mani siamo, il prossimo ponte sara' costruito dalle veline sic !!!!

    Rispondi

  • Luigi

    30 Aprile @ 21.09

    "Cari miei dipendenti pubblici che ogni sera vi ho a cena indirettamente sulla mia tavola:dove mettete i soldini della manutenzione? E i nuovi sottopassi della Tangenziale di Parma recentemente inaugurati,o come quello appena un pò più vecchio di via La Spezia senza drenaggio e con la frana in strada. Chi ha eseguito i lavori ?Riaffidiamo l'appalto agli stessi?Diamo la colpa all'ANAS e l'ANAS da la colpa al Comune che la da alla Provincia e per concludere ècolpa di mio figlio che non ha colpa ad essere nato nel 2001 in questo paese!!! Bene bene...ed i fossetti sulla ex SS 62 per Mantova... dove durante il tempo nobile di mio nonno venivano puliti dagli agricoltori e ora versano in uno stato di detriti e erbacce causando allagamenti e pericoli in una Via Mantova divenuta una mulattiera.La provincia annuncia un costo delle piogge in 150,000,00 ogni 24 ore.E'questo il modo di affrontare la manutenzione e prevenire i disastri?Uguale a L'AQUILA...Pubblici e Politici veniteci a chiedere il consenso...Danton & Marat stanno ritornando....la cosa è matura! "

    Rispondi

  • PAMELA

    30 Aprile @ 19.03

    mi dispiace x il ponte xke sono cadute due auto... e ho saputo che lo hanno fatto un anno fà

    Rispondi

  • Francesco

    30 Aprile @ 17.09

    Il ponte , che era stato restaurato circa un anno fa , quando restò chiuso per due mesi per "lavori di consolidamento" (sic !), è dell' ANAS, come parte della Tangenziale di Parma .....Opperbacco, opperbacco........

    Rispondi

    • marzio

      30 Aprile @ 19.21

      Penso che l'anas abbia delle responsabilita' sicuramente e dovra' enderne conto........ Cmq e' dal 2000 che si parla dlen nuovo ponte sul po. Forse essendo dalla parte della Lombardia, ci sra' qualche vertice in piu' per prendere nuove decisioni. cmq e' ora di farne uno nuovo questo e' stato bombardato in tempo di guerra e la manutenzione non garantisce il sovraccarico che deve sopportare oggi Avanti ai nostri amministratori si diano da fare , la gente vuole i fatti. non chiacchiere. Marzio

      Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Weinstein: Lory del Santo, osceno denunciare dopo vent'anni

Hollywood

Lory del Santo: "Weinstein, osceno denunciarlo dopo vent'anni"

Paolo Schianchi a Tu si que vales

Tú sí que vales

Le mani e le 49 corde di Paolo Schianchi incantano su Canale 5 Video

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo

COME FANTOZZI

La Coppa Cobram è arrivata anche a San Polo Foto

Notiziepiùlette

Ultime notizie

55 offerte di lavoro

LAVORO

55 nuove offerte

Lealtrenotizie

Via libera della Giunta al progetto esecutivo di valorizzazione e recupero del limite Nord-Est del Parco Ducale. Sarà demolito il muro su viale Piacenza. Stanziati 1.281.000 euro

Giardino

Parco Ducale: giù il muro su viale Piacenza

Stanziati 1.281.000 euro

4commenti

monchio

Cade da una balza rocciosa: grave un cercatore di funghi 88enne

Anteprima Gazzetta

Intervista all'avvocato parmigiano che sparò ai ladri

Gazzareporter

Oltretorrente, lezione di yoga in strada

Tra viale Vittoria e via Gulli

SONDAGGIO

Parma, "nebbia" in campionato, i tifosi: "Tattica da rivedere"

Nel mirino soprattutto lo staff tecnico (da rivedere per il 66% dei tifosi che hanno risposto al sondaggio)

1commento

trasporto pubblico

Il Tar annulla gara vinta da Busitalia. Rizzi: "Ricorso, investimenti bloccati" Video

ricoverato al Maggiore

Montecchio: malore mentre fa ginnastica, grave 15enne Video

carabinieri

Colpo in villa sventato a Langhirano grazie ad un vicino: ladri in fuga

Regione

Bagarre sulla chiusura dei punti nascita

1commento

DUPLICE OMICIDIO

Solomon lascia il carcere. Il consulente del pm: «Folle e socialmente pericoloso»

6commenti

SALUTE

Dire addio ai malanni di stagione seguendo semplici suggerimenti

Blitz

Controlli affitti: arrestato un 41enne

1commento

La storia

«I miei 41 anni da medico tra i monti del Nevianese»

3commenti

Via Trento

La rivolta dei residenti contro l'open shop

10commenti

CONCORSO

Il gatto più bello di Parma: è Willy l'ottavo finalista

inquinamento

Bollino rosso al nord, 24 città "fuorilegge" per smog. Anche Parma

Legambiente, Torino maglia nera. E a Milano prime misure traffico

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Austria, il populismo alla prova del governo

di Paolo Ferrandi

SCUOLA

Aimi: «Non usare i voti come punizioni»

ITALIA/MONDO

LAMPEDUSA

Donna denuncia: tentata violenza da parte di 5 migranti

2commenti

giallo

Ritrovata Dafne Di Scipio, la ventenne scomparsa a Varese

SPORT

CHAMPIONS

Napoli battuto a Manchester: recrimina per un rigore sbagliato

serie b

Parma-Pescara: le pagelle dei crociati in dialetto

SOCIETA'

USA

California, cane-eroe resta col gregge, lo salva dal fuoco

1commento

Ateneo

Dall'Università di Parma arriva l'auto elettrica da competizione

MOTORI

ANTEPRIMA

Seat Arona: il nuovo Suv compatto in 5 mosse Fotogallery

LA NOVITA'

Kia Stonic, debutta il nuovo «urban crossover»