-2°

Borgotaro

Conferenza sanitaria: l'importanza del Santa Maria nella rete ospedaliera

Rassicurazioni sul progetto di riorganizzazione: l'Ospedale è una struttura integrata con il territorio

Conferenza sanitaria: l'importanza del Santa Maria nella rete ospedaliera

Ospedale di Borgotaro

1

 

COMUNICATO

Si è parlato del ruolo dell’Ospedale di Borgotaro e della sua riorganizzazione all’incontro dell’Ufficio di Presidenza della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria. Il tema, posto al primo punto dell’ordine del giorno, dopo il passaggio nel Consiglio del Comune di Borgo Val di Taro e in Comitato di Distretto è stato affrontato anche dall’Ufficio di Presidenza della Conferenza Territoriale Sociale e Sanitaria, l’organismo preposto alla programmazione sanitaria provinciale. Un ulteriore passaggio, oltre che istituzionalmente dovuto, assolutamente utile, perché il termine “riorganizzazione” associato all’Ospedale ha sollevato in tanti cittadini perplessità e timori.
Erano presenti, oltre al Presidente del Comitato di Distretto Valli Taro e Ceno Cristina Cardinali, componente ordinario dell’Ufficio di Presidenza, il Sindaco di Borgotaro Diego Rossi.
E’ stato quindi Massimo Fabi, direttore generale dell’AUSL, a presentare il progetto e a rassicurare tutti. Con il nuovo assetto, il “Santa Maria” è e rimane un Ospedale per acuti e post acuti, che vedrà crescere e potenziare le specificità che già lo contraddistinguono, aumentare i livelli di sicurezza e definire percorsi clinico assistenziali completi ed integrati con il territorio.
Il percorso di riordino, in realtà, è iniziato nel 2008, quando l’AUSL ha unificato nel Presidio Ospedaliero aziendale, i posti letto dei due Ospedali di Fidenza-San Secondo e Borgotaro, proseguito poi l’anno scorso con la riorganizzazione dei rispettivi dipartimenti per garantire servizi omogenei, con pari livelli di qualità ed accessibilità.
Più nel dettaglio, ecco quali sono le innovazioni previste al “Santa Maria”.
La chirurgia generale implementerà l'attività di chirurgia ambulatoriale e videolaparoscopica mentre ortopedia e traumatologia potenzieranno le innovative tecniche mininvasive, peraltro già ampiamente utilizzate dai professionisti della struttura. L'U.O. ostetrico-ginecologica e la funzione pediatrica costituiranno, con le omogenee U.O. di Fidenza, un’unica area funzionale materno infantile che vedrà nel punto nascita di Borgotaro il luogo in cui saranno presi in carico le gravidanze fisiologiche a termine. L'U.O. semplice di cardiologia clinica e riabilitativa garantirà la continuità al percorso diagnostico-terapeutico-riabilitativo del paziente cardiologico. L’Unità funzionale di lungodegenza post acuzie sarà riconfigurata quale “struttura di cure intermedie”, in grado di rispondere alle cosiddette “dimissioni difficili” e alle persone non assistibili al domicilio, ma che non presentano caratteristiche da giustificare il ricovero ospedaliero. I rimanenti posti di medicina interna saranno riorganizzati secondo i criteri dell’ “ospedale per intensità di cure”, cioè saranno organizzati per dare assistenza in modo differenziato a secondo della gravità dei malati e non della patologia, come avviene ora. Sono previsti quindi posti letto per acuti “a media, alta e bassa intensità di cura”, per l’osservazione breve internistica e posti letto riservati a pazienti con patologia di origine infettiva.
Già con l’attuale organizzazione, come è stato sottolineato nel corso dell’incontro, il “Santa Maria” è una struttura che si contraddistingue per una forte integrazione con i servizi sanitari territoriali: circa l'80% delle prestazioni specialistiche ambulatoriali è effettuato dai medici ospedalieri, così come l'attività di emergenza-urgenza, nell'alta valle, è garantita direttamente dal Punto di Primo intervento dell'Ospedale. In altre parole, ciò significa per gli utenti garanzia di continuità assistenziale.
Questa nuova organizzazione, finalizzata ad un miglioramento della qualità e dell'efficienza di tutta la rete ospedaliera e dei servizi territoriali della provincia è stata approvata all’unanimità dall’Ufficio di Presidenza.

L’OSPEDALE “SANTA MARIA” DI BORGOTARO

Con 121 posti letto, è una struttura di riferimento per la popolazione del Distretto Valli Taro e Ceno, ma che registra anche affluenza di cittadini provenienti da altre province e regioni. Negli anni, l’Ospedale si è contraddistinto per un percorso di crescita costante realizzato con importanti investimenti strutturali e di innovazione tecnologica. Attualmente è organizzato in due Dipartimenti: il Dipartimento Chirurgico (che comprende le Unità Operative di Ortopedia, Chirurgia Generale, Anestesia, Ostetricia e Ginecologia) e il Dipartimento Medico (che comprende le Unità Operative di Medicina Interna, Cardiologia Clinica e Riabilitativa, Radiologia, Patologia Clinica, Punto di Primo Intervento Ospedaliero, Day Hospital Oncologico e l'Unità Funzionale di Lungodegenza Post Acuzie). All'interno del “Santa Maria” è presente anche un Centro Residenziale per cure Palliative a gestione territoriale, con consulenza costante degli specialisti ospedalieri.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

  • Vercingetorige

    22 Febbraio @ 19.46

    NON VI FATE INCANTARE ! STATE ATTENTI ! Una delle specialità di certi "managers" è di irretire gli ascoltatori con una profluvie di paroloni che ipnotizzano chi ascolta . A prima vista si darebbe loro incondizionato credito , poi , però , se si riconsiderano frasi e parole cercando di leggere tra le righe , sorgono i dubbi. Per esempio : " La chirurgia generale implementerà l'attività di chirurgia ambulatoriale e videolaparoscopica mentre ortopedia e traumatologia potenzieranno le innovative tecniche mininvasive ", Va bene , ma cosa significa esattamente ? Che la Chirurgia di Borgotaro farà interventi laparoscopici in Day Surgery , mentre le piu' complesse operazioni " a cielo aperto " dovranno andare a Fidenza ? In altre parole la colecistectomia laparoscopica per una calcolosi della cistifellea la faranno a Borgotaro , ma , per un' emicolectomia su un tumore del colon bisognerà andare a Fidenza ? L' Ortopedia "potenzierà le innovative tecniche mininvasive" . Bene , ma cosa vuol dire ? Che una meniscectomia si farà a Borgotaro con tecnica mininvasiva , ma, per un' osteosintesi su una frattura di femore , bisognerà andare a Fidenza ? " Un’ unica area funzionale materno infantile che vedrà nel punto nascita di Borgotaro il luogo in cui saranno presi in carico le gravidanze fisiologiche a termine. " Quindi una donna che arriva a Borgotaro con una minaccia di parto prematuro deve andare a Fidenza ? Una donna con una gravidanza a rischio deve andare a Fidenza ? Una donna in cui si prospetti la necessità di un "cesareo" deve andare a Fidenza ? STATE ATTENTI PRIMA DI "APPROVARE ALL' UNANIMITA' " . Non dico che dobbiate rifiutare sempre tutto , nei limiti del possibile collaborate , ma cercate di capire bene quel che vi dicono...........Non voglio neppure prendere in considerazione i casi in cui si dice una cosa e poi non la si fa , o se ne fa un' altra , perchè non credo che i nostri Direttori Generali e Sanitari siano a questo livello.

    Rispondi

Video

IL METEO NEL TUO COMUNE

Gossip, Fun, Spettacoli

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

Gossip Sportivo

Raffaella Fico: "Sposerò Moggi"

La viadanese Gaia in finale a X Factor

talento

La viadanese Gaia in finale a X Factor

Miriam Leone valletta a Sanremo

verso il festival

Miriam Leone valletta a Sanremo

Notiziepiùlette

Ultime notizie

Ristoranti - La Zagara

CHICHIBIO

Ristoranti - La Zagara: cucina, pizza e dolci di qualità

di Chichibio

Lealtrenotizie

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

Polemica

In via d'Azeglio scoppia il caso «supermarket»

1commento

Viabilità

Pericolo nebbia sulle strade: visibilità 110 metri in A1 Traffico in tempo reale

Scontro fra due auto: chiusa la statale 63 del Cerreto nel Reggiano

AL VOLANTE

I consigli utili
per guidare nella nebbia

2commenti

WEEKEND

Presepi, street food, spongate:
gli appuntamenti

Sorbolo

Sedicenne terribile autore di due «spaccate»

1commento

SANITA'

Allarme a Corcagnano: «Non toglieteci i medici»

ALLARME

Ladri scatenati: raffica di furti in città nelle ultime ore Video

5commenti

Solidarietà

Il pranzo per i poveri raddoppia

IL RICORDO

Trent'anni senza Bruno Mora

viabilità

Ecco dove saranno gli autovelox la prossima settimana

1commento

Parma che vorrei

Mutti: «Bisogna smettere di essere egoisti»

Colorno

451 anolini mangiati: è record Ultimo piatto: il video

6commenti

MECCANICA

Wegh Group, in Bolivia la ferrovia made in Parma

Intervista

Rocco Hunt: «Sono un po' meno buono»

cinema

Il DomAtoRe di RaNe al cinema Astra

La proiezione del documentario su Lorenzo Dondi

fidenza

Si schianta ubriaco, s'inventa un rapimento e che è stato costretto a bere

4commenti

Il giornale di oggi

sfoglia

abbonati

EDITORIALE

Draghi, nessun favore ma due messaggi

di Aldo Tagliaferro

IL DIRETTORE RISPONDE

Quelli che «Io? Mai stato renziano»

ITALIA/MONDO

studentessa cinese

Investita e uccisa mentre inseguiva i ladri Video: gli ultimi istanti

1commento

Gran Bretagna

I gioielli di famiglia (reale): e Kate indossa la tiara di Diana

WEEKEND

IL CINEFILO

Da "Captain Fantastic" a "Non c'è più religione": i film della settimana

45 ANNI DOPO

Tarkus, il capolavoro di Emerson Lake & Palmer

SPORT

reggiana-parma

Il derby...indossa la maglietta granata

Rugby

La partita delle Zebre anticipata alle 15

MOTORI

novità

Dal cilindro di Toyota esce C-HR, il Suv per tutti

LA GT

Renault, arriva la Twingo «cattiva»